Jump to content

Metamorfo

Utente
  • Content Count

    9,028
  • Joined

  • Last visited

About Metamorfo

  • Rank
    Confratello

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Recent Profile Visitors

6,172 profile views
  1. Il Clarin dà la notizia. Aveva da poco compiuto 60 anni. Per me, il più forte calciatore di sempre.
  2. Metamorfo

    serie tv

    La regina degli scacchi è una serie fatta bene. Niente di originale o particolarmente profondo, ma fila bene e, dal punto di vista scacchistico, a differenza del 99% delle fiction in cui vengono inseriti gli scacchi, è (quasi) accurata. The Alienist 2 per me è stata sotto tono rispetto alla prima stagione, che mi era piaciuta di più, ma sempre meglio della maggior parte della roba Netflix
  3. "Chi si vaccina contro il coronavirus non si ammala ma si può infettare lo stesso e trasmettere la malattia se non porta la mascherina. Quando si vedrà l’effetto della vaccinazione, anche i più scettici la faranno". La professoressa Ilaria Capua, direttrice dell'UF One Health Center, a DiMartedì si esprime così sul vaccino contro il coronavirus. "Esistono pochissimi vaccini che danno immunità sterile e se incontro il virus sono totalmente impermeabile. Nel mondo reale, se sono vaccinato ho una barriera che mi protegge dalla malattia. Ma da vaccinato posso andare in giro come se fossi sicuro al 100%? La risposta è no. Quando si parla di efficacia, si fa riferimento alla malattia", aggiunge la scienziata. https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/11/24/vaccino-covid-ilaria-capua-evita-malattia-non-infezione_bN9ptOp9fkmHDMqXTl4E9K.html
  4. Inizialmente dovrebbe essere somministrato quello Pfizer, che pare sia il primo ad arrivare, ma in relativamente poche dosi. Poi dovrebbero arrivare più o meno contemporaneamente altre dosi del Pfizer e quelle di Moderna, e suppongo si potrà scegliere. Subito dopo AstraZeneca, in gran quantità. Ancora dopo arriveranno pure il Sanofi e il J&J, quindi ancora più scelta. Appena ci sarà scelta, immagino saranno i cittadini a scegliere quale fare (ammesso che tutti i vaccini siano accessibili allo stesso modo).
  5. Scotland to be first country to have universal free period products Scotland will become the first country in the world to introduce free universal access to period products if a new law is passed in Holyrood today, though the MSP behind the legislation has said it is just the first step in ending the “stigma of menstruation” in Scottish society. https://www.scotsman.com/news/politics/scotland-be-first-country-have-universal-free-period-products-3045105
  6. «Un errore di dosi», così il vaccino Oxford ha raggiunto il 90% di efficacia Mene Pangalos, vicepresidente esecutivo della ricerca e sviluppo di prodotti biofarmaceutici di AstraZeneca la chiama «serendipity», una fortunata casualità. Si riferisce a un errore di dosaggio che avrebbe permesso al vaccino Oxford-Irbm contro Covid-19 di raggiungere l’efficacia al 90% documentata dagli ultimi dati resi noti ieri. L’aneddoto è rimbalzato sulla stampa internazionale e svela il retroscena di come si è arrivati a scoprire la dose ottimale per uno dei candidati vaccini. Secondo quanto comunicato dai ricercatori il regime a due dosi complete ha mostrato un’efficacia del 62%. Ma nei partecipanti al trial ai quali è stata data «per sbaglio» prima una dose dimezzata e poi una intera come seconda somministrazione, questa efficacia ha raggiunto quota 90%. 300 punti per distribuzione vaccino Pfizer in Italia Sono 300 i punti in tutta Italia in cui saranno distribuite le prime 3,4 milioni di dosi del vaccino della Pfizer che dalla fine di gennaio dovrebbero consentire di vaccinare 1,7 milioni di italiani. Secondo quanto apprende l’agenzia Ansa, l’elenco è stato inviato da tutte le regioni al Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri in queste ore e comprende sia le strutture ospedaliere in grado di conservare e somministrare il vaccino sia le Rsa, che verranno servite attraverso le unità mobili.
