Jump to content

ryer

Utente
  • Content Count

    1,889
  • Joined

  • Last visited

5 Followers

About ryer

  • Rank
    Confratello

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Mi associo anch'io a queste tue riflessioni. Mi spiace vedere che invece molti non riescano proprio ad avere, come dicevi tu, una maggiore benevolenza alla luce delle cose buone che pur ci sono state e sono innegabili. Considerare GOT una serie deludente o rovinata, lo trovo un po' esagerato anche considerando quante poche serie davvero "perfette" esistano.
  2. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    D'accordissimo sui personaggi che hai citato, aggiungerei anche Sam e Brienen (tranne la stagione in cui non ha fatto nulla^^). E concordo, come ho già detto più volte, sia sul salto ninja che sulla fretta generale, che per me resta il solo, vero, grosso problema di fondo dell'ultima stagione.
  3. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Vorrei precisare che prima ne parlavo non perché io non l'avrei apprezzato o perchè sia particolarmente entusiasta della scena di Arya , ma perché provavo a mettermi nella testa di chi ha deciso di fare andare le cose un certo modo. Ok, è legittimo.. magari a un produttore televisivo però importa, per tutta una serie di motivi Con 6 puntate, decidendo (o magari sapendo dallo stesso Martin) che Jon ucciderà Dany e che questo succederà nella sesta, è molto difficle che si metta Jon che uccide il NK solo 3 episodi prima, diventa quasi una scelta obbligata inventarsi altro. Bisogna capire se la cosa che dà fastidio sia chi lo uccide e come questo accade o il fatto stesso che lo faccian fuori (in questo caso però avrebbe dato fastidio anche se fosse stato fatto da Jon).
  4. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Sì certo, la conclusione della mia frase non era rivolta a te ma generica Non so, me ne vengono in mente moltissimi altri che avrebbero avuto meno senso di Arya (Sansa, Tyrion, Brienne, Jaime, Jorah...e via dicendo). Arya sa lottare, sa uccidere, ha la daga, è una Stark quindi un persoanggio principale (nel senso che dubito avrebbero affidato una scena così cruciale a un persoanggio secondario). Ma temo che le critiche ci sarebbero state con chiunque avessero scelto
  5. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Appunto e quindi, a maggior ragione, fosse così e Arya avesse anche nei libri un collegamento con gli estranei, perchè prendersela a priori con D&D? Intendevo che come doveva andare era comunque una scelta loro, non c'era una trama da adattare che loro hanno volutamente distorto. Hanno liberamente scelto, per motivi che possono piacere o meno, di farlo uccidere da Arya. "Non doveva andare così" si poteva dire se ci fosse stata una controparte scritta su cui fare un confronto, ma così è semplicemente stata una loro scelta di trama, perarlo pensata anni fa quindi non decisa all'ultimo secondo prima dell'ottava stagione. Qualche indizio per preparare la cosa infatti lo hanno messo (anche lì, volendo non essere prevedibili sicuramente non potevano essere troppo espliciti), con delle puntate in più e meno fretta magari poteva risultare più digeribile anche a chi se l'è presa così tanto per questa cosa. Per come hanno impostato quelle 6 puntate, farlo uccidere a Jon sarebbe stato sia banale che ridondante, visto che poi lui uccide anche Dany.
  6. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Però il NK nei libri non esiste, come si fa a stabilire chi "doveva" ucciderlo? Se lo hanno deciso varie stagioni fa, a prescindere dalla motivazione (e sì, voler stupire lo spettatore e non fare sempre ciò che si aspetta al 100% è una motivazione legittima per una serie tv) dobbiamo dedurre che se ci fosse anche stata un'alternativa questa non rientrava comunque nelle "direttive di Martin", per quanto ci possiamo immaginare che nei libri la sconfitta degli Estranei potrà coinvolgere quasi certamente Jon e non Arya. Però si sta parlando della serie, e nella serie una logica per farlo uccidere ad Arya c'era. Sul fatto che servisse più tempo per far risultare il tutto meno affrettato e buttato via mi son già espressa più volte. Su Bran, io sinceramente sono un po' perplessa che molti abbiano interpretato la cosa come "Volevo il trono, ho organizzato tutto io". A parte che quando lui diventa il Corvo a Tre Occhi gli Estranei, il NK e tutto il resto sono già in azione da tempo, quindi al massimo sarebbe stato un piano del precedente Corvo, ma comunque mi sembrava palese che la frase detta alla fine a Tyrion significasse "Venendo qui sapevo che mi sarebbe stato chiesto questo e sono pronto ad accettarlo". O se vogliamo vederla più in generale, la presa di coscienza che tutto quello che ha fatto, le conoscenze che ha appreso etc., servivano per il "bene superiore". Bran arrivista che vuole il trono mi pare una concezione troppo distorta del personaggio.
  7. Vabè, non esageriamo dai... della serie "Fa tutto schifo, buttiamo via tutto, niente aveva senso etc." A parte che per le ultime stagioni è diffcile parlare di trasposizione, visto che non c'è la controparte cartaceadei vari percorsi con cui fare il confronto
  8. ryer

    Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

    Per restare nella similitudine che facevo prima, una dipendenza è una dipendenza, che il soggetto sia un uomo o una donna poco cambia.
  9. ryer

    L' ottava stagione ha rovinato got..

