Jump to content

rhaegar84

Utente
  • Content Count

    476
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by rhaegar84

  1. Godzilla king of the monsters parto subito dal dire che questo terzo capitolo per certi versi è quello meno riuscito. non è male anzi a me è piaciuto ma rispetto agli altri 2 soprattutto a kong pecca di alcuni difetti. alcuni di cgi: per dire le teste di ghidorah sembrano un po finte (se le si confronta con per esempio drogon di got). e alcune scene sono spesso ripreso da lontano o come sfondo alle vicende dei protagonisti. avrei anche approfondito maggiormente gli altri mostri di cui alla fine si vedono solo alcune scene. sostanzialmente avrei spostato più l'attenzione sui mostri e meno sulle vicende umane, che sanno di già visto e quindi meno interessanti. diciamo che paga molto lo splendido trailer di luglio 2018 che aveva creato grandi attese. detto ciò è un buon film di intrattenimento e vediamo come si concluderà col quarto capitolo questo monsterverse, che io ho cmq trovato molto interessante. voto: 6,5/7 p.s.: vorrei sapere il motivo della data di uscita scelta che è stata suicida in un periodo dove in 2 mesi sono usciti veramente tanti film importanti.
  2. rhaegar84

    Vikings

    il problema di queste stagioni dal dopo ragnar è che sostanzialmente la trama non ha avuto grandi sviluppi. si battaglie ecc vince uno poi l'altro ma non c'è niente di definitivo. poi i personaggi sono stati un po sprecati. ivar soprattutto. che tra l'altro dopo il viaggio col padre pensavo avesse avuto uno sviluppo diverso invece lo hanno lasciato uguale sadico e un po pazzo. poi di quelli vecchi lagherta e floki avrebbero dovuto finire loro arco narrativo con ragnar. adesso sono lì ma non hanno molto più da dire. e infine bjorn che rispetto alle prime stagioni adesso trovo abb odioso, forse per l'attore che lo interpreta in maniera troppo esagitata. dovrebbe essere il nuovo ragnar anche per certi viaggi ed esperienze fatte ma non ha neanche un minimo di carisma o fascino. a sto punto vedrò la sesta giusto per capire come finisce e via.
  3. rhaegar84

    serie tv

    penso che siano partiti diciamo con un approccio soft x la prima stagione. o meglio non hanno voluto strafare. e infatti ne è venuto fuori un prodotto semplice ma efficacie. e poi ogni tanto è anche bello vedere una serie che intrattiene senza dovere spremere troppo le meningi. non vedo l'ora della seconda stagione visto che si sono aperte molte opzioni su cosa succederà e nessuna scontata. aggiungo che ho trovato anche molto interessanti le figure femminili. senza esagerare con il girl power che va di moda oggi (come diceva qualcuno riguardo captain marvel che le mancava solo di ruttare….) ma sono figure sia forti ma anche che hanno dei lati fragili.
  4. rhaegar84

