OKbasta

Utente
  • Content count

    153
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

43 Neutral

About OKbasta

  • Rank
    confratello
  • Birthday August 6

Profile Information

  • Sesso
    Femmina
  • Location
    LATINA

Recent Profile Visitors

100 profile views
  1. TWOW- Il destino di Arya Stark

    E' difficile definire il destino di Arya, se Martin concluderà la saga non credo che ci proporrà un finale classico tipo rientro in famiglia, amore, matrimonio, tanto meno sarà un finale buonista. Forse le farà portare a termine la vendetta, questo è probabile, poi o la farà morire o la collocherà altrove, in un posto selvaggio di confine, magari oltre il mare, o anche tra le Sorelle del Silenzio.
  2. M5S odissea nello spazio

    Mi sono interrogata spesso sul ruolo di Di Maio in queste elezioni, ho cambiato idea più volte ma ancora non me lo so configurare in una posizione precisa. Come C.del G. che dovrebbe dare dignità di forza di governo al M.5*, non ce lo vedo, non ha né la cultura né la stazza, come escutore di ordini ce lo vedo meglio. Ora ho l'impressione che cominci a credere, anche lui, che possa diventare uno statista e si avventura in ipotesi di alleanze, ma è subito stoppato. Ora penso che in effetti, se vincerà le elezioni il Movimento, la sua funzione sarà quella della cartina al tornasole, per vedere come si mette la situazione. Di Maio andrà in Parlamento, esporrà il programma e chi ci sta, ci sta. Sulle conseguenze non saprei dire ma, visto quello che è successo nelle legislature precedenti, non è detto che non trovi dei "portatori d'acqua" con i quali però dovrà venire a patti. E' un'ipotesi ma non la darei per certa.
  3. Elezioni politiche 2018

    Il fatto che le cure ospedaliere, anche costose, e la maggior parte dei farmaci siano appannaggio di tutti, italiani e non, è indice di un alto livello sanitario. Questo non vuol dire che tutto funzioni alla perfezione. Gli sperperi in questo campo sono stati molti e portati a conoscenza di tutti, ultimo caso le lunghe liste d'attesa per la diagnostica e le visite specialistiche che, magicamente, si accorciano ad un paio di giorni se vai privatamente dagli stessi medici che avrebbero potuto erogare la prestazione con il SSN. Un servizio televisivo ha messo in evidenza come in due diverse ASL di Roma le vaccinazioni richiedevano, in un caso, venti minuti di attesa, in un altro, i genitori devevano alzarsi all'alba per arrivare in tempo per far vaccinare i figli e non sempre i vaccini erano sufficienti. Almeno per la sanità non è la legge ad essere carente ma la furbizia o l'inefficenza degli addetti a creare ingiustizia e disagi. Manca un valido sistema di controlli difficile da attuarsi quando, soprattutto in ambito pubblico, l'autorefenzialità è la norma e qualsiasi valutazione del servizio è visto come indebita ingerenza. C'è un partito o una coalizione che abbia il coraggio di schiodare questa situazione, dichiarandolo sin da ora?
  4. Elezioni politiche 2018

    . I programmi andranno pure bene ma potranno essere verificabili se un partito o una coalizione che si presenta alle elezioni riuscirà a governare autonomamente, se così non sarà si dovrà ricorrere al compromesso e allora, se gli accordi saranno di alto livello, si dovrà fare una cernita all'interno dei programmi tale da poter essere accettata da entrambe le parti in causa. Non credo, come dicono i 5*, che loro andranno avanti con il proprio programma e, chi ci vuole stare, aderirà ad esso. Chi è disposto a dire: "Faccio tabula rasa di tutto quello che ho detto prima del voto per aderire anima e corpo al programma dei 5*", nemmeno il PD è così tafazziano. Per quanto mi riguarda voglio vedere le coperture delle promesse e non mi basta che si dica genericamente: recupereremo l'evasione fiscale, abbassando le tasse tutti pagheranno, aumentando le pensioni minime torneranno in giro più soldi e si creerà un circolo virtuoso che porterà ad un aumento della produttività, portando l'aliquota fissa dell'IRPEF al 15% le industrie investiranno di più e quindi aumenteranno i posti di lavoro. La Lega ha pubblicato una tabella sulla flax tass al 15% con delle cifre che però sono solo ipotesi di entrate senza certezze. Per evitare l'incostituzianalità dell'aliquota fissa, secondo la Lega, si ricorrerà a graduare le detrazioni.
  5. Elezioni politiche 2018

