Jump to content

Lyra Stark

Utente
  • Content Count

    6,276
  • Joined

  • Last visited

About Lyra Stark

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

2,250 profile views
  1. Lyra Stark

    Cultura: un peso o un'opportunità?

    Ma l'unesco non tutela i patrimoni culturali? Come la mia brutta bruttissima impressione è che si punti a sminuire e demonizzare la cultura, la competenza e l'istruzione perché sono cose che portano a pensare e a farsi delle idee proprie e che quindi potrebbero portare a critiche e disapprovazione. Che poi va bene niente professoroni ma ci fosse un ministro non dico competente nel suo settore ma almeno laureato tout cour.
  2. Lyra Stark

    Cultura: un peso o un'opportunità?

    Personalmente penso che la cultura, intesa come tempo e fatica, oltre che soldi ma quello è già secondario, spesi a studiare, approfondire e imparare vada sempre riconosciuta come un valore e ritenuta importante. Indipendentemente da quello che si studia, un percorso di formazione e approfondimento ritengo migliori sempre e comunque l'individuo, le sue capacità relazionali e di analisi della realtà, per quanto possibile. Ma anzi mi viene pure da dire che tanti atteggiamenti cui assistiamo oggi sono anche un po' figli della mancanza di cultura, che non va intesa come mero nozionismo. Forse è quello che viene criticato, ma appunto la cultura è una cosa ben diversa. Nel caso specifico è molto triste vedere che il meglio che si è saputo esprimere è una persona seppur sono certa di valore totalmente incompetente nella materia e lo devo dire fuoriluogo. Ancora più triste l'ironia e i motivi dietro la scelta. Per quello che serve, citando il collega forumista prima di me, quantomeno un cultore della materia (di una delle materie per meglio dire) a caso avrebbe potuto rappresentare un contributo serio e efficace oltre che un segno di riconoscimento a tutte quelle persone che ogni giorno si impegnano proprio per tutelare la tanto vituperata cultura. Che poi a livello materiale è anche una delle maggiori ricchezze del nostro paese, che vanta la più alta concentrazione al mondo di beni protetti dall'UNESCO.
  3. Lyra Stark

    ADRIAN la serie

    Ieri sera ho cercato invano qualcosa di alternativo ma il palinsesto era deserto. Per fortuna stasera danno The Ravenant.
  4. Lyra Stark

    ADRIAN la serie

    Articolo che riassume la situazione critiche http://www.bestmovie.it/bestserial/adrian-boom-di-audience-e-share-ma-per-i-critici-e-puro-trash/677879/ Mi trovo d'accordo in pieno con quanto riassunto.
  5. Lyra Stark

    ADRIAN la serie

    Se non erro questo perché lui faceva davvero quel lavoro all'inizio. Ma appunto questa la prendo come citazione, ma pure la donna che ha le fattezze della Mori, oltre al personaggio che è la versione ganza di lui, è tutto troppo autocelebrativo. E naturalmente chi non la pensa come lui o lo critica viene fatto passare senza neanche troppe metafore per appartenente a un regime totalitario.
  6. Lyra Stark

    Caccia: sì o no?

    In tal caso credo fosse proprio uno status symbol, tant'è che la famosa caccia alla volpe mica si faceva perché la volpe è buona da mangiare ^^" ma proprio per esprimere l'appartenenza a una certa categoria.
  7. Lyra Stark

    Challenge Culinaria

    Confermo, raramente ho trovato ricette valide su internet. In genere non lievitano bene o non sanno di nulla. Per quanto mi riguarda però oggi: 34. Pensavo fosse una ricetta e invece era una sòla. Una volta sul retro del pacco di pasta ho trovato una ricetta per un sugo alle carote. Lavorato e smanettato un sacco, ma alla fine il risultato era proprio deludente.
  8. Lyra Stark

    ADRIAN la serie

    Io personalmente non lo guardo. Sono allergica a tutti quelli che si sentono predicatori e santoni ^^"
  9. Lyra Stark

    Challenge Culinaria

    33. La cena di ieri sera Anche io domenica sera vado di pizza, così non devo cucinare e ci sono pochi piatti da lavare. Per me una bella margherita!
  10. Lyra Stark

    Challenge Culinaria

    Be direi che con la storia dei palloncini esplosivi al cioccolato hai già vinto il premio per questa categoria
  11. Lyra Stark

    Challenge Culinaria

    32. Un epico disastro culinario Avevo una gran voglia di gnocchi di zucca conditi col gorgonzola. Solo che gli gnocchi di solito li congelo. Non so cosa sia successo, fatto sta che una volta buttati in acqua bollente si sono completamente spappolati! In pratica ho fatto una vellutata ^^"
  12. Lyra Stark

    Caccia: sì o no?

