Jump to content

Lady Lyanna

Utente
  • Content Count

    1,685
  • Joined

  • Last visited

6 Followers

About Lady Lyanna

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.appuntidiviaggio.bologna.it

Profile Information

  • Sesso
    Femmina
  • Location
    Bologna

Recent Profile Visitors

1,309 profile views
  1. Ma questo vale per qualsiasi persona mica solo per loro. Il mio discorso era a prescindere dalla necessità o meno di porre un limite al dare i 600 euro in base al reddito o all’isee del nucleo familiare o a qualsivoglia parametro. Era riferito unicamente alla polemica “se sei un politico è immorale averli chiesti perché vivi di politica”.
  2. Il problema è decisamente più etico che legale. Comunque tolti i 5 deputati che non hanno davvero scuse, per tutti gli altri non tenderei a fare di tutta l’erba un fascio. Non tutti i comuni di Italia sono Roma o Milano e da quel che mi è parso di capire nei comuni più piccoli prendono davvero 250/300 euro di rimborso spese oppure solo il gettone presenza. In questi casi capisco che uno possa avere la sua attività principale per vivere e abbia richiesto il bonus. La consigliera di Milano che ha rilasciato l’intervista giustificandosi che Milano è cara e nonostante abbia preso più di quello che prendo io in condizioni normali (e non in cassa integrazione) ne aveva bisogno per vivere non si poteva sentire.
  3. Ma se hai dei problemi economici non prendi i Nuvenia o i Lines, per dire le marche più famose, a 5 euro. I pacchi da 20 della Coop, e nemmeno i peggiori della linea, vengono 2 euro al pacco. Vuoi fare 4 assorbenti al giorno per 6 giorni? Sono 24 assorbenti quindi praticamente un pacco a testa ovvero 6 euro al mese. Arrotondando la spesa di fine anno la differenza tra iva al 22 e iva al 4 a fine anno è di 11 euro per tre donne. Se consideriamo 40 anni di ciclo dalla pubertà alla menopausa, e anche qui arrotondo per eccesso, sono 440 euro in più in 40 anni per tre donne (tre donne che si presume non faranno parte dello stesso nucleo familiare dalla loro pubertà alla loro menopausa). Io sono assolutamente favorevole all’abbassamento dell’IVA per una questione di principio ma non riesco a vederci un grande vantaggio economico.
  4. Vabbè ma di tutto quello che riposta il Signor Distruggere sarà vero probabilmente 1/10, il resto sono trollate. Il movimento del free bleeding è nato negli anni 70, lasciamo stare ste benedette mamme pancine. Poi non è mica detto che sistemi alternativi all’usa e getta debbano essere la possibilità per tutte. Noi in uffici siamo 6 donne e abbiamo bagno con bidet e lavandino, nell’armadio del nostro bagno abbiamo ognuna il suo beauty con assorbenti, spazzolino, asciugamano e ci siamo organizzate. Per me sciacquare una coppetta nella privacy di un bagno non sarebbe per nulla un problema. Poi ovvio che magari se ho la giornata che sto in giro tutto il giorno e l’alternativa è un bagno pubblico in un bar per quel giorno userò gli usa e getta. Ma vorrebbe dire passare da un consumo di 12/15 pacchi all’anno ad uno di 2/3 pacchi. Imporre non va bene (ovviamente non tutte sono nella mia posizione così come io non sono riuscita ad essere nella posizione di utilizzare pannolini lavabili invece che usa e getta) ma incentivare una soluzione valida ed ecologica che per alcune non crea disagio non la vedo così folle.
  5. Prima si faceva a meno degli usa e getta non degli assorbenti. Gli “assorbenti” li usavano anche nell’Antico Egitto o nell’Antica Grecia. Anche adesso ci possono essere alternative all’usa e getta, e mi aspetterei un iva al 4 anche per questi. Non è che se ne possa fare a meno ed è solo una comodità, è anche una questione igienica non solo di “decoro”. Sarei curiosa di sapere se le appartenenti ai movimenti di free bleeding hanno un lavoro.
