Gedeont

Utente
  • Content count

    2,349
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    32

Gedeont last won the day on January 24

Gedeont had the most liked content!

Community Reputation

1,736 Good

7 Followers

About Gedeont

  • Rank
    confratello

Profile Information

  • Sesso
    Maschio

Recent Profile Visitors

453 profile views
  1. Di Profezie, Dei e Visioni

    E' quel film lì. Io ricordo ancora con orrore come Patroclo fosse misteriosamente diventato il cugino di Achille. Tornando IT: per me è certo che gli dei, almeno nei libri, non esistano. Quelli del nord abbiamo già visto cosa, o meglio chi, sono in realtà; gli altri sono invenzioni degli esseri umani per spiegare fenomeni incomprensibili. Quanto alle profezie, dipende; io le differenzierei dalle visioni. Ad esempio sappiamo che le fiamme mostrano il futuro a Melisandre , che i sogni di Daenerys sono sul serio profetici, che Maggy the Frog aveva azzeccato tutto (tre figli per Cersei, tutti biondi; non ricordo quanti per Robert; nessuno insieme), che la nana delle Riverland e Patchface sanno quello che succederà anche se non vogliono, o possono, riferirlo in maniera immediatamente comprensibile. In un mondo in cui esiste la magia abilità del genere non mi sembrano per niente fuori posto. Le profezie invece sono vecchie di centinaia se non migliaia di anni: potrebbero in origine essere state delle visioni, oppure delle "favole", o delle storie realmente accadute che il tempo ha modificato fino a trasformarle in qualcosa di completamente diverso e del tutto inaffidabile. Per cui se Melisandre dice a qualcuno a caso, ad esempio Jon, di stare attento perché c'è gente che sta tramando cose poco belle, questo qualcuno farebbe meglio a darle ascolto; se invece inizia a parlare di eroi leggendari destinati a compiere imprese mirabolanti tenderei a prendere la cosa con molto, molto più scetticismo. Ah sì, secondo me nella saga, oltre agli dei, non esiste neanche il destino inteso come predestinazione. Edit: mi sono dimenticato una cosa. Mirri maz Duur secondo me non ha mai fatto nessuna profezia: semplicemente dall'alto della sua lunghissima esperienza di ostetrica pensava che Daenerys fosse ridotta troppo male per poter avere ancora dei figli, e lo ha riferito alla bionda nella maniera più sprezzante e tronfia possibile. Tutto quello che dice infatti si può riassumere in "mai".
  2. ADWD - Riferimenti storici/culturali in ASOIAF

    Allora torno IT con un altro riferimento (che forse è già stato notato, nel caso chiedo scusa): il cavaliere più cavaliere che ci sia si chiama Arthur, ed ha una spada magica.
  3. ADWD - Riferimenti storici/culturali in ASOIAF

    Ghost non era stato emarginato, si era allontanato da solo. Era anche l'unico con gli occhi già aperti, credo che il dettaglio sia significativo. Fra l'altro nei libri non era per niente il più piccolo della cucciolata, al contrario credo fosse il più grosso. D'altra parte i bastardi crescono più in fretta, no? Comunque di sicuro Robb, Arya e Bran considerano Jon come parte integrante del "branco"; Sansa fa eccezione, per colpa di Catelyn, ed è proprio lei quella che si distacca dai fratelli: non a caso Lady muore. Correzione: ripensandoci non sono sicuro che alla nascita Ghost in effetti non fosse più piccolo degli altri. Nel giro di poco tempo comunque era sicuramente il più grosso.
  4. ADWD - Riferimenti storici/culturali in ASOIAF

    Trote di sei metri sarebbero state fichissime. Lo stemma dei Greyjoy, così come tutta la religione degli Ironborn, è un richiamo / omaggio a Lovecraft.
  5. Attentato a Bran: chi è il mandante?

    Perché all'inizio l'acciaio di Valyria non era enormemente raro e prezioso, poi Martin ha cambiato idea ma ormai il libro era uscito. Seriamente, il motivo è questo. Lo stesso discorso si applica alle acrobazie di Tyrion la prima volta che incontra Jon, ad esempio. La cosa si potrebbe comunque giustificare col fatto che LF è pieno di soldi ed i pugnali non sono certo preziosi come le spade, magari sono anche meno rari. Comunque non è in dubbio che la daga fosse sua, ha mentito solo sul fatto di averla persa per scommessa con Tyrion. @Metamorfo nah, non è ambiguo, si spiega tutto col fatto che Joffrey è scemo. Lo so, è debole ma tutte le altre teorie sono molto peggio. Quel pugnale fa solo danni comunque, è una specie di re Mida al contrario, tutto quello che tocca diventa m**da. Edit: ma poi poco prima dell'uscita di ASOS (moooolti anni fa, ormai) Martin non aveva detto che in quel libro avrebbe svelato chi ha ucciso Jon Arryn e chi era il mandante dell'attentato a Bran?
  6. Attentato a Bran: chi è il mandante?

