Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. È la normale crisi invernale interista. Ormai ci dovreste essere abituati. Comunque spero vivamente che stasera la Roma non faccia brutte figure.
  3. 1917 (2019) di Sam Mendes Basato sui racconti del nonno del regista, è una fredda ed elegante discesa nell'incubo della guerra, girata secondo la prospettiva di due soldati qualunque, in un giorno qualunque, per una missione sicuramente importante ma non decisiva per i fini della guerra, anzi quasi secondaria (lo scopo della missione ricorda molto vagamente quello di Salvate il soldato Ryan). Girato secondo due lunghissimi piani sequenza (tecnica già usata da Sokurov ed Inarritu), vanta nella fotografia, nel sonoro, nel montaggio, nel montaggio sonoro e in sostanza nella tecnica registica i pregi migliori. Gli manca, però, il guizzo per diventare un capolavoro, anche se qualche statuetta potrebbe portarsela a casa. Nel complesso comunque mi è piaciuto: è un film che mostra l'incubo della guerra senza mai cadere nello splatter, cosa non alla portata di tutti. Da paragonare con Dunkirk. Voto: 7,5
  4. Today
  5. Giorno 14: Stannis Baratheon Per Robert sono un po' nel nulla più assoluto. Ma per Stannis... Per Stannis mi avvalgo di una citazione che secondo me spiega perfettamente le differenze tra i tre fratelli Baratheon "Robert era vero acciaio. Stannis è puro ferro, nero e aspro e forte, ma anche fragile, proprio come può diventare il ferro. Si spezzerà piuttosto che piegarsi. Renly? Lui è rame, chiaro e lucente, carino da guardare, ma di ben poco peso quando il gioco si fa duro."
  6. L'Inter ha un gioco troppo incentrato sul lavoro delle due punte li davanti: Lautaro e Lukaku (che non mi è mai piaciuto e non mi piacerà mai, ma in un campionato fisicamente scarso come il nostro è dominante) hanno trovato un intesa fantastica, ma si sono sobbarcati una mole di lavoro tale per cui adesso sono oggettivamente un po' cotti. La Lazio voglio vedere come si riprende dalla botta del San Paolo. Non tanto perchè abbia perso, ma perchè lo ha fatto in maniera veramente poco convincente, sbagliando roba in maniera goffa e sembrando parecchio confusionaria. L'impressione è che se manca Luis Alberto e se SMS non va al massimo, la squadra non gira.
  7. Mar

    Serie A - 2019/2020

    Temo di aver portato sfiga Dai no, la pareggite dell'Inter è iniziata un mese prima. Tra il 6 Dicembre e oggi, 5 pareggi (tutti in Campionato e tutti per 1-1 tranne il primo, lo 0-0 con la Roma) su 9 partite. Significa ben DIECI punti persi su 21 e la discesa dal primo al (potenziale) terzo posto. A questo punto mi chiedo se sia più improbabile che la Juve vinca il suo Nono consecutivo, che lo vinca l'Inter a 10 anni dall'ultimo o la Lazio a 20. Ah, e nello scrivere sta cosa scopro che sarebbe il 36esimo bianconero, cioè quanti quelli rossonerazzuri messi insieme.
  8. La verità è che la Roma ha una produzione offensiva interessante, e complessivamente è una ottima squadra (Smalling acquistone), ma davanti non ha big in grado di tramutare in gol questa mole di gioco. Dzeko è l'unico top lì davanti, e anche lui tende ad andare a stagioni alterne. E senza Zaniolo questo problema si accentuerà ancora di più. Una punta dal gol facile servirebbe come il pane, e in quest'ottica mi stupisco di come i dirigenti della Roma non abbiano pensato ad uno che segna tanto ed è in libera uscita come Mertens.
