Jump to content

Lord Beric

Alto Ufficiale
  • Content count

    21,635
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Lord Beric

  • Rank
    Custode dei Corvi Messaggeri
  • Birthday 12/23/1982

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Calcara di Crespellano (BO)
  • Interests
    Salvare il mondo XD

Contact Methods

  • Skype
    matteo.patane

Recent Profile Visitors

1,397 profile views
  1. Lord Beric

    Vaccini: sì o no?

    Il problema di una discussione di questo tipo è che non è possibile un compromesso, almeno non nei termini in cui io mi pongo la questione. L'esempio fatto da Balon qui non può funzionare. Balon può evitare di viaggiare in aereo, questo magari gli precluderà che so io dei viaggi in Nuova Zelanda, questa limitazione riguarda lui e la sua famiglia e la sua cerchia di amici con cui va in ferie, e la cosa finisce lì. Nel caso dei vaccini, la scelta del singolo ricade sugli altri, e in particolare modo sui più deboli e indifesi (persone malate o semplicemente troppo piccole per essere vaccinate). La soluzione "ehi, viviamo tutti in pace, voi vi vaccinate e voi no senza tanta cagnara" non è praticabile; per come la vedo io, non c'è compromesso. Quando Copernico disse che la Terra girava intorno al Sole e non viceversa non cercò un compromesso; non si poteva dire che per sei mesi era la Terra a girare intorno al Sole e per gli altri sei il Sole a girare intorno alla Terra giusto per amore di dialogo e di civile cortesia. Una teoria era suffragata da dati sperimentali in pressoché ogni situazione di osservazione, dove l'altra invece crollava miseramente. Giocare alle figurine e dire "beh dai, la varicella in fondo non è troppo grave, non vacciniamoci, ma tu in cambio mi prometti che fai il vaccino per la difterite" non è a mio avviso la strada ottimale. Al di là del fatto che legittima posizioni no-vax che scientificamente non sono allo stesso livello delle controparti, ciò che secondo me è più grave è che conduce a percorrere strade che sono, passatemi il termine un po' informatico, meno che ottimali per quello che dovrebbe essere l'obiettivo di fondo, ovvero massimizzare la probabilità di sopravvivenza senza danni permanenti da parte dell'individuo. Questo non significa che la scienza immunologica sia arrivata al suo dogma ultimo e finale: tra trent'anni ci saranno nuove scoperte, malattie debellate che renderanno inutili certi vaccini e magari ce ne saranno altri al loro posto. Magari ci sarà qualcosa di talmente rivoluzionario da rendere obsoleto il concetto di vaccino. Questo per dire che è giusto essere aperti verso nuove evidenze scientifiche, da qualsiasi parte provengano... purché rispondano a certi standard di serietà e competenza scientifica. Oggi la situazione è che un vaccino contro una certa malattia è statisticamente centinaia/migliaia/decine di migliaia di volte più sicuro dal prendersi quella stessa malattia. Accettare compromessi al ribasso in nome del dialogo e del quieto vivere... ma anche no, perché un compromesso al ribasso significa un numero maggiore di persone morte o con danni permanenti. Certo, ci può essere il singolo caso di persona che ha una reazione grave ad un vaccino e che invece se si fosse preso quella stessa malattia ne sarebbe uscito senza problemi. Ma è appunto per questo che si parla di statistica. Per quanto possa essere doloroso per la singola persona impattata, se su un piatto della bilancia abbiamo una vita e sull'altro ne abbiamo migliaia (il rapporto è questo), mi venite a dire quali dovrebbero essere i compromessi a cui tendere? Se poi invece vogliamo darci come obiettivo il combattere il sovraffollamento del pianeta... allora ribaltiamo tutto lo scenario.
  2. Lord Beric

    Euro o Lira?

