Jump to content

Timett figlio di Timett

Guardiani della Notte
  • Content Count

    6,227
  • Joined

About Timett figlio di Timett

  • Rank
    Gran Visir delle Montagne della Luna
  • Birthday 11/23/1980

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.jokers.it

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Interests
    Leggere fantasy/storici/science fiction, guardare film, suonare e ascoltare musica rock, cucinare, viaggiare per l'Europa con la mia roulotte pieghevole

Recent Profile Visitors

2,989 profile views
  1. Maria Regina di Scozia (2018) - Josie Rourke Sempre un fan dei film storici (o pseudostorici), non potevo farmi mancare questa interpretazione di una delle più importanti figure storiche scozzesi (e inglesi). Splendidi i costumi (candidati anche per gli Oscar) e da mozzafiato i paesaggi scozzesi per i quali ho sempre un debole. Un po' più trascurate invece le location interne, speravo di avere almeno un guizzo di Edinburgo o del vero Holyrood Palace (che sembra una caverna Oo?). O della casa di John Knox, tutte location che ho visitato anche più volte. Brave anche le due attrici Saorise Ronan e Robbie Margot, quest'ultima irriconoscibile. La "storia" si sofferma soprattutto sul periodo di effettiva reggenza di Maria Stuarda e ci mostrano un lato energico e vivace, che in altri film/telefilm non si intravede. Tralasciando la corrispondenza storica (e la multietnicità tipica del periodo ) al film manca comunque una trama più concreta, e soprattutto un finale. Insomma, non basta il tira e molla delle ribellioni protestanti a sorreggere l'arco narrativo di un personaggio storico tanto ingombrante. Su questo punto, visto la comunque lacunosa precisione storica, si poteva osare di più e drammatizzare con più coraggio, specialmente nel finale, blando e incolore. Voto 6/10
  2. Avatar? ISDA io lo considero già un classico.
  3. @Jacaerys Velaryon ADORO questa canzone! L'abbiamo fatta suonare a messa durante il nostro matrimonio! Dovrebbero istituire l'obbligo di impararla a scuola! Sempre restando sui binari rock, ma facendo giusto questo saltino di 50 anni, vi propongo uno delle canzoni migliori di Slash degli anni post G'N'R (almeno creativamente, visto che fisicamente nel frattempo ci é rientrato ).
  4. Riguardando Bohemian Rhapsody l'altro giorno mi sono messo a cercare la musica meno conosciuta dei Queen. Mi sono imbattuto nella colonna sonora di Flash Gordon, il film più trash del 1979 A parte qualche brano l'album è abbastanza trascurabile, è più una curiosità, che una chicca. Vi posto qui uno dei brani più riusciti, a mio avviso.
  5. Green Book (2018) - Peter Farrelly Ecco un film che si merita il premio Oscar nella categoria di best Picture! È la prima volta dal 2014 (Birdman), per quanto mi riguarda. Siamo negli anni 60. Tony Lip, un bianco (italo-americano) squattrinato, gnurante ma dal cuore buono, che accompagna un pianista di fama nero per una tournee negli stati meridionali degli USA. Il duo vive le situazioni più probabili (e anche quelle improbabili), che sono all'ordine del giorno quando un bianco scarrozza un nero negli stati più razzisti degli USA di quei tempi. Di solito non impazzisco per questi film, ma in questo caso la pellicola riesce ad affrontare temi come il razzismo o il sessismo in un modo delicato e leggero. Non é sicuramente un film pesante, anzi se proprio dovessi trovare un aggettivo, direi che é un film amabile, umano con i suoi momenti divertenti e i suoi momenti tristi, senza mai essere pesante o cervellotico. Mahershala Ali e Viggo Mortensen ci regalano due prestazioni straordinarie. Il duo ha un' ottima alchimia, e anche nel caso specifico loro le candidature e i premi vinti sono più che meritati. Basato su una storia vera e scritto da probabilmente un antenato di Tony Lip Vallelonga (uno degli scrittori nei credits ha il suo cognome), riesce a rendere appassionante una storia di quotidianità in un contesto tutt'altro che normale. Bbello! Voto 9/10
  6. Eh, Lizzy Hale é pazzesca! Peccato che come band abbiano poco da dire. Buttano dentro tre quattro canzoni grintose in album piene di semiballad anonime e che nella media non sono ne carne ne pesce. Se non fosse per la carismaticissima frontgril sarebbero già caduti nel dimenticatoio! A proposito di grinta, ieri abbiamo ripreso a provare dopo più di due mesi di stop forzato, mi sembrava doveroso postare una canzone con gli attributi giusti
  7. Il primo uomo (2018) - Damien Chazelle Solido Biopic sugli anni cruciali della vita di Neil Armstrong, quelli della preparazione e infine della missione sulla luna. Purtroppo é lo stesso personaggio principale a smorzare la riuscita del film. Neil Armstrong ci viene mostrato come testardo e bacchettone, dedicato al risultato per tutto e a tutti i costi. L'interpretazione di Ryan Gosling é azzeccata e mi é piaciuto, che il focus del film sia focalizzata più sulla preparazione alla missione Apollo, che allo sbarco lunare stesso, anche se ovviamente occupa una bella parte di film (anche in occasione dell'anniversario dello sbarco lunare). Il risultato é un film sintetico, sterile. La trama é data dagli eventi storici e non ci sono scelte registiche o interpretative che creano margini sensazionalistici. Voto 7/10
