Jump to content

Sir Rhaegar Targaryen

Utente
  • Content Count

    2,173
  • Joined

  • Last visited

2 Followers

About Sir Rhaegar Targaryen

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 10/16/1980

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.squadrafalchi.it
  • Skype
    lord_rhaegar_targaryen

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Valyria
  • Interests
    Fantasy,Fantascienza,GDR,Scherma medievale/rinascimentale,Musica,Cinema.

Recent Profile Visitors

407 profile views
  1. Il "perché ci sono i russi" è solo la parte più appariscente e meno importante della motivazione, e immagino che anche tu Exall lo sappia benissimo. Il fatto è che grazie a tale preponderanza di russi in Crimea con ogni probabilità si tratterà di un'annessione incruenta e voluta dalla maggioranza della popolazione, il che non mi pare poco, sinceramente. I ribelli di Kiev con la loro rivoluzione non sono stati tanto "indolori". Vedremo cosa succederà. PS: sulle tiritere contro le Forze Armate concordo con te, incredibile ma vero!
  2. Oh no invece l'ho seguita eccome la politica internazionale degli ultimi decenni, e non sono tanto ingenuo o sprovveduto da pensare che ciò che non è accaduto per quanto, 50 anni? non possa ricominciare a riaccadere al mutare di determinate condizioni. 50 anni sono uno sputo in un'ottica storica ed inoltre l'allargamento operato dalla Russia in Crimea è stato causato dalla solita opera di destabilizzazione strumentale da parte dell'Occidente sugli alleati dei suoi nemici, solo che stavolta USA ed UE hanno fatto molto male i loro conti, e questo è il risultato. Infine, tra un allargamento territoriale avvenuto (almeno finora) senza combattimenti e senza morti ed un'invasione/occupazione che di morti ne ha fatti a migliaia (Afghanistan, Iraq), io trovo MOLTO più scandalosa la seconda del primo.
  3. Era ovvio che la Russia avrebbe usato il potere di veto, come fanno tutti e cinque i membri permanenti quando gli conviene. Il fatto che in passato ci siano state deportazioni in Crimea è al momento presente del tutto irrilevante da un punto di vista geopolitico, è la situazione attuale che conta...non quanto accaduto 70 anni fa. Israele infatti gli insediamenti li ha fatti, anche se qualcuno ha protestato, gli Stati Uniti sono sorti su un genocidio...e nessuno si sogna di sdegnarsi per i pellerossa rinchiusi nelle riserve. Detto questo, finora in Crimea non ci sono stati combattimenti...proprio perchè la stragrande maggioranza della popolazione vuole quest'annessione, così come a Kiev il popolo ha voluto abbattere Yanukovic. Chi di popolo ferisce, di popolo perisce. PS: una settimana fa a Mosca c'è stata una manifestazione di uguali dimensioni se non maggiori a favore dell'annessione della Crimea, e nell'Ucraina orientale ci sono ogni giorno manifestazioni filorusse. Il fatto che ci sia una manifestazione di dissenso non è nulla di straordinario, significa semplicemente che non tutti (come sempre) sono d'accordo su qualcosa...anche in Russia esiste l'opposizione di piazza, seppur extraparlamentare.
  4. Aggiornamento da Repubblica.it: "Crimea, referendum il 16 marzo. Il Parlamento della Crimea ha votato oggi in favore dell'adesione della regione alla Russia, come soggetto della Federazione Russa: lo ha annunciato il primo vice premier locale Rustam Temirgaliev, secondo l'agenzia Itar-Tass. Della risoluzione adottata del parlamento è stato subito informato Vladimir Putin. Temirgaliev aveva anche annunciato che il 16 marzo si terrà il referendum sullo status della Crimea, nel quale i cittadini dovranno scegliere se restare in Ucraina o aderire alla Russia". Referendum anticipato dal 30 al 16 di questo mese.
  5. Che ci fossero USA ed UE dietro alle rivolte di piazza in Ucraina era cosa certa, ora a quanto pare confermata. La storia dei cecchini è realmente inquietante, se vera naturalmente. PS: il Nobel per la Pace ad Obama è stato il primo sintomo di rimbecillimento totale, concordo.
  6. LOL...intanto Vladimir Putin è candidato al Nobel per la pace insieme al Papa...tutto ciò è talmente straniante da risultare geniale. La trollata del secolo.
