Guardiano della notte

Attendente
  • Content count

    5,716
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

Guardiano della notte last won the day on February 27

Guardiano della notte had the most liked content!

Community Reputation

389 Neutral

About Guardiano della notte

  • Rank
    Guardiano della notte
  • Birthday 03/15/1980

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Roma
  • Interests
    libri, serie tv, cartoni animati, fumetti, giochi di ruolo, giochi di società, giochi di miniature, calcio, palestra, cibo, musica, donne

Recent Profile Visitors

613 profile views
  1. [VENDO] [LIBRI E FUMETTI] [generi vari]

    Up e post aggiornato coi prezzi definitivi.
  2. ioGioco (rivista italiana di giochi da tavolo e di ruolo)

    Non metto in dubbio che sia innovativo, ma è che spendere 50 euro per qualcosa che, una volta terminato, muore là, non mi sconfinfera proprio. E se voglio fare un'esperienza narrativa, prendo un gdr, ce ne sono di gratuiti come Simulacres o a poco prezzo come Savage Worlds. O magari spendo i 120 euro dei tre core manuals di D&D ma gioco potenzialmente per...anni? Decenni? Non so, mi sembra che dietro la sperimentazione si nasconda lo spreco più nero e sinceramente non mi attira. Ma io sono anche quello che non è attirato nemmeno dall'uso dei tablet per i boardgames (anche di questo parlano su ioGioco), cioè quei giochi (ad esempio Case della Follia 2) dove il tablet sostituisce il "master" e gestisce buona parte dell'esperienza. Ci ho provato, proprio con Case della Follia 2, e la cosa non mi è piaciuta per niente. Intanto, devi stare tutti ammassati intorno allo schermo o avere uno schermo da pc davanti. E poi io mi metto al tavolo da gioco proprio per non avere uno schermo elettronico come ho in ufficio (pc) o in giro (smartphone), perché dovrei andare a cercarmelo pure quando gioco a un boardgame? Perciò mi tengo la mia dinosauraggine e continuo a giocare a GoT, Carcassonne, Puerto Rico, Ticket to Ride e altri giochi meno sperimentali ^^.
  3. Hero Forge Custom Miniatures

    Se t'interessano o incuriosiscono i giochi di miniature, dai un'occhiata al mio post su Infinity in questo forum, potresti trovarlo interessante .
  4. ioGioco (rivista italiana di giochi da tavolo e di ruolo)