    serie tv

    warrior: bella sorpresa. san francisco nell'ottocento. quartiere Chinatown. presa da delle idea di bruce lee. per certi versi la trama è abb classica. tipo serie di 10 anni fa. ma lo dico positivamente. la storia è interessante senza essere troppo contorta. belle le ambientazioni e anche le storie secondarie non sono mai banali. inoltre tra i 10 episodi ce né uno che si discosta totalmente dalla trama anche come ambientazione e si rivela molto divertente. molto ben fatti i combattimenti dove nn c'è confusione ma si capisce abb tutto senza problema. unica pecca che oltre a Chinatown il resto della città ha poche ambientazioni e spesso al chiuso. ma penso dipenda da questioni economiche. già confermata una seconda stagione. voto: 7,5
  5. anche io visto da poco…e purtroppo qualche spoiler anche se piccoli li ho letti. film notevole che merita una seconda visione più precisa. stupenda le scene finali e gestiti bene i momenti drammatici senza essere troppo sentimentali. se in infinity war il protagonista assoluto era thanos, in questo lo sono gli avengers storici soprattutto cap e iron man. come era giusto che fosse. qualche piccola sbavatura nella trama ma dovendo chiudere 10 anni e più di 20 film si chiude un occhio senza problemi. unica cosa avrei preferito almeno nello scontro finale di vedere il vero hulk. voto: 9
  6. the predator (2018): guardato senza pensare certo fosse chissà cosa, ma è andato ben oltre le mie aspettative, in negativo. brutto, zero tensione, dialoghi osceni. e dire che il parco attori non è neanche male. la cosa che più mi ha infastidito è stato il pessimo ritmo del film. si passa di scena in scena senza pause o altro non facendo quindi neanche lontanamente crescere la tensione o l'ansia. che poi sono gli elementi fondamentali per questi film visto che la trama è sempre la stessa….purtroppo tra alien e predator il problema è sempre lo stesso. non si sono evoluti rispetto ai primi (grandi) capitoli. alla fine c'è un mostro fortissimo e dall'altra parte un gruppo di umani, di cui almeno il 90% sai già che morirà. e alla fine muore il mostro di solito per mano di una donna. e di solito rimangono vivi 1-2 persone. rivaluto in parte prometheus dove almeno si è provato un qualcosa di diverso. voto: 3
  7. intanto endgame ha passato avatar…. cmq visto che sono stati bravissimi a crearsi un pubblico (ogni fase sono aumentati gli incassi medi e nel biennio 18-19 solo antman 2 è sotto il miliardo) adesso spero osino di più. per adesso la maggior parte dei film sono delle ottime pellicole di intrattenimento (a parte alcuni casi come avengers e GdG) ma spesso "dimenticabili". vedremo se con queste nuove fasi faranno anche dei progetti alternativi più coraggiosi. per coraggiosi non intendo come faranno con eroi lgbt, che ci sta ma è cmq marketing, ma con film se mi passate il termine più autoriali. anche perché captain marvel era il primo con protagonista una eroina ma il film lo ritengo il peggiore della fase 3, molto piatto.
  8. la questione numero di enti deve essere fatta insieme. cioè deve essere un unica grande riforma anche perché l'obiettivo oltre all'autonomia sarebbe di rendere tutti i vari enti efficienti, sfruttando le risorse che ci sono senza sprechi e in teoria dovrebbe essere più semplice gestendo un territorio e un numero di abitanti minore, e soprattutto meno variegato per esigenze di territorio ecc..non si possono adottare le stesse politiche per lombardia e molise x dire. x me è fondamentale perciò fissare dei paletti, degli standard numerici. comuni possono esistere se hanno tot abitanti o tot area altrimenti vanno accorpati. cancellare enti inutili o cmq almeno non creare sovracompetenze tra gli stessi. fare in modo che il privato/azienda ecc che deve fare una pratica per permessi vari non debba passare da vari enti ognuno con suo esigenze tempi ecc...fissare numero dipendenti e dirigenti in base a numero abitanti...normare il funzionamento del pubblico. questo sarebbe di aiuto anche alla lotta alla corruzione che dipende almeno del 50% dall'eccessiva burocrazia e anche dall'eccessivo "potere" del pubblico rispetto al privato. certo che adesso non vedo persone di spessore ne al governo ne anche nelle opposizioni. poi io nn capirò mai la politica. al di là di che vince o chi perde l'obiettivo dovrebbe essere lo stesso, il bene del paese. invece purtroppo viviamo in una campagna elettorale che dura da 20 anni e più.
  9. però distinguiamo le cose. si parla di autonomia per tante competenze in modo che si cerchi di gestire meglio le risorse e gli stessi cittadini possano beneficiarne direttamente. o cmq paghi tot tasse che hanno poi un ricaduta positiva sul territorio. ma non si parla di secessione o altro. io rimango dell'idea che andando avanti così questo sentimento al nord è destinato a crescere se non si fa qualcosa. e mentre prima erano sostanzialmente 2 regioni a spingere adesso sono di più tra cui l'emilia romagna (ex rossa ormai). e quel qualcosa riguarda anche il sud ovviamente. su cui bisogna fare una politica seria. e dico questo perché gli studenti all'università tipo siciliani venivano a milano x trovare un percorso di studi migliore. e già al primo anno questi ti dicevano che non sarebbero più tornati giù perché lavorativamente parlando era un ambiente tossico. dico questo perché è un peccato poi per lo stesso sud se perdono giovani che devono emigrare per forza e non solo per scelta. ovvio che non basta questo per risolvere il problema ma almeno qualcosa si muoverebbe. chiaro che come ogni cosa bisogna usare serietà e non essere solo strumento di propaganda. penso però che se l'autonomia è fatta in maniera seria ed efficace ci sarebbe la reale possibilità di sburocratizzare il paese. che è uno dei problemi principali dell'Italia. ed anche una delle cause principali della corruzione.
  10. io sono favorevole. e non penso possa minare l'unità del paese. anzi quello è se si va avanti così. il nord in generale è stufo di continuare a mandare soldi a roma e a chi non sa governare da decenni. e il giorno che trova magari una figura politica che vuole la secessione potrebbe anche trovare un seguito popolare importante. per fare questa riforma è chiaro però che bisogna veramente affrontare il problema mezzogiorno. non lanciando slogan tipo il sud è una risorsa, perché adesso (anzi da anni) dati oggettivi alla mano il sud è un peso per il paese. quindi facendo questa riforma e mettendo/imponendo degli standard da seguire penso che sia la volta buona che le regioni meridionali siano costrette a regolarsi e responsabilizzarsi. ci sono dei comuni che hanno un numero di dipendenti pubblici abnorme rispetto alla popolazione…queste cose devono essere regolate. inoltre penso che un federalismo sia giusto per l'italia visto che malgrado non siamo un paese esteso abbiamo una varietà tra le varie zone notevole. ovvio che se fatto deve essere una legge giusta e non come spesso accade derivare da un serie di compromessi. sull'ultima domanda la risposta è facile. da lombardo penso che i benefici possano essere notevoli. ci sarebbero tanti soldi x infrastrutture ecc oltre al fatto che se non ho capito male si potrebbe abbassare la pressione fiscale. però in tutto ciò la stato inteso come roma deve avere il ruolo di garante. fare quasi da controllore in modo che gli standard da fissare per la gestione siano rispettati. e questo dovrebbe essere il futuro secondo me. lo stato deve commissionare e delegare anche a privati e fare da controllore rispetto ai risultati. anche perché spesso le gestioni statali sono a dire poco scadenti.
  11. rhaegar84

