AemonTargaryen

Utente
  • Content count

    285
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

AemonTargaryen last won the day on June 16

AemonTargaryen had the most liked content!

Community Reputation

288 Neutral

About AemonTargaryen

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Recent Profile Visitors

313 profile views
  1. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 4 – una canzone che ti commuove. In realtà è una canzone che è stata particolarmente importante durante la mia adolescenza. Una canzone che, per me, ha assunto sfumature differenti nel corso degli anni. Forse non parlerei propriamente di commozione, ma in fin dei conti si tratta di una canzone che in passato è riuscita ad emozionarmi, per cui... Riascoltandola, devo dire che certi versi continuano a rappresentare dei pugni nello stomaco. Forse, in assoluto, la mia canzone preferita dei Queen. Sono stato abbastanza indeciso su quale versione proporre. Ma siccome ho sempre avuto un debole per l'assolo della versione live, ho deciso di proporre quella in cui è stata aggiunta la traccia vocale di Freddie Mercury. ….every way I go I’m bound to lose. Queen, Too much love will kill you. @Mar grande canzone. Sicuramente controversa, ma fra le mie preferite di quello che è stato, a mio parere, uno dei compositori più grandi di sempre. Un grandissimo della musica che se n'è andato troppo presto. Si scrive Frank Zappa, si legge genio. P.S.: benvenuto @Pyp99!
  2. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 3 – una canzone che ti rende allegro. Ho optato per un brano tutto sommato molto "leggero".Lo ammetto: il richiamo del rock è stato troppo forte. Un qualcosa di fisiologico e... quasi irrazionale. In questa categoria c'è stata una vittoria al fotofinish di una fra Kickapoo (assieme ad altre due o tre) dei Tenacious D e I was made for lovin' you (assieme a mezza discografia dei Kiss). Qualcuno salvi i Tenacious D al posto mio. Forse la mia preferita in assoluto, per quanto riguarda i Kiss, rimane la travolgente Strutter, ma rispetto alla categoria di oggi ritengo I was made for lovin' you un tantino più adatta. Ne propongo una travolgente versione live, in cui consiglio di tenere d'occhio Gene Simmons che, per chi non lo conoscesse, è il tizio in armatura che sembra uscito da Game of Thrones che suona un basso a forma di ascia e che sembra spinto da irrefrenabili pulsioni sessuali verso ogni essere vivente nel raggio di 100 metri dal palco. Tornando un po' seri, un grande del rock. Kiss, I was made for lovin' you. P.S. Vi ho risparmiato uno di quei live in cui Paul Stanley vola in mezzo al pubblico. Al di là del gusto discutibile, non so se ho fatto bene o male vista la categoria. Edit: hai ragione @***Silk***. Alla fine ho scelto Prospettiva Nevski in quanto si tratta di un brano a cui sono un po' più legato.
  3. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 2 – una canzone invernale. Per quanto mi riguarda, si tratta di un'altra scelta molto sentita. Non nego di aver avuto delle difficoltà a trovarne una adatta ma... è quella giusta. Ed in realtà è una canzone che è rimasta per lunghi istanti in un limbo, sospesa fra la categoria 2 e la 5. Rimango all'interno del panorama italiano per il secondo giorno di fila, anche se poi, questa canzone, finisce per portarci, indietro di qualche decennio, nel freddo e nella devastazione di San Pietroburgo. Per altro, anche in questo brano – scritto da Battiato assieme al compianto Giusto Pio – sono riscontrabili dei rimandi agli insegnamenti della Quarta Via di Gurdjieff. Incredibile, comunque, quanto l'immedesimazione, l'attaccamento alle proprie menzogne impedisca alle persone di cogliere qualcosa di più profondo dentro di sé e quanto, quindi, sia d'ostacolo al raggiungimento di un certo grado di coscienza, di... consapevolezza. Forse, in fin dei conti, trovare questo centro di gravità permanente rappresenta un obiettivo che vale la pena (come minimo) di porsi... ...Ma com'è difficile trovare l'alba dentro l'imbrunire. Vi lascio alle pennellate dei versi imaginifici del maestro Franco Battiato, in un brano che svetta all'interno di una produzione discografica di assoluto livello. Franco Battiato, Prospettiva Nevski.
  4. Music Challenge on the Wall.

