Jump to content

Exall

Utente
  • Content Count

    4,008
  • Joined

  • Last visited

About Exall

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 07/16/1982

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Interests
    Antica Roma, in particolare il primo periodo imperiale, storia, letture impegnate, spazi ortocosi, sistemi di sistemi, articoli tecnici, ...

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Chiedo scusa, è evidente che ho capito male perchè avevo capito di non aprire altri topic appositi. Stai chiedendo di censurare completamente l'argomento?
  2. Per una volta la fortuna gira le spalle ad Hamilton Incomprensibile decisione che gli è letteralmente costata la vittoria già in tasca del GP. Però devo complimentarmi per la reazione a fine gara. Ha giustamente fermato la macchina e contato fino 100 per poi ritornare e, nonostante la gran voglia di andare a scolarsi la bottiglia da solo (cosa che stava per fare), ha avuto la forza di tornare per l'intervista senza spaccare la bottiglia in testa all'intervistatore
  3. Visto che il topic sull'invasione dell'ucraina è stato chiuso, ci toccherà riseguire da qui le vicende relative. Una centrale di produzione di carbone, attaccata oltre 40 volte negli ultimi giorni dalla fazione filorussa, ha infine fermato la produzione dopo l'ennessimo bombardamento pesante. http://www.kyivpost.com/content/ukraine/ukraines-largest-coke-plant-halts-production-after-heavy-shelling-389366.html E negli stessi bombardamenti ammazzate almeno due persone, un civile e un soldato ucraino. http://uk.reuters.com/article/2015/05/24/ukraine-crisis-metinvest-idUKL5N0YF03O20150524 L'attacco è un evidente attacco alle capacità produttive ucraine, considerando che la fabbrica copriva circa il 40% della produzione nazionale. The attacks at Avdiyivka closed down a major coke-producing factory owned by Ukrainian steelmaker Metinvest. Producing 40 percent of Ukraine's coke, it is the main employer in the town and has become a target for the separatists since they took up arms against the government last April. E avanzata del progresso in russia... sotto forma di nuove leggi che... The new law will give authorities the right to prosecute non-governmental organisations if considered “undesirable” or a threat to national security. http://www.euronews.com/2015/05/24/russia-introduces-a-new-law-against-undesirable-ngo-s/ Insomma, basta che si è considerati "undesirable" e si può essere sbattuti fuori.
  4. Anche se a qualcuno non piace, siamo nella NATO, e il principale avversario della NATO è la Russia che in continuazione invia bombardieri in prossimità degli spazi aerei dei nostri alleati. Ergo, dobbiamo pensare a cosa fa la Russia. Questo si chiama stare in una alleanza. E si pianifica pensando ai prossimi decenni. Sono semplicissime nozioni. Poi è ovvio che c'è anche la questione medio oriente e mediterraneo... dove ci sono diversi paesi che si stanno armando e costruiscono aviazioni e marine non certo da terzo mondo. Ergo, su tutta la linea, quello che serve è un'accorta e attenta politica di ristrutturazione delle forze armate, e magari fondi in più e meno sprechi, dove per sprechi leggasi 70% di spese nel personale. Questa è la situazione.
  5. Exall