    Idem anche per me. Comunque non nego che siano necessarie delle politiche di controllo di alcune popolazioni animali, ma credo sia un fenomeno che esula un po' dalla caccia in senso stretto, come non si tratta appunto di necessità per alimentazione. Tendenzialmente è proprio il concetto che qualcuno possa trovare piacevole e divertente uccidere che mi mette un po' a disagio.
  13. Lyra Stark

    Politicamente corretto e dintorni

    Si lega un po' al discorso che stiamo facendo e mi sembra una nozione importante: esiste in linguistica proprio la nozione di politeness o cortesia linguistica che sancisce come per una comunicazione corretta ed efficace il parlante dovrebbe sempre lasciare aperta un'opzione all'interlocutore. Non soverchiarlo, non metterlo con le spalle al muro, insomma. Per quanto riguarda sempre il linguaggio personalmente io trovo abbastanza discutibile l'utilizzo dell'eufemismo in forme come non vedente, diversamente abile etc. perché basato proprio su un tabù culturale (avevo spiegato il processo nel precedente intervento). Alla fine un problema di concetto, superare la diversitá, viene ricondotto a un problema di forma. Ma in una società culturalmente avanzata dovrebbe piuttosto avvenire il contrario. Non amo particolarmente neanche le forme femminili neointrodotte in nome di una presunta parità dei sessi: già il fatto che sia presente questa attenzione e si voglia sottolineare la sindaca piuttosto che il sindaco significa che viene meno il concetto di parità. Sapere che è consigliato usare una forma apposta per le persone del mio sesso mi fa sentire ugualmente o più discriminata che non il contrario. Però magari è una deformazione mia ^^"
  14. Lyra Stark

    Challenge Culinaria

    Confermo anche io apprezzo lasagne e pasta al forno riscaldate. In alternativa a me piace molto anche la carbonara riscaldata, quando diventa un po' croccantina.
  15. Lyra Stark

    Politicamente corretto e dintorni

    Molto corretto, scusate il gioco di parole ^^" condivido soprattutto il pensiero della parte finale del post di Mar. E aggiungerei che il fenomeno va spesso di pari passo a una certa mancanza di onestà intellettuale, per cui molti dibattiti oggi sono improntati allo schiacciamento del "nemico", cioè chiunque contesti una determinata idea o tesi, indipendentemente dal valore delle argomentazioni addotte. Insomma, ormai siamo ridotti a mera partigianeria. Forse lo eravamo anche prima, ma come dire... ci si auspica che tempo ed evoluzione migliorino invece che peggiorare gli individui. Oggi direi che il politically correct è identificato/abile più che altro con una forma di ipocrisia, se non anche con fenomeni di tabuizzazione che prevedono l'uso di "eufemismi" per riferirsi a certe realtà semantiche come dire sensibili (quelli citati da Euron), comunque in entrambi i casi sentito come un'imposizione e percepito quindi come negativo, oltre che per sua natura artificiale. Ma dicevo forma di ipocrisia, perché in effetti in molti casi lo è, soprattutto a livello semantico: esemplificativa l'indignazione se si usa magari un certo vocabolo, ma poi nella realtà dei fatti molta meno attenzione e indignazione viene conferita a comportamenti magari ben più degni di biasimo. Certamente tutto ciò ha ripercussioni massimamente nella sfera politica perché tutto è utile per colpire l'avversario, ma in generale in una società così improntata sulla comunicazione e attenta all'immagine come la nostra è quasi "naturale" che l'attenzione per la forma soppianti quella per il contenuto. Purtroppo. Per concludere vorrei sottolineare una correlazione che mi sembra importante: come avevo già avuto modo di notare in un'altra sede, secondo me la connotazione negativa associata al politically correct, se vogliamo figlia pure di un suo uso improprio e parossistico, va di pari passo alla sempre più dilagante mancanza di rispetto. Alla base secondo me è proprio questo principio che viene a mancare e che da un lato ha richiesto l'uso di una tutela artificiale, dall'altro porta a sminuire anche quest'ultima.
×