Sir Alexander Stark

Utente
  • Content count

    1,868
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    11

Sir Alexander Stark last won the day on January 13 2016

Sir Alexander Stark had the most liked content!

Community Reputation

229 Neutral

About Sir Alexander Stark

  • Rank
    confratello
  • Birthday June 19

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Italy,
  • Interests
    Fede:

    Interista-Madridista

    credo in:

    Roger Waters
    George R.R. Martin
    Robert Downey Jr
    Cristiano Ronaldo

    Attori preferiti:

    Robert Downey Jr
    Leonardo Di Caprio
    Johnny Depp
    Brad Pitt

    Autori preferiti:

    Martin
    Asimov
    Montanelli
    Brennan

Recent Profile Visitors

35 profile views
  1. Tu non stai scherzando e io non sto offendendo proprio nessuno. Non vedo cosa ci sia di sbagliato nel descrivere quello che è il Movimento per loro stessa definizione. Non sto dicendo che sono incompetenti in assoluto, che sono chissà che brutte persone eccetera e mi sembra ridicolo doverlo precisare. Ma da un punto di vista politico-giuridico-costituzionale lo sono, non c'è niente di male a dirlo visto che è semplicemente un dato di fatto. Magari per loro sarà un motivo di orgoglio mentre per me è un aspetto negativo, per qualcun'altro sono uguali a tutti gli altri, e queste sono opinioni personali ugualmente rispettabili.
  2. Il sistema proporzionale (unito al Bicameralismo perfetto) è quello che durante tutta la così detta Prima Repubblica ha permesso il totale assoluto completo dominio dei Partiti sul Parlamento, con un risultato concreto: la volontà popolare messa all'angolo dai giochini di palazzo, dalle coalizioni che si spartivano ministeri vari, "inciuci" di ogni tipo, praticamente tutto ciò che chi oggi voterebbe NO ha sempre criticato fino all'altro ieri Dopo il Muro, Tangentopoli e la conseguente crisi di DC e PC si è passati al maggioritario che quanto meno ha consentito l'alternanza ciclica di centrodestra e centrosinistra Oggi, dopo la Crisi, l'uscita di scena (più o meno effettiva) di Berlusconi si è passati dal Bipolarismo a una specie di Tripolarismo (e qualcuno direbbe che siamo nella Terza Repubblica) e finalmente dopo decenni e decenni si ha l'opportunità di correggere almeno in parte quanto di sbagliato o almeno di dannoso (ovviamente motivato dalla particolarità della scena politico-ideologica italiana post 2ww) abbiamo avuto a livello di "regole del gioco" Noi eleggevamo e avevamo il diritto di farlo perchè il bicameralismo perfetto/paritario italiano (unico in tutta Europa) significava avere una Camera dei Deputati e una Camera dei Deputati 2.0 con la sola concreta differenza dell'età per eleggerli ed essere eletti Nel momento in cui con la Riforma finalmente si rende la Camera dei Deputati 2.0 quello che è il vero Senato in qualunque Stato con Regioni, Autonomie, Lander..cioè una camera di Rappresentanza degli enti territoriali inferiori rispetto all'ente centrale nazionale, che non partecipa o comunque non partecipa alla stragrande maggioranza delle Leggi essendo la funzione Legislativa svolta appunto dalla camera eletta e non dovrà più dare la Fiducia ai Governi, compito che resta anche questo alla Camera eletta, non ha senso parlare di perdita di diritto ad eleggerli. Facendo un pensiero generale: i temi del NO sono prevalentemente di tipo populista "non rinunciare alla democrazia" "vota no contro renzi" "vota no se vuoi il 30 all'esame" o il famoso discorso sull'accoppiata riforma+legge elettorale, assurdo visto che la legge elettorale può essere cambiata molto molto molto più facilmente di una Costituzione Senza dimenticare che i Consigli Regionali e i Sindaci che andranno a comporlo sono comunque eletti in maniera diretta Voglio dire, non è che nel resto d'europa sono più fessi e consenzienti con la dittatura e noi italiani siamo più furbi perchè non rinunciamo alla democrazia (che è il messaggio del NO) I problemi del SI sono che la campagna è stata gestita in maniera stupida tra la Boschi e le affermazioni di Renzi (che a parer mio ha molte qualità come politico ma le nasconde dietro una consapevole o inconsapevole maschera di pagliaccio, a differenza dei suoi avversari politici che sono pagliacci nella sostanza ma nella forma riescono ad attirare più consensi), si sono dati la zappa sui piedi e il NO ha ottenuto