    Time credo fosse menzionato in un articolo sul numero 1, dove si parla dei giochi Legacy. Si tratta in pratica di quei giochi dove il gioco muta con le scelte dei giocatori, non tornando più uguale a prima...anche fisicamente: adesivi messi sul tabellone a coprire certe caselle, missioni che non possono più essere fatte una volta giocate, carte da strappare con l'uso. A me non hanno convinto molto proprio per questo loro carattere di non ripetibilità: che senso ha spendere qualche decina di euro per qualcosa a cui posso giocare bene una volta sola quando con la stessa cifra posso comprare giochi che posso ripetere per molto più tempo?
  5. Quest'estate ha visto l'arrivo, nelle poche edicole fortunate (qui a Roma ho girato una mezza dozzina di edicole diverse e NESSUNA aveva questo numero ), del numero 0 di ioGioco, una rivista dedicata interamente ai giochi da tavolo e anche di ruolo. Il che, nell'epoca del digitale a tutti i costi, è un po' una mezza rivoluzione, se ci pensate. Ospitata dalle pagine di TheGameMachine, ioGioco ha incontrato subito i favori del pubblico ludico nostrano (quest'estate si sono sprecati i selfie in cui i pochi fortunati possessori del numero 0 erano ritratti accanto alla loro preda...e confesso di averli invidiati assai) i cui entusiasmi hanno spinto i creatori della rivista a dare il via alla serie regolare. ioGioco è un bimestrale del costo di €6,90 a volume, di 96 pagine (per ora) a numero. All'interno sono presenti le seguenti sezioni: rubriche (news, personalità ludiche, io gioco e..., dado critico: il giocatore imperfetto, recensioni minute, bimbi al tavolo, sgananzium: barba e fustelle, classici moderni, pimp my game), speciale, dossier, avventura (un'avventura per un gdr pronta da giocare), guida strategica, anteprime, recensioni. A volte può essere presente anche un gioco completo, pronto da staccare e da giocare. Insomma, un tentativo (per ora di successo) di riportare il mondo del gioco da tavolo e dei gdr nelle edicole italiane, ereditando quella che ai tempi fu la missione della leggendaria rivista Kaos. Personalmente, trovo molto interessante questo progetto, che s'inserisce in un mercato (quello del gioco da tavola e gdr) in crescita e va a colmare una lacuna che, stando ai riscontri dei primi due numeri (0 e 1), era sentita: il web potrà anche fornire più informazioni in tempi più rapidi, ma la possibilità di leggere approfondimenti e opinioni lunghe e articolate di esperti del mondo del gioco è senz'altro meritevole d'interesse. Per non parlare poi delle interviste alle personalità ludiche e i dietro le quinte di eventi come lo Spiel Des Jahres e il Gioco dell'Anno proclamato ogni anno al Lucca Comics & Games. La qualità grafica della rivista è buona e gli articoli sono interessanti e ben scritti, anche se qualcosa bisogna forse ancora limarla a livello di qualità di scrittura in alcuni casi, ma si tratta di minuzie. Se siete interessati, esiste anche un sito ufficiale dove tra l'altro potete acquistare i volumi mancanti e nel caso fare un abbonamento. Io sto seriamente pensando di farlo, dato il buono sconto e la possibilità di usufruire di tanti piccoli vantaggi interessanti. Beh, direi che come presentazione è tutto. Se siete interessati a parlare di questa rivista e degli articoli al suo interno, questo è il posto giusto .
  6. Hero Forge Custom Miniatures

    Occhio che Warhammer Fantasy Battle tecnicamente non è un boardgame, ma un wargame tridimensionale ;). Comunque si, quel sito è da perdercisi dentro. E non so se hai dato un'occhiata a come può uscire fuori una miniatura in bronzo (il materiale più costoso): è talmente bella che è quasi un peccato dipingerla. Non mi convince per niente l'acciaio invece, di positivo ha solo la resistenza.
  7. Hero Forge Custom Miniatures

    Volevo segnalare l'ottimo sito della Hero Forge Custom Miniatures a tutti gli appassionati di giochi di ruolo e boardgames. Si tratta di un sito nel quale è possibile costruirsi la propria miniatura scegliendo tra una vasta gamma di opzioni relative a diversi elementi: genere (fantasy, scifi, western, moderno, orientale, novità), sesso/razza, testa (faccia, espressioni, orecchie, capelli. barba, sopracciglia, occhi, denti, altri elementi), corpo (torso, gambe, corporatura, altri elementi), vestiti (outfit, copricapi, roba da viso, spalle, torso, guanti, gambe, piedi), oggetti (in mano, alla cintura, sul retro), basetta (forma, texture, elementi extra), cavalcatura, posa e materiale (BETA white plastic: 25 dollari, nylon plastic: 15 dollari, premium plastic: 30 dollari, acciaio: 35 dollari, bronzo: 100 dollari, download per propria stampante 3d: 10 dollari). Un sito quindi da tenere d'occhio per chi vuole integrare i propri boardgames o giochi di ruolo con miniature il più possibile customizzate. Il mio gruppo di D&D sta pensando di sfruttarlo, se e quando lo faremo vi farò sapere come rendono in concreto le miniature sul tavolo da pittura/gioco e come ci saremo trovati col servizio.
  8. D&D 5a edizione (Next)

