Jump to content

joramun

Utente
  • Content Count

    4,628
  • Joined

  • Last visited

5 Followers

About joramun

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 02/16/1986

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Formia(LT)
  • Interests
    Il 3,8% per prestiti entro i 10.000 euro.
    Per cifre maggiori salgo al 6%.

Recent Profile Visitors

747 profile views
  1. Sono 5 o 6 anni che il Milan parte da un nuovo "anno 0", ed ogni volta succede perchè l'anno prima si è fatto il passo più lungo della gamba, si sono voluti prendere i giocatori col nome "perchè comunque siamo il Milan", si è puntato sulle bandiere con un esperienza in panchina prossima allo zero, e con ancora meno idee di gioco, si facevano campagne acquisti fantasiose e si arrivava a prendere in giro i tifosi promettendo champions facili o addirittura lotta per lo scudetto. Adesso invece hanno capito che bisogna abbracciare in toto il ridimensionamento, e ricostruire andando per gradi. Oggi sei fuori dalla coppa UEFA? Bene, l'obiettivo per la prossima stagione è quello di ritornarci, possibilmente coi conti a posto. Poi si lavorerà per puntare ad un posto in Champions sudato; poi per un ritorno stabile nelle prime 4. Per un percorso del genere, Giampaolo, allenatore con una marcata identità di gioco, è l'ideale.
  2. Agnelli lo scorso anno: "Dobbiamo metterci nelle condizioni di prendere il prossimo Cristiano Ronaldo, ma questa volta di prenderlo a 25 anni". Si era sbagliato su due cose: non lo abbiamo preso a 25 anni ma a 20, e non gioca nel ruolo di Cristiano Ronaldo ma in difesa.
  3. Sulla carta la Juve continua ad essere ancora avanti a tutti: serviva svecchiare la difesa e sono arrivati, in una sola sessione di mercato, Romero, Demiral (sorpresa assoluta, segnatevelo) e De Ligt; in attacco abbiamo addirittura da scegliere chi fare fuori, e come scegli scegli peschi gente che sarebbe titolare nel 90% delle squadre europee; in mezzo, beh...basti pensare che, ipoteticamente, la juve potrebbe permettersi di schierare un centrocampo Ramsey - Rabiot - Emre Can, per cui avrebbe pagato 0 euro di costo di cartellino. Se non è programmazione questa, non so cosa possa esserlo. Poi però la "carta" va portata sul campo e, da che mondo è mondo, nessuna distinta ha mai vinto le partite. Da quel punto di vista andrà valutato l'impatto del nuovo allenatore, sopratutto nella capacità di entrare in sintonia con ambiente e calciatori, perchè più il gioco è dispendioso e certosino nell'applicazione, più è probabile che i grandi calciatori siano restii a sbattersi per applicarlo come si deve. Per questo metto in conto che la Juve possa partire col freno a mano un po' tirato, e sarà eventualmente da valutare al cospetto delle rivali quanto questo ritardo potrà risultare penalizzante. A proposito di rivali... Inutile dire che l'arma in più dell'Inter sarà Antonio Conte. Il "Misdè" noi Juventini lo conosciamo bene: non ha concetti tattici rivoluzionari o particolarmente arzigogolati, ma proprio la sua semplicità può diventare un fattore vantaggioso, perchè i calciatori ci mettono poco ad imparare i meccanismi e si sentono tutti immediatamente coinvolti. Che è poi l'arma più pericolosa a disposizione di Conte: noi ci abbiamo vinto due scudetti con due gol (Borriello a Cesena, Giaccherini a Catania l'anno dopo) segnati da due carneadi senza alcun ruolo primario nella squadra; ma è questo il suo talento...chiunque, nelle sue squadre, può essere l'uomo della provvidenza, quello che fa la stagione da fenomeno o che tira fuori la prestazione che ti fa vincere lo scontro diretto della situazione. Ogni fondo di ogni barile è raschiato, ogni limone è spremuto...per questo dopo 2-3 anni deve andare via. Discorso a parte per il mercato, su cui dico solo una cosa: Lukaku, per cui tutti si stracciano le vesti, vale forse un quarto del partente Icardi. Ma ad essere generosi. Il Napoli è l'altra antagonista della Juve, forse la più pericolosa. Ancelotti è arrivato, si è sistemato, ha visto dove andava migliorata la squadra, e adesso sta agendo per costruire una rosa di livello, potendo contare tra l'altro (unica squadra tra le top 6, oltre all'Atalanta) sul fatto di non aver cambiato la guida tecnica durante l'estate. Hanno rafforzato tantissimo la difesa col colpo Manolas (ma occhio a dare per scontata l'intesa con KK), e con James potrebbero finalmente avere il calciatore di spessore internazionale che è mancato in questi anni. Dietro queste 3, destinate quasi certamente a giocarsi lo scudo, vedo un Milan che finalmente è riuscito a ficcarsi in testa l'idea di dover ripartire per gradi, scalando una posizione alla volta e comprando calciatori funzionali ad un idea di gioco e ad un progetto tecnico, invece che nomi roboanti presi giusto per dare l'idea di "noi siamo il Milan". Si giocheranno il quarto posto con una Roma che mai come a sto giro vivrà il suo Anno 0, de-romanizzata e ridimensionata e la Lazio, di cui si parla sempre poco, per poi stupirsi quando a marzo ce la si ritrova ormai stabilmente tra il terzo e il quinto posto. Menzione a parte per l'Atalanta, che rappresenta un caso più unico che raro di squadra che inizia la sua stagione avendo già vinto. A Bergamo si godranno un viaggio meraviglioso fino a dicembre (poi chissà), e sarà un premio fantastico alla società italiana che negli ultimi anni, Juve ha parte, ha lavorato meglio e con maggior criterio.
  4. joramun

