Vai al contenuto

HOME || NEWS || GEORGE R.R. MARTIN || BIBLIOGRAFIA || INTERVISTE || WIKIBARRIERA || FORUM || SOCIAL || LINKS || ARCHIVIO

Foto

TWOWVictarion I


  • Per cortesia connettiti per rispondere
28 risposte a questa discussione

#1 Koorlick

Koorlick

    Bibliotecario della Torre del Re

  • Costruttore
  • 5745 messaggi
    • Time Online: 31d 12h 24m 59s

Inviato 15 mar 2012 - 14:16

Girando per la rete, ho scoperto che Martin ad una recente convention canadese avrebbe letto un pezzo da un altro capitolo tratto da TWoW.

Si tratterebbe del primo capitolo di Victarion, ambientato poco prima dello sbarco a Meereen.

Ecco il riassunto che ho trovato:

Well, he wouldn't read a whole chapter, he said, but part of one, Victarion POV. The fleet is about to sail off, he thinks, who knows will be alive at the end of the day (foreshadowing???), he's eager for battle. They have all kinds of ships, plus smaller fishing boats, so Victarion tells the captain who will lead the battle to keep his men hidden below deck as long as possible to take the enemy by surprise. Then he goes down below to meet with 3 thralls. Moqorro is there with the dragon horn, which is described as huge and beautifully decorated. Each of the thralls is asked to blow the horn once when the time comes, as the fellow who previously blew the dragon horn three times died with burned lungs. They think on it, and point out the other guy died, and Victarion again says who knows how many will die in battle that day against the Yunkish, and tells them they'll be freed and be given land and wives and thralls of their own if they survive. They will be kept below decks, and not take part in today's battle. They all agree, then march out. And Victarion thinks about how stupid his brother was giving him the horn and how he would end up with a wife far more beautiful than the one he was forced to kill, and he'll have the Iron Throne.


Traduzione:

Beh, ha detto che non avrebbe letto un capitolo intero, ma solo una parte, dal pdv di Victarion. La flotta sta per salpare nuovamente, pensa, chissà chi sarà vivo alla fine della giornata (premonizione???), è affamato di battaglia. Hanno tutti i tipi di navi, più barche più piccole da pescatori, così Victarion dice al capitano che guiderà la battaglia di tenere i suoi uomini nascosti sotto coperta finchè possibile, per prendere il nemico di sorpresa. Poi va giù ad incontrare tre schiavi. Moqorro è lì con il corno di drago, che è descritto come grande e meravigliosamente decorato. Ad ognuno degli schiavi viene chiesto di suonare il corno una volta quando verrà il momento, dato che il compagno che lo ha suonato in precedenza tre volte è morto con i polmoni bruciati. Loro ci pensano su, e puntualizzano che l'altro tizio è morto, e Victarion dice di nuovo chissà quanti moriranno in battaglia quel giorno contro gli Yunkaii, e dice loro che saranno liberati e saranno date loro terra e mogli e schiavi propri se sopravvivono. Saranno tenuti sotto coperta, e non prenderanno parte alla battaglia di oggi. Sono tutti d'accordo, poi escono. E Victarion pensa a quanto sia stato stupido suo fratello a dargli il corno e a come lui finirà per avere una moglie molto più bella di quella che è stato costretto ad uccidere, ed avrà il Trono di Spade.


  • 0

#2 sharingan

sharingan

    Megadirettore Galattico Duca Conte Balabam

  • Attendente-Ranger
  • 10450 messaggi
    • Time Online: 128d 12h 43m 18s

Inviato 18 mar 2012 - 14:47

E Victarion pensa a quanto sia stato stupido suo fratello a dargli il corno e a come lui finirà per avere una moglie molto più bella di quella che è stato costretto ad uccidere, ed avrà il Trono di Spade.