    serie tv

    ok. quello lo avevo letto. ma intendevo se si riferisse ad un preciso episodio storico. come appunto la spedizione delle 2 navi nella prima stagione. detto ciò a me è piaciuta molto. poi devo dire che le serie che hanno una fine le preferisco visto che spesso con l'andare delle stagioni peggiorano (a parte breaking bad). fortitude l'ho finita tempo fa durante influenza...grande mah. alla fine perde un po' di realismo e non si capisce più qual è l'obiettivo della stessa.
  12. rhaegar84

    serie tv

    penso che appunto fosse un progetto miniserie. finita lì visto che è presa da un romanzo. visto il successo (anche se non tanto come premi) avranno deciso di farne un altra. ma serie antologica quindi anche se facesse pena non intaccherebbe la prima stagione. cmq non deriva da un romanzo. non so se c'è come base almeno un fatto storico come per la prima stagione.
  13. rhaegar84

    serie tv

    che la prima sia migliore non c'è dubbio. per me la terza come qualità è tra la prima e la seconda. però dai paragonarle alla settima e soprattutto ottava di got ce ne passa….poi che possa non piacere ci sta ci mancherebbe. ma rimane cmq sempre una buona serie. l'ottava di got non è una buona stagione, neanche sufficiente visto anche budget e tempo speso. attendo con ansia the terror 2. dovrebbe uscire a metà agosto.
  14. rhaegar84

    serie tv

    ieri è uscita l'ultima puntata di Chernobyl. beh x me è un 9-10 come voto. l'ho trovata stupenda. veramente capolavoro (allora i voti di imdb valgono qualcosa). x adesso serie dell'anno. 2018 the terror, 2019 Chernobyl. serie da prendere come modelli. in entrambe un grandissimo jared Harris ed in entrambe con un ottimo cast.
  15. ecco 300 è l'esempio giusto. ovvero un fatto storico riletto da miller (infatti è un fumetto) e ripreso dal cinema che rispetto al fumetto è praticamente uguale. tante scene sono identiche alle tavole. e il suo intento lo fa a meraviglia. trasuda gloria ed epica in continuazione. e al cinema esaltava a manetta. mi chiedo spesso perché nn è mai stato fatto un film su cesare. personaggio a dire poco interessante. certo che visto i precedenti forse meglio così...come detto da qualcun altro hanno già massacrato il povero alessandro magno. sui film storici purtroppo o tendono a semplificare alcuni concetti o realtà oppure ancora peggio danno delle letture politiche attuali. cosa che un film storico non dovrebbe fare (per storico intendo da 1700 in giù. film sul 900 già sono diversi).
  16. rhaegar84

