Jump to content

knight70

Utente
  • Content Count

    56
  • Joined

  • Last visited

About knight70

  • Rank
    Confratello

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Ea

Recent Profile Visitors

324 profile views
  1. Drusilla, non mischiamo il sacro con il profano Ci sono motivazioni pensatissime perché tra un nano ad un elfa non ci potrà mai essere del romanticismo. E' tutto nel Silmarillion ma, tanto per darti un'dea, elfi e uomini sono figli di Iluvatar, i nani no. I nani sono un'imitazione della creazione di Iluvatar (che è sua esclusiva, mentre il mondo di Arda è in parte opera dei Valar), fatta da uno dei Valar. Iluvatar, comprendendo l'intento positivo del Vala gli concesse di farli vivere in Arda.Ma agli occhi di un elfo non ci potrà mai essere attrattiva per un nano. Anche le relazioni tra elfi e uomini sono cosa rara, anzi rarissima. All'epoca di Aragorn se con contano solo 3, Aragorn e Arwen inclusi. E le prime di risalgono alle ere quando gli uomini non erano quelli della terza era. Aragorn stesso è uno dei pochi eredi di Numenor in vita e, in quanto tale, uomo molto più vicino agli uomini del risveglio. E' una cosa complessa da trattare qui ma spero ti serva come stimolo per approfondire il Silmarillion, quello si un vero capolavoro
  2. la trasposizione di LOTR non è male in effetti anche se hanno ridotto Gimli ad una macchietta comica, un po' l'Euron della situazione, mentre invece è un personaggio di spessore. Lo Hobbit invece non mi è piaciuto in particolare per una cosa: una storia tra la fantomatica Tauriel (che non esiste nei libri) e un nano è assolutamente impensabile per Tolkien. Hanno voluto aggiungere un tema romantico ma hanno sbagliato completamente personaggi. Una cosa del genere avrà fatto fare i salti mortali nella tomba al povero Tolkien.
  3. Altra serie, questa volta solo letteraria è quella scritta da China Mielville, quella che inizia con Perdido Street Station e continua con altri 3 libri. Molto particolare, è un fantasy del tutto diverso dal solito. Provare per credere E secondo me si presterebbe benissimo ad una serie di 4 stagioni
  4. Bella discussione Io ho avuto una grande passione per la saga di Darkover di Marion Zimmer Bradley. Molto diverso da ASOIAF ma con un bellissimo mix tra fantasy e fantascienza. Una serie TV era in programma, credo da parte di Amazon ma da quanto mi risulta è stata sospesa a causa delle accuse di presunte violenze da parte della scrittrice ai danni della figlia.... accuse peraltro successive alla morte dell'autrice. Chiaramente non ho idea se siano accuse veritiere o no, rimane il fatto che la saga a me è piaciuta moltissimo e che rimarrà nel mio cuore.
  5. Si è vero, ci sono parecchi paralleli possibili tra il Sam di GOT e il Sam di LOTR. In LOTR, anche se nel film non si vede, anche Sam in vecchiaia va a Valinor perché anche lui, seppure per breve tempo, è stato portatore dell'anello... chissà se anche il Sam di GOT avrà qualcosa del genere.
  6. si avete ragione... è che anche io sto cercando di capire che senso abbia la "sparizione" di Bran in quel momento.
  7. Su Bran è interessante l'ipotesi di Calel (youtube): lui dice che forse il NK per trovare Bran ha bisogno che lui stia facendo qualcosa tipo wargarsi, per questo all'inizio della battaglia si warga nei corvi fino a quando il NK lo trova. Potrebbe essere plausibile.
  8. Vista la puntata su un oled 55 pollici... spettacolare! Nessun problema di visibilità delle scene se non quelli volutamente inseriti per vari motivi
  9. Scusate non so se se ne è già parlato: la balestra che Qyburn da a Bronn, non è la stessa che Joffrey usava per sparare a uccelli e prostituite?
  10. Per me un padre non merita il rispetto o l'amore solo per essere tale. Per meritarlo deve comportarsi come tale e lui non lo ha mai fatto. Tra l'altro nei libri Sam parla più volte della famiglia ed è chiaro che il padre era un uomo malvagio che nell'unico impeto di clemenza ha cacciato Sam invece di ucciderlo lui stesso. Quale amore si può provare per un uomo del genere? E sempre nei libri, se non vado errato, Dickon era ben felice della partenza di Sam perché sarebbe diventato lui il futuro lord. Non ricordo bene come la madre e la sorella fossero descritte nei libri ma forse per loro posso capire un certo attaccamento. Ma qui non si parla della madre o sorella ma del padre e i fratello.