Victarion è proprio la versione di Theon da grande. :stralol: Enorme sproporzione tra quello che vorrebbe essere e quello che realmente è. Questo non toglie che potrebbe dare una mano decisiva a Dany, sia contro gli Yunkai, sia dotandola di un buon numero di navi e di uno stregone potente. Sembra il classico agnello sacrificale.
  • 2

#3 Amberlith

Amberlith

    Confratello

  • Utente
  • 1028 messaggi
    • Time Online: 4d 23h 11m 47s

Inviato 18 mar 2012 - 17:26


E Victarion pensa a quanto sia stato stupido suo fratello a dargli il corno e a come lui finirà per avere una moglie molto più bella di quella che è stato costretto ad uccidere, ed avrà il Trono di Spade.


Victarion è proprio la versione di Theon da grande. :stralol: Enorme sproporzione tra quello che vorrebbe essere e quello che realmente è. Questo non toglie che potrebbe dare una mano decisiva a Dany, sia contro gli Yunkai, sia dotandola di un buon numero di navi e di uno stregone potente. Sembra il classico agnello sacrificale.


Quoto
  • 0

#4 Coll

Coll

    Confratello

  • Utente
  • 618 messaggi
    • Time Online: 11h 36m 13s

Inviato 18 mar 2012 - 20:43

http://www.youtube.c...d&v=QlJblxV3QHQ
A partire dal minuto 30:00...
  • 1

#5 Koorlick

Koorlick

    Bibliotecario della Torre del Re

  • Costruttore
  • 5745 messaggi
    • Time Online: 31d 12h 24m 59s

Inviato 20 mar 2012 - 18:20

Ho trovato quella che se capisco bene è la trascrizione di ciò che Martin ha letto a Toronto...

The Noble Lady was a tub of a ship, as fat and wallowing as the noble ladies of the green lands. Her holds were huge, and Victarion packed them with armed men.

With her would sail the other, lesser, prizes that the Iron Fleet had taken on its long voyage to Slaver’s Bay; a lubbery assortment of cogs, greatcogs, carracks and trading galleys, salted here and there with fishing boats. It was a fleet both fat and feeble, promising much in the way of wool and wines and other trade goods, and little in the way of danger. Victarion gave the command of it to Wulfe One-Ear.

‘The slavers may shiver when they spy your sails rising from the sea,’ he told him, ‘but once they see you plain they will laugh at their fears. Traders and fishers, that’s all you are. Any man can see that. Let them get close as they like, but keep your men hidden below decks until you are ready. Then close and board them. Free the slaves and feed the slavers to the sea, but take the ships. We will have need of every hull to carry us back home.’

‘Home.’ Wulfe grinned. ‘The men’ll like the sound o’ that, Lord Captain.’

‘The ships first. Then we break these Yunkishmen.’

‘Aye.’

The Iron Victory was lashed alongside the Noble Lady, the two ships bound tight with chains and grappling hooks, a ladder stretched between them. The great cog was much larger than the warship and sat higher in the water; all along the gunwales the faces of the ironborn peered down, watching as Victarion clapped Wulfe One-Ear on the shoulder and sent him clambering up the ladder. The sea was smooth and still, the sky bright with stars. Wulfe ordered the ladder brought up, the chains cast off. The warship and the cog parted ways.

In the distance the rest of Victarion’s feigned fleet was raising sail. A ragged cheer went up from the crew of the Iron Victory, and was answered in kind by the men of the Noble Lady. Victarion had given Wulfe his best fighters. He envied them; they would be the first to strike a blow, the first to see that look of fear in the foeman’s eyes.

As he stood at the prow of the Iron Victory watching One-Ear’s merchant ships vanish one by one into the west, the faces of the first foe he’d ever slain came back to Victarion Greyjoy. He thought of his first ship, of his first woman. A restlessness was in him, a hunger for the dawn, and things this day would bring. Death or glory, I will drink my fill of both today.

The Seastone Chair should have been his when Balon died, but his brother Euron had stolen it from him, just as he had stolen his wife many years before. He stole her and he soiled her, but he left it for me to slay her. All that was done and gone now, though. Victarion would have his due at last. I have the horn, and soon I will have the woman, a woman lovelier than the wife he made me kill.

‘Captain?’ The voice belonged to Longwater Pyke. ‘The oarsmen await your pleasure. Three of them, and strong ones.’

‘Send them to my cabin. I want the priest as well.’