  6. Non dico che la coppetta debba essere la soluzione per tutte le donne così come i pannolini lavabili che per me sarebbero stati purtroppo ingestibili. Però dare la possibilità di provare, visto che magari qualcuno non ha voglia di spendere soldi nell’acquisto della coppetta senza sapere se sta acquistando la misura e la forma giusta preferendo gli abituali usa e getta, non la vedo male. Io ho diverse amiche molto soddisfatte di questa scelta e appena tornerò tra le “fortunate” proverò anche io.
  7. Personalmente sono molto combattuta sull’argomento. Da un lato penso che la differenza economica sarebbe davvero irrisoria: considerando le marche più famose parliamo di una spesa sui 5 euro mensili e lo “sconto” passando da un’iva al 22 ad una al 4 sarebbe di nemmeno un euro. Senza appunto considerare il fatto che si possono utilizzare anche altre marche oppure fare scorta durante le promozioni. Se una famiglia è così in difficoltà da non avere 2 euro al mese per questa spesa mi sa che gli assorbenti sono l’ultimo dei loro problemi. Ne resta una questione di principio. Gli assorbenti non sono qualcosa che una donna può decidere di usare oppure no, non sono una questione estetica ma sono una necessità dalla pubertà alla menopausa. È vero che non è una “malattia” come può essere l’incontinenza negli anziani o a seguito di patologie o infortuni e infatti in questi casi i presidi per l’incontinenza vengono passati dall’Ausl. Però in altri casi come ad esempio gli occhiali da vista che sono una necessità non solo hanno l’IVA al 4% ma sono anche una spesa medica detraibile. A me sembra molto che assorbenti e pannolini per bambini essendo beni di prima necessità che per forza di cose vanno acquistati regolarmente perché non se ne può fare a meno (a differenza di un paio di occhiali che dura anni) siano un modo per incassare più iva. Il principio del dover far cassa su queste cose mi da fastidio. Una cosa che apprezzerei, se proprio non si vuol abbassare l’IVA, è dare a tutte le donne la possibilità di un primo acquisto gratuito delle coppette piuttosto che di un kit di pannolini lavabili (come so fanno in Trentino). È innegabile che assorbenti e pannolini siano una fonte di inquinamento importante e dare la possibilità a tutte di provare gratuitamente un nuovo sistema non “usa e getta” non mi dispiacerebbe. Infine concordo con Lyra per il discorso delle difficoltà a cui vanno incontro molte donne in ambito lavorativo a causa del ciclo che non è uguale per tutte e spesso viene considerato come una cosa da poco.
  8. Io seguo Famiglie Globetrotter - viaggi con bambini
  9. Bellissima Baška, ci siamo fermati qui alcuni giorni nel 2010. Mare bellisismo ma decisamente non adatto a chi necessita di una distanza superiore ai 5cm tra un telo mare e l’altro Mi ricordo che una mattina avendo un’escursione programmata andammo al molo molto preso e la spiaggia era già ricoperta di asciugamani lasciati lì per tenere occupato il posto. Ti segnalo anche, informazione letta su un gruppo Facebook a tema viaggi con bambini a cui sono iscritta, che le code sul confine sloveno sono parecchio più lunghe delle già normali code per via dei controlli covid al confine. Armatevi di pazienza.
  10. Bellissima la Croazia, vi ho fatto tantissimo on the road in camper, sostando in bungalow in campeggio, in appartamenti o hotel ma mai in villaggio. Senza sapere i giorni effettivi a disposizione è difficile consigliarti e capire se ha senso spostarsi fin giù a Dubrovnik. Cosi di getto mi viene da dirti che da qualche anno i laghi di Plitvice sono con ingresso a numero chiuso quindi controlla bene se puoi magari acquistare i biglietti di ingresso prima. Stessa cosa controllerei per Postumia dove di solito c’è sempre tantissimo turismo italiano e gli ingressi sono fissi e scaglionati nel corso della giornata, non vorrei che causa covid abbiano ridotto il numero di visitatori giornalieri. In Istria non ho mai fatto mare ma sono stata a Cres, Krk, Rab, Pag, insomma tutte le isole a nord come mare non deludono. Krk può essere più comoda perché collegata alla terraferma dal ponte di Tito ma in realtà anche tutte le altre isole sono collegate benissimo con i traghetti che ci mettono davvero pochissimo. Non ricordo se hai figli o meno e non so che età hanno (magari sono grandi) ma considera che nelle isole a nord le spiagge non sono praticamente mai di sabbia e l’acqua in Croazia è tanto bella quanto fredda