  9. Si è vero, ma se tu (la Roma) fai 30 tiri in porta e di questi solo 5 o 6 sono nello specchio, allora ti meriti anche di perdere... Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
  10. Il Toro ha vinto per caso contro la Roma.
  11. Purtroppo l'ossessione di Conte di vincere subito ha anche delle controindicazioni :Inter troppo nervosa. Per la legge di Murphy non basta che l'Inter sia fuori forma ma ha anche sfiga, vedi la deviazione sul gol di naingollan
  12. Ancalagon

    Highway to Hell

    3 vittorie di fila in campionato, svegliatemi se questo è un sogno! Finalmente la squadra ha un identità precisa, sa difendersi e combattere per il risultato cosa che non vedevo da un bel po' di mesi. L effetto Ibra svanirà ma per ora il suo arrivo è stata una manna. ps: forse avevano ragione i tifosi su Suso
  13. @Iceandfire Sono due delle mie canzoni preferite. Quella dei Muse è forse eccessivamente idealista per una figura intransigente quale Stannis. Ma ha un testo che impone e diviene monito di fedeltà a sé stessi, che è poi ciò di cui lo stesso Stannis si fa garante. The Kill è invece uno sfogo emotivo, è quasi una sfida ironica, un invito a confronti più sprezzanti e ardui da parte di chi a lungo troppo ha accumulato, sino al disperato esplodere, qui inteso come rapporto articolato tra afflizione e determinazione. Quella di Leto è quasi una supplica arrabbiata, lo strascico di chi a lungo è stato apatico e ora non riesce più a sopprimersi. Un cosiddetto breakingpoint morale, che è poi quando attraversa Stannis nelle sue fasi finali. @Lyra Stark Colgo l'assonanza soprattutto col concetto di vittoria, se poi guardiamo a come il successo bellico sia poi stato seguito da un declino morale ed esistenziale. Azzarderei anche un paragone strutturale che vira puramente verso l'interpretazione creativa: il rilievo del Re (nota musicale) maggiore rispetto alla figura stessa di Robert Baratheon. Una nota che è di per sé particolare e controversamente potente nella sua ripetizione quando adoperata negli spartiti, a segnalare la potenza stessa e la brutalità meramente mascolina di quel Robert così furente tanto sul Tridente quanto su altri campi di battaglia. Quel tipo di nota è appunto segno melodico di rigonfiamento ed espansione in arrivo; in sintesi il famoso furore dello stesso Robert. Riguardo Stannis, Reinassance segue anch'ella una scia fin troppo speranzosa per la rigidità del personaggio, ma ha in essa un messaggio simbolico di dignità, che è uno dei tratti a cui il personaggio in questione tiene profondamente, tanto da allegarlo anche ad un costrutto di meccanismi permalosi. Comunque ho da poco recuperato la S3 dei Medici, tra l'altro.
  14. Chi si fosse stufato di veder comparire recensioni a romanzi weird western stia tranquillo. Temo proprio che non me ne rimangano altri da leggere. Almeno posso affermare di aver concluso alla grande con il lavoro di Luca Mazza. Una bomba! https://www.scrittorindipendenti.com/2020/01/recensione-black-hills-di-luca-mazza.html
  15. Infatti.... è più il demerito della Roma... Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
  16. Giorno 14 - Stannis Baratheon Oggi per Stannissimo andrò un po' sul melodrammatico andante. Prima proposta, Renaissance la canzone che fa da sigla alla serie I Medici, molto suggestiva, cantata da Skin, che affronta il tema del peso della responsabilitá e della sofferenza nel dare la propria impronta e forgiare una nuova era, a ben vedere come testo potrebbe adattarsi bene anche alla Daenerys ultimo periodo che si rivolge a un Jon Snow, però la sua melodrammaticità, il tema del peso da sopportare per un bene superiore o come dice la canzone per la santità di un'epifania, do un'idea di mondo o regno, è tutta Stannissiana. Sometimes I justify the words I spill Like spitting ambers they spoke and kill Outside my troubles are colder But in these eyes the melody smolders I know the whispers they hurt sometimes They swell and fracture my vital light But can't you see the sanity in my epiphany Let me cure these blackened hearts Let me show you one last time Let me show you one last sign You can find it I can say that I can change the world But if you let me I can make another world for us Let me suffer all for you Make this vision all brand new We can fight them I can say that I can win it all Come with me and I will make my worst untold Let me do this Simplicitate cordis