The oarsmen were all big. One was a boy, one a brute, one a bastard’s bastard. The boy had been rowing for less than a year, the brute for twenty. They had names, but Victarion did not know them. One had come from Lamentation, one from Sparrowhawk, one from Spider Kiss. He could not be expected to know the names of every thrall who had ever pulled an oar in the Iron Fleet.

‘Show them the horn,’ he commanded, when the three had been ushered into his cabin. Moqorro brought it forth, and the dusky women lifted up a lantern to give them all a look. In the shifting lantern light the hellhorn seemed to writhe and turn in the priest’s hands, like a serpent fighting to escape. Moqorro was a man of monstrous size, big-bellied, broad-shouldered, towering, but even in his grasp the horn looked huge.

‘My brother found this thing on Valyria,’ Victarion told the thralls. ‘Think how big the dragon must have been, to bear two of these upon his head. Bigger than Vhagar or Meraxes. Bigger than Balerion the Black Dread.’ He took the horn from Moqorro and ran his palm along its curves. ‘At the kingsmoot on Old Wyk, one of Euron’s mutes blew upon this horn. Some of you will remember. It was not a sound that any man who heard it will ever forget.’

‘They say he died,’ the boy said. ‘Him who blew the horn.’

‘Aye. The horn was smoking after. The mute had blisters on his lips, and the bird inked across his chest was bleeding. He died the next day. When they cut him open his lungs were black.’

‘The horn is cursed,’ said the bastard’s bastard.

‘A dragon’s horn from Valyria,’ said Victarion. ‘Aye, it’s cursed. I never said it wasn’t.’ He brushed his hand across one of the red-gold bands, and the ancient glyphs seemed to sing beneath his fingertips. For half a heartbeat he wanted nothing so much as to sound the horn himself. Euron was a fool to give me this. It is a precious thing, and powerful. With this I’ll win the Seastone Chair, and then the Iron Throne. With this I’ll win the world.

‘Cragorn blew the horn thrice and died for it. He was as big as any of you, and strong as me. So strong that he could twist a man’s head right off his shoulders with only his bare hands, and yet the horn killed him.’

‘It’ll kill us too, then,’ said the boy.

Victarion did not oft forgive a thrall for talking out of turn, but the boy was young, no more than twenty, and soon to die besides. He let it pass. ‘The mute sounded the horn three times. You three will sound it only once. Might be you’ll die. Might be you won’t. All men die. The Iron Fleet is sailing into battle. Many on this very ship will be dead before the sun goes down, stabbed or slashed, gutted, drowned, burned alive. Only the gods know which of us will still be here come the morrow. Sound the horn and live, and I’ll make free men of you, one or two or all three. I’ll give you wives, a bit of land, a ship to sail, thralls of your own. Men will know your names.’

‘Even you, Lord Captain?’ asked the bastard’s bastard.

‘Aye.’

‘I’ll do it, then.’

‘And me,’ said the boy.

The brute crossed his arms and nodded.

If it made the three feel braver to believe they had a choice, let them cling to that. Victarion cared little what they believed; they were only thralls. ‘You will sail with me on the Iron Victory,’ he told them, ‘but you will not join the battle. Boy, you’re the youngest, you’ll sound the horn first. When the time comes you will blow it long and loud. They say you’re strong. Blow the horn until you’re too weak to stand, until the last bit of breath has been squeezed from you, until your lungs are burning. Let the freedmen hear you in Meereen, the slavers in Yunkai, the ghosts in Astapor. Let the monkeys shit themselves at the sound when it rolls across the Isle of Cedars. Then pass the horn along to the next man. Do you hear me? Do you know what to do?’

The boy and the bastard’s bastard tugged their forelocks. The brute might have done the same, but he was bald.

‘You may touch the horn. Then go.’

They left him one by one, the three thralls, and then Moqorro. Victarion would not let him take the hellhorn. ‘I will keep it here with me, until it’s needed.’

‘As you command. Would you have me bleed you?’

Victarion seized the dusky woman by the wrist and pulled her to him. ‘She will do it. Go pray to your red god. Light your fire, and tell me what you see.’

