Jump to content

dario snow

Utente
  • Content Count

    56
  • Joined

  • Last visited

3 Followers

About dario snow

  • Rank
    Confratello
  1. Stava passeggiando tranquillamente per una piccola via fatiscente della periferia di Milano, eppure sembrava così felice, aveva uno sguardo gioioso, lo sguardo di un bambino, ogni cosa che vedeva la esaminava attentamente come se la vedesse per la prima volta, e dopo un po che la guardava gli spuntava immancabilmente un sorriso sulle labbra come se avesse visto la cosa più bella del mondo, come un bambino si emozionava, nonostante dimostrasse venti anni ; ognuno intorno a lui non poteva fare a meno di guardarlo, abbozzare un sorriso e andarsene invidiandolo un poco per le piccole cose per cui si emozionava e stupiva; passava dal guardare gli uccelli alle formiche, dai palazzi alle macchine, e a volte fissava per lunghi momenti i passanti, che un po' spaventati aumentavano il passo per andarsene un po' più in fretta. Stava guardando un uccellino che svolazzava pigramente quando vide un albero...un albero spoglio,senza foglie ne uccellini che si riposavano su di esso. Rimase li, fermo, a fissare quel albero che non sembrava essere particolarmente bello, eppure quel uomo, era li con un sorriso stampato in faccia, l' espressione stupita come se stesse vedendo lo spettacolo più bello del mondo; sarebbe rimasto li per molto tempo se un vecchio non gli fosse andato vicino, si fosse fermato vicino a lui, nella sua stessa identica posizione, l' unica differenza era l' espressione annoiata sul volto del vecchio. L' uomo si girò verso il vecchio– hai visto che spettacolo ?- Il vecchio non fece in tempo a rispondere alla domanda che quello si levo gli spessi occhiali che aveva addosso, il suo sorriso si spense, e divenne esattamente come tutti gli altri, il suo fanciullino non gli parlava più, e mentre questo strano individuo se ne andava gli cadde un sacchetto dalla tasca,il vecchio rimasto sotto l' albero lo raccolse, e vide che portava il logo di un ottico, guardò lo strano uomo che se ne andava, spari li in mezzo alla strada, e il vecchio si rallegrò al ricordo di come si sentiva il primo giorno che aveva indossato i suoi primi occhiali.
  2. wow !!! che bello, visto che gli indugi sono stati rotti, metto anche io un mio racconto
  3. Caro diario Questa settimana é stata davvero pesante, ho avuto sette verifiche in due giorni. Meno male che settimana prossima la mia scuola é chiusa per le vacanze di carnevale, e una settimana é piu che sufficente per riprendere le energie.
  4. dario snow

    Naruto

    verissimo concordo pienamente con te, gli ultimi capitoli sono bellissimi
  5. dario snow

    Naruto

    se andate su siti come manga eden o itascan potete leggere tutti i capitoli del manga usciti in Giappone. sono molto più avanti di quelli usciti in italia. p.s. l anime non lo seguo proprio perché ci sono troppi filler.
  6. giusto, tocca a te Tywin lannister
  7. "...il valore può compensare la stupidità, ma solo fino a un certo punto."
  8. lo dice yoren quando robb ospita lui e altri due guardiani della notte a grande inverno, pinco è ben stark che è andato in pattuglia oltre la barriera e non è piu tornato. stanno mangiando
  9. leggere ti fa vivere vite mai vissute, vedere luoghi mai visti, provare emozioni mai provate puoi vivere molte vite in poche ore, quando leggi o scrivi puoi creare tutto quello che vuoi, sopratutto cose che non possono esistere
  10. il muro invisibile Harry è un ragazzino di quattro anni, il più piccolo di cinque fratelli. Il padre, un ebreo immigrato dalla Polonia, lavora alle manifatture tessili, sperperando gran parte del suo salario al pub. La madre manda avanti la famiglia come può, ricorrendo a mille espedienti. La loro povera casa si allinea con altre simili su una strada di ciottoli di una cittadina industriale del nord dell'Inghilterra. Una strada come tante, ma solo in apparenza, perché al suo centro corre un muro invisibile: gli ebrei da una parte, i cristiani dall'altra. Due mondi con usanze, credenze, pregiudizi diversi si fronteggiano, quasi non fossero parte di un'unica realtà, quella della miseria. La Prima guerra mondiale incombe, e con essa eventi che cambieranno per sempre la vita della famiglia, e quella della strada. Quando Lily, la sorella maggiore di Harry, vince con il massimo dei voti una borsa di studio per la Grammar School, il padre si oppone e la trascina con sé alle manifatture. Ma alla fine della guerra l'amore segreto per Arthur, un ragazzo cristiano, darà a Lily la forza di ribellarsi e di sfuggire, con la complicità di Harry, a un destino segnato. Solo il figlio nato da questa unione negata sarà in grado di aprire una crepa nel muro, lasciando filtrare un raggio di luce. Racconto autobiografica dopo i primi capitoli ti coinvolge nei dilemmi della vita del piccolo herry, un ebbreo vissuto a cavallo della seconda guerra mondiale, lo consiglio a tutti
  11. il ragazzo selvatico di Paolo Cognetti Paolo ha trent' anni e si sente senza forze,sperduto, sfiduciato:gli sembra di non andare da nessuna parte. cosi lascia la citta dove e nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna in una baia a duemila metri.qui nella solitudine quasi totale riscopre una vita piu essenziale e rapporti umani piu sinceri con gli unici due vicini di casa. la storia vera di una fuga e un viaggio per ritrovare se stessi. libro realistico scritto ben che fa pensare sui rapporti umani, lo consiglio vivamente a tutti quelli a cui piace la natura e la solitudine.
×
×
  • Create New...