La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Benioff e Weiss sul finale di stagione


Entertainment Weekly ha intervistato gli autori di "Game of Thrones" David Benioff e Dan Weiss.In questa parte si sono soffermati sulla quarta stagione.

Parliamo dello scontro fra Mastino e Brienne. Cosa lo ha ispirato?

Benioff: Ci sembrava giusto, due coppie: The Hound and Arya; Brienne e Pod. Entrambi impegnati in una ricerca. Il Mastino cerca di portare Arya a Nido dell'Aquila; Brienne cerca di trovare le ragazze Stark. Ci sembrava giusto che queste ricerche collidessero alla fine della stagione.

Weiss: Il Mastino e Brienne sono due personaggi a cui abbiamo iniziato a tenere col passare del tempo. (...) L'idea che entrambi tirano fuori denti e artigli e spade per ammazzarsi l'uno con l'altra ha qualcosa dell'epica classica. Hai Achille che combatte Ettore, non c'è uno buono e uno cattivo, sono due persone a cui sei estremamente legato e c'è il fascino e l'orrore della consapevolezza che uno dei due inevitabilmente avrà la peggio.

Deve essere stato intenso girare la scena della toilet.                                                                                                                   

Weiss: Oh, sì. Devo essere stata la scena in una latrina più intensa mai fatta.
Benioff: C'è anche quella che hanno fatto in Gremlins - "They’ll get you in the end."
Weiss: Era Gremlins o Ghoulies? Ghoulies, quelli con i denti aguzzi.               
Benioff: Oh, sì. Ghoulies. E "Scemo & più scemo".
Benioff: E "Scemo & più scemo"
Weiss: Quella è stata la nostra ispirazione.

Benioff: Era una grande scena nei libri e un modo per vederli insieme nella loro scena finale insieme. E' stata dura perché Charles [Dance] è un fenomeno. E' stato straordinario in ogni singola scena che abbiamo fatto, dalla scuoiatura del cervo con Jaime nella prima stagione fino alla sua morte. Avere il privilegio di scrivere per un attore di questo calibro e poi sapere che è finita è una gran onore, ma anche molto avvilente.

(...)


Non preoccupa il fatto di aver perso due dei migliori villains in questa stagione?
Benioff: Assolutamente
Weiss: Chi è il secondo?
Benioff: Joffrey.
Weiss: Beh, non credo che Tywin sia un villain.
Benioff: Se leggi la storia dal punto di vista degli Stark...
Weiss: …allora immagino che sia un villain.

Benioff: Ma Tywin non tortura prostitute per divertirsi. Non è un sadico. E' sicuramente spietato, ma c'è da discutere a proposito del bisogno di risolutezza a Westeros. Si pensi a Daenerys: ha crocifisso 163 padroni; è alquanto spietata anche lei. Così ami Daenerys anche se uccide la gente e poi condanni Tywin. Qualcuno ha fatto una domanda del genere a Charles e lui è stato restìo a considerare Tywin un villain. Ha ragione Dan, non penso a lui come ad un cattivo.

Weiss: Lo classificherei "Lawful Neutral"[Legale Neutrale, dal gioco Dungeons & Dragons].

[EW: La parte seguente è stata fatta via email, per cui le risposte vengono attribuite ad entrambi] 

Il mammut dell'episodio 9. Ci potete parlare dell'inserimento di nuove creature? Benioff & Weiss: Il mammut lanoso era uno degli elementi dei libri che volevano che apparisse a tutti i costi e per molto tempo non abbiamo saputo se avremmo potuto permettercelo. Capire come crearli è stato compito del nostro reparto VFX, brillante e sovraccarico di lavoro. Sono saltate fuori diverse idee, compresa la possibilità di mettere una parrucca gigante su un elefante (no, non sto scherzando). Alla fine le creature erano completamente CGI ed è stato un altro trionfo di Steve Kullback e Joe Bauer.

Abbiamo perso un Reed nel  finale!  Jojen è un po' come San Giovanni Battista. Si trova lì per assicurarsi che una persona dall'importanza cosmica arrivi a destinazione. Una volta che Bran giunge dal Corrvo a tre occhi, egli ha compiuto il suo grande scopo. Sembrava giusto che si sacrificasse. E poi in quel campo ghiacciato c'erano molti 'wights', sarebbe stato inverosimile che non avrebbero colpito almeno una volta.

C'è stato qualche personaggio ricorrente, poi morto, che avreste voluto risparmiare?  Non volevamo uccidere il dothraki Rakharo, ma Elyes Gabel ha ricevuto ottime offerte per altri ruolo e sapevamo che l'avremmo perso. Quindi anziché farlo sparire dallo show abbiamo pensato di ficcare la sua testa in una bisaccia.

Ci potete anticipare qualcosa della storyline di Brienne?  Per qualche tempo a venire, sarà arrabbiata con Pod.

Uno dei temi di questa stagione è stato il fatto che diversi personaggi hanno avuto una svolta dark. Molto dei giovani personaggi hanno appreso delle lezioni dagli orrori passati. David, hai parlato di come la giustizia di un "essere superiore" non si manifesti nel mondo di George, ma sia una giustizia artificiale. Quindi credo che la mia domanda è, dopo Ned Stark, il matrimonio Rosso e così via, la lezione che deve essere appresa dai "bambini" (Dany, Jon, Arya, Sansa, ecc) è che devono essere abbietti, ingiusti e brutali per sopravvivere? E che l'altruismo, l'onestà e l'empatia sono virtù essenzialmente sciocche? E se sì, stiamo parlando solo del mondo di George o stiamo parlando anche del nostro? Questa è una sorta di questione filosofica, ma mi chiedo se in questo imponente racconto epico che non sembra avere nessun centro o tema, potrebbe essere questo ciò di cui in realtà la storia parla?

Cerchiamo di resistere alla tentazione di riassumere la stagione in un'unica frase, ma questo non significa che la serie manchi di un centro, è proprio lì nel titolo. "Il gioco dei troni" rappresenta donne e uomini che competono per il potere mentre gli indifesi cercano di non finire sotto i piedi.

Non crediamo che i personaggi che hai menzionato abbiano rigettato la moralità. Dany cerca disperatamente di essere giusta, anche nei confronti di coloro che non lo sono. Jon Snow cerca di vivere onorevolmente, sebbene sappia che questo spesso ha fatto sì che i suoi familiari venissero uccisi. Ecc. Ma molte delle storie, specialmente in questa stagione, riguardano persone cheimparano ad affrontare le dure verità riguardanti il mondo in cui vivono e adattare se stessi a queste verità. La lotta che molti di loro affronta riguarda come riuscirci senza perdere la presa su chi siano. Questa stagione molti personaggi subiscono drastici cambiamenti nella loro identità, e sono costretti a rivalutare come vedano se stessi e la loro posizione nel mondo.

fonte: ew.com