quaerite illum quoniam Invenitur ab his qui non tentant illum I am here for all to see In my bones there's dignity I will fight them I can say that I can change the world But if you let me I can change the world for us Come with me and Make this vision all brand new We can fight them I can say that I can win it all Come with me and I will make my worst untold Let me do this I am here To rejoice To revenge To resolve To be longed for To be longed for I am here (if you want this) To rejoice (if you want this) To revenge To resolve To be longed for To be longed for I am here I am here Sometimes I justify the words I spill Like secret angels they test your will Outside my troubles are over But in your eyes the melody is frozen La seconda invece è una proposta tutta Stannissiana, legata alla sua solitudine e alla sua inquietudine più filosofica che religiosa direi, e che non ha bisogno di tante presentazioni. Li incontri dove la gente Viaggia e va a telefonare Col dopobarba che sa di pioggia E la ventiquattro ore Perduti nel Corriere della Sera Nel va e vieni di una cameriera Ma perché ogni giorno viene sera? A volte un uomo è da solo Perché ha in testa strani tarli Perché ha paura del sesso O per la smania di successo Per scrivere il romanzo che ha di dentro Perché la vita l'ha già messo al muro O perché in mondo falso è un uomo vero Dio delle città e dell'immensità Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi Vediamo se si può imparare questa vita E magari un po' cambiarla prima che ci cambi lei Vediamo se si può farci amare come siamo Senza violentarsi più con nevrosi e gelosie Perché questa vita stende e chi è steso Dorme o muore oppure fa l'amore Ci sono uomini soli Per la sete d'avventura Perché han studiato da prete O per vent'anni di galera Per madri che non li hanno mai svezzati Per donne che li han rivoltati e persi O solo perché sono dei diversi Dio delle città e dell'immensità Se è vero che ci sei e hai viaggiato più di noi Vediamo se si può imparare queste donne E cambiare un po' per loro e cambiarle un po' per noi Ma Dio delle città e dell'immensità Magari tu ci sei e problemi non ne hai Ma quaggiù non siamo in cielo e se un uomo Perde il filo è soltanto un uomo solo
  17. O, ribaltando la prospettiva...la Roma è stata capace di perdere con una squadra che poi le ha perse tutte o quasi.
  18. In ritardo cosmico con un computer che non collabora eccomi Giorno 13 - Robert Baratheon Ho scelto questa bellissima aria lirica, prima di tutto perché è la mia preferita quindi da qualche parte dovevo infilarla ^^", poi perché centra perfettamente il momento principale (e forse l'unico veramente degno di nota) della carriera di Robert: la vittoria sul Tridente, evento che ha cambiato la vita a lui e al resto di Westeros. Come seconda scelta ero indecisa tra "libiamo nei lieti calici" e "miserere", che sono già state proposte e linkate per altri personaggi perciò mi limito a segnalarle.
  19. Massi non ti preoccupare è assolutamente fisiologica
  20. Si ho visto i crediti necessari per l'insegnamento. Avrei potuto inserirli nei crediti a scelta della triennale e strutturare il mio percorso su quell'indirizzo... Non c'è da dire che non l'ho fatto e ho scelto corsi che mi appassionavano: storia dell'Islam, storia del Vicino Oriente antico, storia dell'integrazione europea, etc anziché latino, linguistica e simili. E posso dire che mi pento solo a metà della scelta perché ho davvero amato quei corsi anche se senza sbocco futuro. Mi viene l'ansia alla sola idea di ridover studiare latino (ho fatto il classico e non ero proprio una cima in latino e greco, anzi... e tra l'altro il discorso porta a un'altra scelta, quella del classico, che ho fatto completamente a caso...) Continuando su questa strada di scegliere sempre ciò che voglio e non ciò che devo fare, però, mi sa che andrò a finire sotto un ponte... I concorsi possono essere una buona idea ma di certo serve una specializzazione adeguata. Valuterò tutti i buoni consigli che li avete dato e cercherò di fare chiarezza. Questa crisi cosmica prima o poi si risolverà, spero da sola