    Il Manuale del Giocatore di D&D 5a edizione è andato a ruba a Lucca, finendo le copie in poco tempo, nonostante il non indifferente prezzo di €50. Segno di come la lingua inglese sia ancora una barriera d'ingresso al gioco. Online sono già in corso le battute e le polemiche per alcune scelte contestate della traduzione, come "Second Story Work" (capacità del Rogue) tradotto con "Lavoro al Secondo Piano" o "Urchin" reso con "Monello". Effettivamente alcune scelte non sono delle migliori, se consideriamo il senso che dovrebbero avere i termini originali e il modo un po' ridicolo in cui suonano tradotti alla lettera in italiano. Si tratta però del sempre presente problema delle traduzioni (noi appassionati di Martin conosciamo bene il problema delle traduzioni), che è uno di quei motivi per cui, se si padroneggia bene la lingua d'Albione, è meglio ricorrere alla lingua originale.
  9. Spagna e Catalogna: Secessione?

    Come Puidgemont speri di ottenere asilo politico intra UE sfugge alla mia comprensione. Non fa parte di una minoranza perseguitata, il suo paese è membro UE e ne rispetta le leggi, in caso di (certo) processo avrebbe tutte le garanzie della legge spagnola, quindi per quale motivo Bruxelles dovrebbe ospitare un soggetto del genere? Mi fa ridere inoltre la dichiarazione del suo amico Antoni Puigverd, secondo cui (citazione tratta dall'Huffington Post): "È diventato presidente per caso dopo la rinuncia di Artur Mas. Lo è stato con "franchezza, empatia, naturalezza", lo difende Puigverd. "Certo, nel momento della verità non ha avuto i nervi d'acciaio, la punta di cinismo e il senso della realtà, la durezza dei grandi politici, figlia di ambizioni eroiche: governare il destino dei popoli". "Ma l'ambizione di Puigdemont - dice Puigverd - è solo essere parte della gente, della sua gente", in mezzo alla quale si è tuffato sabato e domenica a Girona, prima di volare a Bruxelles." . La sua sola ambizione è essere parte della gente? Ma qui siamo al ridicolo! Un politico può pure venire dalla gente normale, ma deve essere ben altro per poterne guidare il destino, bisogna avere le sfere grosse per fare politica, cinismo, senso pratico. Qualità che, a quanto pare, il presunto leader catalano ha mancato di mostrare. Se c'è una giustizia in tutto questo, le autorità spagnole lo prenderanno in custodia, lo riporteranno in Spagna, gli sarà fatto un processo e, se le cose vanno come previsto, si farà i suoi bei anni di galera.
  10. Sigla! (Openings / Endings)

    MODERATORE MODE ON Cerchiamo di mettere un solo video per post, please, anche per dare modo a chi segue il topic di postare il suo materiale senza trovarsi bruciato più del necessario . MODERATORE MODE OFF Complimentissimi ad Erin per Gargoyles, adoravo quel cartone e sto ancora cercando di rimediare tutte le puntate trasmesse in Italia.
  11. Dragonlance?

    Un vero peccato: per quanto si sentissero spesso i dadi rollare quando si leggeva quei libri, la storia era nondimeno piacevole, almeno per chi è cresciuto a pane e D&D come me.
  12. Spagna e Catalogna: Secessione?