    @Timett figlio di Timett Mustaine e soci, a mio parere, hanno sfornato una produzione musicale che tecnicamente si colloca su un livello superiore rispetto a quella dei Metallica. Ricordo ancora dei tentativi non proprio riuscitissimi di eseguire Holy wars durante i miei primi mesi di chitarra... E a proposito dell'album Youthanasia, posso già anticipare che, nella mia scaletta, potrebbero esserci delle sorprese, con qualche gradito ritorno.
  5. Chitarre

    @ziowalter1973, bella iniziativa aprire questo topic. La mia prima chitarra era vecchia, scrostata, logora e forse anche un tantino scheggiata. Ma come hai evidenziato, questo tipo di chitarre tende ad avere un buon sound, migliore (o comunque più interessante) di quello delle chitarre appena prodotte. E in effetti aveva un sound molto interessante, che non sono riuscito a trovare in nessun altro strumento. Vero Walter, l'affezione va di pari passo con l'anzianità del legno. E come darti torto. Sul piano dell'acquisto delle chitarre e del discorso dei marchi tendo a vederla così: se fosse necessario tenersi su prezzi “non proibitivi” pur senza rinunciare troppo alla qualità, tanto varrebbe acquistare, ad esempio, una Strato messicana o una Epiphone (in particolare, per fare rock / metal ma non soltanto, le Flying V Epiphone meritano molto). Nel caso in cui fosse invece necessario il “salto di qualità”, ho sempre pensato che un musicista "molto bravo" debba avere le competenze per comprendere come i vari pezzi (e le loro modifiche) influiscano sulle sonorità dello strumento. Per me è comunque un qualcosa di molto soggettivo: potessi spendere certe cifre, credo che probabilmente opterei per il liutaio, che potrebbe (in astratto) garantirmi uno strumento con un suono dotato di una propria identità, di un'anima tutta sua. D'altro canto, è vero: le chitarre, e questo è tanto più evidente per i grandi marchi Fender e Gibson, non sono più quelle prodotte decenni or sono. E lo dico non per rimpiangere una fantomatica età dell'oro delle chitarre (che probabilmente c'è anche stata) quanto per sottolineare come certi prezzi non siano più giustificati dalla qualità degli strumenti. Penso, ad esempio, alla differenza fra le Stratocaster messicane e quelle americane: a livello di rapporto qualità / prezzo opterei sempre per le prime. Invece sulla produzione di bassi ne so poco. Sarebbe interessante sentire Darklady. SI tratta di uno strumento che in passato ho pensato più volte di prendere, che è invece rimasto una suggestione non concretizzatasi.
  6. Music Challenge on the Wall.

    ...Direi che possiamo dare ufficialmente il via alla Music Challenge on the Wall! Giorno 1 - la tua canzone preferita. Come si diceva, questa è stata davvero tosta da scegliere. Non ho una vera e propria canzone preferita. O almeno, non più. Ed è per questo che ne ho scelto una che sento particolarmente affine. Non è stata una scelta dettata tanto per via del mio modo di pensare, cui comunque è affine (e molto) quanto per via dell'affinità con la mia essenza. Scelta non casuale, però. Non casualità corroborata dal fatto che si tratta di un brano del mio autore italiano preferito, che ritroveremo ancora, un po' più in là. Ho scelto una versione live, quello al Brancaccio. Una versione differente dall'originale, che musicalmente apprezzo ancor di più. Quanto al significato... mi piace pensare che le tre donne siano la stessa persona. Fabrizio de André, Via del campo. Buona challenge a tutti.
  7. ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    ... il che rende bene l'idea di quanto grande sia il rancore provato da Lannister verso ciò che il figlio rappresenta. Messa sotto questa luce, l'intensità emotiva (in negativo) che caratterizza Tywin non può lasciare indifferenti. Essa è a dir poco notevole: uno sfregio che non ha bisogno di "appoggiarsi" sulla conoscenza di esso da parte di Tyrion ed anzi, si tratterebbe di appagare un odio così grande senza neanche la necessità di renderlo cosciente. Tremendo. E, da un punto di vista letterario, affascinante.
  8. Music Challenge on the Wall.