    Ovviamente Euro. Tornare alla Lira con i debiti denominati in Euro sarebbe mortale.
  3. Il nome con cui si chiama una cosa è spesso indicativo del concetto che vi si vuole sottintendere. Maternità surrogata e utero in affitto, però, almeno per come la vedo io non sono due nomi diversi per chiamare la stessa cosa, ma due fenomeni distinti che si appoggiano sulla medesima tecnologia. Non è un modo per correggere chi ha postato prima di me, in fondo anche Wikipedia passa i due termini come sinonimi, ma secondo me nella vulgata comune spesso si intendono cose un po' diverse. Con il primo termine si intende un semplice ausilio tecnologico alla genitorialità: una donna che ha magari difficoltà a portare avanti una gravidanza senza incorrere in aborti spontanei si appoggia sul corpo di un'altra donna. Con il secondo termine si intende generalmente un "mercato delle gravidanze" più o meno strutturato, fino all'estremo distopico di una popolazione di fascia A che sfrutta le donne di fascia B come uteri in batteria. Se vogliamo dare un'impronta etica alla discussione, esattamente quali sono le motivazioni etiche contro l'utero in affitto, inteso come mercificazione anche a scopo di lucro (o di sussistenza) del proprio utero? La butto lì con una provocazione altamente cinica, che vi prego di prendere come tale e non in modo offensivo, è volta allo scopo di tirar fuori delle risposte precise: in fondo, crea una nuova figura professionale, appunto quella dell'affittatrice di utero, "Venite a far impiantare il vostro bambino da Carmelina A'Mammeta, già diciassette gravidanze portate a termine perfettamente, sconti per i parti gemellari".
  4. Lord Beric

    Jorah Mormont

    Primo della Guardia della Regina lo abbiamo interpretato come Lord Comandante della Guardia Reale quando abbiamo schedato AGOT... se vogliamo rimettere in discussione la cosa OK, ma allora ci andrebbe un titolo apposito.
  5. Lord Beric

    Irri

  6. Lord Beric

    Forca Verde

    Uhm... tanto americani quanto francesi sembrano tenere conto di quella parte nella descrizione del fiume... se accettiamo anche noi questa visione provo a revisionare la voce.
  7. Lord Beric

    AGOT - Uscita 16

    Perfetto, uppo.
  8. Lord Beric

    Luwin

  9. Lord Beric

    Lynesse Hightower

    Perfetto, modificato.
  10. Lord Beric

    Forca Rossa

  11. Lord Beric

    In morte di Marchionne

    Quando parlavo di impatti generali della figura di Marchionne nel nostro Paese, più che altro, mi riferivo ad altri tre aspetti che mi pare che non siano ancora stati toccati nella discussione e che getto molto volentieri nel calderone: - l'uscita da Confindustria - l'introduzione di un contratto aziendale in sostituzione di quello nazionale - la scelta di portare la quotazione principale di FCA alla Borsa di New York
  12. Lord Beric

    Strega dei Venti

    Aggiungo che gli americani hanno invece ritenuto ambigua l'informazione mettendo che la nave potrebbe provenire dall'una come dall'altra città. I francesi invece, cercando una soluzione coerente, hanno ritenuto che Eddard si sia semplicemente confuso o avesse avuto un'informazione sbagliata, e che la seconda frase fosse più affidabile. Questo secondo modo di agire è più in linea con la nostra politica (da sempre, la riorganizzazione delle categorie c'entra poco) e l'abbiamo applicato anche noi.
  13. Lord Beric

    Tregar Ormollen

    Segnalo che nella voce di Lynesse, recentemente aggiornata, non si fa menzione di questa data. Se è corretta, ricordiamoci di aggiornarla anche lì.
  14. Lord Beric

    In morte di Marchionne

    Vero, però come CEO aveva l'onere e l'onore di "dettare la linea". Se al suo posto ci fosse stato un altro, a parità di condizioni di contorno immutate (almeno quelle del 2004, poi è chiaro che cause ed effetti si intrecciano e lo scenario si complica), dove saremmo oggi? Fiat chiusa? Nazionalizzata? O magari un'azienda comunque sana ma senza la fusione con FCA? O magari comprata da qualche gigante tedesco o giapponese? La sede sarebbe rimasta a Torino? Comunque, per tutti i timidi, forza, non limitatevi a "commentare i commenti", dite la vostra sul tema di fondo. Avere Marchionne alla guida di Fiat/FCA è stato un bene o un male per l'azienda? E per l'Italia?
  15. Lord Beric

    In morte di Marchionne

    Per quanto possa essere un esercizio opinabile, penso che l'unico modo onesto di valutare sia provare a ipotizzare cosa sarebbe successo se non ci fosse stato lui alla guida di Fiat/FCA in questo quindicennio...
×