    Ammettiamo che la Catalogna ottenga l'indipendenza e Rajoy non decida che, visto che è già accusato di essere un franchista, tanto vale esserlo fino in fondo e mandare truppe in elicottero a prelevare i componenti del "governo catalano" per violazione dei principi fondanti della Costituzione (cosa che la Costituzione lo autorizza a fare, non c'è niente di franchista)...e vorrei vedere allora che farebbero i manifestanti che danno la vita politica e lo stato di diritto come cose acquisite, senza pensare che la guerra civile resta una possibilità concreta (ma qui si potrebbe obiettare che, essendo ancora in puzza per averla persa la guerra civile, cercano la rivincita). Essendo cresciuti a GoT e guerre in televisione, penseranno che sia tutto un gioco eccitante, quando i loro nonni potrebbero dirgli che no, non lo è affatto... Ammettendo questo, come emetteranno moneta i catalani? Non possono accedere al sistema bancario europeo, non hanno (a mia conoscenza) una riserva in oro per garantire, non possono accedere a prestiti europei né (presumibilmente) statunitensi, i maggiori istituti di credito sono in mano spagnola/castigliana. A ciò si aggiunge il fatto che 1500 aziende circa sono già in fuga dalla Catalogna, gli investitori europei sono pronti al fuggi fuggi, le compagnie di crociera mettono in discussione la stagione 2018, Barcellona ha talmente tanti studenti UE che sarebbero costretti a passare ad altre università spagnole (con tutto il bailamme burocratico e monetario che ne conseguirebbe) e svariate famiglie sarebbero spaccati tra due stati certamente non in buoni rapporti come prima. E tutto per cosa? Per quei 4 imprenditori che sperano di fare più soldi e per una classe politica che pensa bene di scaricare i problemi della regione sull'ente superiore Spagna cavalcando la mai sopita voglia di rivincita per aver perso la Guerra Civile. Si, davvero una decisione razionale e giusta, complimenti. Per come la vedo io, la Spagna ha tutti i diritti di usare tutti i mezzi fornitigli dalla Costituzione e dal diritto internazionale per "scoraggiare amichevolmente" la Catalogna. Come poi questo andrà, ce lo diranno i prossimi giorni.
  13. D&D 5a edizione (Next)

    Nuovo aggiornamento per l'uscita del manuale Xanathar's Guide to Everything (rimetto qui il link per trovare informazioni sul manuale). Online è finalmente disponibile la foto del sommario del manuale, rilasciata dalla Wizards of the Coast. Come si può notare, il manuale consta di nemmeno 200 pagine, che a un prezzo di $49,95 rende il manuale poco conveniente da un punto di vista quantità/prezzo: per fare un paragone, stiamo parlando dello stesso prezzo dei tre core manuals (PHB, DMG, MM), che hanno però sulle 300 pagine. Di queste circa duecento pagine, ben 17 sono dedicate a vari nomi per personaggi, una cosa di cui francamente non si vede molto l'utilità, con tutti i generatori di nomi che esistono online. Per quanto riguarda gli archetipi per le varie classi, si tratta poi quasi interamente di materiale già uscito sulla SCAG (Sword Coast Adventurer's Guide) e soprattutto sui vari articoli dell'UA (Unearthed Arcana), che sono gratuiti e ancora disponibili per lo scaricamento sul sito ufficiale di D&D (questo è il link aggiornato con gli ultimi articoli presenti). Parimenti già uscite sono anche le spell presenti. L'unica parte veramente interessante e nuova del manuale è perciò il Chapter 2, una settantina di pagine circa che risolvono diversi dubbi capitati in questi mesi a giocatori e DM e che vanno nella direzione di una maggiore chiarezza e snellezza delle regole, oltre che dell'aggiunta di interessanti opzioni. Un'altra importante utilità dello XGtE sta nel fatto che, in quanto manuale pubblicato ufficialmente, permetterà di usare le opzioni presenti in esso negli eventi dell'AL (Adventurers League, le partite ufficiali di D&D che si tengono in negozi e associazioni culturali sparse in giro per il mondo, Italia compresa). Personalmente, non credo che comprerò il manuale dopo aver visto questa foto: il contenuto veramente innovativo è troppo poco per giustificare la spesa. Senza contare che tra gli archetipi presenti non compaiono il sempre più utilizzato Revised Ranger e altri che il mio gruppo ha trovato veramente interessanti e che posso trovare (gratis e legalmente) sugli UA.
  14. Sigla! (Openings / Endings)

    MODERATORE MODE ON Questa è sempre un piacere riascoltarla , ma evitiamo di mettere canzoni già messe ora che c'è l'apposita lista da consultare . Il panorama dei cartoni è talmente ampio e con così tante sigle che ne abbiamo postate appena una parte . MODERATORE MODE OFF
  15. Sigla! (Openings / Endings)

    Sistemati meglio i titoli delle sigle di FMA e FMAB, proseguo su quel versante e metto la sigla della terza stagione di Full Metal Alchemist Brotherhood, a mio parere una serie migliore dell'originaria FMA sia per qualità della storia che per sigle: