eveline

Utente
  • Content count

    726
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

eveline last won the day on January 26 2016

eveline had the most liked content!

Community Reputation

462 Neutral

4 Followers

About eveline

  • Rank
    confratello
  • Birthday 08/13/1987

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

77 profile views
  1. Prossimamente al cinema

    È da ieri che controllo il sito dell'Uci Cinema della mia città per vedere gli orari di It e non trovo nessuna traccia del film. Stamattina controllo la data di uscita, che su Wikipedia è ancora il 21 settembre, e trovo un paio di articoletti che mi informano che l'uscita del film è posticipata al 19 ottobre, praticamente fra un mese. Noi italiani saremo i penultimi a vederlo, dopo di noi solo i giapponesi, mentre su youtube spopolano già i video di molte scene (non ho resistito e ne ho aperto uno ma me ne sono pentita subito dopo). Ecco questa cosa mi fa abbastanza inc*zzare, perché non capisco la scelta improvvisa di posticipare di un mese l'uscita di un film tra l'altro molto atteso, che negli Usa sta incassando moltissimo.
  2. Certo che si preferisce la seconda fino ad un certo punto! Io, ad esempio, preferisco la Cersei dei libri. L'inetta Cersei di Asoiaf ha più significato, ai miei occhi, della tragica Cersei di Got. L'inettitudine è un tratto molto umano e quand'è associato ad una donna che anela potere e riconoscimento in una società pressoché totalmente in mano agli uomini, diventa ancora più interessante, rispetto alla "classica" grandezza tragica e nera alla lady Macbeth. La Cersei di Got è, ai miei occhi, molto più tradizionale rispetto al personaggio di Martin, che difatti trovo più interessante.
  3. Personalmente il suo personaggio lo vedo un po' come il rovesciamento dello stereotipo femminista, la donna che, vivendo in una società di stampo maschilista, è convinta oltremodo delle sue capacità e vuole rifarsi, conquistando il potere. Ma nel momento in cui ce l'ha in mano si dimostra inadatta perché troppo poco capace, avveduta e intelligente per gestirlo. È un personaggio che detesto e amo al tempo stesso.
  4. Prossimamente al cinema

    Film da me più atteso di questo autunno e dell'anno in generale è senza dubbio IT! Non vedo l'ora che arrivi il 21 settembre per vedere finalmente materializzato sul grande scherzo il mostro che, più di ogni altro, ha terrorizzato la mia infanzia, dopo che, all'età di circa 8/9 anni, vidi per caso la miniserie una sera a casa di mia zia!
  5. Commenti su film appena visti

    Visto ieri sera Dunkirk. Che dire? Un bel film, soprattutto per l'atmosfera in cui fa immergere lo spettatore. Un paio d'ore di film passate senza cali di attenzione né momenti di noia. Nolan riesce a fare sperimentare allo spettatore l'ansia, la paura, lo stato di precarietà e la disperazione dei soldati che cercano di sfuggire alla minaccia nemica e di tornare a casa. Personalmente ho apprezzato in particolar modo l'arco narrativo dei giovani soldati che si trovano sulla spiaggia e le provano tutte per imbarcarsi su una nave e attraversare la Manica! Un film che ti fa provare tanto, durante la visione, ma che personalmente mi ha lasciato ben poco una volta uscita dal cinema. Da vedere sicuramente però!
  6. Game of Thrones, Episodio 7x06

    Boh, a me dal messaggio che hai quotato pare di capire che, secondo te, le spiegazioni e la logica mancano volutamente perche' gli autori non devono far capire allo spettatore dove vogliono andare a parare, per aumentare la spettacolarità dei colpi di scena. Sbaglio? Meno logica, più imprevedibilità, più spettacolo, giusto?
  7. Game of Thrones, Episodio 7x06

    @halmv io saro' forse un po' lenta di comprendonio, ma il tuo discorso mica l'ho capito granché! Non ho capito se, semplicemente, a te non frega una cippa della coerenza narrativa di Got perche' la serie ha altri obiettivi oppure se proprio ritieni la coerenza narrativa un qualcosa che non dovrebbe essere valutato in un'opera come Got? Voglio dire, tu dici che in Got ci sono incongruenze e c'è poca coerenza narrativa, ok, quindi? Che peso ha questa cosa nel tuo giudizio complessivo sulla serie? Nessuno, perché ritieni che gli obiettivi di Got siano altri e non mantenere un certo livello di logica nel suo sviluppo narrativo? Che poi, secondo me, tu confondi un po' il discorso "mi piace/non mi piace" col fatto di valutare, nel complesso, una puntata, una stagione o un'intera serie. Ad uno spettatore Got può piacere da matti ma, al tempo stesso, può riconoscerne i pregi e i difetti.
  8. Sì Kit ed Emilia sono amici, così come Emilia e Rose (Ygritte), la fidanzata di Kit. I due attori probabilmente si trovano bene a lavorare insieme e tra loro c'è un sentimento di affetto/amicizia, però tutto ciò, a mio parere, non fa sì che funzionino sullo schermo come coppia. Ripeto, io ho proprio un problema con Kit come attore, che trovo molto poco espressivo, anche se mi rendo conto che interpretare Jon, che è comunque un personaggio piuttosto introspettivo, non è facile. Ma questo è un MIO problema, acuito dal fatto che Jon è il mio personaggio preferito dell'intera saga letteraria. Al di là del mio giudizio sull'attore, riconosco che il problema più grande, forse, è a livello di scrittura. So che i tempi sono stretti e quindi posso pure passare sopra alla rapidità con cui il loro rapporto è stato costruito, però c'è, secondo me, un problema di superficialità nel modo in cui hanno rappresentato il nascere e lo svilupparsi della loro relazione che a me, in quanto spettatrice, impedisce di sentirmi coinvolta ed empatizzare con loro e con i loro sentimenti. Non c'è un dialogo, una scena, un qualcosa di significativo che io ricordi e che mi abbia emotivamente colpita nella rappresentazione del loro rapporto.
  9. Io sono un'altra di quelli (pochi forse) a cui piacerebbe leggere di una storia d'amore tra Daenerys e Jon. Anche secondo me sono due personaggi che, nei libri, hanno più in comune di quanto sembri, nonostante le evidenti differenze caratteriali. Daenerys è una giovane donna passionale e sinceramente vedere il suo interesse catturato da un tipo "algido" come Jon (anche se, sotto sotto, secondo me Jon è "fuoco" tanto quanto Daenerys) sarebbe interessante. E altrettanto interessante sarebbe, per me, vedere Jon confrontarsi con una donna di potere e iniziare a provare sentimenti ambivalenti nei suoi riguardi. Sarebbe una sfida per entrambi e, se costruito bene, un rapporto intrigante da sviscerare. In più ci sarebbe anche il discorso della parentela nascosta a complicare il tutto. Questo nei libri, però. Nella serie tv questa fantomatica storia d'amore non mi convince affatto, principalmente per due ragioni: il modo in cui è stata "costruita" e i due attori cui è toccato metterla in scena. Kit non mi piace come attore, fisicamente non ha nulla a che vedere con il Jon che io ho immaginato così come viene descritto nei libri, in più a livello espressivo lo trovo piuttosto limitato. Emilia idem non mi fa impazzire, anche se fisicamente, al di là del parruccone e delle sopracciglia, la vedo più vicina alla Daenerys dei libri rispetto al Jon di Kit. Entrambi non sono attori straordinariamente dotati, a mio parere, e questo frena la mia capacità di lasciarmi coinvolgere dai sentimenti che i loro personaggi dovrebbero mostrare di nutrire l'uno per l'altro. L'altra pecca è la non costruzione del loro rapporto: tutto è avvenuto troppo rapidamente e troppo superficialmente. Ok che i tempi sono stretti, lo capisco, però, affinché una storia d'amore sia coinvolgente per lo spettatore l'innamoramento deve essere "slow burning", insomma si devono mostrare la nascita e lo sviluppo di un sentimento un po' alla volta e in modo credibile. Lo spettatore deve innamorarsi piano piano della storia d'amore, così come i due personaggi l'uno dell'altro. Tutto questo io nella serie non l'ho visto, per questo la storia d'amore tra i due mi ha lasciata alquanto indifferente.
  10. Il rapporto tra Daenerys e i draghi

