Jump to content

hpr7

Utente
  • Content Count

    67
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by hpr7

  1. Si sente a disagio per l'aspetto lugubre del parco degli dei di Winterfell, perché quello di Riverrun, dove è cresciuta, è un giardino pieno d'aria e di luce.
  2. Forse Catelyn si riferiva agli alberi-diga "selvaggi" che invece crescono in abbondanza nel Nord e Non agli alberi del cuore. Perché per albero del cuore si intende qualsiasi albero, anche non albero-diga, con una faccia intagliata. Anche Osha dice a Bran una cosa simile: «Nel Sud gli antichi dei non hanno potere. Gli alberi-diga sono stati tutti abbattuti da migliaia di anni. Come possono vegliare su tuo fratello se non hanno più occhi per vedere?»
  3. Forse quello di “Delta delle Acque” per via della sua struttura esile, dopo aver visto quello enorme di Grande Inverno, non lo considerava un vero e proprio albero del cuore?
  4. Ciao, In questi giorni sto rileggendo qualche capitolo del primo libro, e ho notato che nel primo pov dedicato a Catelyn viene affermato: "Nel Sud, gli ultimi alberi-diga erano stati abbattuti o bruciati oltre mille anni prima. Continuavano a esistere solamente sull'isola dei Volti, dove gli Uomini verdi mantenevano la loro veglia silenziosa. Qui, a Grande Inverno, era tutto diverso. Nel Nord ogni castello aveva il proprio parco degli dei, ogni parco degli dei aveva il proprio albero del cuore, e ogni albero del cuore aveva il proprio volto scolpito nel legno." Successivamente si scopre che esistono anche degli alberi diga in diversi castelli del Sud (come a Delta delle Acque). Mi sfugge qualcosa o si tratta di una svista di Martin? Grazie
  5. Oppure semplicemente ha i suoi tempi di scrittura anche se lunghi...
  6. Io vorrei leggere il finale, ma solo se scritto da Martin. Per me non ha assolutamente importanza se sia un finale bello o brutto perché per me conta il viaggio. Come ha detto Stephen King: "Se dovessi andare avanti, resteresti senz'altro deluso, forse ne avresti addirittura il cuore spezzato. Quello che c'è dietro non migliorerà la tua vita amorosa, non ti farà ricrescere i capelli sulla piazza, non allungherà di cinque anni la tua aspettativa di vita naturale (nemmeno di cinque minuti). Quella cosa che chiamiamo lieto fine non esiste. Non ne ho mai trovato uno che fosse alla pari di «C'era una volta». I finali sono senza cuore. Finale è solo un sinonimo di addio."
  7. Io preferirei leggere i suoi appunti piuttosto che leggere un libro partorito da un'altra penna. E poi perché Martin, essendo in vita, dovrebbe seguire uno sceneggiatore e fargli scrivere il suo libro?
  8. Secondo te faranno una nuova traduzione? Ho iniziato ieri a leggere il primo volume e sto già iniziato ad amarlo :)
  9. E se il colpo di scena riguardasse Jayne Westerling? :)
  10. Qualcuno di voi ha letto questa raccolta? Cosa ne pensate? Io ne sono venuto a conoscenza qualche giorno fa e sono riuscito a recuperarne una copia su eBay visto che è uscito nei lontani anni '70 (Robot numero 34 anno IV gennaio '79). La racconta contiene 9 racconti e tre di questi sono presenti da "noi" ne "Le Torri di Cenere" Dall'introduzione: "Di tanto in tanto i critici hanno sostenuto che i miei temi favoriti sono l’amore e la solitudine. Ciò dimostra quanto capiscono i critici. L’amore e la solitudine possono essere tra i miei temi favoriti, ma l’elemento più importante in assoluto è sempre stato l’accanita ricerca e distruzione della fantasia da parte della realtà.” La giungla aliena… nasconde il segreto dei ragni-sogno, bestie incantatrici ma pericolosissime. E fa da sfondo all'illusoria storia d'amore di un giovane terrestre in TORRE DI CENERI (This Tower of Ashes), con cui si apre questo numero. Facendo un saito in dietro nel tempo, quando l'umanità muove ancora i suoi primi passi nello spazio, troviamo PATRICK HENRY, JUPITER E LA PICCOLA ASTRONAVE ROSSO MATTONE (Patrick Henry, Jupiter and the Little Red Brick Spaceship), che è quasi un omaggio all'Heinlein de L'uomo che vendette la Luna. Ne GLI UOMINI DELLA GREYWATER STATION (Men of Greywater Station) siamo di fronte al classico tema dei terrestri assediati da … cosa? Nei CANTI SOLITARI DI LAREN DORR (The Lonely Songs of Laren Dorr) una ragazza fugge inseguita da segugi onnipotenti, e trova un mondo abitato da un uomo immortale. La NOTTE DEI VAMPIRI (Night of the Vampyres) ci presenta l'ultima novita in fatto di duelli aerei col laser, ed e un'ottima storia di fantapolitica. Ma è L'INSEGUIMENTO (The Runners) il racconto piu'metafisico dell'antologia. SQUADRA NOTTURNA Tra gli altri pezzi di questo numero, « … PER UN SOLO IERI» («… for a single yesterday») e il più personale: scoprirete di dove deriva il grande, confessato fascino di George R.R. Martin per i cantautori, la pop music e ie generazioni perdute. E SETTE VOLTE NON UCCIDERE L'UOMO
