StarkTargaryen

Utente
  • Content count

    116
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

41 Neutral

3 Followers

About StarkTargaryen

  • Rank
    confratello
  • Birthday 08/28/1968

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Interests
    Storia, Arte, Musica: Classica, Rock, Blues; Cinema: Pulp fiction, Apocalypse Now, le Iene, e tanti ancora; serie TV : GOT, True Detective, House of Cards, The Knick, Battlestar Galactica, Big Bang Theory, The Shield, Boardwalk Empire e tante altre ancora; letteratura: da Dostoevskij allo Zione Martin (che si dia da fare però)

Recent Profile Visitors

60 profile views
  1. Sembra che chi ha aperto la discussione non abbia ben recepito il messaggio principale che emerge dalle opere di Martin, che non esistono personaggi buoni o cattivi, al più possono esistere personaggi "tendenzialmente buoni", con sfumature e a volte ben più di semplici sfumature di malvagità e dall'altro lato, personaggi "tendenzialmente malvagi", ma con sfumature e a volte ben più di semplici sfumature, di bene. I personaggi di Martin sono tutti più o meno grigi, con la differenza che in alcuni il grigio è più chiaro e in altri è più scuro
  2. Secondo me va tutto contestualizzato. In un mondo simil medievale quanto avvenuto può essere considerato giusto, anche dal punto di vista etico, per quello strategico, dipende ovviamente dalla situazione. Come proprio qualche giorno fa scrivevo come risposta ad un discussione simile, la storia reale ha esempi di sovrani, passati alla storia come giusti e illuminati, che in alcune circostanze hanno commesso atti violenti atroci ed esecrabili. E nello specifico citavo appunto l'imperatore Federico II, che è una figura che, da appassionato di storia quale sono, mi ha sempre affascinato e che, pur nella sua grandezza, ha compiuto azioni crudeli, anche del tutto gratuite (non farmi ripetere tutto il contenuto del mio post dell'epoca perché era lunghissimo). Ritornando all'esempio di Daenerys, Dany o come volete chiamarla, da uomo del 20^/21^ secolo dico che l'arrosto dei Tarly, se avvenuto ai giorni nostri, sarebbe un'azione crudele e, pur non essendo un giurista, ritengo sarebbe un crimine di guerra. Contestualizzata al periodo, è un'azione comprensibile e coerente, anche per un personaggio tendenzialmente "buono" come Daenerys, purché la si veda come un personaggio "buono" di un periodo pseudo medievale. Spero di essermi spiegato
  3. C'è da domandarsi perché sul suo personaggio e non su altri, sarebbe bello aprire una discussione solo su questo argomento
  4. Si, mi sembra di si, almeno nella serie; nei libri non c'è Olly e Styr non è un cannibale, anzi è forse il capo tribù dei bruti che maggiormente è in grado di imporre disciplina alla sua gente
  5. Onorato
  6. Sul grande cuore bisogna contestualizzare, secondo me. Le cronache si svolgono in un mondo medievale/pre rinascimentale e i vari personaggi sono dei soggetti del tempo, un periodo in cui i concetti bene e male, diritto e sopruso, diritti umani e crimini contro l'umanità erano o diversi dai nostri o non esistevano affatto. Questo per dire che un sovrano che era notoriamente magnanimo, illuminato, "buono", poteva macchiarsi in certe circostanze degli atti più nefandi che si possano immaginare. Ad esempio, Federico II di Hoenstaufen, figura che ammiro molto, è noto per essere un sovrano illuminato e tollerante (era detto stupor mundi). Ha creato l'Università della mia città e infatti porta il suo nome, è stato un ricercatore in ambito scientifico e ha dato notevole impulso alla scienza e alla cultura, ha tenuto ottimi rapporti col mondo islamico (a Lucera c'era una comunità di saraceni che vivevano con i propri usi e costumi e fornivano la guardia personale dell'imperatore), salvo poi dover fare un crociata, pena la scomunica. E una volta iniziata la crociata, ha conquistato Gerusalemme quasi senza spargere sangue, venendo ad un accordo col sultano e creando una sorta di città sovrannazionale (sono noti poi i profondi discorsi di teologia che Federico intrattenne col sultano), ma a seguito di ciò s'è beccato una seconda scomunica per non aver conquistato la città santa in maniera violenta (un paradosso da parte dell'esponente di un chiesa che dell'amore e della fratellanza fa i suoi cardini). Questo "paraustiello" (preludio) serve quindi a dire che, nonostante il nostro Federico fosse una persona tendenzialmente "moderata" è stato capace anche di compiere gesti crudeli, tipo far accecare il suo consigliere Pier delle Vigne, perché accusato di congiura contro l'imperatore (accusa sembra del tutto immotivata). Quindi, secondo me, il concetto di buono o cattivo vanno presi con le pinze, come del resto il buon Martin insegna. Io posso essere una persona mite, equilibrata, compassionevole, ma se mi vengono i cinque minuti, faccio pulizia etnica di uno stato. Oppure, io sono un tiranno, un uomo che abusa del proprio potere e poi salvo la popolazione del mio paese confinante dopo che è stata colpita da una catastrofe. In conclusione, secondo me, ci sono dei personaggi tendenzialmente buoni (Daenerys, Tyryon, Arya, Jon e altri minori) che però in alcune circostanze compiono delle azioni "al di sopra delle righe" (o forse ne compiranno, che mi ricordi Jon non ha ancora compiuto azioni crudeli) e poi ci sono personaggi tendenzialmente malvagi (Cersey, Walder Frey, i Bolton) e via dicendo che potrebbero compiere azioni buone (ad esempio Roose Bolton, che ha riconosciuto Ramsey, quando poteva, prenderlo e gettarlo in un fiume oppure scuoiarlo)
  7. Personalmente, avrei fatto occupare la roccia del drago da un piccolo contingente, giusto per tenere sotto controllo un importante avamposto vicino approdo del re, ma avrei effettuato lo sbarco principale presso approdo del re per colpire rapidamente il cuore del nemico. In alternativa, oltre al colpo di mano a roccia del drago, avrei fatto due sbarchi, uno principale presso approdo del re, allo scopo di isolarla dal resto del continente occidentale ed un altro nei pressi di lannisport (ovviamente circumnavigando parte del continente occidentale) per colpire al cuore le terre dei lannister.
  8. Secondo me si riprende un concetto che Martin riporta in più di uno dei suoi libri, che le guerre, a prescindere dalle cause, le combattono sempre dei poveracci (nel senso buono del termine), sia che stiano dalla parte "giusta", sia che stiano dalla parte "sbagliata"
  9. Forse l'ospite è Melisandre
  10. Concordo pienamente, tipo: F4 - basito
  11. Jonathan Pryce (alto passero), Roger Ashton-Griffiths (Mace Tyrell) e Jefferson Hall (ser Hugh della Valle), oltre a Oona Chaplin (Talysa) nella prima stagione di Taboo, che mi è piaciuta molto
  12. Jonathan Pryce (alto passero), Roger Ashton-Griffiths (Mace Tyrell)  e Jefferson Hall (ser Hugh della Valle), oltre a Oona Chaplin (Talysa) nella prima stagione di Taboo, che mi è piaciuta molto
  13. Tripletta ASOIAF
  14. tripletta asoiaf e mi porto il pallone a casa :stralol:
  15. Voto Roland Deschain