un enorme vantaggio: anzichè affrontare la questione nel merito (che non converrebbe) 1 fare campagna anti Renzi (e anti UE) 2 fare campagna pro Democrazia e Libertà del resto i partiti del NO si sa quali sono, FI che è diventata contraria solo dopo l'elezione di Mattarella, Lega e tutti sappiamo di che pasta sono fatti, i 5Stelle e anche loro sono l'espressione del più puro populismo, dell'incompetenza/mediocrità/ignoranza elevata a meritocrazia Conclusione, ad oggi, ma anche nei mesi precedenti e sicuramente fino a dicembre, è diventato un derby di slogan e proclami senza senso. Inevitabilmente in questo è favorito chi si proclama paladino della gente, della giustizia, della libertà. E' ovvio che l'elettore medio abboccherà a questo amo più che a quello della stabilità ed efficienza politica (e figuriamoci se poi ci viene fatto credere che perdiamo diritti e rinunciamo a una fetta di democrazia)
  3. @Joramun Detto francamente: io parlo di macro decisioni, direzioni a grandi linee, piani generali ecc. quelli sono ancora fermamente in mano agli Stati. Non a caso si verificano sempre più spesso incontri plurilaterali, a due o poche più parti, dove viene deciso il più. Ultimamente Germania e Francia ed è ovvio, visto che l'UK ha fatto la sua scelta, l'Italia non è a quel livello di autorevolezza per giunta con un decisivo referendum da affrontare, la Spagna nemmeno ha un governo.. Poi si tutto quello che volete, non entro nemmeno nelle questioni più tecniche, ci sono decisioni minori prese da organi più o meno democratici e più o meno rappresentativi (e perchè dovrebbe essere un male per la buona gestione del carrozzone?)ma il peso degli Stati è preponderante e tanto più ha peso uno Stato, tanto più sarà la sua influenza nella linea politica da seguire. Non si è voluto fare il passo avanti, benissimo, non si può mica pretendere allora di rendere l'Unione la copia dello Stato. Questo è fondamentale comprenderlo. Perchè è su questo giochino che marciano i politichetti I cittadini eleggono i loro rappresentanti nei governi e parlamenti nazionali (e si vedono i risultati) non sta scritto da nessuna parte che devono fare lo stesso con l'UE. E più pacificamente, non possono non essendo l'UE uno stato che so come Brasile, Russia, Canada.. Non si può pretendere una cosa senza l'altra. Diventa un paradosso, ed è quello su cui euroscettici e populisti puntano nelle loro campagne. Gli europei non hanno voluto far diventare l'UE qualcosa di più di una grande unione economico-politica. Non siamo un'unica comunità, una federazione, una confederazione, un super stato, qualunque possibile forma di stato si voglia. Non siamo voluti esserlo. E adesso ci sorbiamo quest'UE così com'è. Con banchieri e compagnia bella a fare le regole. Che non è quello che doveva essere ma è quello che abbiamo scelto restasse I tre, quattro gradi di separazione tra UE e Cittadino sarebbero e verrebbero colmati se si facesse quel benedetto step successivo, con una Costituzione e tutto il resto. Fino ad allora questi gradi di separazione sono bloccati dallo Stato nazionale stesso. Non raccontiamoci balle E' una presa in giro quella che subiamo, consapevolmente o meno. E ci vuole faccia tosta a portarla avanti L'apoteosi è avvenuta ieri col duo Di Battista/Beppe Grillo. - Il primo ha accusato l'olio tunisino di affamare gli agricoltori italiani. - Il secondo ha accusato il protezionismo europeo di devastare l'Africa. E i grillini sotto al palco che hanno applaudito sia l'uno che l'altro. GENIALI la menzogna non detta che c'è alla base è la stessa. Basta pensare all'immagine che gira sui social del tizio in bici, ad un certo punto infila un bastoncino tra i raggi, cade a terra. Incolpa il sistema, la massoneria, i giornalisti, un qualunque falso capro espiatorio e tanti saluti. Quando il personaggio politico di turno in un'intervista dichiara "L'ue non è da buttare, ma deve cambiare le sue regole bla bla" quello che intende realmente è che noi membri dell'ue avremmo potuto e dovuto cambiarle in passato (e non s'è voluto fare), dovremmo e potremmo cambiarle ma per motivi X non vogliamo. Sull'FMI e altre organizzazioni internazionali, ma che si pretende, in un mondo così globalizzato è illogico pretendere e credere che si possa avere organi democratici e rappresentativi. L'onu stesso è manovrato dal consiglio di sicurezza e dal potere di veto delle 5 potenze. :D èèèè
