Jump to content

Vainamoinen

Utente
  • Content Count

    2,716
  • Joined

  • Last visited

About Vainamoinen

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 03/25/1980

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Vigevano (PV)
  • Interests
    I miei interessi? Apparentemente tutti...

Recent Profile Visitors

286 profile views
  1. Immagini notevolissime! L'unica pecca, a parer mio, è che sconfinano più nel Fantasy di quanto credo GRRM vorrebbe farci credere nelle sue cronache. Detto questo, un fantasy senza immagini è come un film senza colonna sonora, meno male quindi che ci ha pensato Nasmith!!! Grazie Lord della Folgore!
  2. Arrossisco... In realtà il ciclo di Lymond non l'ho ancora letto... coem te aspetto al verione economica, ma la vorrei di tutta la saga! W la Dunnett!!! Ciao!
  3. Vi lascio l'inizio de "I FUOCHI DEI KELT", per darvi l'idea di quanto è originale e ben scritto il romanzo. E' la rievocazioni iniziale delle terre intono a Bourges/Avaricum/Awreik, dal quale poi parte il romanzo. Una specie di invocazione alla Musa riletta in chiave moderna dall'autore, il bravissimo Giovanni D'Alessandro. Leggetelo, perchè merita veramente, sia per a sua forma, pura epica, sia per la storia, terribilmente realistica. E' dedicato "ai morti senza nome di ogni guerra". "Questa non era Gallia, 2055 anni fa, nel 52 avanti Cristo. Non si sarebbe riconosciuta nel nome deformato che le legioni di Cesare, qui accampate, le avrebbero imposto di lì a poco. Era terra abitata da un popolo che chiamava se stesso con una sola sillaba, dal largo suono: kelt.[...] Dove siete, o voi che l'abitaste? dove i vostri passi felpati di pelle di lupo rapidi nel salire le mura? dove gli occhi inquieti con cui guardavate l'immenso campo romano, steso di fronte ad Awreik? dove i nomi con cui vi chiamavate, dove le gutturali parole, pronunciate a labbra strette, per odio o per paura contro i nemici? E' il vento a riportarle, lo sento nel suo rabbioso ansimare. [...] Ecco, io sono aria adesso, che trascorre su tutto. Sono sulla città, sulla foresta, sui campi, sugli acquitrini. Chi sei tu -forte, giovane- coi piedi piantati nella terra fangosa, che leghi al carro i cavalli? Apri la loro bocca con mano sicura per controllare il morso, che non deve allentarsi; quando sale sul cocchio, il padrone vuol vederli obbedire subito al tocco. Adesso hai alzato gli occhi verso le nubi scure e cariche di pioggia, che prende a cadere. Ecco, io sono pioggia."
  4. Concordo, bellissimo western anni '50, merita di essere visto!Film tutt'altro che banale nei contenuti, che per certi versi si contrappone al solito stereotipo del pistolero coraggioso, invincibile e infallibile alla John Wayne. Bellissima le storie delle formiche e degli squali....
  5. "To Live and Die in L.A." (Vivere e morire a Los Angeles), con n giovanissimo William Petersen, un uno dei pochi film da lui interpretati. Bel noir di William Friedkin, dal ritmo forse nn eccesivamente sostenuto, ma sicuramente coinvolgente, grazie anche ad una buona colonna sonora. Da vedere, soprattutto perchè è un classico del cinema anni '80 made in USA.
  6. Prego, sapevo che meritava e che sarebbbe piaciuto!Come film è anche estremamente fedele alle varie biografie che ho trovato su Hitler, Fest sopra tutti. Ma la cosa più bella per me è il tributo reso a Sohie Scholl alla fine del film, con la mancata assoluzione pr chiunque cmq abbia avuto collusioni con il Nazismo.
  7. Ora non esageriamo però, non è il migliore di Truffaut d'accordo, ma da qui a dire che è da vedere se non si ha proprio nulla da fare..Per me tiene botta al libro in maniera invidiabile, il finale poi è stupendo. Stiamo parlando sempre del maestro della nouvelle vague. Ti dirò: non sono un esperto di cinema, e altri film di Truffaut non ne conosco (ovvero, magari li ho visti, ma nn sapevo fossero suoi...). Però francamente Fahrenheit 451 mi è sembrato realmete sbrodolato. Il finale di stupendo a poco, anche se è sicuramente apprezzabile. Ma un bel film è tutta un'altra cosa, a mio avviso.
