Jump to content

***Silk***

Utente
  • Content Count

    1,401
  • Joined

  • Last visited

About ***Silk***

  • Rank
    Confratello

Profile Information

  • Sesso
    Non Dichiarato

Recent Profile Visitors

4,859 profile views
  1. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    E fai bene! XD Io non avevo inserito né Arya, né Jon, né Tyrion. Ma sono curiosa di vedere chi si è classificato dal 16 in giù. Mi è dispiaciuto non vedere Maester Aemon e Joffrey. Ma anche Stannis e Melisandre. A parte gli scherzi batti 5 sorella! Anche tu hai creduto in Jamie e Jamie ci ha ripagato! Difatti al primo posto, come avevo già scommesso dico che c'è Jamie Lannister.
  2. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Personalmente, ho scelto di mettere in classifica Ghost e Drogon e non Ditocorto facendo un discorso molto razionale: Ditocorto è un personaggio rovinato dallo script della settima stagione. Drogon ad esempio è il personaggio più coerente delle ultime due stagioni, gli andava riconosciuto. Se si parla di personaggi dei libri la classifica è molto diversa. Ma ad esempio anche Tyrion così in alto non me lo aspettavo visto che per metà serie è stato un bel personaggio e l'altra metà una macchietta, resa godibile comunque dalle capacità di Peter, ma non stiamo facendo una classifica di attori.
  3. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Mi differenzio: Tyrion
  4. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Ma infatti mi pare impossibile che Sansa non sia in classifica... Muore: Danaerys Non muore: Sansa, Arya, Tyrion. Vero @Timett figlio di Timett, Sandor è già uscito, anche se sarebbe stato più lecito trovarselo più in vetta! XD
  5. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Per adesso dico: Personaggio vivo: Arya Personaggio morto: Dany
  6. ***Silk***

    Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

    Ma questi due lati di Danaerys ci sono anche nella settima e nella ottava, altrimenti avrebbe bruciato king's landing all'inizio della settima. E pure nella puntata finale Danaerys si mostra possibilista verso Jon Snow, non verso tutti gli altri, ma del resto sono alleati che la hanno bene o male tradita o che comunque le sono avversi, quindi razionalmente ci sta che scelga di volerli annientare. Non c'è bisogno della retorica maschilista che la vede impazzire e bruciare tutto e non c'era neanche bisogno per come è costruito il personaggio di Jon che bruciasse gli abitanti di King's Landing perché lui volesse ucciderla, era sufficiente la minaccia agli Stark nel discorso post battaglia. Certo il fatto che bruci tutto rende le immagini più spettacolari. Sugli utenti che hanno riconosciuto i tratti sanguinari tirannici non ho capito a chi ci si riferisca. Non credo ce ne siano molti in giro che hanno commentato le prime stagioni, a meno che non si parli del re-watch.
  7. ***Silk***

    Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

    Bravissimo! Infatti secondo me la questione Danaerys è criticabile non perché non finisce sul trono, ma perché la si fa passare insensatamente per pazza e cretina grazie all'interpretazione che ne danno i due showrunner. Mentre le sue azioni sono lucide e sensate. Pure le lamentele per lo stupro di Sansa erano poco plausibili, se la serie è ambientata in un contesto medievale, il minimo che ci si possa aspettare in seguito a un matrimonio è che il marito poi voglia consumare a prescindere dal desiderio della donna, perché legalmente e fisicamente può imporre la sua volontà. Cersei non afferma a caso che le donne sono vendute come giumente per stipulare alleanze tra casate. Il contesto è quello.
  8. ***Silk***

    Ma Game of Thrones è davvero una serie valida?