  4. La gente ha votato in massa il partito del comico Grillo (per lui la Costituzione "l'hanno fatta" negli anni 50) andato avanti a forza di VAFFA , i cui temi forti erano mandare tutti i cattivi a casa, insultare i giornalisti (con tanto di spintoni negli ultimi giorni), fare campagne contro i vaccini, sulle scie chimiche e compagnia bella ma basta vedere la Raggi, slogan vittoriosi sulla NON organizzazione dell'Olimpiade. "hanno paura, stanno tremando" Si può pensare quello che si vuole su Renzi, ma ha ragione quando fa notare che per esultare contro il malaffare, la corruzione, le infiltrazioni mafiose, gli sprechi, il nepotismo.. devi averlo gestito e dimostrato di saper impedire tutto questo. Altrimenti è un vantarsi sul nulla, passano dal prendersi i meriti degli altri a prendersi i meriti per non aver fatto un bel niente. Purtroppo troppa gente si fa ancora abbindolare il discorso UE sarebbe molto lungo e molto OT immagino, bisogna però assolutamente accennare 2 aspetti: 1) l'Italia stava affondando già prima, quando le regole del gioco se le faceva ancora da sola, con la sua Lira ecc. quindi accusare i tecnici non eletti di Bruxelles di volere il nostro male, (oltre che essere degno di un complottista di serie B), dare le colpe a loro e non pensare alle proprie responsabilità è concettualmente FALSO oltre che appunto facile demagogia che fa presa sulle masse di cui sopra 2) questa UE è un ibrido tra quello che i "padri fondatori" pensavano dovesse e potesse essere e quello che gli Stati membri le hanno permesso essere. Tralasciando il fatto che il 99% degli Euroscettici è assolutamente ignorante in materia di diritto internazionale e diritto comunitario (oltre che del proprio diritto costituzionale) in questo caso non serve una laurea per capire che è rimasta qualche step indietro rispetto a una reale Unione. E' un caso abbastanza unico della storia, essendo una Comunità diversa (ancora) da un'Unione di Stati come gli USA o da uno Stato federale come, tanto per fare esempi vicini a noi, la Germania e i suoi Lander. Ma si potrebbe tranquillamente pensare anche all'Italia stessa con le sue 20 Regioni, basta sostituire i termini. Quello che deve essere chiaro è che i macchinisti di questo convoglio in affanno sono ancora i singoli Stati, i singoli Governi espressi dai Parlamenti. Le redini sono ancora in mano nostra (inteso noi Stati membri), la direzione, le scelte sono ancora tutta farina del nostro sacco. Il Parlamento Europeo è eletto come qualunque altro e l'organo più decisivo (non sulla carta ma concretamente) è il Consiglio, cioè l'insieme dei vari Capi di Stato e di Governo dei singoli Stati. Il passo successivo, che avrebbe armonizzato il tutto, dando una svolta decisiva all'intero macchinario sarebbe stata la Costituzione Europea che è stata bocciata fin da subito. E' stato un passo che non si è voluto compiere. Punto. Il risultato è che ora siamo rimasti a metà strada......e ci si lamenta delle banche, dei poteri forti, della mancanza di democrazia e rappresentanza (a sproposito, e già abbiamo dimostrato di non saperci gestire da soli)
  5. se succede, meglio adesso che a marzo-aprile in effetti :unsure: c'è da considerare che Modric è il direttore d'orchestra al Real, Casemiro è l'unico mediano oltre che l'unico giocatore che non pretende la palla sui piedi per iniziare l'azione ma la va a togliere dai piedi avversari e Marcelo è un pezzo fondamentale del motore offensivo
  6. Forse il mio sforzo di essere oggettivo non è abbastanza, ma ho sempre visto e sentito solo la pars destruens. O almeno per il 90% La fortuna di questo Movimento è che essendo recente ha potuto godere dell'elemento di novità rappresentato dal "non abbiamo mai fatto porcate noi, mandiamo a casa quelli di prima" e grazie al contesto politico italiano, con un centro sinistra sempre meno di sinistra e sempre più democristiano e un centrodestra completamente diviso e allo sbando, ha ottenuto una marea di voti da parte di scontenti di entrambi i colori e questo perchè il loro secondo vantaggio è proprio quello di non essere ne carne ne pesce, sono aperti a tutti loro. Che bravi. Molto comodo. Si potrebbe dire che sono la diretta conseguenza della trasformazione politica in corso nel sistema politico italiano, questo tripolarismo da "terza repubblica" (definizione