    Nell'economia del mio discorso intendevo mettere a confronto scenari diversi con diverse leggi elettorali, e, dal momento che non mi piace parlare per massimi principi, ho fatto gli esempi dei fuoriusciti e della caduta di Prodi. Per il resto del tuo intervento riguardo al PD è un'opinione tua e di molti altri ma, pur con delle remore, io non la condivido.
  6. Elezioni politiche 2018

    Questo è OT e me ne scuso. Non ho parlato di sinistra, lo so che è stato Mastella, ho semplicemente ricordato che Prodi non ha cercato fuoriusciti ma è andato in Parlamento a chiedere la fiducia che non gli è stata accordata.
  7. Elezioni politiche 2018

    Mi sono andata a rileggere l'enunciato del topic e, francamente, se questo mio intervento non si inquadra, sono diventata, improvvisamente ottusa. Mi sembrava che ci fosse un accenno alla possibile difficoltà dei partiti a raggiungere la maggioranza richiesta per governare ed ho arguito che si potessero ipotizzare eventuali scenari, ma forse ho travisato e non ho capito che si dovrebbe parlare del crollo del PD.
  8. Elezioni politiche 2018

    Il voto è libero e chiunque può votare quello che vuole che sia il partito più vicino alle proprie idee, che sia un voto utile, non importa. Guardiamo in faccia la realtà, il Paese dovrà essere governato e, se sono realistici i sondaggi, sarà necessario ricorrere ad accordi, che ci piacciano o meno. Sui simboli di partito, ad eccezione del PD, è riportato il nome di chi rappresenterebbe il partito nel suo insieme, che non sarà certo il futuro capo del governo perché comunque, si dovrà ricorrere all'accordo con gli altri e la prima cosa che diranno i futuri alleati sarà: "governo insieme si purché non sia Salvini, Di Maio, Grasso..... " Hanno fatto così anche con Bersani. Voi pensate che non si stiano già parlando o che non si siano aperte più strade? Berlusconi, per esempio, a mio parere, è aperto a tutto pur di dare una mano di carte. Alla fine si faranno accordi, anche quelli che ci stupiranno, una piccola parte degli eletti dei partiti o delle coalizioni interessate si tireranno indietro, rifugiandosi sull'Aventino (i puri di cuore o quelli che non hanno avuto soddisfazione), gli altri andranno avanti. Da poco meno di 70 anni è stato sempre così e forse è proprio questa la democrazia possibile. Quando c'era il Porcellum, essendoci il bipolarismo, chi non raggiungeva la maggioranza (in Senato) ricorreva alla campagna acquisti. Prodi, che ha preferito porre la questione di fiducia e non ricorrere ai transfughi (a cui ricorse anche D'Alema nel 1988), se n'è andato a casa, lasciando la poltrona a Berlusconi.
  9. Elezioni politiche 2018

    Tralascio le altre parti dell'intervento con le quali, nel complesso, concordo e vorrei riflettere sul ruolo della stampa, non solo nella campagna elettorale. Condivido la necessità di informarsi ma non solo dai giornali, oggi le fonti sono disparate e molteplici e, se riuscissimo a consultare più fonti diverse, se ci mettessimo nell'ottica di non considerare il nostro punto di vista come verità assoluta, potremmo farci un'idea più chiara. I giornali non sono imparziali, per questo abbiamo bisogno di consultare più fonti. Una volta la distinzione tra giornali di partito e gli altri era più evidente, quelli di partito portavano scritto, sotto la testata, la dicitura:"Organo ufficiale del partito....." e tu sapevi il riferimento preciso. Anche negli altri giornali, quando l'autore del pezzo, nel parlare di fatti, esprimava la sua opinione, aggiungeva la sigla NDR (nota del redattore). Adesso non è più così e i fatti e le opinioni si mescolano. Ci rendiamo conto dello schieramento del giornale ma rischiamo di presumere che un'opinione o la ricostruzione dei fatti, partendo da un'opinione già scritta, siano la verità. Non sempre ma capita che, consultare più giornali, ci faccia conoscere più il punto di vista di chi scrive che l'analisi rigorosa del fatto. E' utile, sicuramente, ma a me, personalmente, non basta. Ho smesso di guardare i talk show, sempre con la stessa compagnia di giro, preferisco le inchieste. Ieri, ad esempio, ho evitato Piazza Pulita ed ho visto "M", il nuovo programma di Santoro. Ti sconforta, è vero, ma ti lascia qualche idea in più rispetto al battibecco continuo dei talk.
  10. Elezioni politiche 2018