  11. Qualcuno di voi ha letto questa raccolta? Cosa ne pensate? Io ne sono venuto a conoscenza qualche giorno e sono riuscito a recuperarne una copia su eBay visto che è uscito nel lontani anni '70 (Robot numero 34 anno IV gennaio '79). La racconta ne contiene 9 e tre di questi sono presenti da "noi" ne "Le Torri di Cenere"   La giungla aliena… nasconde il segreto dei ragni-sogno, bestie incantatrici ma pericolosissime.   E fa da sfondo all'illusoria storia d'amore di un giovane terrestre in TORRE DI CENERI (This Tower of Ashes), con cui si apre questo numero. Facendo un saito in dietro nel tempo, quando l'umanità muove ancora i suoi primi passi nello spazio, troviamo PATRICK HENRY, JUPITER E LA PICCOLA ASTRONAVE ROSSO MATTONE (Patrick Henry, Jupiter and the Little Red Brick Spaceship), che è quasi un omaggio all'Heinlein de L'uomo che vendette la Luna.   Ne GLI UOMINI DELLA GREYWATER STATION (Men of Greywater Station) siamo di fronte al classico tema dei terrestri assediati da … cosa? Nei CANTI SOLITARI DI LAREN DORR (The Lonely Songs of Laren Dorr) una ragazza fugge inseguita da segugi onnipotenti, e trova un mondo abitato da un uomo immortale.   La NOTTE DEI VAMPIRI (Night of the Vampyres) ci presenta l'ultima novita in fatto di duelli aerei col laser, ed e un'ottima storia di fantapolitica. Ma è L'INSEGUIMENTO (The Runners) il racconto piu'metafisico dell'antologia. SQUADRA NOTTURNA Tra gli altri pezzi di questo numero, « … PER UN SOLO IERI» («… for a single yesterday») e il più personale: scoprirete di dove deriva il grande, confessato fascino di George R.R. Martin per i cantautori, la pop music e ie generazioni perdute.     E SETTE VOLTE NON UCCIDERE L'UOMO  
  12. Qualcuno di voi ha letto questa raccolta? Cosa ne pensate? Io ne sono venuto a conoscenza qualche giorno e sono riuscito a recuperarne una copia su eBay visto che è uscito nel lontani anni '70 (Robot numero 34 anno IV gennaio '79). La racconta ne contiene 9 e tre di questi sono presenti da "noi" ne "Le Torri di Cenere"   La giungla aliena… nasconde il segreto dei ragni-sogno, bestie incantatrici ma pericolosissime.   E fa da sfondo all'illusoria storia d'amore di un giovane terrestre in TORRE DI CENERI (This Tower of Ashes), con cui si apre questo numero. Facendo un saito in dietro nel tempo, quando l'umanità muove ancora i suoi primi passi nello spazio, troviamo PATRICK HENRY, JUPITER E LA PICCOLA ASTRONAVE ROSSO MATTONE (Patrick Henry, Jupiter and the Little Red Brick Spaceship), che è quasi un omaggio all'Heinlein de L'uomo che vendette la Luna.   Ne GLI UOMINI DELLA GREYWATER STATION (Men of Greywater Station) siamo di fronte al classico tema dei terrestri assediati da … cosa? Nei CANTI SOLITARI DI LAREN DORR (The Lonely Songs of Laren Dorr) una ragazza fugge inseguita da segugi onnipotenti, e trova un mondo abitato da un uomo immortale.   La NOTTE DEI VAMPIRI (Night of the Vampyres) ci presenta l'ultima novita in fatto di duelli aerei col laser, ed e un'ottima storia di fantapolitica. Ma è L'INSEGUIMENTO (The Runners) il racconto piu'metafisico dell'antologia. SQUADRA NOTTURNA Tra gli altri pezzi di questo numero, « … PER UN SOLO IERI» («… for a single yesterday») e il più personale: scoprirete di dove deriva il grande, confessato fascino di George R.R. Martin per i cantautori, la pop music e ie generazioni perdute.     E SETTE VOLTE NON UCCIDERE L'UOMO  
  13. Ho finito di leggere il primo racconto "“SOLO I BAMBINI HAN PAURA DEL BUIO” e non ho capito nelle pagine finali e nel secondo volume nel racconto "Sotto Assedio" qualcuno di voi ha capito in che senso Sveagobor, a pagina 155, diventerà una specie di Alamo svedese?
  14. I nuovi teaser mi hanno fatto venire i brividi soprattutto quello della Casa Targaryen *__*
×
×
  • Create New...