Jump to content

AryaSnow

Guardiani della Notte
  • Content Count

    17,410
  • Joined

  • Last visited

About AryaSnow

  • Rank
    Assassina al servizio della Barriera

Contact Methods

  • Website URL
    http://img691.imageshack.us/img691/5452/avarya6.jpg

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

1,386 profile views
  1. AryaSnow

    ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    Jon X Se ASOS rappresenta il punto più basso della storyline di Tyrion, questo capitolo è il punto più basso delle vicende di Jon. Paradossale il fatto che abbia luogo proprio dopo uno dei suoi maggiori momenti di gloria, dopo tutto il carisma e tutta l’abilità mostrata nel comandare la difesa della Barriera. Nonostante le notevoli prestazioni, Jon si ritrova umiliato e quasi condannato a morte per tradimento, accusato di essersi schierato con quelli a cui ha inflitto sconfitte nella battaglia di poco prima. Si nota subito a inizio capitolo come la sua paura principale non sia tanto quella di morire, quanto quella di essere ricordato da tutti con disonore, e questa paura secondo me affonda le sue radici nella sua vecchia frustrazione per essere nato bastardo e nel timore di non riuscire a riscattarsi da tale condizione. Sotto questo aspetto c’è una notevole somiglianza tra lui e Tyrion e non a caso a inizio AGOT i due si sono avvicinati molti. Molto bello l’incontro tra Jon e Tormund, da cui si evince che il gioviale bruto non nutre rancore verso il ragazzo, come se lo capisse e non riuscisse a biasimarlo più di tanto. Una parentesi di pace e buon senso, in cui i due si parlano come da uomo a uomo e non in base al loro ruolo di contrapposizione reciproca in guerra. Il racconto di Tormund sullo stupro della figlia non lo ricordavo ed è sempre curioso (in un modo un po' inquietante, se ci pensate) vedere quanto i bruti vedono tale pratica con leggerezza, come quasi un normale momento di incontro-scontro tra uomo e donna dopo il quale ci può anche essere una riconciliazione. Penso che questo passaggio sarebbe stato molto controverso se fosse stato trasposto nella serie TV, visto che già la scena tra Jaime e Cersei ha suscitato molte polemiche. Ho trovato inquietante anche il momento in cui Varamyr rivela di aver visto la reale situazione dei GdN sorvolando la Barriera con la sua aquila. I confratelli hanno fatto tutta questa fatica per minimizzare le proprie difficoltà e sperare che alcune sconfitte avrebbero spinto i Bruti a ritirarsi, e ora si scopre che è stato tutto inutile. Mance sa benissimo che i GdN non possono resistere a lungo e quindi non ha la minima intenzione ad abbandonare, visto che è solo questione di (poco) tempo prima di vedere i confratelli crollare. Il piccolo barlume di speranza che si poteva nutrire durante i successi precedenti viene soffocato e appare più chiaro che mai che quelle piccole vittorie, così tanto sudate e festeggiate, non significano assolutamente niente nel quadro globale. Come già detto, questo capovolgimento di prospettiva a me fa un po' venire i brividi, e questo nonostante l’atteggiamento relativamente calmo e diplomatico di Mance verso il traditore. Personalmente, mi ha fatto persino più effetto questo rispetto alla visione del corno dell’inverno, eppure è una cosa molto logica e prevedibile, dato che il lettore ha fatto conoscenza con l’aquila e con i vantaggi che essa offre già da tempo. Alla luce di tutto questo, il colpo di scena finale, con l’arrivo di Stannis, non solo è coerente con quanto visto nei capitoli di Davos, ma come intreccio narrativo è anche l’unica e la più naturale conseguenza di questo dialogo. Non c’è altro modo per far sopravvivere Jon e permettere i GdN di resistere ulteriormente. L’unica altra possibilità è farlo morire e far cadere la confraternita in una clamorosa sconfitta, ma ciò sarebbe stato probabilmente anticlimatico. Nel capitolo viene inoltre evidanziato che, tra Janos Slynt e Alliser Thorne, il secondo ha un’intelligenza notevolmente superiore, in quanto è stato lui a tendere a Jon in “tranello” dell’assassinio di Mance Rayder come prova della sua lealtà. Questo lo si vedrà anche a inizio ADWD, quando Alliser a differenza di Janos eviterà di farsi giustiziare come uno scemo. Poi a me il personaggio di Thorne è piaciuto soprattutto come resa nella quarta stagione, e forse anche questo contribuisce a farmelo vedere come di un livello un po’ superiore.
  2. AryaSnow

