Aegon il mediocre

Utente
  • Content count

    887
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    10

Aegon il mediocre last won the day on August 15

Aegon il mediocre had the most liked content!

Community Reputation

624 Neutral

About Aegon il mediocre

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Interests
    Pile, batterie, elettrodomestici non deterministici, dispositivi di valutazione contenuti di dubbia fedeltà alla linea.

Recent Profile Visitors

579 profile views
  1. Gioco Totocalcio SerieA II ed.

    Bologna - Sampdoria X2 Chievo - Spal 1 Sassuolo - Verona 1 Cagliari - Inter 2 Genoa - Roma 2 Milan - Torino X Udinese - Napoli 2 Lazio - Fiorentina 1X Juventus - Crotone 1 (3-0) Atalanta - Benevento 1
  2. Music Challenge on the Wall.

    Esatto. In realtà quel dato di fatto mi suonava come uno slogan dissacrante stile Ferretti su Ferretti stesso. Apparentemente ha fatto una evoluzione di pensiero in quel senso, ma in realtà ha sempre avuto determinate idee circa la società e la politica e soprattutto circa la religione, cattolica. Idee che trasparivano difficilmente, visto il genere e la poetica scelta. Troppo istrionico, sarcastico e provocatorio per percepirne la vera essenza. La mia OST preferita. Allora, potrei fare 15 post con 40 Link ciascuno e 300 citazioni... ma non lo farò. Rimango sintetico. Rimango OT. Ce ne sono molte ma la preferita, come comanda la richiesta, è il tema di pianoforte di Max Richter di Leftovers. Perché nel contesto, ogni volta che l'ho sentita iniziare, mi ha emozionato.
  3. Raduno ufficiale 2017

    Aspetterei qualche giorno poi inizierei a chiamare sentire e prenotare. Comunque state tranquilli, il giro di sabato in un giorno si fa veramente a passo merenda, è tutto abbastanza vicino, ce lo arrangiamo come capita XD Trastevere vi sono molti posti di varie dimensioni, non sarà un problema, poi effettivamente, essendo pochi, lo sarà ancora meno.
  4. Music Challenge on the Wall.