costituzionalmente impropria) Altro vantaggio importantissimo, l'uso di demagogia da 4 soldi, populismo a valanga e compagnia bella. Sono caratteristiche negative per la qualità di un confronto e della crescita politico-culturale di una Comunità ma che al contrario genera quantità. Cioè voti. A valanga appunto. La maggioranza degli elettori (in generale) non è certo composta da scienziatoni, ne da giurisperiti, ingegneri, medici ecc ecc. Questo genere di temi fanno presa su chi? ragazzini acerbi che giocano a fare i comunistelli ribelli e strafatti, vecchietti facili da rimbambire con i loro discorsi, gente scontenta "mettiamo la bomba in parlamento e risolviamo i problemi" gente che rivuole la lira per liberarsi dal potere dei banchieri massoni, fruttivendoli, parcheggiatori abusivi, ignorantoni di qualunque tipo, gente che non ha ne la laurea, ne il diploma, webeti come direbbe Mentana, tizi che stamperebbero più banconote per combattere la crisi ecc ecc Sia chiaro è un fenomeno globale, in francia c'è la Le Pen, in italia Grillo e Salvini, in ungheria non ne parliamo, in usa Trump. L'elettore medio non è manco il "laureato medio fannullone" ma l'operaio, il muratore, gente suo malgrado facile da abbindolare con tanto fumo e poco arrosto. "Bombardiamo i barconi, aiutiamoli a casa loro, usciamo dall'Europa, Padania libera, Merkel culona, non ho capito la mail" A questo bel minestrone aggiungiamo che l'italia è sempre stato il Paese dell'Opposizione buona-Governo cattivo. Chiunque è bravo a criticare (in maniera non costruttiva naturalmente) salvo poi comportarsi nella stessa maniera se non peggio quando sarà il suo turno. Si scarica sempre la colpa sull'amministrazione precedente e si scende sempre più nel ridicolo, lo Stato collassa sempre più, i movimenti estremisti ottengono sempre più forza e la storia si ripete sempre uguale. La differenza tra il populismo m5s e il populismo di destra o di sinistra è che loro sono ignoranti nel vero senso della parola, inesperti, rappresentano perfettamente l'elettore medio, bravo a criticare, a urlare insulti, a promettere e dichiarare il falso, e poi concretamente incapace e inefficace. Lontani dall'Eurocrazia e dai tecnici non eletti "oooh questo è male, ladri, cacciamoli, il debito pubblico, lo spread, il 3%...è colpa loro!" lontani(?) dai mestieranti del magna magna. Loro sono candidi, i loro uomini e donne: gli angeli della Provvidenza E non è nemmeno colpa loro, loro* sono semplicemente se stessi, il frutto di questa situazione politico-cultural-socio-economica che consente loro di essere la prima forza del Paese di ogni Paese *loro= non il m5s, o la lega o un politico italiano incapace spara balle x, ma tutta questa razza di populisti ecc., senza distinzione di etnia, religione e pelle. Lo ripeto a scanso di equivoci, è un fenomeno globale (e assolutamente non nuovo alla storia del mondo intero)
  7. Stavolta son stati commessi troppi errori. Regalato il primo tempo, Marcelo si infortuna e i suoi compagni non mettono il pallone fuori, la partita va avanti 3 minuti senza interruzioni, arriva l'azione del villareal, Ramos commette quel fallo idiota e solo dopo il rigore entra Carvajal. Benzema e Cristiano sono ancora non al top, non c'era motivo di aspettare così tanto per far entrare Lucas e Morata che al contrario sono in forma. Non ultimo, l'assenza di Modric pesa. E nella stessa giornata si infortuna Messi per 3 settimane mi pare
  8. Ora è Di Maio ad esultare perchè "la pacchia del magna magna è finita". Non so se il problema sono loro che proprio non ci arrivano o se stanno prendendo tutti per fessi. Ho già sentito romani e non esultare e glorificarli "visto che bravi loro? ancora, ancora, biiiis !!"
  9. Ma io non contesto il loro aver mantenuto la parola (No era in campagna e No è adesso, buon per loro sia chiaro) ma non essersi nemmeno presentati ad un appuntamento che a meno di aver letto informazioni sbagliate, era stato convocato da loro stessi. Ripeto, se ti fossi vista con Malagò, mica saresti stata obbligata a cambiare decisione