  8. Non sono mai stato un fan per il loro eccessivo scimmiottare sul palco, tutti quei stunt men vestiti da musicisti "cool"... Tuttavia nessuno può negare che non siano in grado di sfornare canzoni spinte, e forse dopo venti anni inizia a entrarmi nell'orecchi il NuMetal, chi può dirlo.. Eccovi gli Slipknot con "Unsainted"
  9. Mission Impossible: Fallout (Christopher McQuarrie) - 2018 Mi sto riscoprendo fan di Tom Cruise, attore che finora mi aveva lasciato abbastanza indifferente, ma continua a recitare in film interessanti e piacevoli, mettendoci del suo e interagendo bene con il resto dello staff (che di solito sono ruoli messi a disposizione del personaggio star, il suo agente sembra lavorare molto bene ;) ). Comunque. Mission Impossible Fallout riesce a sorprendere, rispolvera il concetto delle maschere, che era stato messo in disparte nei precedenti film (ho trovato grandiosa la scena con Alec Baldwin). Il resto del film si ricongiunge bene con la saga, tanta azione, qualche bel visino (Rebecca Fergusson :wub: Michelle Monaghan :wub: wub:) un regista anonimo, ma bravo mestierante che fa filare il tutto. La saga di MI é già da lungo andata oltre la sua data di scadenza naturale, se così si può dire, ma in confronto a Fast & Furious non é ancora caduto nell'inutile, anzi gli ultimi due film sono una tacca sopra agli episodi 3 e 4. Voto 7/10
  10. BlacKkKlansman (2018) - Spike Lee Ho sempre fatto fatica ad avvicinarmi ai film di Spike Lee, temendo che potessero essere eccessivamente di parte (in effetti qualche accenno c'é), Ma sono dettagli, perché il film é sorprendentemente aperto, addirittura la polizia, capro espiatorio in molti film, viene più volte mostrata in luce antirazzista. La trama comunque é intelligente, gestita bene e i momenti comici sono distribuiti con saggezza Bravi, anzi bravissimi gli attori, il protagonista John David Washington e il vituperato Adam Driver (che nei film extra-SW sta veramente brillando), danno quella marcia in alla credibilità del film. Io l'ho trovato assolutamente godibile e lo consiglio a chi sostiene che il cinema é morto, che non abbia più niente da dire e che comunque non ci sono più film belli da vedere. Voto 8/10
  11. @Tharos_The_Dragon I Cirith Ungol!! Questi si che sono una chicca. Li ho da qualche parte su una MC copiata malissimo, ma deve essere un album successivo, che vira più verso il black. Intanto, posto qualcosa di più "commerciale", la mia versione del Tutto andrà bene! (Tratto dal loro bellissimo Live in London, uno spettacolo in cui si sono fatti accompagnare da artisti circensi).
  12. Nel "mio" topic torno a mettere su un po' di musica classica. Non l'avrei mai pensato ma adoro questo album È la prima volta che ascolto di spontanea volontá qualcosa senza chitarra.
  13. Io ho 250 € di biglietti di concerto a casa IRON MAIDEN a Stoccarda. Volevo farli vedere a mio figlio prima che vadano in pensione. E poi volevo vedere Steve Harris che doveva suonare la sera prima con i suoi British Lion in un club della cittá. Un weekend full immersion, insomma. Non hanno disdetto niente finora, ma é matematico che lo facciano.
  14. Visto che mi tirate in ballo My two cents: é difficilissimo valutare uno scrittore che ha scritto pagine importanti in tanti generi diversi (scifi, horror, fantasy) avendo a disposizione solo un' opera. Secondo me dovreste leggervi ALMENO il suo romanzo di esordio The Dying Light, poi Windhaven, il suo successo commerciale pre-Cronache Fevre Dream e last but not least la novella Sandkings per avere un giudizio a 360°. Non voglio fare lo snob, ma visto che siete sul forum si presume, che almeno le Cronache vi siano piaciute. Ecco, io darei allo zione un' altra chance con almeno uno dei titoli elencati. Per me la incredibile forza di Martin é quella di potersi immedesimare nei personaggi e di fare affondare nella storia e nell'ambientazione il lettore come nessun' altro. I PoV di Sansa, sono quelli di una bambina presuntuosa, quelli di Cat di una bacchettona bigotta, quelli di Jaime di un bullo prepotente. Martin non ti fa vedere la sua storia, ti ci butta proprio dentro.
  15. Solo: A Star Wars Story (2018) - Ron Howard Era l'ultimo Star Wars che mi mancava e vi diró che mi é piaciuto. I personaggi sono caratterizzati bene, la storia é concepita bene, nell'universo favolesco dei primi Star Wars, non nella ridondante gabbia di matti dell'ultima trilogia. E se Harrison Ford non si puó imitare, Woody Harrelson e la "nostra" Emilia Clarke (Brava, molto più convincente, che non nella pelle della madre dei draghi) sono stati all'altezza dei loro ruoli. Il film dosa bene il fanservice, mai troppo spiattellato, ma ci sono dei meravigliosi rimandi alla saga originale, e ci sono tutte le scene che i fan si aspettavano di vedere. Impagabile Han che parla il linguaggio Wookie Anche se non stiamo certo parlando di perla del cinema, Ron Howard ha girato Solo con la bravura del regista navigato e riesce benissimo nell'intento di divertire. Forse avrebbe potuto osare di più, (come tante produzioni Disney), ma i paletti per la trama li aveva messi già George Lucas due generazioni fa, tutto il resto sarebbe stato incoerente. Voto 7/10
×
×
  • Create New...