    Uuuuuu i CCCP, quella splendida esperienza di Punk italiano con le loro due reincarnazioni anche... probabilmente il gruppo più importante nella storia della musica italiana, per le influenze esercitate in primis e per la presenza di due costanti della produzione musicale italiana, Giorgio Canali e Massimo Zamboni. Pensando a loro, trovo curiosamente una chiave di lettura di parte del mio challenge per le collaborazioni tecniche con Nada, Afterhours, Nobraino, Lo stato sociale.. Per non parlare in generale dei Litfiba, Verdena, Tre allegli ragazzi morti, Marlene Kuntz.. La splendida cover di Amandoti di Gianna Nannini... E poi c'è Ferretti... dall'URSS all'UDC
  5. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 36. Canzone italiana preferita. Partiamo dal cantautore preferito, De Andrè, passiamo all'album preferito, Anime Salve e partiamo col pippone.. De André c'è poco da fare ma è il cantautore che raggiunge i livelli più elevati di riflessione, varietà tematica e ricerca di sonorità. Partito da canzoniere, attravera le varie rivoluzioni sonore per approdare al conseguimento di un sound italiano, mediterraneo, moderno, perfetto per rappresentare le storie vecchie e nuove di questo paese. Anime salve è l'apice di questo percorso. In particolare Disamistade è un esempio di canzone perfetta. Suoni e strumenti ricercati, mediterranei, atmosfera sposata perfettamente col testo, che rende il trascorrere inesorabile del tempo e il procrastinarsi e ripetersi inesorabile delle nostre attitudini. Perché al di là dell'evoluzione civile, umanistica e scientifica degli italiani e dell'umanità intera, noi siamo sempre gli stessi. Abbiamo una razionalità che ci permette di risolvere problemi, astrarre e costruire e vivere socialmente. Ma fino a che punto? Fino al punto in cui la stessa razionalità è impiegata per giustificare i nostri istinti, invidie, violenze, volontà di prevaricazione. Perché qualsiasi costruzione sociale, sia essa famiglia, città, stato, civiltà andrà ad incontrarne delle altre. Perché ogni individuo, che posto in società pensa oltre che ai propri bisogni, al bene comune, andrà a scontrarsi con gli stessi dei propri vicini. Ed ognuno sta nel giusto, ma il proprio giusto è sempre più giusto dei giusti altrui. E lo validiamo razionalmente. Ed ecco che nella corsa al benessere e alla civiltà, l'uomo non cessa mai di lottare coi propri simili, dalle guerre che coinvolgono continenti, fino, sempre più granularmente, alle faide famigliari e agli odii individuali. La tecnologia, la legge, la filosofia, la scienza, non potranno mai modificare quello che siamo, ossia bestie. Bestie solamente molto capaci, che vogliono piegare le volontà altrui a proprio beneficio dal Micro al Macro, fino al tentativo più bieco e miope di piegare la natura stessa, la realtà fisica delle cose. Perché ragionare in ottica di specie umana non ci riesce, è difficile. È più facile farlo in ottica di nuclei più contenuti. Ignorando il costo e le conseguenze, a livello di collettivo umano, razionalmente noti, ma istintivamente scomodi.
  6. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 35. Non ve ne sono molte e già Lady Monica e Hack hanno citato Elisa ed i Lacuna Coil. XD Posso dire che da quando è cantautrice ed ha affrontato un percorso sonoricamente più alternativo, oscuro e intimo, mi piace molto Nada. Che come tutte le baby star dell'epoca ha visto ad un certo punto spengersi i riflettori, perché diventata "vecchia" troppo presto. Causa autori,causa cambiamenti di gusto in atto. Beh secondo me è rinata e maturata diventando molto interessante, semplicemente diventando sé stessa... Mentre prima era un prodotto quasi industriale.. Una parabola simile a Gianni Morandi, il quale però è sostanzialmente rimasto interprete. Vi sono pezzi di Nada che letteralmente amo e sono praticamente sconosciuti come il seguente. E vi è un pezzo che ha asfaltato le classifiche solo grazie ad una serie che l'hacitato, anni dopo la sua pubblicazione, passato inosservato. Un pezzo forse bello a seconda dei gusti, ma sicuramente ottimamente realizzato, nella sua semplicità e immediatezza. Come mi disse una volta un musicista assai più esperto di me in sala di incisione, "il genio non sta nel virtuosismo e nella complessità delle partiture.. Il genio è trasparente, il giro di basso che calza alla perfezione, la melodia inedita che ti sembra di aver sempre conosciuto. La genialità nella musica sta nel rendere ciò che la mente umana percepisce in un lampo e non può che passare per la semplicità, senza scadere nella banalità". Poi per i miei gusti, la semplicità deve accompagnarsi ad un testo calzante, il cui accompagnamento aiuti a trasmetterne il messaggio, e che abbia una adeguata immediatezza, in modo che all'ascolto si possa passare subito agli aspetti più profondi, quelli che premono all'autore e che stanno ad un livello più intimo. Ecco, in questi termini, alla luce di quanto vi hi descritto, il seguente pezzo è geniale e Nada è la mia autrice preferita.
  7. Music Challenge on the Wall.

    Ovviamente poi dimenticavo che negli ultimi tempi Fossati ha scritto anche su invito per interpreti più pop commercialotti però per onestà intellettuale Va detto, tipo Mengoni e la Pausini.
  8. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 34. Autore italiano preferito. Nonostante l'abbia ascoltato di rado, mi sono ritrovato a scoprire che molte canzoni che mi piacciono sono scritte da lui, o in collaborazione con lui, o le ha arrangiato o sono in album ai quali ha collaborato. Quasi scontata è la sua partecipazione ai maggiori successi di Mia Martini. Come mi era noto avesse scritto pezzi di punta di interpreti quali Berté, Prato, Oxa, Mina, Mannoia. Poi tipo per caso ho scoperto le collaborazioni con De Gregori e che la più bella canzone dell'album che preferisco di Zucchero in realtà l'ha scritta lui. E poi notai la presenza della sua voce in due brani dell'album Anime salve di De Andrè, per scoprire che l'intero splendido album era scritto a 4 mani. Nonché il fatto avesse scritto due pezzi de Le nuvole, tra cui quella genialata della a cimma. Insomma, quasi involontariamente e casualmente Ivano Fossati è uno degli se non il mio autore italiano preferito. Vi propongo un brano che fin dalle prime note mi fa salire i brividi. "..c'è un tempo che ci siamo perduti come smarrire un anello in un prato e c'era tutto un programma futuro che non abbiamo avverato, è tempo che sfugge, senza paura che prima o poi lo si riprende perché c'è tempo c'è tempo c'è tempo per questo mare infinito di gente.."
  9. Gioco Totocalcio SerieA II ed.