  10. C'è davvero qualcuno che crede sia stato un ritardo dovuto ad altri impegni istituzionali e non un preciso sgarbo? "Oggi qualsiasi opera pubblica richiede un investimento, questa amministrazione comunale aveva il diritto e il dovere di supervisionare. Alla Raggi abbiamo detto: assumiti la governance e governa il processo", ricorda Malagò ai microfoni di Radio1. Di Battista: Malagò è coatto, fa minacce - "Malagò ha detto alla Raggi: 'Le consiglio di non presentare la mozione perché gli amministratori che firmeranno quella delibera dovranno assumersi le loro responsabilità'. Se non sapessimo che si tratta di parole di un semplice coatto potremmo quasi scambiarle per una minaccia". Lo scrive su Facebook Alessandro Di Battista, membro del direttorio M5S. come prevedibile ora si passa alle offese personali, alè! Nicola Zingaretti «Io penso che tutto, nella vita, può essere un rischio o un’opportunità, anche camminare: è bello camminare ma se si cade uno si fa male. Le Olimpiadi potevano essere un rischio o una grande opportunità, la differenza è come le fai. Penso che rinunciare sia stato un drammatico errore e sopratutto un elemento di non fiducia nei confronti di se stessi, cioè di coloro che avrebbero dovuto gestirle. Siamo stati eletti per dare opportunità ai cittadini non per rinunciare per paura»
  11. Qualcuno dovrebbe spiegare che partecipare non vuol dire vincere e non bidonare malagò (che mi da l'impressione di essere una persona seria) non ti impediva di sostenere il No lo stesso. Io fin dall'inizio della loro avventura politica non ho avuto simpatia per questo Movimento, ma a prescindere dalle opinioni e le scelte politiche personali. E' oggettivamente una delusione continua, sono gente incapace, non istruita, spara balle, slogan e proclami tutto fumo, faziosi, violenti nella loro retorica. Sembra la versione della Lega senza la componente nordica e secessionista. Ma veramente, ma che combinano? possibile siano solo questo? Sarà che non ho vissuto tutti i decenni scorsi della politica italiana, ma quello che sto vedendo in questi ultimi tempi mi sconforta davvero (e conferma sempre più le mie idee)
  12. Parlando di "pessima figura": Raggi&Co fanno attendere 35 minuti Malagò&Co e alla fine nemmeno si presentano
  13. Per quello che è il mio gusto personale: Martin, Asoiaf, Twoiaf (le mappe :wub: ) e il resto dei racconti sono migliori di Tolkien, Il signore degli anelli e del Silmarillion. (e nonostante tutto, ADWD mi è piaciuto parecchio). Migliori come storia, come mondo, come sono scritti. Migliori come indice di gradimento pagina dopo pagina. Più accattivante, più moderno ecc ecc. Non so (ne mi interessa) se uno sia più "grande" dell'altro ma per me è così. (Così come Stone magari è inferiore a Coppola, ma Platoon mi ha fatto "godere" più di Apocalypse, per quanto ovviamente quest'ultimo abbia certe scene epiche e storiche sicuramente superiori) Ammettiamo che quello che scrivete sia vero e condiviso da almeno il 50%+1 dei lettori, e ammettiamo che corrisponda davvero al vostro reale pensiero su Martin e l'universo di Asoiaf. Ma chi ve la fa fare? Perchè ancora siete in attesa da anni se non da decenni di leggere questa saga? chi ve la fa fare a partecipare non dico sul forum intero perchè ci sono tante discussioni diverse, dalla politica allo sport ecc, ma ad un topic di attesa come è questo? O siete masochisti o non riesco a capirvi Balon me lo vedo, mimetizzato con i rametti in testa, le foglie, appollaiato come un falco su un albero di Santa fe. Binocolo stretto nella sinistra, cronometro nella destra. A 100 metri la villetta di George :scrib: . Indifeso di fronte ai suoi fan/amanti traditi. Decisi a fargliela pagare. Torturarlo. Una sola missione, cinica. Diffondere lo sconforto nel mondo e abbatterne la memoria tra i posteri ;)
  14. Ogni volta che parlo di Don Florentino mi becco una tirata d'orecchie :ehmmm: Dai sta volta, non era nessun linguaggio volgare, nessuna offesa personale. Al massimo un'espressione appena appena colorita riferita al suo modo di lavorare. Ma insomma è risaputo che vale tanto poco come presidente di una società polisportiva tanto quanto vale molto come businessman
  15. Senza entrare nel merito della Riforma Cost. anche perchè sarebbe OT immagino, ma anche a prescindere dal testo e risultato di questa, facendo fantapolitica sul post Governo Renzi-PD vuoi per dimissioni, vuoi per naturale corso o decorso politico. Sono l'unico sconfortato all'idea di avere come alternative questo M5S e questo Centro-Destra? Da un lato gente che uscirebbe dall'Euro "perchè fa figo dirlo" dall'altro le solite facce: Berlu dietro le quinte, Brunetta, Meloni, Salvini...