  7. Se quanto riportato dai media è vero, la situazione delle dosi di vaccini in fase 3 avviata o conclusa (tolti i vaccini cinesi e russi) acquistate dalla UE è: - Pfizer 300 (200+100) milioni - Moderna 160 milioni - AstraZeneca 400 (300+100) milioni - Sanofi 300 milioni - Johnson&Jonson 200 milioni - CureVac Ancora nessun contratto Totale: 1,36 miliardi di dosi per una popolazione EU 446 milioni.
  8. Von der Leyen: domani contratto con Moderna per 160 milioni di dosi di vaccini alla Ue La presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ha siglato un accordo con la farmaceutica Moderna per 160 milioni di dosi del vaccino alla Ue e domani verrà siglato il contratto come annunciato dalla stessa presidente:. «Sono lieta di annunciare che domani approveremo un nuovo contratto con Moderna».
  9. Domande e risposte in collaborazione con Giuseppe Nocentini, immunofarmacologo dell’Università di Perugia. https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_novembre_24/vaccino-covid-perche-mezza-dose-protegge-piu-una-intera-4c739ef8-2dd4-11eb-b83d-41802abb4d33.shtml In particolare un paio di domande interessanti. Chi ha avuto il Covid si dovrebbe vaccinare? Al momento è opportuno che chi ha avuto la malattia non si vaccini. Sarà opportuno farlo solo una volta che avremo dati su questo sottogruppo di soggetti. In ogni caso questi pazienti hanno una bassa priorità: è ragionevole supporre che siano protetti da una re-infezione o, almeno, dalle complicanze dell’infezione. Quali sono le informazioni che ancora ci mancano? Di nessun vaccino conosciamo la durata della protezione, dato che i test sono in corso da pochi mesi. L’auspicio è che l’effetto possa durare almeno un anno. Un altro punto da chiarire è relativo agli anziani, che sono i pazienti Covid più a rischio di morte e complicanze: secondo i dati preliminari della fase 3, il vaccino di AstraZeneca avrebbe indotto una buona risposta immunitaria anche nelle fasce di età avanzate. C’è poi un terzo interrogativo: chi si vaccina è protetto dall’infezione o solo dalla malattia? In altre parole, è possibile che, nonostante l’immunizzazione, una persona possa avere colonie locali di Sars-CoV-2 (per esempio nel naso) che non danno sintomi ma che possono contagiare altri? Significherebbe che il vaccino non è utile per arrivare all’immunità di gregge. Anche in quest’ultimo caso però è ragionevole proteggere i soggetti più a rischio, partendo dal personale sanitario e altri lavoratori a contatto con il pubblico, gli anziani e tutti gli adulti. In questo modo la circolazione del virus verrebbe rallentata in misura massiccia.
  10. Una settimana fa ancora non ne aveva acquistati ed erano ancora in trattativa: https://europa.today.it/attualita/vaccino-covid-moderna-ritardi-ue.html Sei giorni fa i colloqui per acquistare 160 milioni di dosi. https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/11/17/vaccino-covid-avviati-colloqui-per-accordo-tra-moderna-e-ue-per-la-fornitura-di-160-milioni-di-dosi/6006551/ In questo articolo di due giorni fa si dice: Stephan Bancel [amministratore delegato di Moderna] spiega che con l'Unione Europea "non è ancora stato firmato niente, ma siamo sul punto di concludere con la Commissione. Vogliamo rifornire l'Europa e stiamo tenendo colloqui costruttivi", confermando che comunque "è questione di giorni" per arrivare a siglare l'accordo. https://www.quotidiano.net/cronaca/vaccino-covid-moderna-1.5741125 Edit: ultima ora. Il contratto per 160 milioni di dosi alla UE sarà chiuso domani
  11. Ci sarà un punto di «conservazione e somministrazione» dei vaccini anti Covid ogni 20mila cittadini. Lo ha detto il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri illustrando in commissione bilancio il piano che si sta mettendo a punto e che dovrà essere pronto nelle prossime settimane. Poiché ci saranno diverse tipologie di vaccino, ha spiegato Arcuri, il piano dovrà sostanzialmente tener conto di 4 variabili: distribuzione a carico dell’azienda produttrice o dello Stato acquirente, temperatura di conservazione, modalità di somministrazione, intervallo temporale tra la prima e la seconda dose. «Considerando le 4 variabili - ha detto - stiamo organizzando un piano che prevede il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni alle quali ho già chiesto di indicarmi i punti di somministrazione all’interno di ospedali e Rsa».