    Roma-Lazio X Napoli-Milan 1 Crotone-Genoa 1 Benevento-Sassuolo 1 Sampdoria-Juventus 2 Spal-Fiorentina 2 Torino-Chievo 1 Udinese-Cagliari 1 Inter-Atalanta 1 (1-0) Verona-Bologna 1X
  10. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 31...ce ne sarebbero tantissime. Potrei mettere The man who sold the world dei Nirvana, Time dei Dream Theater, Another brick in the wall dei Korn, Hey Joe dei Deep Purple, Hurt di Jonny Cash, Heroes dei Tv on the radio.... Come scegliere? Scelgo la memorabilità, scelgo gli Steve'n'Seagulls. Autori di covers memorabili...godetevi questa..
  11. Raduno ufficiale 2017

    Premesso che ora non so di preciso come siete messi la domenica mattina, sia la domenica mattina che il venerdì pomeriggio si possono fare giretti un po' ovunque, nell'ottica magari di vedere il grosso del centro il sabato (in favore di chi ha espresso il desiderio). Per quelle due mezze giornate ci starebbero bene anche mete o attività particolari ma non ne ho da offrirvi. Il Venerdì, vedendosi tipo a Termini si potrebbe orbitare lì vicino, per esempio muovendosi verso Piazza della Repubblica davanti alle terme di Diocleziano e la fontana delle Naiadi, passare sotto i portici neoclassici ed arrivare a Santa Maria della Vittoria, che ospita L'estasi di santa Teresa del Bernini. Poi si può scendere verso il Quirinale o verso piazza dell'Esquilino, dove è situata Santa Maria Maggiore. Io consiglio vivamente un salto a San Pietro in vincoli, dove da un anno a questa parte è stato installato un sistema di illuminazione che riproduce in breve tempo l'effetto della luce nell'arco di una giornata sul Mosè di Michelangelo, che ha permesso di apprezzarlo e spiegare alcune particolarità dell'opera. Da là, con la coda dell'occhio sul Colosseo, se c'è tempo, andare verso San Giovanni in Laterano, anche solo per ammirarla nell'illuminazione notturna. A metà strada c'è quel gioiellino di San Clemente. Da là è possibile prendere ambo le metro o riavvicinarsi verso termini, magari per andare a mangiare alla Vecchia Roma. Il Sabato vi propongo un itinerario quasi scontato ma con qualche suggerimento che forse ve lo fa apprezzare diversamente. Da Colosseo, costeggiare il foro romano ed il foro di Traiano fino alla colonna Traiana. Da là Altare della patria e Campidoglio, con la vista sui fori. Si può prendere per via delle botteghe oscure, passando per piazza del gesù (per i nostalgici c'è la storica sede della dc), per largo di torre argentina, col suo sito archeologico. Lì fermarsi magari per un caffè alla Feltrinelli, o per giocare coi gatti della colonia felina (adottatelo pure uno già che ci siete). Muovere poi per Piazza Navona (ve la commento pure se volete). Là intorno ci sono Sant'Agostino e San Luigi dei Francesi ospitanti capolavori di Caravaggio e Raffaello. Direzione Montecitorio e palazzo Chigi, mentre i nostri governanti si struggono lavorando per noi, si può fare un salto a Sant'Ignazio, con le illusioni e gli affreschi del Pozzo. Di seguito è vicina la Fontana di Trevi e , passando per sant'Andrea delle Fratte, dove attendono le sculture del Bernini, arrivare a Piazza di Spagna, nonché piazza del Popolo, dove se non ne siete nauseati vi sono altri capolavori. Infine da qui si può andare un po' dove ci pare a seconda dell'ora, a cena, passare per il corso, in atmosfera natalizia e andare poi verso trastevere. Mi spiace per voi ma a Roma conosco più arte che cazzeggio e ringraziate che sorvolo su San Pietro Castel Sant'angelo etc, sennò vi servono i piedi di riserva. Domenica mattina si può allegramente e lentamente trastullarsi per villa Borghese, o al giardino degli aranci presso il circo massimo, o visitare villa Torlonia, o San Paolo...
  12. Raduno ufficiale 2017