  8. Fahrenheit 451, versione cinematografica del romanzo di Bradbury. Mai letto il libro, ma il film non è nulla di eccezionale, è insipido. Probabilmente anche il romanzo stesso contribuisce a rendere il film poco avvincente. Attori abbastanza ingessati, scenografia e fotografia chiaramente datata. Manca una colonna sonora decente, e i brani sembrano tirati a caso, non per accompagnare le scene. Di positivo è curiosos vedere i libri che vengono bruciati, e richiami che si fanno di essi nei dialoghi. Direi quasi che il film è una lunga citazioni di romanzi. Da vedere solo se non si ha proprio nulla da fare....
  9. Visto ieri sera. Bello, ma mi ha deluso il finale, non razionale. Avevo intuito la soluzione "razionale", ma l'atra parte mi ha deluso. Forse son relmente troppo razionalista (mi dicono che ammazzo ogni romanticismo...)!Cmq bel film, da vedere!
  10. Visto The Departed! Bello, merita! Cast fatto di grandi nomi, ma la storia si regge cmq da sé. Nicholson doppiato da Giannini rende sempre tantissimo (l'attore italiano a mio parere farebbe apparire bravo anche un sasso se lo doppiasse!!!), bravi Di Caprio e Matt Demon. Trama abbastanza lineare, ma coinvolgente e non certo banale, dove a vincere è il più bravo, non necessariamnte il "buono". Si discosta dai soliti thriller "Made USA". Da vedere. Voto 4/5
  11. Un bel romanzo storico, che raccomando, è "I FUOCHI DEI KELT", di Giovanni D'alessandro. Libro agile e ben scritto, comn una formula stilistica origianle, parla degli ultimi anni di Cesare in Gallia, durante la grande rivolta (52 A.C.), ma dall'interessante punti di vista del Celti. I nomi sono tutti appunto in celtico (consiglio quindi di leggerlo coi Commentarii a fianco...), e ovviamente Cesare appare come Kaisar. Ma soprattutto bellissimo il rapporto fra il protagonista ed i cavalli, i co-protagonisti della viucenda narrativa. Libro realmente ben fatto!
  12. Io sono un fan della Dunnett!!! Ho aperto a suo tempo un topic sull'autrice scozzese qui Ciao! Vaina Sono andata a sbirciare la discussione, tu cosa mi consiglieresti di leggere come primo approccio? Kisses Beh, è una saga... direi di cominciare dal primo (l'Apprendista delle Fiandre!)!!!! Ciao!
  13. Io sono un fan della Dunnett!!! Ho aperto a suo tempo un topic sull'autrice scozzese qui Ciao! Vaina
  14. Film bellissimo. Ruolo cammeo per una protagonista d'eccezione... l'Andrea Doria. Fra tutte le navi che in quel periodo attraccavano a New York, Marlon Brando incrocia lo sguardo solo con l'ammiraglia della flotta italiana, la più bella nave dell'epoca, a dispetto dei vari Queen Mary e Queen Elisabeth che ancora attraccavano al Pier89. Ieri sera ho visto Miami Vice. Non male, stile The Heat - la Sfida, senza peraltro riuscire ad eguagliarlo. Qualche sparatoria, ambientazione molto bella, offshore, aerei executive e belle macchine in abbondanza. Peccato un pò per la telecamera a spalla, che personalmente sopporto a fatica (mi fa venire il mal di testa). Storia dalla buona trama, senza cmq particolare originalità, che si regge più appunto sull'ambientazione. Nel complesso film piacevole e godibile, senza colpi di scena ma che cmq nn annoia.
  15. Grandissima la Margareth George!Io ho letto più volte "Il re e il suo giullare", una specie di diario segreto di Enrico VIII, con le annotazioni del suo buffone. E' STUPENDO! Oltre al rigre storico, la George fa in pratica anche un analisi introspettiva del re e dell'uomo. Assolutamente da leggere! Ciao!
×
×
  • Create New...