    Veramente quelli li abbiamo visti fin dall'inizio.
  10. ryer

    Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

    Se si pensa a Cersei come a una droga, viene abbastanza facile trovare un senso a quello che ci viene mostrato. Jaime è come un drogato che cerca di uscire dal tunnel e arriva al punto più alto della "riabilitazione" quando si unisce agli uomini del nord e pare - pare - aver ritrovato la retta via. Per un attimo, si sente davvero liberato dalla sua dipendenza, e in quest'ottica la scena d'amore con Brienne ha un significato simbolico preciso. Ma GOT non è un cartone Disney e come accade spesso nella realtà (non ne ho esperienze né dirette né indirette, ma tutti noi sappiamo che è una cosa piuttosto comune), purtroppo ricade in pieno nella sua vecchia dipendenza, cede all'impulso e al desiderio di riavere la sua "droga", per quanto sia il primo ad essere consapevole del suo potere distruttivo. E quindi torna da Cersei. Potete dire che non vi piace, che è un tema che non vi interessa, ma non che "non ha senso". Quella che ci viene mostrata è una parabola che sfocia nella peggiore delle ricadute e lo porta alla morte. Se non è umano e credibile questo, per quanto triste, non so cosa lo sia.
  11. OT_ Ah ok, allora immagino fosse una delle immagini preparatorie fatte appunto dal reparto "artistico" (servono per mostrare come sarà la scena a chi dovrà poi realizzarla con la cgi, per questo risultano molto simili). Di solito è un mix tra disegno digitale e foto ritoccate, ma una volta venivano anche fatti a tempera, acrilico o acquarello_fine OT Visto che siamo nel topic sulle notizie ufficiali, per stemperare il clima, segnalo che in autunno usciranno i volumi dedicati ai costumi (Game of Thrones: the Costumes) e alle concept art The Art of Game of Thrones), mentre da poco è uscito quello sugli storyboard di cui si parlava nel link postato prima da MezzoUomo.
  12. ryer

    Interviste, curiosità, gossip

    Sto ascoltando il podcast con l'intervista, è interessante perchè fa capire meglio come funzionano i vari passaggi della produzione. Non riesco ad afferrare al 100% quello che dicono, comunque all'inizio spiega come è avvenuto il suo coinvolgimento nella serie e come è stato l'approccio con una produzione così complessa e articolata, con molte unità coivolte e set sparsi in vari Paesi. Pare che abbia faticato soprattutto all'inizio perchè appunto la volontà degli showrunners era di dare uno stile piuttosto classico che non mostrasse "la mano" del singolo regista e avere il senso di un'opera unitaria (ma non lo diceva con tono polemico). Ha detto che ci ha messo un po' a capire come lavorare bene con D&D nel senso che quando doveva dirgli che non era in grado di fare una certa cosa, loro volevano che gli suggerisse un'alternativa valida (e questa credo sia una dinamica piuttosto comune anche in altri ambienti lavorativi). Poi dice che non amava molto avere degli storyboards precisi da seguire per le scene d'azione, soprattutto perché ci possono essere delle difficoltà, sul momento, che non permettono di seguire esattamente quello che è stato pensato e dettagliato negli storyboard. Finora non ho trovato parole di critica aperta a D&D, ma ho ascoltato solo la prima parte.
  13. In The Last Watch fanno vedere che Nutter, uno dei registi, faceva degli schizzi/schemini delle scene, che servivano poi da guida a lui e ai collaboratori quando andavano a girare materialmente. Ora, non so se anche D&D abbiano fatto qualcosa del genere, potrebbe essere (ci sono sceneggiatori di fumetti che danno al disegnatore una sceneggiatura anche "disegnata" e non solo scritta), ma nel caso immagino si tratti più che altro di bozzetti. Il compito di chi fa gli storyboard e le concept art è proprio quello di tradurre le idee degli showrunners in immagini. Scusate la divagazione tecnica^^ Non è una svolta onirica... alcuni stanno solo facendo notare l'eccessiva semplicità con cui si arriva a dire che praticamente tutto o quasi dell'ultima stagione doveva e poteva essere fatto in tutt'altro modo e che se non l'hanno fatto, allora sono degli incompetenti. Io poi son tra quelli che si auspicavano più puntate, proprio perché immagino (non ne ho la certezza assoluta, ovviamente) che almeno ci sarebbe stato modo di sviluppare meglio certi punti critici, che riconosco. Però è diverso dal dire in modo tranchant "L'ultima stagione è una schifezza", che sembra essere l'opinione più diffusa un po' ovunque.
  14. ryer

    Interviste, curiosità, gossip

    Non so se la fonte sia la stesso a cui si riferiva Figlia dell'Estate, comunque qui si possono leggere dei passaggi dell'intervista: https://www.indiewire.com/2019/06/game-of-thrones-director-miguel-sapochnik-filmmaker-toolkit-podcast-episode-85-1202149912/ nell'articolo però non dice nè che gli bocciassero ogni proposta (c'è solo scritto che non volevano che gli episodi avessero un'impronta troppo personale del regista che li girava) nè la frase sui personaggi che lui avrebbe fatto morire, ma magari hanno riportato solo alcune parti. L'intervista completa si può ascoltare nel podcast che si trova nell'articolo.
  15. ryer

    Interviste, curiosità, gossip

    Se hai il link dell'intervista, basta che copi l'indirizzo e lo incolli nel post
×