    A quanto ho capito staremo tutti prossimi alla metropolitana, (spero anche @Neshira) quindi palesemente per cena staremo in zone limitrofe centrali e i giri che faremo saranno in zone limitrofe centrali. Noto che la massima priorità è attribuita alla "magnatoria" quindi parto da quella. Vi propongo locali situati in zone chiave, di interesse per eventuali percorsi diurni e prossimi alla metro. In modo che a seconda del giro che vogliamo fare possiamo prenotare di conseguenza. Buttate un occhio su tripadvisor o sui rispettivi siti. Posti consigliatemi o provati. - Vecchia Roma; trattoria rinomata per i primi flambé tipo la matriciana. Si trova vicino piazza Vittorio Emanuele, comoda da raggiungere venendo da Colosseo, San Giovanni, Cavour, Rione Monti, Santa Maria Maggiore.. appurate dalla mappa. Secondo me sarebbe comoda come epilogo di una passeggiata pomeridiana il Venerdì che poi vi espliciterò. - venendo da zone come Piazza Navona o Circo Massimo, specie il Sabato con la metro che chiude tardi, si può considerare Trastevere ed avere ampia scelta. Da Fortunata sta vicino Campo de Fiori, osteria famosa per la pasta fatta a mano in loco. Da Carlone, vicino all'Isola Tiberina, probabilmente la migliore carbonara di Roma, ricordo piatti abbondanti (Testato) Tonnarello, dalle parti di Trilussa, sempre cucina romana, forse meno classicheggiante (Testato). -vicino san Pietro, zona Ottaviano prati, pure vicino piazza del popolo. Hostaria Dino e Tony informale e casareccio, forse il più spudoratamente romano, tovaglia a quadrettoni etc.. Osteria dell'Angelo, ristorante fidato, si mangia bene, si esce sazi, si paga senza bestemmiare. Questi sono posti per la cena che mi sento di consigliare in quanto si mangia bene e non si viene rapinati. Non frequento spessissimo ristoranti quindi non mi azzardo con sentiti dire poco sicuri. Per il resto direi che a pranzo ci si può fermare dove capita di paninari, pizze al taglio (unica pizza meritevole a roma se si sa dove) e birrerie. Riguardo queste direi che a seconda del percorso ci scervelleremo. Altra cosa: essendo il ponte dell'immacolata, essendo che i posti buoni ed onesti sono abbastanza frequentati, sarebbe il caso di prenotare entro fine Novembre (ma mi consigliano pure prima) Conosco molti altri posti in zone raggiungibili con la metro, ma più distanti, questi che ho proposto, a seconda di dove ci si trova, ci si arriva a piedi. Visto che posti fuori mano sono impraticabili, a breve scrivo due esempi di itinerario per venerdì e sabato, passeggiatone dove fermarsi ad ammirare monumenti e volendo entrare a visitare qualche chiesa dove ritrovarsi davanti a cosette di tipi qualsiasi tipo Caravaggio Borromini Bernini Raffaello etc. Vado di mia iniziativa, visto che in questo topic,da parte di chi partecipa non leggo proposte.
  13. Raduno ufficiale 2017

    Una cosa, i venerdì giorno arrivano verso ora di pranzo giusto?
  14. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 30. Un anno fa ero molto più giovane di oggi e in vena di novità. Scoprii così un'eccellente realtà locale in ascesa nazionale: i Nobraino. Oggi lasciamo la tristezza chiusa in credenza. Lui le amava entrambe una per la testa l'altra per le gambe, una solo divertente l'altra bella non diceva niente, però in due, prese tutte e due erano la paerfeziooooneeee... Se ci pensi scopri che ti droghi pure te.
  15. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 29: una canzone della tua infanzia...oddio, non mi viene nulla di quando ero bambino. Vado sulle prime canzoni che ricordo di aver apprezzato e che mi ricordano quegli anni, non proprio infantili. Colgo così l'occasione per riproporre Bertoli; un pezzo di una dolcezza ed una serenità unici..."La prima pioggia" "Fu una nuvola casuale sul mattino che colse l'innocenza e la calura che spinse due ragazzi da un giardino al riparo dentro a un tetto e quattro mura.... .... ..." Questo è l'inizio, il ritornello è stupendo, insomma, ve la dovete da sentì..