Timett figlio di Timett

Attendente-Costruttore
  • Content count

    4,950
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Timett figlio di Timett last won the day on September 27 2016

Timett figlio di Timett had the most liked content!

Community Reputation

269 Neutral

About Timett figlio di Timett

  • Rank
    Gran Visir delle Montagne della Luna
  • Birthday 11/23/1980

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.jokers.it

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Interests
    Leggere fantasy/storici/science fiction, fumetti, film, snowboard, musica (heavy metal ma non solo), videogiochi, cucinare, viaggiare e last but not least, passare del tempo con il mio pargoletto^^ (in difetto di tutto quanto elencato sopra :p).

Recent Profile Visitors

168 profile views
  1. 1 Hamilton 2 Bottas 3 Vettel 4 Verstappen 5 Raikkonen R1 Ricciardo R2 Ocon
  2. Per Euron non so quanta colpa si possa dare al casting. Anch'io lo credevo un compagno di merende, piuttosto che un capitano uomo di ferro. Poi ho visto Ghost in the Shell, dove inizialmente non l'avevo nemmeno riconosciuto. Praticamente è un detective mezzo cyborg, introverso e un duro. Non sfigura nemmeno un po come spalla della Johansson. Insomma si direbbe un casting ideale per il ruolo di Euron. Solo che nello show poi viene fuori il compagno di merende. Hanno capito male qualcosa nella realizzazione del personaggio e non solo come battute ma anche il modo che ha di porsi non è quello di Euron. Sarebbe stato meglio se lo avessero fatto interpretare il cyborg. Con il suo occhio bionico sarebbe stato un ottimo Euron.
  3. In onore di quella che potrebbe (hanno già annunciato di voler fare altri concerti dopo la loro tournee d'addio) essere l'ultima data sul suolo italico di una band che come poche altre ha scritto la storia del rock, gli Aerosmith, e l'Aero-vederci-tournee: https://www.youtube.com/watch?v=33ClrPlzuVQ
  4. Pensate che questo: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/calcio-mercato-Juventus-Mino-Raiola-Pogba-Manchester-United-Fifa-de9d0602-5fb9-471d-bdee-7ae830d9ff4b.html possa in qualche modo influenzare o modificare la scelta di Donnarumma e famiglia?
  5. Hunger Games: Il canto della rivolta - parte 2 La conclusione di una trilogia (trasposta poi in 4 film) originale, ma neanche troppo. Ho trovato un Dolnald Sutherland in ottima forma (peccato non si possa dire lo stesso della protagonista, che ha dato prove migliori in passato). I toni cupi e la fastidiosa corsa con i zombie sembrano fatti apposta per alzare l'etá media dello spettatore, ma alla fine sembra un film per adolescenti con una forzatura per farlo sembrare più terribile. Relativamente ai precedenti film c'é poca trama, sacrificata in favore di effetti speciali e di lunghi silenzi riflessivi, anche questi velatamente forzati. Grande il finale, anche se probabilmente questo é un pregio che deriva dai libri. Forse il più scarso dei quattro film, che comunque offre l'intrattenimento necessario. Probabilmente come pubblico sono ormai anche fuori target Voto 6/7 PS: una menzione speciale per il premio Oscar Philip Seymour Hoffman, che ci ha lasciato davvero prematuramente. Un attore esilarante, che ci ha offerto tante interpretazione memorabili, le mie preferite in I love radio rock, nel ruolo del conte, in Alla fine arriva Polly (il mio preferito) e il piccolo ma squisito ruolo del segratario lecchino in The Big Lebowski.
  6. Si dacci un indizio, dai
  7. Allora l'indicazione della prossima pubblicazione del 10 deriva "solo" da una libreria. Conoscendoti speravo in una fonte più autoritaria Kindra, mi hai preso troppo alla lettera. Quando ho detto "perché la carta li costa più di quello che ci guadagnano", era per semplificare, ma in veritá intendevo tutto il procedimento di produzione, di marketing e di distribuzione/piazzemento del prodotto. Con tanto di graphic design per la copertina, formattazione di quarta, spese per il recensore, ed annessi e connessi. Fatto sta, che comunque ritengo che l'avvio della pubblicazione di una trilogia di una serie giá avviata (quindi che non ha nemmeno la scusante di essere la prima della serie, con la quale magari veramente si fa un salto nel buio, e per farle suscitare interesse bisogna mettere in caratteri cubitali GEORGE RR MARTIN sulla copertina) ed interroperla a metà denota una scarsa conoscenza/interesse dell'editore in confronto al prodotto che si vuole vendere.
  8. Il 10 non chiude la trilogia, é un romanzo di approfondimento come il 7. L'11 poi chiuderebbe la trilogia. Ma il 10, Doppio Solitario, ce l'hanno in partenza da anni ormai e se ne continua a parlare, e mi sembrava di capire che fosse già tradotto e che non lo vogliano stampare perché la carta li costa più di quello che ci guadagnano. Si faranno i loro conti, per carità. Io comunque non ci penso nemmeno ad iniziare una trilogia di cui manca il finale, quindi da me alla fine avranno il mancato incasso per 3 (o 4) libri.
  9. Io dopo la quinta ero molto scettico sul prosieguo della storia, invece la sesta stagione mi é piaciuta parecchio. E poi, come dice the neck, sarà difficile incappare in qualche spoiler vero. La saga differisce così tanto dalla serie TV, ormai non hanno neppure le trame maggiori in comune. Praticamente é diventata una fan fiction della saga cartacea. Io credo che ormai l'unico vero spoiler grosso possa essere il finale di stagione 8. Questo non vuol dire che non incapperai in degli spoiler, ma su dieci ore di stagione, così, alla svelta, mi vengono in mente solo tre spoiler SPOILER sesta stagione
  10. Intanto maggio é passato e niente Wild Cards 10. Ignota anche la data di pubblicazione..
  11. Già, anche la mia! E l'hanno pure suonata dal vivo
  12. 1) Vettel (se vuole vincerlo questo mondiale...) 2) Hamilton 3) Bottas 4) Raikkonen 5) Ricciardo R1) Verstappen R2) Perez
  13. In preparazione al concerto di domani ^_^ :
  14. Spectre A dispetto di tutte le dichiarazioni di Craig, che questo sarebbe stato il suo ultimo James Bond, e di come vorrebbe lasciare il francising, in questo film ci regala un altra ottima rappresentazione del suo 007. Spalleggiato da ottimi attori come Ralph Fiennes, a suo agio con il ruolo di M, Ben Wishaw nel rinnovato ruolo di Q e la splendida Léa Seydoux come Bond girl di turno (s.v. la breve apparizione di Monica Bellucci), abbandonato invece dal ruolo del cattivo di turno. Viziati dal fantastico Javier Bardem, che nell'ultimo film aveva fatto faville, Waltz non sembra a suo agio nei panni di Blofeld, e a tratti sembra addirittura ridicolo. Anche la storia é un po' fiacca e priva di mordente, richiamando i Bond degli anni 70. Splendida la fotografia, davvero oltre le righe le riprese a Roma, Tangeri e quelle della stazione nel deserto in Algeria, con Craig in completo marrone e la seydoux con un fluente abito bianco, sono uno spettacolo visivo. Nel complesso un Bond deludente, con cui i produttori e il regista si sono posti un traguardo alto , ma che ha troppe pecche per essere davvero un grande film. Voto 6,5/7
  15. Comprensibilissimo. Io credo che con le riprese finite, e la post produzione già avviata Joss Whedon non riuscirà ad imprimerere un suo marchio stilistico. Probabilmente sembrerá un film di Snyder, con qualche accorgimento diverso.