  12. Ci sono due mesi per preparare la distribuzione del Pfizer. In Germania dicono addirittura che si preparano a distribuire il vaccino a dicembre, e anche nel Regno Unito (il Telegraph ha parlato di approvazione in UK addirittura entro questa settimana). Gran parte degli italiani si vaccinerà comunque con quello AstraZeneca, visto che si parla di 70 milioni di dosi disponibili entro giugno (del Pfizer ci sono 27 milioni di dosi, ma la distribuzione sarà più lenta). Poi quando arriveranno anche il Sanofi e il Johnson&Johnson, ci sarà la scelta. Considerando che è molto più economico, molto più facile da produrre e distribuire, AstraZeneca sarà anche il vaccino per i paesi poveri.
  13. Alcune domande che mi vengono. Penso le risposte siano sì, ma non sono sicuro. Se uno fa un vaccino, diciamo AstraZeneca, e non ha risposta immunitaria, può farne un altro, per esempio il Pfizer? Se uno fa test sierologico e scopre di aver avuto il covid, ma ha pochi anticorpi, può/conviene fare un vaccino? Per altri che hanno avuto il covid da asintomatici o in forma lieve, conviene farlo (per aumentare la durata e la potenza degli anticorpi)?
  14. Riporto parte di articolo del Corriere sul vaccino AstraZeneca. Nella sperimentazione sono stati coinvolti più di 20 mila volontari, metà nel Regno Unito, il resto in Brasile. Si sono registrati 30 casi di Covid tra persone che avevano ricevuto due dosi di vaccino e 101 tra chi aveva invece ricevuto un placebo. Che cosa è emerso? Quando ai volontari sono state somministrate due dosi intere la protezione è stata del 62% mentre una mezza dose, seguita da una dose intera ha portato a una protezione del 90%. L’analisi combinata di entrambi i dosaggi ha portato a un’efficacia media del 70%. La protezione parte non prima di due settimane dall’inoculo della seconda dose (un mese dopo la prima). Non sono stati individuati eventi avversi gravi legati al vaccino e il siero è stato ben tollerato in entrambi i regimi di dosaggio anche dalla popolazione anziana. Dai primi dati comunicati dall’azienda farmaceutica e non ancora pubblicati sulle riviste scientifiche emerge dunque che il regime ottimale di somministrazione è dunque mezza dose con un richiamo a dose completa dopo un mese. I volontari che hanno partecipato alla campagna di test clinici sono oltre 23 mila, dai 18 anni in su provenienti da diversi gruppi razziali e geografici sani o in condizioni mediche di base stabili. Sono in corso studi anche negli Stati Uniti, Giappone, Russia, Sudafrica, Kenya e America latina, e ne sono stati pianificati ulteriori in altri Paesi europei e asiatici. In tutto, la società prevede di fare test globalmente su 60 mila volontari. I primi due milioni di dosi di vaccino in Italia saranno consegnate entro dicembre e il governo ha prenotato 70 milioni di dosi che saranno disponibili entro giugno 2021. Nulla però potrà succedere prima dell’approvazione di un ente regolatorio per deve valutare efficacia e sicurezza. AstraZeneca sta lavorando per ottenere una capacità di produzione fino a 3 miliardi di dosi di vaccino nel 2021. questo preparato può essere conservato, trasportato e manipolato in normali condizioni di refrigerazione (2-8 gradi) per almeno sei mesi e somministrato all’interno delle strutture sanitarie esistenti. Un vantaggio importante rispetto a Pfizer e Moderna che devono essere conservati a temperature più fredde. E altro vantaggio è il costo: 2,80 euro a dose contro i 16-20 euro dei vaccini americani. https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_novembre_23/annuncio-vaccino-oxford-astrazeneca-efficace-fino-90percento-8ecf6202-2d5f-11eb-b83d-41802abb4d33.shtml
  15. Qui spiegano perchè non è poco:https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/20_novembre_22/covid-screening-massa-alto-adige-meno-dell-1percento-positivo-ma-non-poco-d6e37490-2ccc-11eb-a006-0b5f9624cb77.shtml
×
×
  • Create New...