    Pazza Inter amala

    Una razionalizzazione da manuale. 10+ Che è quello che ho detto io, eh..."negli ultimi 10 anni, l'unico top team europeo a non aver fatto affari con Raiola è il Real, e forse forse il Bayern".
  5. joramun

    Pazza Inter amala

    Ho dato uno span di 10 anni. In questo lasso di tempo l'unico grande team a non aver trattato alcun giocatore della scuderia Raiola è il Real. Forse il Bayern ma vado a memoria. Il Barça trattò ed ingaggiò Ibra, il Liverpool ingaggiò Balotelli, lo United ha in squadra Pogba, il City ha il giovane difensore Sandler. Ciò non toglie che prima, stando a quanto scritto qui, fosse il maneggione numero uno. O lo è ancora adesso oppure non lo era neppure prima. Che si sia redento tipo San Paolo sulla via di Damasco mi pare una soluzione...diciamo cosi...un po' di comodo.
  6. joramun

    Pazza Inter amala

    Se è la solita, allora è quella dove c'era anche Marotta. Che però adesso lavora per voi. Sarà un infiltrato... Tenetevelo, allora. Lo mettete in tribuna per un anno e mezzo fate vedere di avere il pugno di ferro. Difficile rispondere se non si fanno nomi e cognomi. Ipotizzando tu ti riferissi a gente come Raiola, l'unica squadra blasonata a non aver mai trattato suoi giocatori negli ultimi 10 anni credo sia il Real. Che erò adesso vorrebbe (pare) mettersi in casa Pogba. Sarà allora che tutte le altre società gli sca**i e le sceneggiate dei procuratori li mettono in conto e sanno di doverci avere in qualche modo a che fare, mentre all'Inter parte subito la sindrome di Calimero del "siamo piccoli e neri....solo contro di noi si ordiscono queste trame oscure. Mondo crudele."
  7. joramun