  11. Secondo me è la situazione ad essere diversa: ad Essos ha iniziato da zero e ha conquistato lealtà del popolo in quanto questo ha potuto vedere le sue azioni. A Westeros pochi conoscono il suo pregresso e il popolo e i nobili si limitano a considerarla una Targaryan con i draghi. Tra l'altro io non trovo strano il fatto che abbia ucciso i Tarly, almeno il padre. Dickon avrebbe potuto risparmiarlo ma è stata una sua scelta. Si giudica il fatto che li abbia bruciati ma la loro esecuzione per me è perfettamente logica. Inoltre il dolore di Sam lo trovo fuori luogo: quante volte ha raccontato la sua storia e di come il padre lo volesse morto? Come si giustifica questa recrudescenza di amore filiale? Io non me lo spiego e in tutta la puntata questa è la parte che più mi è dispiaciuta.
  12. Qyburn senza Cersei non ha nulla. Non intendo in termini di soldi o potere che credo gli importino poco. Non ha nulla in termini di possibilità di proseguire i propri studi, che forse è l'unica cosa che gli interessa davvero. probabilmente ha paura, ma da qui a tradire Cersei ce ne passa....
  13. Io continuo a pensare che uno dei grandi NO della serie in genere e dell'ultima puntata non di meno sia l'eccessivo ricorso a scene di sesso troppo esplicito. Voglio dire, non è tanto il sesso in sé ma il realismo eccessivo. Ho una figlia appena adolescente (12 anni tra poco) e grande appassionata della serie e per quanto non le abbiamo mai nascosto nulla (nè su ISOIAF, né sul sesso) un conto è poterla indirizzare verso un sano approccio alla sessualità, un conto è buttarle in faccia certe scene crude. Ma probabilmente è questo conflitto educativo che mi mette in difficoltà...
  14. Hai ragione però non mi pare che nello show si faccia menzione del fatto che solo il sangue di certe famiglie permetta di cavalcare un drago. E poi molta della conoscenza sui draghi è andata perduta ed è probabile che neanche Dany ne sappia molto. La sua è un'esperienza acquisita sul campo, non credo (neanche nei libri) ne sapesse nulla se non nomi e storie.
  15. Vista la puntata ed è stato come per un fumatore la prima sigaretta dopo un volo intercontinentale Contrariamente da altri, a me sono piaciute le scene tra Jon e Dany. Mi sono chiesto molte volte in questi (tanti) anni, come sarebbe finita la storia. Poi, con l'avvento dello show, si è aggiunta anche la curiosità sui due personaggi che, volente o nolente, sono i più importanti. E per quanto possa essere scontato, la storia tra jon e Dany a me piace e, a dirla tutta, vorrei vederli insieme alla fine, non regnanti su un qualche trono, ma in un volontario, pacifico esilio. Sarò un vecchio romanticone.... Ma vabbè, sono abbastanza certo che uno dei due morirà! Per il resto non ho molto da aggiungere, tranne che la scena inziale di Arya l'ho trovata bellissima come anche quella finale tra Jaimie e Bran. La scena di Bronn l'ho trovata del tutto gratuita e di poco gusto, scadendo ancora una volta in una pornocomica che nulla porta allo show. Sansa presagisce il tradimento di Cersei/Tyrion e Arya indirettamente la appoggia. Theon in un momento fortunato trova l'ammiraglia di Euron praticamente incontrollata e, en passant, libera Yara. Jon non pensa neanche per un secondo al fatto che Dany sia la sua zietta né che Lyanna e Rhaegar siano i suoi genitori... ma si preoccupa di poter commettere un tradimento. I sentimenti di Messer Porcello non li ho capiti... non è che il padre fosse stato un amorevole guida per lui e il fratello, almeno quello dei libri, non era da meno. Io avrei ringraziato Dany ma a quanto pare D&D la vedono diversamente. Che dire... puntata interlocutoria che se ci fossero stati 23 episodi sarebbe stata ottima. Ma con 5 to go della stagione finale avrei voluto qualcosa in più.
×
×
  • Create New...