    La Costituzione che prevede che l'eletto non abbia vincolo di mandato, suggerisce proprio questo: votare quei provvedimenti che si ritengono validi perché li si considerano tali e non per imposizione del partito. Ma quando mai lo si è fatto? Più spesso l'assenza del vincolo di mandato è stata interpretata come possibilità di svolazzare per il Parlamento da un partito all'altro, forse per non sottostare all'imposizione del partito? Sarebbe un'ipotesi nobile.
  11. Elezioni politiche 2018

    Condivido, il polo di destra, che ora sta attraversando un' ulteriore fase di litigiosità, alla fine si ricompatterà perché guarda all'obiettivo immediato, e l'obiettivo è vincere. A quello che si farà dopo la vittoria, ci si penserà in seguito. se poi, un eventuale governo di destra, durerà o si potrà fare, non è un problema immediato, step by step. Se questo ci sta bene, non vale la pena di chiedere programmi per il futuro e nemmeno riflessioni sul passato, godiamoci lo spettacolo del presente in base ai sondaggi e alle promesse che sappiamo, già da ora, irrealizzabili.
  12. Elezioni politiche 2018

    Hai ragione.
  13. Elezioni politiche 2018

    Chi ha parlato di Buona Scuola? La legge 59/97, art. 21 stabilisce l'autonomia delle istituzioni scolastiche che entra in funzione il primo settembre 2000 con il D.P.R. 275/99 e, con la L. 440/97, si stanziano i fondi per l'autonomia con i quali si può ampliare l'offerta formativa, rispondente al territorio, anche con personale esterno, purché entro i limiti dei fondi stanziati. La Buona Scuola istutizionalizza il personale aggiuntivo che, comunque, lo nomina l'USP, Ufficio Scolastico Provinciale.
  14. Elezioni politiche 2018

    In teoria, oggi, il preside potrebbe chiamare personale competente per i progetti specifici, necessari alle esigenze del territorio, ma non lo fa perché se ne incarica l'ex-provveditorato e, attingendo dalle graduatorie provinciali, manda nelle scuole chiunque, indipendentemente dal titolo specifico, penalizzando, in questo modo, le scuole delle periferie e dei piccoli centri dove nessuno vuole andare e bisogna, quindi, accontentarsi di quello che resta. Non è la legge ad essere sbagliata, è la famigerata burocrazia.
  15. Elezioni politiche 2018

    A mio parere uno dei punti più controversi del jobs act riguardava il lavoratore autonomo, privato, in un primo momento, di tutte le tutele, compresa quella di modificare, da parte del committente, il contratto a proprio piacimento. Con la legge del 14 giugno 2017, alcune storture sono state corrette con maggiori tutele contrattuali, previdenziali per malattie, infortuni e maternità, rimborso spese per trasferte, aggiornamento e formazione. Ogni legge deve essere perfettibile e nel jobs act c'è ancora molto da fare, bisogna mettere in atto provvedimenti che rimedino allo squilibrio esasperante nei rapporti di lavoro perché il potere contrattuale sia paritetico, applicare le tutele nei periodi intercorrenti tra un lavoro e l'altro (il REI non basta) e, se al datore di lavoro è stato reso più agevole licenziare (forse anche troppo) allo stesso modo deve essere agevole al lavoratore l'inserimento in altri settori lavorativi.