Jump to content

MezzoUomo

Utente
  • Content Count

    2,881
  • Joined

  • Last visited

4 Followers

About MezzoUomo

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 05/24/1976

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Recent Profile Visitors

2,015 profile views
  1. MezzoUomo

    serie tv

    'ste cose dei boicottaggi mi stroncano...
  2. https://decider.com/2019/05/21/game-of-thrones-hbo-profits/ $2.2 Billion Worth of Profit for HBO Alla voce "Talent Participation" si può intuire perché il povero GRRM fatichi a trovare gli stimoli per finire la saga... e anche perché, malgrado il crudele scempio apportato dal dinamico duo al suo capolavoro che nessuno leggerà, si presentasse sempre agli Emmy con un sorriso a 48 denti.
  3. MezzoUomo

    serie tv

    Heroes era partita bene ma naufragata in fretta, per quanto ricordo. Viste due serie "veloci" di Netflix. "How to Sell Drugs Online (Fast)", teen comedy tedesca per ora in due stagioni di sei episodi brevi l'una (terza in lavorazione), carina e strappa diverse risate, soprattutto con la S2. "The Russian Doll", una stagione da otto episodi brevi (ci sarà una seconda), non male, con spunti interessanti che però non vengono sfruttati a pieno, finale che mi ha lasciato tiepidino, ho letto recensioni entusiasmanti per me parecchio fuori luogo. In generale continuo a pensare che Netflix sia Satana e che il formato "stagioni brevi di episodi brevi per il binge watching" porterà (ha già portato, in realtà) alla fine della "Golden Age of TV".
  4. E' una saga che ha fatto la storia e fai sicuramente bene a leggerla. Detto questo, per me l'universo creato da Herbert è estremamente affascinante e ben concepito. La storia è anche interessante (soprattutto all'inizio, dopo si perde progressivamente ma inesorabilmente) ma l'esecuzione è veramente molto "pesante" e distante dal mio modo di intendere un romanzo.
  5. MezzoUomo

    serie tv

    Oltre a metterci (molti) più soldi, penso avrebbe potuto dare alla serie quella "profondità" che un po' le manca e che le impedisce di uscire dalla gabbia del prodotto del genere. Cioè per me c'erano le basi per farla diventare la GoT della Fantascienza in Tivvì, e invece no. Sempre una roba bella e fatta bene e che mi piace ma non trascende dalla sua nicchia.
  6. Mi sono un po' bagnato. Villeneuve ha dichiarato di voler fare StarWars come sarebbe piaciuto a lui e un po' si vede, anche se resta quella sensazione di distacco tipica dei suoi film che nulla ci azzecca con Star Wars ma forse potrebbe andare per questo. Casting buono e molto furbo, tratto da una saga (per me pesantissima e sopravvalutata e l'ho pure letta tutta) per anzianotti ma attori che strizzano gli occhi ai giovanotti. In ogni caso anche se fossero stati trenta trovati in terra e Zendaya, per altro nel ruolo della compiantissima Sean Young, avrei detto lo stesso (se non le danno l'Emmy per Euphoria mi irrito). Dovrebbe essere la prima parte e ci può anche stare, in effetti mi ero un po' preoccupato non vedendo Feyd Rautha. L'avessero fatto fare in due parti pure a Lynch magari... (quello dell'84 resta comunque una roba leggendaria come ogni cosa sfiorata dalla mano del Maestro, disastrosa ma leggendaria...) Vedremo.
  7. MezzoUomo

    serie tv

    The Expanse bella serie, godibile, ma mi chiedo cosa ne avrebbe potuto tirare fuori HBO... Ho visto The Outsider, miniserie HBO tratta da roba di Stephen King. Molto leeentaaa ma con una parte centrale che ho trovato pregevole nell'esecuzione, mentre soffre l'avvio (l'ho già detto che è leeeentaaa?) e una chiusura un po' troppo blanda, sia come scrittura che come realizzazione. Interessanti le scelte registiche, il cast buono ma a parere mio un po' troppo "piatto", tranne la molto brava Cynthia Erivo e il sempre apprezzabile Jason Bateman. Comunque piacevole, soprattutto dopo quella schifezza inqualificabile di Gangs of London.
  8. A me la Williams non pare una grande attrice, non la vedo superiore alla Turner, che comunque con il matrimonio e il bambino appena nato ha ampie ragioni per essersi defilata.
  9. MezzoUomo