    Ringraziando @Lady Monica per la cortese collaborazione nella redazione della scaletta - e per aver dato, sostanzialmente, lo spunto per l'iniziativa - ho il piacere di proporvi la Music Challenge on the Wall. Si tratta di una music challenge propria di Barriera, della durata di 40 giorni, in cui ogni utente interessato a partecipare potrà postare, di giorno in giorno, un brano musicale attinente alla categoria corrispondente. Ovviamente, sarà interessante discutere le singole scelte, confrontarsi sui gusti musicali di ognuno e ripercorrere i propri passi per scoprire come, certi brani musicali, abbiano segnato il proprio percorso. Music Challenge on the Wall partirà ufficialmente questo lunedì, ma sarà possibile partecipare anche "in corsa", qualora la Music Challenge fosse già iniziata. Di seguito la scaletta. Quaranta categorie per quaranta giorni di musica. Buon divertimento! Giorno 1 - la tua canzone preferita Giorno 2 - una canzone invernale Giorno 3 - una canzone che ti rende allegro Giorno 4 - una canzone che ti commuove Giorno 5 - una canzone che ti ricorda qualcuno Giorno 6 - una canzone che ti ricorda un posto Giorno 7 - una canzone che ti ricorda un momento particolare Giorno 8 - una canzone di cui conosci tutte le parole Giorno 9 - una canzone che ti fa ballare Giorno 10 - una canzone che ti aiuta a dormire Giorno 11 - una canzone della tua band preferita Giorno 12 - una canzone della band che odi Giorno 13 - una canzone che hai conosciuto da poco Giorno 14 - una canzone che nessuno si aspetta possa piacerti Giorno 15 - una canzone che ti descrive Giorno 16 - una canzone che amavi e che ora odi Giorno 17 - una canzone che vorresti dedicare a qualcuno Giorno 18 - una canzone che vorresti ascoltare alla radio Giorno 19 - una canzone dal tuo album preferito Giorno 20 - una canzone che ascolti quando sei arrabbiato Giorno 21 - una canzone che ascolti quando sei felice Giorno 22 - una canzone che ascolti quando sei triste Giorno 23 - una canzone che vorresti al tuo matrimonio Giorno 24 - una canzone che vorresti al tuo funerale Giorno 25 - una canzone che è un piacere peccaminoso Giorno 26 - una canzone estiva Giorno 27 - una canzone che ti piacerebbe suonare Giorno 28 - una canzone che ti fa sentire colpevole Giorno 29 - una canzone della tua infanzia Giorno 30 - la tua canzone preferita in questo periodo un anno fa Giorno 31- la tua cover preferita Giorno 32 - la sigla TV che ami di più Giorno 33 - la sigla dei cartoni animati che canti ancora adesso Giorno 34 - una canzone del tuo autore italiano preferito Giorno 35 - una canzone della tua autrice italiana preferita Giorno 36 - la tua canzone italiana preferita Giorno 37 - la tua OST preferita Giorno 38 - la tua canzone preferita dei Beatles Giorno 39 - la canzone che canteresti al Karaoke Giorno 40 - la tua canzone strumentale preferita.
  9. Gioco Totocalcio SerieA II ed.

    Juventus - Lazio 1 Roma - Napoli 2 (1-2) Fiorentina - Udinese 1X Bologna - Spal 1 Cagliari - Genoa X Crotone - Torino 2 Sampdoria - Atalanta X2 Sassuolo - Chievo X Inter - Milan X Verona - Benevento 2
  10. GIOCO DEL TRONO 2.0

    Grazie del benvenuto!! Onorato di poter scendere in campo sotto i vessilli di Casa Tyrell.
  11. GIOCO DEL TRONO 2.0