    L'articolo è interessante e si rifa a un background culturale dignitoso, anziché essere la solita opinione soggettiva perché sì. Ciononostante, concordo con @Feanor_Turambar, la tesi è sostenuta in maniera evidentemente forzata e non comprende neanche pienamente le ragioni per cui il pubblico si è lamentato. Per quanto il titolo della serie sia il trono di spade e quindi ci dovrebbe far presumere che il tema centrale sia la lotta per il trono, il lato fantasy è stato uno dei grandi pilastri della trama ed è stato anche espanso se lo paragoniamo ai libri, quindi penso sia comprensibile lo scontento nel fare fuori un pilastro della trama con una certa pochezza narrativa ed estetica, anche se il concetto che se ne desume ha una certa rilevanza. L'articolo ha il pregio di mettere le serie TV al pari delle produzioni letterarie nella cultura contemporanea. Questo, che faccia storcere il naso o meno, è una verità innegabile, una volta questo ruolo di formazione toccava ai libri e ai romanzi, adesso si shifta verso la televisione ed è una buona cosa che ci se ne renda conto. Purtroppo però l'articolo ha anche una serie di limiti. In primis, vuole analizzare la serie solo dal punto di vista filosofico-politico, non comprendendo che le critiche ricevute dalla serie stessa non sono principalmente di questo tipo, ma soprattutto sono critiche narratologiche ed estetiche. Secondariamente, come già fatto notare da @Figlia dell' estate, l'assunto stesso è facilmente smentibile. Probabilmente l'autrice non ha una piena conoscenza della materia che si propone di trattare, perché dal finale della serie, Bran the Broken non esce affatto come leader imperfetto in quanto disabile e impossibilitato alla riproduzione. Ne esce come il più predestinato tra tutti i personaggi: egli era nelle mire del corvo a 3 occhi da ben prima dell'inizio della storia stessa e afferma di essere sceso a sud per accettare il trono. Oltre a questo, come avete già detto, le sue capacità fanno presumere a un futuro altrettanto assolutistico e ben più totalitario di quanto non indicasse l'estetica degli abiti di Danaerys. Ci troviamo di fronte a un grande fratello ante litteram che usa alberi e corvi al posto delle telecamere. E ci troviamo anche di fronte a una riedita Lucy dell'omonimo film di Luc Besson. Se lo prendiamo come figura positiva Bran ha l'ardire, con apatico distacco, di accettare il trono poiché nella sua condizione, secondo sua analisi oggettiva, si ritiene il miglior regnante, risultato che smentisce l'oggettività dell'analisi e lo rende più simile al villain di unbreakable, almeno in Lucy ci si limitava al ruolo di passaggio di una conoscenza superiore affidata poi a un soggetto terzo. Anche la questione delle lamentele dovute al fatto che Jamie e Dany vengono infine recepiti come antieroi ma il pubblico li voleva eroi, non è del tutto vera. Soprattutto su Jamie, personaggio su cui già mi ero dilungata con una digressione relativa ai libri nel topic sul personaggio, è evidente come lui sia nei libri sia nella serie sia legato a doppio filo a Cersei. Il problema della serie è che l'evoluzione del personaggio viene presentata solo come basata sulla relazione sessuale/sentimentale che ha da sempre con Cersei e prova a spezzare con Brienne, mentre la controparte cartacea è molto più complessa. Sulla gestione di Danaerys è invece molto più centrato uno degli articoli citati nella trattazione: Questo. Difatti, qua si identificano le ragioni per cui la visione di Danaerys come Mad Queen non ha alcun fondamento, oltre che senso. Le azioni di Danaerys sono razionali e sensate per il contesto e la situazione in cui si trova. Sulla questione di Arya colonizzatrice poi mi viene da sorridere perché un personaggio che va ad esplorare l'ovest come un novello Cristoforo Colombo non si capisce perché dovrebbe porsi in maniera negativa. Ipotizzare prosecuzioni di storie che vanno oltre il finale che ci viene mostrato non ha alcuna oggettività. Per quello che ne sappiamo la nave potrebbe anche affondare non appena uscita dal porto. E poi Arya non si è mai configurato come un personaggio con volontà di colonizzatore, semmai con sete di conoscenza e desiderio di scoperta. Insomma, per quanto sia fondato su buone basi l'articolo mi pare che denti una non sufficiente conoscenza della materia oggetto di trattazione. Sono molto più meritevoli gli articoli a cui fa riferimento, cioè quello linkato poco sopra sulla penultima puntata e questo.
  9. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Vedi come s'interpreta male! Pensavo che i favourite 5 fossero altri, qua ci troviamo davanti a esclusioni importanti... Difatti non sono sicura che gli ultimi 4 rimasti siano 2 personaggi maschili e 2 femminili... Vedremo. Intanto il prossimo è sicuramente un uomo quindi dico: Tyrion Ned Jamie
  10. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    No. Secondo me Theon non c'è. Ned Sansa Arya
  11. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Mmmh... Troppi Theon. Cambio: Ned Sansa Theon
  12. ***Silk***

    Gioco - Classifica dei 15 Personaggi Preferiti

    Boh Ned Sansa Arya
  13. ***Silk***

    Consigli sulla lettura

    Pure gli anglo americani. A vedere le tue richieste allora rettifico letteratura anglosassone e ti suggerisco solo i Canterbury tales di Chaucer! XD
  14. ***Silk***

    Progetto Rilettura - Fase 2

    Grazie! E perdonami! XD Per alcune cose come dicevo nel post precedente sarebbe bastato leggere più attentamente! XD
  15. ***Silk***

    Consigli sulla lettura

    Ciao @NonnoOlennovedo solo ora questa tua richiesta. Inizio da suggerimenti per la letteratura anglosassone. Tra gli autori che hai già letto, mi sentirei di suggerire di espandere: - Shakespeare ai sonetti e a Giulio Cesare e Antonio e Cleopatra - Orwell a 1984 - Wilde a il ritratto di Dorian Gray Per il resto mi limito a suggerirti cose che ancora non ti sono state suggerite, cercando di limitarmi e spaziando tra prosa e poesia: - Chaucer, i racconti di Canterbury - Hobbes, il Leviatano (se hai letto Machiavelli, secondo me puoi tentarlo) - Alexander Pope, Eloisa ad Abelardo (ce lo avrei in lista anche io, secondo me prima o poi è da leggere, è il poem da cui è tratto il titolo del famoso film di Gondry "the eternal sunshine of the spotless mind" e Che mi si ricollega come tematica anche a un suggerimento per l'area tedesca) - Thomas Gray, Ode a un cimitero di campagna - Wordsworth, le lyrical ballads (Ti suggerirei tutti i romantici a dire il vero ma è possibile che qua si sfoci nel visto personale, quindi lascio stare!) - Joyce, I Dubliners - Walt Whitman, Foglie d'erba I contemporanei te li risparmio perché probabilmente vanno più a gusto. Piano piano vedo se ho suggerimenti anche per le altre aree.
×