  11. 30. Località che hai visitato che appare in un film/serie/racconto Per rimanere in tema nel 2014 abbiamo fatto un on the road con amici barrieristi tra Slovenia e Croazia e una tappa è stata proprio Dubrovnik. Abbiamo girato un po’ le location principali di Approdo del Re. L’anno scorso sono stata a Girona dove so che sono state girate alcune scene di Arya ma non avendo più seguito la serie tv non abbiamo fatto una ricerca delle location.
  12. 28 - luogo più strano in cui ti sei trovato Mmmm più che un luogo strano mi ricordo di una situazione strana in cui ci siamo trovati. In un piccolissimo paesino della Svezia Segersta ci siamo ritrovati ad una specie di festa locale che io ho ipotizzato fosse una festa della locomotiva perchè c’era una locomotiva che sbuffava, dei vecchietti che cuocevano sul fuoco delle specie di focacce con sopra marmellata ai frutti di bosco e dei vecchietti che suonavano. Penso fossimo gli unici non solo stranieri ma non abitanti nei dintorni. È stato stranissimo come se uno svedese si ritrovasse alla festa dell’unità del mio piccolo paesello di campagna circondato da vecchietti che servono tortellini e ballano il liscio senza capire assolutamente nulla. 29 - l’usanza, la lingua, il dialetto, la cosa che ti ha davvero spaesato B&B alle porte di Inverness in Scozia. La padrona di casa un’adorabile vecchietta scozzese. Mentre siamo in camera sento bussare alla porta ed era lei che comincia a parlarmi con una cadenza/accento scozzese fortissimo. Io ho continuato ad annuire facendo finta di capire cosa mi stesse dicendo senza in realtà capire una sola parola. L’inglese degli scozzesi è davvero arduo.
  13. 27 - Località dove hai speso davvero troppo In rapporto al numero di giorni passati dove abbiamo speso di più è stata la Svezia ma perché si sa che le nazioni del nord sono più care. Particolarmente cara è stata la vacanza a Parigi ma perché devo dire che abbiamo scialato molto per il mangiare perché ogni sera ci siamo concessi una bella cena per assaggiare piatti locali. Ma i soldi spesi per mangiare sono sempre spesi bene
  14. 23 - Viaggio o località in cui hai avuto paura sinceramente non mi vengono in mente località o viaggi in cui ho avuto paura o non mi sia sentita sicura 24 - Viaggio che non è andato come ti aspettavi o come avevi pianificato mmmm potrei direi Praga ma semplicemente perché su tipo 6 giorni di viaggio ha diluviato 5. Per il resto non è che abbia avuto chissà quali grandi delusioni perché appunto pianifico e mi informo per molto tempo prima e fortunatamente gli unici imprevisti capitati fino ad ora sono quelli meteo 25 - Viaggio che pensavi non avresti mai fatto Forse il viaggio di nozze in Polinesia, non pensavo sarei riuscita a convincere il marito che proponeva invece l’Alaska 26 - Viaggio che continui a rimandare (e perché) per ora rimandiamo tutti i viaggi in grandi città nei quali siano presenti importanti musei che sarebbero improponibili con bimbi piccoli. Ad esempio mi piacerebbe molto fare una vacanza a New York ma non vado fino a lì se poi non posso visitare i suoi musei.
  15. 27 - Personaggio Pixar preferito mmm direi Dory 28 - Personaggio che ti somiglia di più non saprei proprio, mi vengono in mente caratteristiche singole di qualche personaggio ma uno che le racchiuda tutte e mi rappresenti non mi viene in mente 29 - Primo film Disney visto non ricordo assolutamente. Probabilmente qualcosa tipo Bambi o la Spada nella Roccia che una volta davano spesso in tv. 30 - Il momento più magico il bacio tra la Bella e la Bestia
×
×
  • Create New...