Moqorro’s dark eyes seemed to shine. ‘I see dragons.’


  • 0

#6 Timett figlio di Timett

Timett figlio di Timett

    Gran Visir delle Montagne della Luna

  • Attendente-Costruttore
  • 3831 messaggi
    • Time Online: 16d 4h 59m 47s

Inviato 21 mar 2012 - 09:22

Grande Koorlick!! Grazie. ;)
  • 0

#7 The Mad King

The Mad King

    Confratello

  • Utente
  • 294 messaggi
    • Time Online: 47m 54s

Inviato 21 mar 2012 - 16:43

Davvero bello questo capitolo... e sarà parecchio interessante vedere se questo corno si rivelerà una boiata oppure no
  • 0

#8 Cubo

Cubo

    Confratello

  • Utente
  • 104 messaggi
    • Time Online: 3d 10h 31s

Inviato 08 giu 2012 - 10:39

Non capisco e non condivido l'opinione di chi ritiene Victarion la versione adulta di Theon "con una sproporzione tra quello che vorrebbe essere e quello che è": mi sembra che si sia già dimostrato un guerriero con i controcosi nonchè un ottimo ammiraglio. A differenza di Theon, poi, gode della indiscussa stima degli iron men.

In sostanza uno Stannis in salsa "ferrosa": abbastanza lineare e inflessibile nelle sue azioni e con una buona propensione alle strategie militari.

Perchè sproporzionato? Perchè potrebbe non ottenere il suo proposito di sposare la draghetta gnocchetta? Beh, allora... In realtà il suo unico svantaggio è quello di essere POV (con Martin i geni infallibili iniziano a non azzeccarne una dal momento che sono POV, vedi Cersei e Melisandre), ma tutto sommato, e comunque vada a finire, mi sembra che si stia giocando le sue carte...
  • 0

#9 Metà Lupo

Metà Lupo

    Confratello

  • Utente
  • 270 messaggi
    • Time Online: 6h 31m 32s

Inviato 09 giu 2012 - 14:10

Victarion è un buon soldato ma è un sempliciotto, è questo il punto.
Mi sembra che anche in qualche PoV si scriva che è abituato a prendere ordini ma incapace di prendere l'inziativa.
La sproporzione c'è tutta, e anche l'ingenuità di pensare di poter imbrogliare Euron, nonostante vada riconosciuto a Victarion che diffida del fratello (mi sembra il minimo però).
  • 0

#10 Cubo

Cubo

    Confratello

  • Utente
  • 104 messaggi
    • Time Online: 3d 10h 31s

Inviato 10 giu 2012 - 21:12

A me sembra che sia un signor comandante della flotta però. E mi sembra che sia seguito e rispettato dagli uomini di ferro.

Quanto a fregare "l'irraggiungibile" Euron non è detto che non ci riesca... (poi, vabbè, ogni personaggio non POV è furbissssimo e non ne sbaglia una)(finchè non diventa POV a sua volta).
  • 0

#11 johnnyluke stark

johnnyluke stark

    Confratello

  • Utente
  • 127 messaggi
    • Time Online: 1h 10m 30s

Inviato 11 giu 2012 - 11:51

boh,potreste aver ragione entrambi,non resta che aspettare,ma vorrei farti notare una cosuccia cubo:
Euron sarebbe stato un bell'ingenuo a fidarsi così di victarion sperando semplicemente che victarion suonasse di persona il corno (dopo avergli fatto vedere nella votazione che succede a suonarlo oltretutto) o che tornasse indietro con draghi e principessa per lui come un cagnolino torna col bastoncino...ora visto che Euron non sembra un pollo fatto e finito mi aspetto che abbia qualche asso nascosto nella manica ...
  • 0

#12 Metà Lupo

Metà Lupo

    Confratello

  • Utente
  • 270 messaggi
    • Time Online: 6h 31m 32s

Inviato 11 giu 2012 - 12:10

@Cubo
è un ottimo soldato, questo sì.
Di conseguenza seguito e rispettato. Probabilmente è capace di comandare bene gli uomini in battaglia, ma questo non significa che sia un fine stratega o un grande leader.
  • 1

