Jump to content

Maya

Guardiani della Notte
  • Content Count

    5,450
  • Joined

  • Last visited

About Maya

  • Rank
    GdN in the Sky with Diamonds
  • Birthday 06/15/1980

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

1,039 profile views
  1. Maya

    Caccia: sì o no?

    Uhm... ma siete proprio sicuri che l'essere umano sia questo che descrivete? Da profana, mi sembra un'immagine che non tiene troppo conto del processo evolutivo. Il tema è molto ampio - e si rischia di andare OT -, ma siete proprio sicuri che la caccia sia un istinto naturale, soppresso dalla civilizzazione, ma ancora latente e quindi bisognoso di essere "scaricato"? Non staremo confondendo "aggressività" con "competitività"? Lo sport - quale esso sia - è uno strumento per scaricare la prima o, seguendo la logica della piramide di Maslow, per soddisfare la seconda? Nella storia dell'uomo, vedete la caccia come un istinto naturale oppure come un mezzo per procurarsi del cibo (l'unico mezzo probabilmente per una creatura così poco dotata di armi naturali come l'essere umano)? Può sembrare una riflessione molto generale, ma penso non sia banale per poter decidere se si è favorevoli e contrari alla caccia così come oggi viene praticata (al netto della funzione dl riequilibrio delle popolazioni animali in certi territori, come giustamente è stato indicato).
  2. Maya

    Una giusta pena. Una pena giusta.

    Vi lancio una provocazione: ho letto ripetuti richiami al fatto che la giustizia si faccia talvolta “guidare la mano” dalla volontà popolare ed attirare da un certo desiderio di spettacolarizzazione mediatica. Siete d’accordo? Quanto spesso accade? Avete esempi da portare di un caso - magari italiano - in cui la “giusta pena” è stata quella che il “pubblico” chiedeva piuttosto che quella che avrebbe normalmente prodotto la macchina giuridica?
  3. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    MODE MOD ON Questa sezione ha qualche problemino ogni qualvolta la si scambia per il peggior bar sport. Non lo è. Cerchiamo di moderare i termini, i toni e le parole e di rivolgerci agli altri con educazione e rispetto. Grazie. MODE MOD OFF
  4. Maya

    Una giusta pena. Una pena giusta.

    Quello contesti è la spettacolarizzazione della sentenza, corretto? Non il cosa, ma il come. Giusto? Su questo mi trovi d'accordo. Per quanto difficile, chi esercita la giustizia dovrebbe dimostrarsi "apatico" .
  5. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Mi sembrerebbe un uso terapeutico molto personale di utilizzare questo strumento e dubito dell'efficacia che tu invece auspichi otterrebbe. La Giustizia deve fare il suo corso. In questo modo, e solo in questo modo, a mio avviso, può far pensare di essere qualcosa di diverso dallo sbattere in uno e lasciarlo marcire o peggio uno strumento politico a tratti propagandistico. Ci aspettiamo che la Giustizia faccia giustizia, seguendo le sue regole e le linee che traccia che, nel caso di Cesare Battisti, prevedono la detenzione a vita.
  6. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Quindi la soluzione sarebbe la non azione o il non ragionamento? L'azione senza ragionamento o il ragionamento senza azione? In generale, comunque, non capisco questa riflessione cosa c'entri con il caso specifico e soprattutto come supporti la tua convinzione che la concessione della grazia a Cesare Battisti da parte "proprio di Sergio Mattarella" possa essere auspicabile "per un discorso di Sistema e di Paese; perché sarebbe importante, fondamentale vista quanto si è fatta irrespirabile l'aria, riaffermare e rendere chiaro una volta per tutte che Giustizia (almeno nei paesi civili di cui l'Italia mi risulta ancora far parte) vuol dire protezione della comunità, riabilitazione del reo, logos, raziocinio." Probabilmente è un mio limite - anzi, sicuramente -, ma non capisco il nesso tra i due concetti.
  7. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Infatti non ho mica detto che l'hai detto. Ho detto, mi cito letteralmente, che sollevo "dubbi sul fatto che la meriti". A scanso di equivoci riporto direttamente le tue parole: Ecco proprio no. Io lo vedrei solo come "significativo ed altamente simbolico" di un sistema giuridico in forte crisi d'identità, che nega se stesso ed il proprio operato (Battisti è già stato condannato, non dimentichiamolo), come dire "ai tempi lo abbiamo condannato all'ergastolo, ma... vabbè è acqua passata". Probabilmente sono di corte vedute, ma proprio mi sfugge come potrebbe rendere l' "aria meno irrespirabile" il fatto che un condannato evaso non sia chiamato a scontare la sua pena all'ergastolo per omicidio. Questa però mi sembra una considerazione del tutto personale che non chiarisce molto la tua posizione. Puoi spiegarti meglio?
  8. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    MODE MOD ON Mi sa che non siamo stati abbastanza chiari e quindi te lo ripeto: questo tipo di affermazioni non sono accettate in questo forum ed in questa sezione. MODE MOD OFF
  9. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Forse la presenza di gente la cui idea di giustizia corrisponde a sciogliere i condannati nell'acido sarà una "virgola" per te. Per me è abominevole. E la concezione prevalente di giustizia presente in italia al momento, più o meno, è questa. Concordo con te sulla' "abominevole" proposta. Forse dovresti distaccarti maggiormente dalla letteralità delle parole. Ma vedi il punto su cui tutti siamo sollevando dei dubbi - forse siamo poco chiari nel dirlo o magari a te fa comodo pensarlo - è che Cesare Battisti meriti una grazia e debba essere riabilitato, che non costituisca più una minaccia per la società, che non reitererebbe il crimine ecc. Tra dire questo e dichiarare che dovrebbe marcire in galera ovvero essere sciolto nell'acido c'è una pletora di virgole tipo "giusto procedimento penale", "condanna adeguata ai crimini" e così via, che mi pare siano emerse in molti interventi. Sono totalmente d'accordo. Battisti è evaso dal carcere da condannato a 12 anni e successivamente condannato in contumacia all'ergastolo per quattro omicidi.
  10. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Porta pazienza, ma io posso solo leggere "letteralmente" quello che scrivi. Non sarebbe corretto da parte mia dargli un'interpretazione estensiva. Due cose: - la prima è che essere "malati di mente" (concetto che andrebbe esploso molto, molto meglio) non è l'unica condizione che determina l'impossibilità del reintegro in società. Penso che siamo d'accordo su questo punto, per cui non serve precisarlo ulteriormente. Nel caso specifico di Battisti, non affretterei un'affermazione di "impossibilità a reiterare il crimine". Le ragioni ideologiche che lo hanno portato a commettere i crimini quarant'anni fa, per quello che possiamo saperne, potrebbero trovare una nuova interpretazione e quindi attuazione ai giorni d'oggi. Non abbiamo gli elementi che ci permettono di confinarlo, con la sua criminosità, in quell'unico contesto storico. Il caso di Erika ed Omar - anche senza una perizia psichiatrica - ci appare già del tutto diverso in questo senso. - sono totalmente d'accordo che abbiamo fatto di Cesare Battisti un mostro che quasi sicuramente non è. C'è stato uno sfruttamento mediatico di questa storia imbarazzante. Detto questo, Battisti è un pluriomicida. Non vedo reali motivazioni che possano evitargli una condanna ed una detenzione adeguata ai crimini commessi. Il fatto che siano passati degli anni, non significa che la giustizia non debba comunque fare il suo corso. In conclusione, è mia personale convinzione che l'attuale pericolosità di Cesare Battisti sia materia da valutare alla luce di elementi che, come ho detto, secondo me non abbiamo, ma comunque non è cosa che debba incidere più di tanto nella decisione o meno di sottoporre Battisti ad un giusto procedimento che identifichi una pena adeguata per quanto da lui fatto quarant'anni fa. Sono convinta che, come indicato da Metamorfo, siamo tutti sostanzialmente d'accordo e ci stiamo semplicemente incartando sulle virgole.
  11. Apro questa discussione per dar il via ad un dibattito sempre attuale che è quella della "giusta pena" da attribuire in particolare ai colpevoli di reati più gravi (omicidio, stupro, pedofilia ecc.). Il sentimento che si genera di fronte a simili crimini alimenta spesso un desiderio individuale e collettivo di "vendetta" che va oltre il più moderno concetto di giustizia e si avvicina di più ad un'idea di "legge del taglione". Ci pone, inoltre, di fronte a temi quali la pena di morte, ma anche le condizioni di detenzione, la riabilitazione dei singoli. Le domande sono tante ed il topic si apre a diversi temi dalla valutazione del sistema penitenziario e giudiziario (applicati nel nostro Paese, ma anche altrove) alla convinzione o meno che sia possibile, oltre che auspicabile, un recupero del detenuto ed un suo reinserimento nella società, dall'accettazione o meno della pena di morte all'opportunità di creare, anche per chi è condannato all'ergastolo, un contesto di detenzione dignitoso. La "giusta pena" non sempre coincide con la nostra idea di "pena giusta": cosa ne pensate?
  12. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    Che l'età (che poi 60 anni non è chissà che età!) e l'alcolismo (?) facciano di Cesare Battisti un soggetto oggi potenzialmente meno pericoloso per la società è parecchio discutibile dal mio modesto punto di vista. In ogni caso, i criteri di valutazione - credo e spero! - siano ben altri. Sono assolutamente d'accordo con chi sostiene a gran voce che le condizioni di detenzione debbano essere ugualmente dignitose per ogni individuo, a prescindere dai reati che gli vengono riconosciuti. Quando ci troviamo di fronte a crimini come l'omicidio, lo stupro, la pedofilia, voler vedere il sangue è un sentimento naturale e comprensibile. D'altro canto, soprattutto nell'esercizio della giustizia, l''essere umano è chiamato ad elevarsi al di sopra di istinti, quali il desiderio di vendetta. Non penso affatto che questo sia facile quanto logico e razionale, ma se l'evoluzione lo fosse, ci sarebbero spuntate le ali milioni di anni fa.
  13. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    MODE MOD ON In effetti sarebbe meglio spostare in un topic specifico la discussione - molto interessante, a mio parere - sulle condizioni di detenzione e su come queste impattano sul soggetto e quindi sul suo eventuale reintegro nella società. Vi invito a farlo così non andiamo OT qui e diamo spazio alle opinioni su questo tema che mi pare interessi molti. MODE MOD OFF
  14. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    MOD ON In questo forum ed in questa sezione ci sono regole che sono state definite in quanto considerate necessarie per il sereno vivere della community. Che ti devo dire? Magari siamo un po' outsider ed avanguardisti. Vi prego di voler come sempre preferire la via privata per rispondere a questo mio messaggio così da non appesantire la discussione con interventi OT. MOD OFF
  15. Maya

    L'arresto di Cesare Battisti

    MOD ON Ok ragazzi. Posso capire lo stato d'animo, ma vi invito caldamente a moderare i toni della discussione. Non voglio leggere altre cose del genere. Grazie. MOD OFF
×