    Potrebbero far cavalcare Drogon a Jon perché è il drago più rappresentativo e meglio caratterizzato, il più f*go insomma. E siccome Jon sarà l'eroe nella battaglia finale, dargli il drago più grosso e conosciuto (soprattutto se la famosa mail sull'ottava stagione dovesse rivelarsi vera) sarebbe la soluzione più comoda per gli sceneggiatori. Personalmente non mi piacerebbe granché come scelta. Drogon è il drago di Daenerys, porta il nome del suo defunto marito ed è quello più legato a lei, che appunto lo cavalca. Jon non ha bisogno del drago più f*go per essere caratterizzato ancora di più come eroe. Per me avrebbe molto più senso fargli cavalcare Raeghal, che porta il nome del suo padre naturale, anche a simboleggiare un'accettazione da parte sua della sua discendenza Targaryen.
  11. @thekillfra Zittire l'ho volutamente messo tra virgolette, nel senso di "non penso si possa usare l'argomento delle intenzioni di D&D per confutare le impressioni personali che gli spettatori hanno avuto di fronte a quella scena". Esempio: - lo spettatore A dice: "a me l'uccisione dei tarly è sembrata la decisione giusta da parte di Daenerys, non mi ha scosso più di tanto e penso rientri nel modus operandi di un conquistatore quale ella è" - lo spettatore B risponde: "eh ma nelle intenzioni di D&D quel gesto era volto a significare la deriva violenta di Daenerys" Ripeto che ho quotato il tuo messaggio solo perché si parlava appunto delle intenzioni di D&D e del messaggio che vogliono o non vogliono trasmettere allo spettatore, ma il mio era ed è un discorso generale. Probabilmente non avrei dovuto quotare il tuo messaggio. Per il resto, non vedo cosa ci sia da finire, comunque ok.
  12. Non sei il primo a tirare in ballo questa cosa, ho risposto al tuo messaggio solo perché era l'ultimo in cui veniva tirato fuori l'argomento delle intenzioni degli sceneggiatori di Got. Certo che si puo' parlare delle intenzioni di D&D e di come essi vogliano orientare le percezioni dello spettatore in talune direzioni piuttosto che in altre, solo non penso che questo argomento possa e debba essere usato per "zittire" (non uso il termine in senso offensivo) chi invece, vedendo quella scena, e cioe' il rogo dei Tarly, ha invece avuto una percezione diversa dei fatti. Penso siano due questioni si' legate, di cui si puo' discutere nello stesso topic, ma anche distinte, per cui l'una non influisce per forza di cose sull'altra.
  13. Chi ha aperto questo topic e dato il via alla discussione chiedeva come NOI spettatori avessimo percepito il fatto, non le intenzioni degli sceneggiatori. D&D possono aver voluto far percepire il rogo dei Tarly come un gesto errato da parte di Daenerys, ma questo non vuol dire che la nostra percezione, in quanto spettatori pensanti e critici, debba essere la medesima. E in questa discussione ci e' stata chiesta la nostra percezione personale degli eventi, non quella degli scsneggiatori di Got.
  14. BVZM= buon vecchio zio martin ADWD= a dance with dragons Io tutta 'sta dicotomia bene/male nei libri di Martin non ce la vedo. In piu' concordo con chi dice che l'evoluzione di alcuni personaggi della serie, soprattutto quelli principali, è ormai abbastanza distante da quella di martin.
  15. Il problema non è tanto finire sempre a parlare di Jon in relazione/opposizione a Daenerys, quanto che chi lo fa abitualmente, se si fa notare questa cosa, lo neghi. C'è chi ha una visione Joe-centrica e forse ha ragione chi sostiene che è lì che la serie vuole indirizzare lo spettatore, però basta esserne consapevoli e ammetterlo quando qualcuno lo fa notare. Per il resto, ripeto, chi "giustifica" le azioni di Daenerys non è detto che abbia una predilezione per lei. Personalmente il rogo dei Tarly non mi ha sconvolta ne' lo reputo un errore da parte di Daenerys, a prescindere da dove la serie vuole o non vuole indirizzare il pensiero dello spettarore, che mi auguro rimanga critico, al di là delle intenzioni degli sceneggiatori. E io di certo non sono una fan girl di Daenerys, a dire il vero non lo sono di nessun personaggio della serie, probabilmente solo di uno dei libri.