#13 Timett figlio di Timett

Timett figlio di Timett

    Gran Visir delle Montagne della Luna

  • Attendente-Costruttore
  • 3831 messaggi
    • Time Online: 16d 4h 59m 47s

Inviato 05 lug 2012 - 11:02

L'altro ieri sera a Seattle Martin ha letto il capitolo per intero. Ecco il primo riassunto apparso su westeros.org:

Victarion: this chapter takes place on a ship. Victarion calls three thralls to his cabin and orders them to blow the dragon horn. Each will blow it once, hopefully avoiding the fate of the man who blew it three times at the kingsmoot and then died. Then the dusky woman bleeds his hand and there was some sex that was pretty awkward to hear GRRM read. Finally, he gets dressed up in some intense armor, goes to the deck, the war drums start beating and they prepare to attack. It was a pretty badass ending.

Promette veramente bene. ^_^
Ed ecco un altro paio di succolenti dettagli:

Victarion
The horn is an actual horn from a dragon. Bigger than Balerion.
Victarion is feeding the horn his own blood from his black fire hand. He's doing this to bind it to him, so that when the horn is blown the dragons will go to him.
Victarion's black fire hand - the one that was injured - appears to be significantly magical. It still is black and charred, but now smokes with his rage. One of the details was him putting on all his armor and clutching his fist while saying 'he pities any many who tried to stand before him on this day' and smoke rises from his gauntlet.
The three thralls might be important but it's not clear. One is a bastard's bastard, one is the young one, and the third wasn't clear. The young one speaks a lot, and Victarion normally would beat him but he's likely to die anyway.
The three thralls have been promised freedom and a ship if they survive after the blowing.
He fingerbangs the dusky woman as he doesn't want to spend himself before battle. Yeah, that would have been fun to hear in person.


  • 0

#14 Donal Noye

Donal Noye

    Confratello

  • Utente
  • 1305 messaggi
    • Time Online: 18h 27m 24s

Inviato 15 lug 2012 - 13:14

E' un furbone questo Martin, ci lascia in sospeso alla fine di un libro, poi legge i capitoli successivi e il lettore pensa che si allenti la tensione, invece la aumenta! Niente da dire, è un genio.
  • 0

#15 The Mad King

The Mad King

    Confratello

  • Utente
  • 294 messaggi
    • Time Online: 47m 54s

Inviato 18 gen 2013 - 12:22

La Noble Lady era una nave che assomigliava molto a una tinozza, grossa e piena di comodità, da far compiacere persino le nobildonne delle terre verdi. Le stive erano enormi, e Victarion le riempì di soldati.
Con questa nave avrebbe guidato le altre imbarcazioni più piccole che la Flotta di Ferro si era guadagnata con il sangue durante il lungo viaggio verso la Baia degli Schiavisti; uno squallido assortimento di cocche, grandi e piccole, caracche, e galee da commercio, arricchito di tanto in tanto dalla presenza di qualche barca da pesca. Per certi versi, era una flotta promettente dal punto di vista del commercio di lana, vini e altre cianfrusaglie, ma scarsa per quanto riguardava la reale forza in combattimento. Victarion nominò come comandante Wulfe One-Ear.
“Gli schiavisti potrebbero rabbrividire nel momento in cui avvisterranno le tue vele all’orizzonte,” gli disse, “ma una volta che ti sarai avvicinato, vedranno meglio la tua flotta e si metteranno a ridere. Mercanti e pescatori, ecco tutto quello che hai a disposizione. Chiunque se ne accorgerebbe. Lasciali pure avvicinare quanto lo desiderano, ma tieni i tuoi uomini nascosti sottocoperta finchè non sei pronto. Quindi avvicinati e abbordali. Libera gli schiavi e dai in pasto al mare gli schiavisti, ma prendi le loro navi. Avremo bisogno di tutti gli scafi possibili per tornare a casa.”
“Casa.” Wulfe fece un largo sorriso. “Gli uomini saranno contenti di sentire questa parola, Capitano.”
“Prima le navi. Poi facciamo a pezzi questi Yunkai.”
“Aye.”
La Iron Victory era attraccata sul fianco della Noble Lady, le due navi legate strettamente con catene e uncini, e una scala era stata appoggiata sui due ponti. Lo scafo della Noble Lady era molto più largo rispetto a quello della nave da guerra e si stagliava più in alto sull’acqua; lungo tutti i parapetti della nave, i volti degli uomini di ferro scrutavano verso il basso, mentre Victarion congedeva Wulfe One-Ear con una pacca sulla spalla. Il comandante della flotta salì quindi la scala per raggiungere i suoi uomini e ordinò loro di rimuovere le catene per liberare lo scafo. La nave da guerra e lo scafo mercantile si separarono.
In lontananza, il resto della finta flotta di Victarion, stava per alzare le vele. Dall’equipaggio dell’Iron Victory si alzarono delle urla di acclamazione, e subito dopo anche gli uomini della Noble Lady fecero sentire le loro grida in risposta. Victarion aveva consegnato a Wulfe il comando dei suoi migliori guerrieri. Li invidiava; sarebbero stati i primi a menare un fendente, i primi a vedere il riflesso del terrore negli occhi dei nemici.
Mentre vedeva svanire verso ovest una ad una le navi mercantili di One-Ear dal ponte della Iron Victory, a Victarion Greyjoy tornò alla mente il volto del primo nemico che avesse mai ucciso. Ripensò alla sua prima nave, alla sua prima donna. Un inquietudine lo stava assalendo, non vedeva l’ora che arrivasse l’alba, e in quel giorno sarebbero successe parecchie cose. Morte o gloria, Mi sazierò di entrambe oggi.
Il Trono del Mare sarebbe dovuto diventare suo dopo la morte di Balon, ma suo fratello Euron glielo rubò, proprio come gli aveva rubato sua moglie, molti anni prima. La rubò e la deturpò, ma lasciò a me il compito di ucciderla. Maormai tutto questo era passato e Victarion avrebbe avuto il suo premio. Ho il corno, e presto avrò anche la donna, una donna più amorevole della moglie che mi costrinse ad uccidere.
“Capitano?” Era la voce di Longwater Pyke. “I tre rematori ti stanno aspettando. Sembrano molto forti.”
“Portali nella mia cabina. Voglio anche il prete.”
I rematori erano tutti e tre molto grossi. Uno era un ragazzo, uno un bruto, uno il figlio di un bastardo. Il ragazzo remava da meno di un anno, il bruto da almeno venti. Avevano dei nomi si, ma Victarion non li conosceva. Uno veniva dalla Lamentation, un’altro dalla Sparrowhawk, e l’altro ancora dalla Spider Kiss. Non ci si poteva aspettare che conoscesse i nomi di tutti i servi che avevano imbracciato un remo nella Flotta di Ferro.
“Mostragli il corno,” ordinò, quando i tre furono fatti entrare nella sua cabina. Moqorro lo portò avanti, e la donna scura sollevò una lanterna per illuminarlo. In quella luce tremolante, il corno infernale sembrava contorcersi tra le mani del prete, come un serpente che si dibatte per sfuggire alla presa. Moqorro era un uomo di dimensioni mostruose, la pancia grossa, le spalle massicce, torreggiava sulle altre persone, ma persino tra le sue mani il corno sembrava enorme.
“Mio fratello ha trovato questo oggetto a Valyria,” disse Victarion ai servi. “Pensate a quanto dovevano essere grandi i draghi per sopportare il peso di due corni simili sulla testa. Più grandi di Vhagar o Meraxes. Addirittura più grandi di Balerion il Terrore Nero.” Prese il corno dalle mani di Moqorro e passò il palmo lungo le sue curve. “All’Acclamazione dei Re a Vecchia Wyk, uno dei muti di Euron ci soffiò dentro. Alcuni di voi ricorderanno. Non è un suono che un uomo può dimenticare facilmente.”
“Dicono che è morto,” disse il ragazzo. “Quello che ha suonato il corno.”
“Aye. Il corno fumava dopo che venne suonato. Il muto aveva delle vesciche sulle sue labbra, e l’uccello tatuato sul suo petto sanguinava. Morì il giorno seguente. Quando lo aprirono, i suoi polmoni erano neri.”
“Il corno è maledetto,” disse il figlio del bastardo.
“Un corno di drago proveniente da Valyria,” disse Victarion. “Aye, è maledetto. Non ho mai detto che non lo fosse.” Fece scorrere la sua mano lungo una delle bande d’oro rosso, e gli antichi glifi sembravano muoversi ritmicamente sotto le sue dita. Per un istante non avrebbe voluto fare altro che suonarlo lui stesso. Euron è stato un folle a darmelo. È un oggetto prezioso, e potente. Grazie a questo conquisterò il Trono del Mare, e poi il Trono di Spade. Con questo, conquisterò il mondo.
“Cragorn soffiò dentro al corno per tre volte e morì per questo. Era grande quanto ognuno di voi, e forte quanto me. Così forte che avrebbe potuto spezzare l’osso del collo di un uomo girandogli la testa con una sola mano, ma nonostante tutto il corno lo ha ucciso comunque.”
“E allora ci ucciderà allo stesso modo,” disse il ragazzo.
Raramente Victarion perdonava un servo dopo che aveva aperto la bocca quando non doveva farlo, ma il ragazzo era giovane, aveva non più di vent’anni, e inoltre presto sarebbe morto. Lo ignorò. “Il muto suonò il corno per tre volte. Voi tre dovrete suonarlo solo una volta a testa. Forse morirete. Forse no. Tutti moriamo. La flotta di Ferro sta andando in battaglia. Molti su questa stessa nave saranno morti prima che il sole tramonti, passati da parte a parte o squarciati, sventrati, annegati o bruciati vivi. Solo gli dei sanno chi di noi sarà ancora qui domattina. Suonate il corno, e se sarete ancora vivi, farò di voi degli uomini liberi, uno, due o tutti e tre. Vi darò delle mogli, un pezzo di terra, una nave per salpare, e dei servi tutti vostri. Tutti conosceranno i vostri nomi.”
“Perfino tu, Lord Capitano?” domandò il figlio del bastardo.
“Aye”
“Allora lo farò.”
“Anche io,” disse il ragazzo.
Il bruto incrociò le braccia e annuì.
Se il fatto di credere di avere una minima possibilità li faceva sentire più coraggiosi, a lui andava bene. Dopotutto erano solo dei servi, e a Victarion importava ben poco di quello che credevano. “Salperete con me sulla Iron Victory,” gli disse, “ma non prenderete parte alla battaglia. Ragazzo, tu sei il più giovane, suonerai il corno per primo. Quando sarà giunto il momento ci soffierai dentro con quanto più fiato hai in gola. Dicono che tu sia forte. Suona finchè non ti sentirai troppo debole per rimanere in piedi, finchè l’ultimo soffio del tuo respiro non è uscito dal tuo corpo, finchè non ti sentirai bruciare i polmoni. Lascia che ti sentano gli uomini liberi di Meeren, gli schiavisti di Yunkai, i fantasmi di Astapor. Lascia che le scimmie si caghino addosso nel sentire il suono dall’ Isola dei Cedri. Solo allora potrai passare il corno al tuo compagno. Mi hai capito? Hai ben chiaro quello che devi fare?”
Il ragazzo e il figlio del bastardo si tirarono i ciuffi dei capelli in un segno di intesa. Il bruto avrebbe potuto fare lo stesso, se non fosse stato calvo.
“Potete toccare il corno se volete. Poi andate.”
Uno ad uno uscirono dalla cabina, e Moqorro stava per fare lo stesso. Victarion non gli lasciò portare via il corno infernale. “Lo terrò qui con me, finchè non ce ne sarà bisogno.”
“Ai tuoi ordini. Vuoi che ti faccio uscire un pò di sague dalla mano?”
Victarion prese la donna scura per il polso e l’avvicinò a se. “Ci penserà lei. Vai a pregare il tuo dio rosso. Accendi pure i tuoi fuochi, e dimmi quello che vedi.”
Gli scuri occhi di Moqorro sembrarono brillare. “Vedo draghi.”
  • 3