    serie tv

    Vista la S1 (finora la unica rilasciata in Italiano) di Yellowstone. Un po' troppo "drammone" forse, ma si lascia decisamente guardare, soprattutto se come me è si è affascinati dal backcountry americano. E poi c'è Kevin Costner... Sto vedendo la S1di Gangs of London. Non parte male ec'è una discreta cura degli elementi formali, ma la scrittura è veramente risibile e ogni sospensione dell'incredulità è bella che andata entro la 1*4. La finirò ma non credo vedrò la S2.
  10. Breaking Bad, se si esclude l'ultima stagione e soprattutto gli ultimi episodi, ha faticato a stare sopra i due milioni a puntata. Chiarisco il mio pensiero su un paio di punti. Non penso che GoT sia partito come un "prodotto da serie B", perché nessuna serie HBO parte con questo tipo di ambizione, a maggior ragione una serie con un budget per la S1 di 50 milioni di dollari. Quando ho scritto dell'ambizione di GoT , certo non intendevo che D&D pensassero di fare 40 milioni di gross views a puntata con l'ultima stagione, a quello non credeva nessuno. Quello che intendevo è che GoT è stata concepita sin dall'inizio come una serie pop, nel senso più puro del termine Ovvero come un prodotto che ambisse ad avere un riscontro (indipendentemente dalla "eventuale quantificazione" in termini numerici di detto riscontro) più traversale possibile. Una serie che piacesse a uomini e donne, bianchi e neri, vecchi e giovani, istruiti e ignoranti, gente di città e gente di campagna, Repubblicani e Democratici, fissati del fantasy e gente che manco sapeva chi fosse Tolkien. Un tipo di pubblico, pertanto, del tutto diverso tanto da quello di riferimento del fantasy (prodotto di nicchia per eccellenza) ma anche dalle serie TV "di qualità" delle quali di solito si parla, prodotti di nicchia anche loro, non solo per i numeri (che pure contano) ma anche per il loro spettatore di riferimento. Tanto per dirne una, Mad Men, serie certamente tra le migliori di sempre, non credo sia mai stata vista da qualcuno che guidi un pick-up indossando un baseball cap. Chernobyl, forse la cosa più bella che abbia visto su uno schermo, grande e piccolo, negli ultimi anni, ha fatto una media di un milione di spettatori a puntata, credo tutti andati almeno al college. GoT non solo l'hanno vista, letteralmente, decine e decine di milioni di persone, l'hanno vista, letteralmente, tutti. L'ho vista io e l'ha vista mio padre e l'hanno vista i miei nipoti, l'ha vista la mia ex-moglie che non sopporta manco Tolkien, mia zia che si copriva gli occhi durante le scene di sangue e i colleghi sessantenni che in TV al massimo guardavano la partita su Sky. E questa ambizione pop (che, posso dirlo, per me era anche quella iniziale di GRRM e il fatto che lui se ne sia scordato e D&D no la dice lunga su un sacco di cose, ivi incluso sul "rispetto dello spirito dei libri") ha condizionato radicalmente tutte le scelte, stilistiche, linguistiche, recitative e quant'altro della serie. Le quali hanno alla fine portato al risultato, per me incredibile, che la serie TV più influente e significativa degli anni '10 non sia un drama (magari medical, magari di Shonda Rhymes) dell'ABC / NBC / CBS, ma un fantasy pseudostorico con i draghi e gli zombie su una cable TV. Boh, come si suol dire, più di questo...
  11. La coerenza è la virtù dei cani, o qualcosa del genere.
  12. Senza entrare nel merito delle dotte disquisizioni sulla qualità e/o sul livello tecnico di GoT, sommessamente mi permetto di far notare che l'ambizione, a me pare nemmeno tanto nascosta, di D&D non fosse quella di produrre una serie che fosse "alla pari" di MadMen, Breaking Bad o altre serie molto influenti e che non ha visto nessuno o quasi. La loro ambizione era quella di girare la serie pop che definisse la televisione degli anni '10. In buona sostanza la Grey's Anatomy del secondo decennio del terzo millennio. Ci sono riusciti alla grandissima. Da esordienti. Con l'autore che li ha mollati a metà strada. Su una CableTv. Con un FANTASY. Come dicono i giovani amerigani, Let that sink in
  13. Parlo ovviamente a titolo strettamente personale, ma sono proprio le sue promesse (in palese malafede) che mi hanno fatto proprio cambiare il giudizio nei suoi confronti. L'ho (più o meno) sempre difeso, sino al giorno in cui non mi è cascato l'occhio, dopo anni in cui l'avevo evidente rimosso, sul post-scriptum ad AFFC, quello in cui promette ADWD entro l'anno successivo. Oramai lo considero un ballista cronico, ha perso la mia fiducia e stop e trovo il suo atteggiamento degli ultimi anni non solo insopportabile, ma anche inaccettabile. Ovviamente comprerò TWOW il minuto stesso in cui sarà disponibile.
  14. Volevo chiedere se è stato lanciato un GoFundMe per la cauzione del povero Giorgione.
  15. MezzoUomo

    serie tv

    Sì, Succession ha sicuramente un'ambientazione un po' di nicchia, se non si conosce bene la materia temo possa diventare ostica e forse anche noiosa. Scrittura, in ogni caso, di livello cosmico rispetto alla media attuale.
×
×
  • Create New...