    serie tv

    ottima terza stagione di ST. hanno affrontato bene la questione crescita dei ragazzi e questo ha portato anche degli interessanti risvolti tra loro. poi la prima è superiore ma c'era il grande effetto novità. questa la ritengo migliore della seconda (che cmq mi è piaciuta) e più solida, scritta meglio. tante citazioni anni 80 ancora (la cosa, terminator). ho letto una bella frase che riassume la serie: è come se fosse girata da Spielberg, scritta da king e musicata da carpenter. direi definizione perfetta. poi ricrea quello spirito di avventura che era tipico degli anni 80.
  17. purtroppo Hollywood ha sempre reso male la mitologia greca. ed è un peccato. io per dire una serie tv fatta bene e che segue per quanto possibile le varie mitologie greche, la vedrei al volo. se penso al gioco god of war le storie e narrazioni sono stupende degli dei e dei titani. giustamente come detto se volete una maggior integrazione sarebbe interessante allora narrare le loro storie che sicuramente sono tante e soprattutto originali, nuove per il pubblico occidentale. è chiaro che Hollywood fa politica ma fatta così è abb ridicola ed ipocrita. come se facendo questi cambi di casting si risolvessero i problemi reali. sembra quasi un sistemarsi la coscienza.
  18. io il politically correct in salsa americana proprio nn lo sopporto. per un semplice motivo che è tipico degli americani: si spinge su una questione per il semplice fatto che crea profitto. business is business. quindi tutte le grandi aziende tipo apple e anche quelli di intrattenimento come la Disney fanno tutto ciò come facciata perché l'importante è guadagnare. quindi grandi proclami e spot su tematiche lgbt e per le minoranze ma x me è solo facciata. poi con il cinema si veicolano dei messaggi ma non risolvi il problema come disuguaglianze ecc... ed anche il metoo nato proprio nel mondo del cinema ne è un esempio: tutti sapevano ma si guadagnava allora tutti zitti, scoperto il vaso tutti a condannare e puntare il dito e subito si cerca di guadagnare e farsi anche pubblicità con questa causa. il bello è che poi queste stessa aziende non si fanno problemi a fare affari o aprire stabilimenti in paesi dove queste disuguaglianze sono evidenti. il che è ipocrita. ma è un tratto molto anglosassone. per quanto noi italiani non siamo perfetti preferisco ancora la nostra società che appunto malgrado tanti difetti la ritengo migliore (banalizzo scusate). o cmq di certo non inferiori alle altre società occidentali. scusate il piccolo ot tornando alla questione etnie-attori-personaggi come detto è lecito se un personaggio bianco cambia etnia, ma se si fa il contrario partono delle polemiche feroci. la cosa fa un po ridere. ripeto l'esempio di achille nero è assurdo e totalmente sbagliato. lo capirei soltanto se fai una totale rivisitazione dell'iliade cambiando anche il contesto storico, tipo ambientarlo nel futuro per dire. altrimenti snaturi l'eroe principale e tutto quello che rappresenta nell'opera di Omero.
  19. invece la prossima sirenetta nel live action sarà un attrice afroamericana. quindi se si cambia da bianco a qualunque etnia si è progressisti, se si fa il contrario ovviamente noi "bianche" siamo razzisti. l'ipocrisia americana è veramente stucchevole…. come scritto altre volte dopo achille nero nella serie non dovrei neanche più stupirmi
  20. per adesso quelli che ho visto suoi mi sono piaciuti. prisoners, arrival, sicario e BR2049. forse su quest'ultimo si poteva osare di più, nel senso che cmq riprende molto l'atmosfera del primo mentre secondo me era più interessante vedere le colonie riprendendo la mitica frase finale di roy batty. è vero che avrebbe tolto tutto l'alone di mistero della citazione ma dopo aver visto che succedeva sulla terra era ora di andare a vedere tutto il resto. io spero in un terzo capitolo ma la vedo dura.
  21. sicuramente manca un po di magia nei film di oggi. soprattutto rispetto ai grandi classici anni 80 tipo indiana jones. manca molto quello spirito di avventura che si provava guardandoli. negli ultimi anni il film che proprio mi ha fatto impazzire guardandolo è stato mad max. capolavoro assoluto e soprattutto film coraggioso. x prossime uscite aspetto sharlock 3 che primi due mi sono piaciuti molto. e dune visto che c'è Villeneuve che è un regista incredibile. resto si guardano ma anche x dire sw giusto per vedere fine della trama ma la nuova trilogia proprio non mi ha esaltato.