  21. Giorno 14-Stannis Baratheon (ASOIAF) Mi sono già ampiamente espressa su di lui e sulla sua leadership che non poteva non portare al suo fallimento perché un leader vero è capace di farsi concavo e convesso a seconda delle necessità e sa fermarsi di fronte a ciò che è, eticamente , profondamente errato e deleterio.Come ha ben capito Jon Snow che infatti non è Jaime, per fortuna ,aggiungo io. Non posso non ricordare il dolore del maestro che era l'unico che amava Stannis e ne aveva ben presenti le qualità che Stannis butta via come un cencio per ascoltare una strega rossa che di fatto lo convince che tutto è consentito a lui perché deve portare a termine la missione di cui il signore della luce lo ha investito.Stannis taglia i ponti con il bene e si affida al male per realizzare quello che ritiene suo dovere realizzare supportato da una pazza talebana che gli ruba anima e onore senza che lui lo sappia o se ne renda conto facendogli credere di essere invincibile Per lui Invincible Muse Follow through Make our dreams come true Don't give up the fight You will be alright Cause there's no one like you In the universe Don't be afraid What you're mind conceals You should make a stand Stand up for what you believe And tonight we can truly say Together we're invincible And during the struggle They will pull us down But please, please let's use this chance to Turn things around And tonight we can truly say Together we're invincible Do it on your own Makes no difference to me What you leave behind What you choose to be and whatever they say You're soul's unbreakable And during the struggle They will pull us down But please, please let's… And during the struggle They will pull us down Please, please let's use this chance to Turn things around And tonight we can truly say Together we're invincible Giorno 14-Stannis Baratheon (GoT) Il suo fanatismo senza alcuna empatia , la sua inflessibilità nel raggiungere lo scopo primario per il quale il dio rosso lo avrebbe scelto ( ma era tutto un errore di Melisandre ) , e a causa del quale calpesta tutti i suoi affetti veri e l'amore della figlia che sacrifica in un clima di tragedia greca ad un insensibile e affatto misericordioso dio sangunario ma che tutto voleva in cambio di un supporto, lo portano alla perdizione e alla sconfitta totale, povero Riccardo Terzo...E allora ferito e sconfitto non può fare altro che dire a Brienne di ucciderlo, sa di averlo meritato e si condanna ,giustamente da solo . Dedico The Kill 30 second to mars What if I wanted to break Laugh it all off in your face What would you do? What if I fell to the floor Couldn't take all this anymore What would you do, do, do? Come, break me down Bury me, bury me I am finished with you What if I wanted to fight Beg for the rest of my life What would you do? You say you wanted more What are you waiting for? I'm not running from you…..
  22. L'alba del pianeta delle scimmie?
  23. Non ama il se stesso re,ma ama ed idealizza il suo se stesso guerriero invincibile secondo me .Certo si lascia vivere nel modo peggiore ma non è abbastanza sagace da realizzarlo
  24. Esatto, tempo fa il Mibac ne ha persino bandito uno dopo tipo 15 anni (non è che il settore sia proprio il top per i concorsi)! Ma per accedere a quelli in genere serve la magistrale. Purtroppo per le lauree umanistiche si oscilla tra quella e il dottorato Essendo storia però un corso che non richiede la frequenza obbligatoria potresi valutare l'idea di lavorare nel frattempo, così anche se magari ti ci vorrà più tempo intanto ti paghi gli studi e magari ti immetti nel mondo del lavoro ma avrai lo stesso un titolo un po' più spendibile.
  25. Certamente era una Lannister allevata ad essere fiera e superba e sicura di se stessa.Per questo il fatto che Robert non solo non la amasse ma la tradisse con una avversaria morta con la quale lei non poteva competere essendo un ideale e un desiderio inappagato ed essendo disprezzata,la rendono ancora peggiore di quello che è .Una donna rifiutata in quel modo e con le peculiarità di Cersei (ma il discorso non vale solo per la leonessa eh ...) che peraltro sapeva di essere solo una pedina nei giochi politici di un padre anaffettivo , può rendersi responsabile di ogni isterica e compulsiva nequizia e diventare, se possibile ancora più arida e "cattiva" nel cercare l'affermazione del suo se e nel distruggere magari con falsi pettegolezzi chi la teneva a distanza anche perché ne avvertiva inconsciamente l’assenza di veri sentimenti e di umanità .
  26. Ma il Torino è stato capace di vincere solo con la Roma?
  27. E poi puoi sempre fare i concorsi pubblici, magari al MIBAC. Mai sottovalutare i concorsi.
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...