    Ho risposto nel post precedente a questo: in questo caso sì, il mandante doveva trovarsi per forza a Winterfell.
  7. Attentato a Bran: chi è il mandante?

    I corvi funzionano come i piccioni viaggiatori, vanno da un castello all'altro, non si possono mandare ad un corteo. Poi ci sono i tempi, l'informazione che Bran è caduto dovrebbe arrivare a LF (come?), lui dovrebbe rispondere al volo (come) dicendo al suo uomo di uccidere Bran e per questo ci vorrebbero settimane. Petyr ha semplicemente approfittato della situazione, Catelyn gli ha chiesto della daga e lui ha colto l'occasione per seminare zizzania. La sua plot armor in acciaio di Valyria ha poi fatto sì che nessuno verificasse la validità delle sue informazioni.
  8. Attentato a Bran: chi è il mandante?

    Sì, Robert vince la daga in una scommessa con LF. Non ho capito la domanda però, in che senso come fa LF a possederla? In generale, LF non può realisticamente essere coinvolto nel tentato assassinio di Bran perché si trovava a King's Landing.
  9. ADWD - Chi sono i genitori di Jon Snow?

    Dubito moltissimo che si arriverà mai a questo punto perché non penso che Stannis si siederà mai sul trono, credo che la sua storia (e quella di Shireen) si concluderà al nord. Se i Baratheon sopravviveranno sarà grazie a Edric Storm.
  10. ADWD - Chi sono i genitori di Jon Snow?

    Sì, la famosa Wylla è una delle candidate principali. E i Dayne secondo me c'erano dentro fino al collo.
  11. ADWD - Chi sono i genitori di Jon Snow?

    Sono gli unici sopravvissuti allo scontro ma alla ToJ c'era quasi sicuramente altra gente visto che Ned ricorda che "loro" lo trovarono mentre stringeva ancora la mano di Lyanna. Ci sarà stato qualche inserviente, una balia o roba simile. In ogni caso la questione della torre abbattuta è sempre sembrata strana anche a me. Non era l'edificio imponente che abbiamo visto nello show, era una semplice postazione di guardia: magari aveva la struttura in legno, un po' di fuoco ed è venuto giù tutto, boh. Edit: @*Khaleesi* per taggare si usa la "@" seguita dal nome dell'utente. Credo che la verità avrà conseguenze solo per Jon, immagino ne rimarrà abbastanza sconvolto ma dovrebbe finire tutto lì. Se fosse legittimo verrebbe prima di Daenerys e dopo Aegon, sì, ma tanto a lui del trono non frega nulla, non si metterà mai a fare la guerra per conquistarlo.
  12. Elezioni politiche 2018

    Io la penso come te, questa personalizzazione proprio non la capisco.
  13. THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni

    Wordstar è il meno. Non riesco a ritrovare l'intervista, ti faccio un riassunto: quando un personaggio deve prendere una decisione importante Martin gli fa fare una scelta e scrive un centinaio di pagine per vedere come si sviluppa la storia per poi ripetere il processo con le altre opzioni possibili. Alla fine conserva l'alternativa che lo soddisfa di più. Per dire, si è accorto che il famigerato salto temporale di cinque anni non funzionava dopo aver scritto non so quanti capitoli, che a quel punto è stato costretto a cestinare. Adesso piangi pure.
  14. THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni

    Ma non credo l'abbia fatto per soldi, anche perché se fosse avrebbe fatto uscire una decina di libri per mungere il successo il più possibile. Secondo me la storia gli è semplicemente sfuggita di mano, e a dirla tutta visto il metodo che utilizza per scrivere è un mezzo miracolo che non gli sia successo fin dall'inizio.
  15. Elezioni politiche 2018

    Boh, i sondaggisti sono diversi anni che non ne azzeccano una (ultimo esempio, le elezioni USA).