  7. Ma il pretesto sensato per prendersi la Crimea Putin ce l'ha eccome, quella ragione è di importanza strategica per la Russia, e dunque quest'ultima non può accettare che essa passi sotto il controllo di un governo marcatamente ostile, oltre che giuridicamente ai limiti della legittimità, per non dire illegittimo. E non chiamerò mai "manifestanti" quelli che non sono altro che rivoltosi...a prescindere dal merito della loro insurrezione che potrebbe essere anche sacrosanta bisogna chiamare le cose con il loro nome, evitando la "frode delle etichette" che invece impazza nei media. Se iniziamo ad essere più onesti anche nel linguaggio forse il tasso di ipocrisia e moralismo diminuisce: una parte della popolazione Ucraina è insorta in armi contro il Presidente democraticamente eletto, in questo ponendosi in aperto contrasto con l'altra metà della popolazione che quel presidente lo aveva votato. La democrazia allora è un valore in se, oppure lo è solo quando vengono eletti i Presidenti che piacciono a noi occidentali? E poi, credevano veramente che la Russia se ne sarebbe restata a guardare mentre loro facevano la loro bella rivoluzione ANTI-RUSSA? Ovviamente no, ora devono affrontare le conseguenze della loro rivolta...se la Crimea come quasi sicuramente farà deciderà con il referendum del 30 Marzo di annettersi alla Russia sarà stato un processo più democratico del modo in cui gli Ucraini di Kiev sono andati al potere (e sento dire cose ignobili su alcune componenti di questa compagine, noi "occidentali" facciamo sempre così...sosteniamo i ribelli di turno solo perchè si schierano contro i nemici di turno e poi ci accorgiamo che magari sono peggiori i primi dei secondi, di solito quando è troppo tardi, Afghanistan docet). Le truppe russe in Crimea non hanno sparato neanche un colpo, la gente le ha accolte festante, e sono state un segnale di forza a chi con la forza è salito al potere, fondamentalmente Putin ha risposto alla forza con la forza, nel più classico degli esempi di ritorsione internazionale (mi rovesci il Presidente mio amico con il quale ho stretto accordi miliardari? Ed io mi prendo la Crimea che è troppo importante per me per lasciarla nelle mani dei miei nemici). Tutta la questione non fa una piega (e le nazioni occidentali quando hanno voluto farlo hanno fatto lo stesso e pure di peggio), poi certo se vogliamo stare qui a dire che sarebbe meglio che non ci fossero le guerre e che non ci fossero mai tensioni internazionali o violazioni del diritto internazionale, beh allora altro che uovo di colombo, manco l'acqua calda abbiamo scoperto.
  8. Credo che la storia si sia già ripetuta da un pezzo, solo con una dose molto maggiore di ipocrisia ed illusione.
  9. Se le invasioni le facciamo noi (Europei + Americani), possono farle anche i Russi per quanto mi riguarda. Non è che sia qui che festeggio eh, ma la trovo semplicemente una conseguenza inevitabile della rivolta avvenuta in Ucraina...nulla di cui scandalizzarsi visto che lo abbiamo fatto anche noi occidentali più e più volte, anche recentemente, e continuiamo ad interferire negli affari interni di altri Stati come se non ci fosse un domani. Insomma non ha senso fare le verginelle pudiche, siamo tutti della stessa pasta e non possiamo (a livello di Nazione/Nazioni...poi singolarmente ognuno può ovviamente indignarsi), fare la morale a nessuno.
  10. Credibilità? Proprio nessuna...ed autorità morale ancora meno. Obama non riesce neanche a guardare dritto davanti a se ma guarda giustamente in basso mentre è costretto a pronunciare cose che farebbero vergognare la peggior faccia da c**o di questo pianeta, tanto sono incoerenti ed ipocrite. Quanto al fregio "più grande democrazia del mondo", suvvia...non lo sono mai stati, abbiamo tutti voluto credere ad un'illusione secondo la quale la più potente nazione del mondo cosidetto "libero" si ergeva come difensore di quest'ultimo, illusione che per quanto mi riguarda si è definitivamente infranta già dall'ormai lontano 2003 con la seconda ridicola guerra in Iraq. Gli USA sono proprio gli unici che non possono aprire bocca sulla questione Russia-Ucraina (o meglio, non possono farlo volendo al contempo risultare credibili), tutte le volte che sento parlare Kerry od Obama provo un moto di disgusto misto ad ilarità.
  11. Il finale di "Fire and Blood" è sopra di tre spanne rispetto agli altri due, ma vabbè già la scena nel libro è una delle migliori in assoluto, a mio parere. Secondo posto per l'armata delle tenebre (cit. Sam Raimi) e terzo per il crowd-surfing di Calcutta, se la facevano con lei a cavallo che entrava imperiosa nella città veniva meglio (nel libro mi pare vada così), ma immagino che il messaggio buonista da mandare fosse un altro, fin troppo politically correct. Del resto, Daenerys sta per trasformarsi da Dea della Guerra in crocerossina infatuata del solito bullo di periferia, quindi prepariamoci al peggio...Meereen is coming
  12. Direttamente dal Valhalla: http://www.youtube.com/watch?v=9wMNppMJw8U
  13. La potenza pura sprigionata dal vivo:
×
×
  • Create New...