    Pazza Inter amala

    Comunque, per vanificare i piani di questa nuova, ennesima, Spectre che si è accanita contro l'Inter (ricordando che in quella di prima molti di quelli che scrivono qui ci inserivano lo stesso Marotta, ora ovviamente redento), è sufficiente fare una cosa semplicissima: vendere a chi dite voi. Essendo ancora proprietari del cartellino, non dovrebbe essere difficile.
  8. Considerando che Zidane, Klopp e Guardiola erano inamovibili da dove si trovano, è stato preso il meglio a cui si potesse sperare di arrivare, specie nell'ottica di dotare la squadra di una precisa identità tattica e di gioco. Adesso sarà fondamentale la sinergia di intenti e di metodi tra società e allenatore, specie in questo primo periodo di incertezze e perplessità in cui a Sarri gli juventini, specie quelli più attaccati a baggianate tipo "lo stile juve", non perdoneranno nemmeno uno spillo. E sarà fondamentale svecchiare la squadra andando ad agire su ruoli fondamentali, come la coppia di centrali che se dovrà (e dovrà farlo) giocare a 40 metri dalla porta, non potrà avere un età media di 33 anni. Se poi qualcuno si fosse stufato del grigiume di Manchester e volesse tornare...
  9. L'ufficialità continua a slittare, ma ormai credo ci siano pochi dubbi in merito. Tra l'altro credo questo sia stato un grosso errore di comunicazione della società, perchè cosi facendo ha creato il vuoto in cui si è inserita tutta questa manfrina ridicola. Avrebbero fatto meglio a posticipare il divorzio da Allegri o ad annunciare Sarri subito dopo le finali di coppa.
  10. Poche cose hanno raggiunto i livelli di ridicolo toccati da parte del tifo juventino in questi giorni. Sui social si è generata una vera è propria psicosi da negazione, per cui più si diceva che Guardiola NON sarebbe arrivato, e che sarebbe arrivato Sarri, e più la gente (sobillata da cialtroni patentati) andava a cercare la foto rubata, la storia instagram, il volo segreto nella notte, che nella loro testa bacata avrebbero dovuto "smentire tutto" e dimostrare che i giornalisti "non stavano capendo nulla". A questo si è aggiunta la pletora di gigantesche idiozie sul fatto che Sarri non avrebbe lo "stile Juve" (la panzana delle panzane...una roba inesistente e mai esistita) perchè fuma, dice le parolacce, è omofobo e risponde male e "i bambini...mioddio perchè nessuno pensa ai bambini!!" Il combinato disposto di questi due fenomeni ha generato come risultato il fatto che molti tifosi stanno reagendo all'arrivo di uno dei migliori allenatori disponibili sulla piazza, come se fosse arrivato (con tutto il rispetto) un Ballardini qualsiasi.
  11. Cioè dovremmo rimpiangere Marotta per qual motivo? Perchè non abbiamo ancora il nuovo allenatore nonostante siano trascorsi soli 4 giorni dalla fine della stagione ufficiale?
  12. Perchè quelli decenti erano 12-13 massimo. C'è una sostanziale differenza: che quando prese Conte la Juve veniva da due settimi posti, quindi poteva permettersi di scommettere su un allenatore poco titolato ma con un grande carisma e un grande passato juventino; con Allegri si veniva da tre scudi consecutivi ma ancora non si era fatto il salto di qualità in europa, e quindi si optò per un buon gestore che aveva già vinto lo scudetto. Quindi in entrambi i casi si tratta di scelte perfettamente coerenti con il percorso e lo status della Juve in quel momento. Adesso si tratta di trovare l'allenatore al quarto/quinto organico d'Europa per qualità e quantità. A me il nome di Sarri (pur avendo lo stesso qualche dubbio di "compatibilità" con l'ambiente) piace parecchio, e per un semplice motivo: io mi auguro che la svolta che ha in mente la società consista nell'instaurare un modello stile Ajax, in cui non solo la prima squadra, ma l'intera società si riconosce in uno stile di gioco ed identità tattica, che si adotta a tutti livelli, dai pulcini all'Under 23. Cosi i giovani del vivaio vengono su già formati rispetto ad uno stile di gioco, ne assorbono le meccaniche e i movimenti, ed arrivano quindi in prima squadra già pronti. Bisogna anche valutare che squadra avesse al City quando è arrivato e che squadra si ritroverebbe alla Juve oggi. L'organico di QUEL City e di QUESTA Juve non sono nemmeno lontanamente paragonabili. Al Bayern ha fatto spendere soldi, vero, ma non robe clamorose...pariamo di campagne acquisti da un centinaio di milioni, che al momento la Juve può tranquillamente permettersi. Guardiola da più garanzie di equilibrio tra risultati e bel gioco rispetto a Sarri, ma secondo me il caso mediatico montato su sti giorni quello resterà, una bolla di fake news. Comunque il punto sta tutto nel capire perchè è stato esonerato Allegri e cosa cerca la società nel cambio di allenatore. Se si è cambiato perchè si riteneva, banalmente, che i ciclo si fosse esaurito e servisse una guida tecnica nuova, allora van bene un po' tutti, e Inzaghi è un nome papabile; ma se (come credo) si cerca un allenatore "di rottura", cioè uno che dia alla squadra un identità tattica e di gioco molto marcata e riconoscibile, portandola ad essere eccellenza non solo nell'organico e nei risultati, ma anche nella qualità del gioco, allora i nomi diventano giusto 3-4.
  13. Imparziale per nulla. VOI ci avete dato la (parziale) possibilità di sceglierci chi portarci in Champions, e noi abbiamo scelto. Se aveste fatto una stagione più dignitosa il problema di dipendere dalla Juve non si sarebbe posto.
  14. Giusto cambiare. Era un rapporto che non aveva più nulla da dare a nessuna delle due parti in causa. Cosi come, al netto di tutto, sarà giusto ringraziare, nell'ultima allo stadium, il mister per i risultati di questi anni, che restano comunque pazzeschi. Spero e mi auguro che la decisione sia stata presa avendo già in mano un accordo, o almeno un intesa di massima, con un possibile sostituto, e che non sia un nome da piccolo cabotaggio tipo Simone Inzaghi. Se si deve cambiare, si cambi in maniera radicale, non sostituendo uno yes man dal gioco sparagnino con un altro.
  15. No, lo dice l'opera stessa, che parla in maniera abbastanza incontrovertibile. E il suo stesso autore, che dell'impianto morale ed etico di quell'opera ha parlato più e più volte.
×
×
  • Create New...