    MEGA QUIZZONE- NATALE IS COMING!!!

    A questa edizione si prevedono premi più ricchi del solito per il vincitore, ma il regalo più grande sarebbe se davvero Martin si trasformasse in Babbo Natale e ci regalasse voi sapete cosa
  3. AryaSnow

    Raduno Ufficiale 2018

    Il pranzo domenica alle 12:30 per noi è ok
  4. AryaSnow

    Raduno Ufficiale 2018

    Noi abbiamo approfittato dell'occasione per fare un mini- on the road in Emilia, quindi: - Siamo tra quelli che hanno la macchina, quindi tre posti li abbiamo, anche se non è una macchina grande. - Andiamo a Ferrara per il 7 dicembre e facciamo check out dall'albergo di Ferrara alle 10 o un po' prima, quindi dovremmo arrivare a Reggio tra le 11 e le 12. Non abbiamo molta altra scelta, visto che c'è appunto il vincolo del check-out. - Questo significa che dobbiamo pranzare a Reggio anche sabato. - Quindi ci siamo per pranzo sia il sabato che la domenica e per cena il sabato. - Ripartiamo domenica subito dopo pranzo, presto, perché poi abbiamo altre faccende molto importanti. Quindi chiedo subito a che ora si ha intenzione di pranzare domenica, perché se non è presto mi sa che ripensiamo alla nostra presenza a quel pranzo Per quanto riguarda i ristoranti, è stata valutata anche la dimensione del posto e la possibilità di sedersi in tanti insieme? Perché sembrano buoni tutti, ma terrei conto anche di questo aspetto. Di norma ai raduni il primo pranzo lo facciamo al volo, senza accomodarci troppo. Dalle foto il 3 mi sembra il posto più da "street food" di tutti, quindi terrei quello per chi c'è già a pranzo il sabato. Gli altri sono tutti adatti a sederci in tanti? Metto il mio ordine di preferenza tra quei 3 rimasti, ma ovviamente se uno non ha spazio per ospitarci tutti allora nella classifica viene sorpassato da quello che ce l'ha. Dal più amato al meno amato, posto che sembrano buoni tutti: 1 4 2 Il 3 mi sembra molto buono ma appunto adatto per un pasto veloce al volo (poi magari mi sbaglio, boh), quindi lo terrei a parte, per il pasto più al volo tra tutti. Di norma è appunto il pranzo del sabato, ma se si vuole fare diversamente, ecco, allora lo terrei lì
  5. AryaSnow

    ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    Jaime IX Tra i capitoli di Jaime di ASOS, il cui livello in media è estremamente alto, questo è uno di quelli che mi entusiasmano di meno, non perché sia brutto ma perché è molto frammentato, quindi non riesco nemmeno a fare un commento organico ma posso solo fare piccoli accenni. Il capitolo rappresenta comunque una valide conclusione dell'arco narrativo di Jaime in ASOS. Divertente vedere Tommen mettere con entusiasmo timbri ad ogni cosa, per il solo piacere del gesto in sé, anche a decreti inquietanti come la legittimazione di Ramsay Snow/Bolton o l’innalzamento al rango di lord di Rolph Spicer. Interessante come Jaime si fidi di Addam Marbrand per allenarsi con lui a maneggiare la spada con la mano sinistra. Anche in ACOK, a Harrenhal, è stato fatto accenno di sfuggita all'ottima reputazione di cui questo cavaliere gode, e la parziale che Jaime gli riserva è un’altra prova in merito. E' uno di quei personaggi estremamente marginali, ma che nei vari capitoli riesce a ricevere di sfuggita un minimo di caratterizzazione. Quando Jaime osserva i resti del duello tra Gregor e Oberyn e ripensa all'uccisione dello stalliere che si è trovato suo malgrado coinvolto, abbiamo l’ennesima conferma della brutalità della Montagna, che ha dato il colpo di grazia al ragazzo intenzionalmente e non per incidente. Vediamo anche il cambiamento di rotta di Tywin, che dal volersi tenere Gregor per eseguire il lavoro sporco ora, viste le complicazioni dei rapporti con i Martell in seguito alla morte di Oberyn, non ha altra scelta che guarirlo solo allo scopo di poterlo giustiziare. Come ben sappiamo, dopo la sua morte Cersei avrà ben altri propositi… Prosegue il dramma del tira e molla tra Cersei a Jaime, il cui rapporto è ormai completamente compromesso, con l’ennesimo tentativo della donna di usare il sesso come arma di manipolazione. Da un lato Jaime si dimostra completamente sordo ai desideri della sorella, il cui interesse è tutto incentrato sulla propria autorealizzazione politica e sui figli, mentre lui sotto questo aspetto di dimostra ben più pragmatico e cinico. Tale pragmatismo però va completamente in frantumi quando manifesta la sua brama di ufficializzare la loro relazione e mettere fine a tutta la rete di segreti e inganni. Interessante quando Jaime esprime vergogna soprattutto per ciò che ha dovuto fare per tenere nascosto il loro rapporto e dichiara, forse per le prima volta in assoluto, esplicito dispiacere per quanto accaduto a Bran. Tra l'altro questo atteggiamento rispecchia il giudizio che ho sempre avuto io sulla relazione tra Jaime e Cersei: non mi crea particolari problemi o turbamenti in sé, ma mi inquieta la facilità con cui rischia di essere scoperta e quindi quello che i due sono disposti a fare per tenerla nascosta. Da notare anche come Jaime non riesce a trattenersi dal mostrare molta più compassione per Tyrion (accusato ingiustamente da Catelyn per colpa della “bravata” di Joffrey) che per il figlio che secondo la versione ufficiale Tyrion stesso avrebbe assassinato, cosa che non può che infastidire la sorella. Dopo il dialogo con Cersei abbiamo quello con quella che attualmente è forse la seconda donna più presente nella vita di Jaime, ovvero Brienne. Prosegue il processo di “redenzione” di Jaime, di cui abbiamo già visto i segni anche nella scena con Cersei, non solo per il rimorso verso la questione di Bran ma anche per la sua riluttanza ad avere rapporti sessuali nella Torre della Guardia Reale, segno probabilmente di un recuperato rispetto verso l’ordine di cui fa parte. Qui vediamo Jaime incaricare Brienne di una vera e propria impresa da ballata cavalleresca, che per quanto disperata e forse insensata ha un forte valore simbolico di redenzione, così come lo ha la spada che le consegna e il nome che decide di darle. Curioso anche quante persone sono in realtà a conoscenza della messa in scena della presunta “Arya Stark”: oltre a tutti i Lannister, ora ne è consapevole pure Brienne. Non è che il segreto dei Bolton sia poi così al sicuro. Povera Sansa, incolpata anche da tutti quelli che hanno dubbi sulla colpevolezza di Tyrion
  6. AryaSnow

    ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    Daenerys VI Primo capitolo dedicato alla gestione politica di Meeren. In ADWD tali capitoli si sono guadagnati una forte insofferenza dei lettori, ma il tema in sé di dover governare una città con delle radici culturali fortemente diverse dalle proprie e cercare di cambiare delle usanze frutto di secoli/millenni di storia lo trovo potenzialmente molto interessante. Peccato che non sia stato portato avanti in maniera ottimale e sia stato trascinato troppo per le lunghe. Come già detto, uno dei principali problemi della caratterizzazione culturale della Baia degli Schiavisti è un fastidio pressoché unanime e continuo che i suoi abitanti suscitano nel lettore. Questo lo si vede anche dai piccoli dettagli di questo capitolo, a partire dalla descrizione dei corpi nudi degli schiavisti spogliati dei loro gioielli, tutti presentati come sgradevoli alla vista, cosa forse un po' forzata. Tuttavia,la punizione che Dany infligge ai 163 schiavisti, condannati ad una fine piena di sofferenze, è qualcosa di moralmente discutibile, nonostante le monodimensionalità degli schiavisti stessi. C’è anche da considerare il fatto che Dany tecnicamente non potrà mai avere la certezza che tutti quelli che ha condannato siano personalmente responsabili della sorte dei bambini (mi pare di ricordare che la serie tv si spinga anche oltre il libro in questo senso, e presenti esplicitamente uno di questi nobili che ha votato contro quella strage dei bambini). Diciamo che, non avendo certezze in merito, Dany sentiva comunque il bisogno di dare una forte dimostrazione di potere e del suo senso di giustizia, in modo da creare monito per il futuro. A proposito di amministrazione della giustizia, sono da notare anche le punizioni riservate da Dany da chi si lascia andare troppo nei soprusi post-saccheggio. In ASOIAF abbiamo diversi esempi di come si sceglie di tenere (o meno) sotto controllo la fase successiva alla conquista (basta pensare a Roose Bolton a Harrenhal), quindi anche qui si potrebbero fare dei confronti. Inizia ovviamente anche a porsi il problema di quello che succede alle altre città conquistate (Astapor e Yunkai), che Dany ovviamente si è lasciata alle spalle e che non ha modo di controllare direttamente. Lì già la situazione sta decisamente sfuggendo ci mano. Questo evidenzia come, se già l’impresa di governare una città dalle radici culturali così diverse e di cambiarne le usanze è alquanto ardua, l’idea di fare lo stesso con ben tre città è una vera e propria follia. Molto interessante anche il fatto che alcuni uomini liberi vogliano spontaneamente essere venduti come schiavi di lusso. Non è una scelta poi così folle e surreale, in quanto non è da dare per nulla per scontato che una persona tra una vita libera di povertà e precarietà e una di schiavitù agiata e protetta sceglierebbe per forza la prima. E’ una riflessione che si potrebbe ampliare e di cui si potrebbe dibattere a lungo, anche in relazione a diversi fatti storici del mondo reale. Basta pensare alla nostalgia che hanno alcuni per i periodi della dittatura... Peccato che i capitoli Meerenesi di Dany non approfondiscano meglio questo tema. Verso la fine del capitolo abbiamo il famoso faccia a faccia con i due “traditori” Jorah e Barristan. Uso questo termine tra virgolette, perché in realtà c’è una forte sproporzione tra le colpe dei due e Barristan a pensarci bene non ha fatto nulla contro di lei e non l’ha tradita nel vero e proprio senso del termine. Anche per questo motivo, l’atteggiamento di Jorah risulta in effetti molto arrogante, così come appaiono deboli agli occhi di Dany le giustificazioni che presenta, come il tipico “se non l’avessi fatto io l’avrebbe fatto qualcun altro”. Inoltre Daenerys si trova spiazzata nell'apprendere che Jorah ha continuato a spiarla per molto più tempo di quanto sperava. Detto questo, non riesco a non provare pena per lo sfortunatissimo cavaliere, che in effetti col passare del tempo si è davvero legato a Dany, diventando uno dei suoi più sinceri alleati. La descrizione della sua partenza, filtrata anche dall'amarezza della ragazza, risulta abbastanza toccante. Nella parte finale dal capitolo Dany cerca di distrarsi con un libro di racconti cavallereschi dei Sette Regni, cosa che fa scattare l'associazione con Sansa, nonostante abbia avuto da sempre una visione ben più disincantata di quest’ultima. Forse però il desiderio quasi utopistico di cambiare radicalmente la Baia degli Schiavisti, salvando tutti gli schiavi, la rende per certi versi anche più idealista di Sansa stessa con il suo mondo perfetto di dame e cavalieri. Tuttavia in Dany in questo capitolo si intravede anche una forte consapevolezza della difficoltà della sua impresa, in quanto lei stessa si ripete più volte quanto le sue conquiste finora abbiamo avuto conseguenze distruttive. Inoltre viene analizzate l’alternativa di marciare verso occidente, e anch'essa non risulta del tutto edificante, vista la difficoltà di trovare risorse per sfamare tutta la popolazione che la seguirebbe. La cosa più pragmatica da fare probabilmente sarebbe partire con una fetta più ristretta del suo seguito, guerrieri o comunque altre persone utili alla sua impresa, abbandonando gli altri al loro destino nella città (che verrebbe tra l'altro privata delle sue risorse per “finanziare” la marcia). Tuttavia sarebbe una scelta estremamente cinica, che Dany ovviamente non potrebbe accettare di compiere.
  7. AryaSnow