    ...Va bene, (finalmente) ci sono anch'io!
  12. ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    Sono d'accordo: i contenuti dei libri non vanno confusi con quelli della serie televisiva. Ma dove li avrei confusi? Poi, a dirla tutta, se avessi avuto interesse a discutere di GoT (a parte qualche sporadico accenno nel progetto rilettura) lo avrei fatto nel Forte, ma è una sezione che frequento poco. Sì, d'accordo. Ma cosa intendi? Non mi sembra di aver citato la serie televisiva. Il mio commento ricade all'interno della rilettura della saga cartacea, ed al più si tratta di una digressione di carattere generale. Non mi sembra di aver detto che sia sbagliato mettere a confronto i personaggi ed i loro percorsi (ma mi vien da pensare che forse avrei potuto essere più limpido nel secondo post). Ho approfittato del fatto che Theon sia spesso vittima di JonSnowmetro per accennare ad un vizio diffuso: l'utilizzo spesso e volentieri scriteriato dello stesso JonSnowmetro. Quindi, in sostanza, ho approfittato dello spunto per fare una digressione di carattere generale, come tante altre in questi mesi. Il progetto, del resto, si presta bene a considerazioni anche più generali, relative ad un'analisi olistica della saga o anche relative a ciò che ruota intorno ad essa, come ad esempio certe declinazioni del "rapporto" tra il cosiddetto fandom e l'opera stessa. Io stesso ho tirato in ballo Jon Snow parlando di Theon. Il raffronto fra i due personaggi viene facile, del resto, ed è anche interessante. Così come, a maggior ragione, ho trovato interessante lo spunto di Silk del post successivo quando accennava a Robb. Non ho criticato né il paragone Theon Greyjoy – Jon Snow e né ho fatto riferimento al tuo intervento: quest'ultimo aspetto credevo di averlo già chiarito nell'ultimo post, pugnace Lady Stark. Sulla taratura, ti dirò, è possibile! Qualche tempo fa mi serviva un qualche “robot casalingo” per fare varie cose, fra cui frullare alimenti, pesarli, accordare la chitarra e scrivere al mio posto i commenti della rilettura! E insomma, ho trovato 'sto benedetto JonSnowmetro su uno di quei siti di shopping on-line: dalla recensione, sembrava fosse il prodotto del secolo. In poche parole, mi hanno spedito una sòla: anziché preparare il gomasio finiva sistematicamente per hackerare la mail di Hillary Clinton, scrivere discutibili best seller young adult di genere paranormal con protagonisti vampiri e licantropi, o trovare l'indirizzo del redivivo Elvis Presley. Tutte cose di cui, francamente, potevo fare a meno. Allora ho chiamato il numero verde e spedito varie e-mail, ma niente da fare! Morale della favola: l'ho pagato a prezzo pieno e non me l'hanno neanche cambiato! A bene vedere, forse è per questo che sono così cattivo col JonSnowmetro. Anch'io ho accennato all'invidia di Theon.
  13. ADWD - Progetto Rilettura ASOIAF

    @Lyra Stark riguardo l'allusione al jonsnowmetro mi riferisco sostanzialmente all'analisi di un personaggio prendendo come riferimento la figura (spesso e volentieri idealizzata) di Jon Snow. È un metodo, questo, che trovo abbastanza limitante, se non deviante. L'allusione è dovuta al fatto che proprio Theon sia una delle vittime preferite del jonsnowmetro, e ciò appare, per certi versi, abbastanza scontato, visto che come sottolinei tu stessa il raffronto fra i due è quasi inevitabile. E di fatti io stesso ho tirato più volte in ballo Jon Snow all'interno del mio intervento: non sto quindi contestando l'analisi tramite il raffronto dei due personaggi. Ma un conto è analizzare dei personaggi - anche tramite il raffronto fra di essi - in maniera obiettiva - e sul punto condivido pienamente la riflessione di Silk sull'idealizzazione dei personaggi e la capacità di coglierne (o meno) anche le ombre - mentre un altro è farsi accecare dalla luce emanata da un'idealizzazione di alcuni di essi che poi non trova, palesemente, riscontro fra le pagine dei romanzi. La mia, comunque, era una considerazione di carattere generale che esula dal tuo commento di Theon I (di fatti mi è "partito" il trattino, ma sarebbe da intendersi legata alla considerazione precedente).
  14. Grand Prix on the wall 2017

    1) Vettel 2) Hamilton 3) Ricciardo 4) Bottas 5) Verstappen R1) Raikkonen R2) Ocon