    Interstellar

    Non sono sicuro, ma ricordo che viene chiuso lo spazio pentadimensionale o quello che era, quello in cui insomma il protagonista giocava con la gravità per mandare messaggi indietro. A parte questo, non mi sembra che si dica che il varco è chiuso.
  6. Se domani la russia attacca la lituania o altri domani dovremo già avere a disposizione uno strumento efficace per soccorrerla. Ergo, si fa una normale programmazione e normale politica di armamento. inoltre, se abbiamo avuto un sessantennio di pace virtuale che ci fa addirittura dire che cosa compriamo a fare un bombardiere, è proprio perchè siamo nella nato o comunque in un blocco che ci da la relativa sicurezza, non certo perchè non ci sono più le guerre. Di conseguenza abbiamo anche obblighi verso questa alleanza, e già li assolviamo anche male, visto che siamo ben lontani dal 2% del PIL della spesa da investire nella difesa. Ergo, giustizia dice che lo stato deve impegnarsi a garantire che il pensionato non si ritrovi sul lastrico perchè un paese X lo ha invaso e buttato sulla strada. Per cui, il pensionato magari non vedrà realizzati tutti i suoi sogni, del resto manco io li vedrò realizzati, ma queste sono cose che non influiscono sulla necessità di dotarci di uno strumento utile.
  7. Magari passi un attimo per cameri e vedi gente al lavoro, vai a dirgli che in verità hai dubbi che lavorano Quello che è vergognoso sono gli argomenti populisti. Uno stato ha il diritto/dovere di difendersi, specie poi quando in giro per il mondo ci sono nazioni come la russia che mandano in continuazione bombardieri a minacciare la sicurezza di altri paesi NATO. E noi siamo nella NATO, per cui abbiamo anche il compito di difendere gli altri paesi e integrarci nel relativo schieramento.
  8. Eh, aspetta, il nostro dio ci dice di porgere l'altra guancia... insomma, qui balla il grande paradosso della cristianità. Come combattere un nemico che agisce con una furia cieca volta a distruggerti? Ci buttiamo nell'olocausto reso in omaggio a un altro dio? O e la volta buona che ci si girano gli attributi, chiudiamo un pò il libro (chiudiamo in vaticano il papa per qualche settimana), e ribadiamo il nostro diritto di esistere? Comunque, per me c'è bisogno di un intervento terrestre. Il problema è che in Iraq è fattibile, meno in siria data la comunella con Putin. Quello che è certo è che la faccenda di israele-Palestina non verrà mai chiusa completamente, e pure senza questa, scuse per i terroristi ne salteranno sempre fuori, inutile farsi illusioni.
  9. In definitiva, oltre ai soldati sul terreno, avete qualche soluzione in mente? Oltre all'evidenza che i bombardamenti aerei da soli non bastano, c'è anche la solita riconferma che la diplomazia non basta e la solita inutile violenza... risulta purtroppo necessario contro menti decise a portarla agli estremi livelli e a farne la propria ragione di esistenza e di verità
  10. Tra le riflessioni che si possono tirare c'è quella in cui per la seconda volta si prova ad intervenire con le incursioni aeree (in precedenza il caso libia) e per la seconda volta l'effetto è praticamente quello di dare il via libera alle bande armate.
  11. Nel mentre la Turchia si appresta a impostare la sua prima portaerei (leggera). Obiettivo: avere un sistema di proiezione in grado di permetterle di incidere di più nel corso delle varie crisi regionali. http://www.lastampa.it/2015/05/22/esteri/la-portaerei-di-ankara-da-miliardi-di-dollari-9KjKjIWcNxr6f29hFPGtbJ/pagina.html Perché mettere la notizia qui? Perché il tipo di nave richiede... l'F35B. Probabile dunque un'altra commessa di F35B questa volta da parte turca. E' da vedere se saranno aerei che si aggiungeranno ai precedenti previsti del modello A o se il relativo ordine si sovrapporrà con il precedente.
  12. Exall

    Pazza Inter amala

    In effetti sono d'accordo che per fare il salto di qualità servirebbe cambiare presidente, visto che ad oggi non ho visto ancora traccia di un piano organico di sviluppo. Poi magari qualcosa si sta muovendo dietro le quinte, ma a livello di rosa mi sembra più che evidente stia in fase di lento declino.
  13. Condivido, partita tosta e bella prestazione dei laziali, onore al merito (e anche al pubblico, pazienza i soliti laser). E ci portiamo a casa il secondo trofeo della stagione E menzione d'onore anche per Chiara Galiazzo, forse la migliore interpretazione sentita finora dell'inno nazionale da una voce femminile
  14. A me "l'articolo" è piaciuto un sacco perchè devo sopportare cose come quelle praticamente tutti i giorni E la menata sulla champions la tiravano fuori con molto piacere fino a pochi giorni fa, ora gli si strozza la voce solo a pensarci
  15. Segni di pace in Libia latitano. Di inizio anno la notizia di una nave petroliera greca bombardata mentre cercava di prelevare petrolio libico. Oggi invece è stata la volta di un cargo turco, per i turchi che navigava in acque internazionali mentre per i libici in avvicinamento a un porto per consegnare armi. Certo è che per essere riusciti a colpirlo con una discreta precisione, la nave non doveva essere molto lontana dalle coste. Bilancio un ufficiale dell'imbarcazione turca morto e diversi feriti. Alla base dell'attacco ci sarebbe una divergenza di opinioni circa la fazione da appoggiare. I turchi appoggerebbero (e rifornirebbero) il governo di Tripoli mentre a Tobruk ci sarebbe l'altro governo appoggiato da buona parte della comunità internazionale (e dall'egitto). In mezzo, una miriade di fazioni. http://www.lastampa.it/2015/05/11/esteri/nave-turca-bombardata-al-largo-della-libia-un-morto-QBUHF5Ha0CWyIbCAn4EsGO/pagina.html
×
×
  • Create New...