    Pono

    ok, voce modificata
  8. AryaSnow

    Qhorin

    Per me ok, metto qui sotto la voce ripulita da tutte le correzioni e dalle varie imprecisioni nei link. Che ne dite di dividere la voce in due? Io farei un primo paragrafo fino a prima di "Intraprende quindi..." e un altro da lì in poi, intitolato "L'ultima missione". Per il primo paragrafo possiamo mettere un titolo molto generico, visto che c'è dentro un po' di tutto. Ad esempio "il lungo servizio nei Guardiani della Notte", "un ranger leggendario" o qualcosa di simile.
  9. AryaSnow

    Nan

  10. AryaSnow

    Guyard Morrigen

    Separerei la misoginia dal fatto di incolpare Brienne, perché non mi sembra che abbiamo le basi per dire che la seconda cosa sia causata dalla prima, visto anche che tantissima altra gente incolpa Brienne. Quindi metterei proprio due periodi separati. La questione dell'armatura di Renly non mi pare connessa alla biografia di Guyard. Davo per scontato che avessimo già messo che i Morrigen sono delle Terre della Tempesta, ma se dite che non abbiamo ancora informazioni per dirlo allora toglietelo pure
  11. AryaSnow

    Il panorama politico post elezioni 2018

    Ma c'è gente che viene definita "giornalista" e pagata per produrre questi test?
  12. AryaSnow

    Dubbi Enciclopedici

    Sto facendo la voce della cerimonia dei cuore di cavallo di Daenerys. Nel libro è scritto questo sulla fase di preparazione, quella in cui Dany si prepara: Despite the tender mother’s stomach that had afflicted her these past two moons, Dany had dined on bowls of half-clotted blood to accustom herself to the taste, and Irri made her chew strips of dried horseflesh until her jaws were aching. Quel "two moons" secondo voi si riferisce solo al perioco della nausee o anche al periodo del mangiare le ciotole di sangue? Potremmo insomma trarne un'indicazione temporale su quella fase di preparazione oppure no? In caso affermativo, due lune cose sarebbero? Settimane o mesi?
  13. AryaSnow

    Valle di Arryn

    Per me va bene! SE non ci sono altri dubbi in sospeso per me si può pure uppare.
  14. AryaSnow

    Cometa rossa

    Le proposte di modifica per me sono ok, tranne il fatto che non capisco perché hai tolto la parte finale con l'interpretazione dei Dothraki. Ai dubbi iniziali non so rispondere, mentre per quello finale... abbiamo altri corpi celesti che avranno la voce? Se ne avremo 1 o 2, forse è meglio una categoria più generica, come astronomia...
  15. AryaSnow

    Jorah Mormont

    Tutta la parte di Qarth la metterei assolutamente in un paragrafo a parte, con nuovo titolo e citazione. Inoltre all'inizio ho inserito delle precisazioni, perché senza un po' di contestualizzazione mi sembra che tutti sti nuovi nomi vengano un po' dal nulla e si capisce poco.
×