TFT

Utente
  • Content count

    81
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

17 Neutral

1 Follower

About TFT

  • Rank
    confratello
  • Birthday 02/22/1990

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Lombardia

Recent Profile Visitors

70 profile views
  1. Roccia del drago abitata solo dai sassi...io boh non capisco la logica dei produttori, sembra quasi che si impegnino a fare la serie con più pezze possibili. E non mi si dica che non c'era tempo, quando tempo per Ed Sheeran che fa cose assolutamente inutili ai fini della trama si è trovato. Buoni Sam e il Mastino, decente la parte di Jon. ce**o il resto Voto 6
  2. Non ricordo quell'aneddoto, sicuramente ci sarà spiegato più avanti però, nulla accade per caso
  3. Mi fa piacere sapere che non sono sensazioni solamente mie, tu sei andato avanti immagino, vale la pena finirlo restando sul 6,5 o butto solo tempo (che con due lavori ne ho già poco?)
  4. Quando ho fatto scuola io c'erano due possibilità, dipendeva dalla prof: - I mattonacci assurdi e terrificanti - Libri a caso che piacevano alla prof, in quel caso poteva andare bene o male a seconda dell'interesse. Per esempio in prima media diedero "il più grande uomo scimmia del Pleistocene" che trovai tutto sommato gradevole. Si apre poi il percorso universitario, io avendo fatto lingue avevo l'obbligo di letture in lingua originale di libri convenzionati con l'università, che erano osceni, illeggibili e patetici (i libri di Matilde Asensi, Los Principes Nubios, El congreso de Literatura per dirne alcuni) e su quelli non potevi scappare perchè te li chiedevano all'esame. Alle superiori, invece, dopo il primo anno in cui abbiamo capito che ai prof non interessasse effettivamente niente del fatto che leggessimo o meno, nessuno ha più letto i libri obbligatori. Col senno di poi a molti avrebbe fatto bene, perchè senza l'obbligo non hanno più letto nulla in vita loro
  5. Premetto che ho giocato forse 10 ore ad Andromeda, ma mi sento comunque di dire la mia. Gli darei un 6,5 come voto ora come ora, il comparto grafico la vastità del mondo aperto e delle sue missioni sono assolutamente notevoli ma per me ha sacrificato troppo in spessore, profondità della trama, dei personaggi e dell'ambientazione stessa. Nonostante l'idea di base sia buona la storia non è particolarmente coinvolgente, tutto sa troppo di già visto anche se l'universo è completamente diverso e gli sforzi per caratterizzare i mondi sono innegabili. I personaggi sono di un piattume come mai si è visto in tutta la saga, i compagni di squadra sono assolutamente anonimi, insipidi, stereotipati e ho perso quel gusto di parlare sempre con tutti che avevo fin dall'1. Senza spoilerare abbiamo: Liam. il soldato umano classico, mi ricorda come piattezza Jason di ME2 che era il personaggio da me più odiato Cora: biotica umana povera, incompresa, dal gran cuore e cacate varie. Una sorta di Miranda Vetra: femmina Turian che dopo i primi 5 minuti in cui sembra valere qualcosa, diventa una comparsa di sottofondo come gli altri. Peebee: ricercatrice asari euforica e sopra le righe. Fa solo battutine odiose per tutto il tempo Drake: il krogan che picchia, lo spaccone di turno. Siamo lontanissimi dalla profondità che avevano Grunt o Wrex Altri membri dell'equipaggio: manco ricordo i nomi Unici personaggi riusciti: Jaal e il padre del protagonista. Jaal in particolare ha un suo carattere, una sua coerenza, una storia credibile e centrata con la sua razza. Il sistema di combattimento non è variato molto, il sistema di ricerca è caotico e spesso superfluo. Insomma, per me è un'occasione sprecata.
  6. C'è anche il mediocre I VICHINGHI di Claudio Fram o qualcosa del genere
  7. Ciao, allora questo è più o meno il mio campo visto che sono autore tardomedioevale pure io e anche appassionato di storia.. Dipende dal background dei personaggi, da dove devono andare, cosa devono fare e tanti fattori che sarebbe meglio dicessi, uno su tutti il periodo preciso. Per fartela breve, se i personaggi sono degli "uomini medi", quindi non sanno il Latino o "l'Italico" difficilmente comprenderanno altri uomini medi anche se un uomo particolarmente intelligente potrebbe sfruttare la sua competenza passiva sui dialetti e riuscire a intendere qualcosa, se parlati lentamente (un po' come italiano vs francese). Di base ai tempi praticamente ogni comunità aveva una sua lingua (dialetti è sbagliato), cui si univano macrolingue in base all'area. Per esempio nel nord Italia oltre ai millemila idiomi locali era discretamente diffuso il tedesco, mentre in Calabria e Puglia il greco. Di base comunque, no.
  8. Se il prossimo lo fate a Milano ci vengo, per Roma sono fuori mano. Da vedere consiglio anche la fortezza dei cavalieri ospitalieri e il parco/villa Borghese. Ho anche un amico che ha un B&B in zona comoda se vi serve, di fianco alla metro Annibaliano. A, non fate i classici turistacci che comprano l'acqua a 2 euro dai bagharini abusivi, Roma è piena di fontane e l'acqua è buonissima.
  9. 5 è fin troppo generoso, ti sei dimenticato di citare mostri di varie saghe buttati dentro a caso giusto per fare casino, con il sapore di mangiare ragù e mascarpone
  10. Faccio un UP per dire che ora i titoli sono quasi 500, al quale si aggiunge il mio romanzo storico "l'ultimo Paleologo" che sicuramente troverete interessante
  11. Assolutamente. Io sono un grande fan di Tolkien quindi prendo e leggo tutto a prescindere, come i fanatici religiosi u.u Però chiaro che non è per tutti, non va preso come lettura di intrattenimento ed è pesante. L'unica Opera leggera che e totalmente romanzata secondo me è Lo Hobbit
  12. Lovecraft ha fatto QUASI solo racconti brevi, penso che "tutti i racconti" possa andare
  13. Ok se è in prosa almeno in parte lo compro di sicuro
  14. Jon vorrà rimanere uno Stark
  15. Ma veramente, già è stato uno stupro vedere come è stato fatto "lo Hobbit". Comunque, qualcuno ha già letto Beren e Luthien? Lo consiglia?