  22. ma quello sicuro non da fastidio. anche perché uno allora pianterebbe anche i libri subito. ci sono tanti personaggi importanti femminili. è come sono presentati nelle ultime stagioni che stride con quanto avvenuto prima. tra l'altro anche nella storia di westeros ci sono tanti esempi femminili di potere. quindi non è quello il problema. la questione è come hanno fatto alcune figure di colpo ad ottenere un potere e anche quasi timore. tipo sansa e cersei. dani ha i draghi e ha fatto tanto per averlo per esempio. io proprio non mi capacito delle ultime 2 stagioni di cersei, che tra l'altro mi è sempre piaciuto come personaggio. ma la sua storia non è per niente verosimile.
  23. però nell'mcu la maggior parte dei personaggi nasce negli anni 60-70. non hanno inventato nulla x il cinema, al max reinterpretato ma i personaggi quelli sono. il problema non è la quantità, dopotutto se uno scrive una storia immagina i personaggi per quella storia. non bisogna mica fare le quote rosa insomma. certo che se c'è pure la polemica sui personaggi di colore o altre etnie che devono essere presenti il tutto diventa ridicolo (serie troy con achille nero….il personaggio che deve indentificare l'eroe greco, anzi che ne è il paradigma). il problema è che si è sempre parlato di realismo della serie in chiave medievale e questo è andato completamente nelle ultime stagioni. si è partiti con un idea delle figure femminili che sostanzialmente servono per alleanze ecc... a figure indipendenti che "sottomettono" anche gli uomini. senza che queste abbiano fatto chissà cosa. che dani abbia un seguito è giusto ma per averlo cosa ha dovuto fare? di tutto e soffrire anche. insomma ha fatto cose eccezionali per avere esercito e seguaci. la sua figura al potere è guadagnata. ma x le altre non c'è una giustificazione logica. sansa da ragazzina giustamente traumatizzata diventa una leader per tutto il nord. ma il passaggio è forzato. per cersei come scritto prima ancora di più. il problema principale a questo punto potrebbe essere nelle poche puntate. troppo in poco tempo che ha portato ad evidenti forzature, rendendo il tutto incoerente.
  24. il problema che si è spinto troppo su questa figura femminile che soprattutto in america con il metoo tira da morire. intendo quello che una donna deve essere forte (che poi cosa vuol dire esattamente) indipendente e per certi versi superiore alla controparte maschile. invece i personaggi sono interessanti se si mostrano con tutti i loro lati pregi difetti debolezze ecc... anzi secondo me sono soprattutto queste ultime che li rendono interessanti e riescono anche a mostrare un percorso di crescita e maturazione. cersei x fare un esempio viene pompata tanto. per me il suo percorso è il più assurdo. da donna condannata fa fuori il "papa" e 2 casate. e malgrado ciò diventa regina senza avere potere (non ha un suo esercito o altro). e anche il fatto che arrivi fino alla penultima puntata e gli abbiano dato una morte anche decente (di colpo diventa vittima e dani carnefice) nn ci sta. sto riguardando pezzi delle stagioni prima e se pensiamo a quello che hanno fatto dani e jon (draghi e fuoco e altro addirittura risorto) il loro percorso nell'ottava è terribile. una diventa folle in 2 secondi e l'altro totalmente inutile. per me pesa tantisimo il mancato scontro con nk. questo poi vale anche x bran. erano loro 2 destinati a combattere e arriva arya a caso a risolvere tutto. manca proprio la coerenza narrativa. è come se in lotr di colpo aragorn impazzisce e non diventa re di gondor. non ha senso. per nn essere "banali" l'hanno fatto fuori dal vaso.
  25. in effetti alcune figure sono state rese proprio male. renly e loras col tema omosessualità erano abb grotteschi. se si parla di mondo medievale intendo. loras è proprio reso come una macchietta. altra questione sono le figure femminili che alla fine sono nettamente rese più forti e importanti di quelle maschili. e anche qui visto l'ambito storico non è molto credibile. poi ci sono casi anche storici ma sono figure particolari. e già in got avevi dani come figura femminile di potere. nell'ottava arriviamo ad avere sansa regina del nord, cersei regina, dani "regina", arya ammazza nk, brienne capo della sicurezza. per non parlare delle serpi e della fine indegna di doran (ma perché introdurlo allora?). al contrario le controparti maschili risultano degli zerbini...e inutili ai fini della trama principale. poi in generale c'è stato un appiattimento dei personaggi. il bello è mostrare i vari lati sia positive che negativi, oltre alla debolezze. invece erano molto monodimensionali rispetto all'inizio. per fare un esempio se prendiamo cat come figura femminile io l'ho trovata molto sfaccettata, con pregi e difetti che hanno portato a fare scelte anche estreme.
×
×
  • Create New...