Jump to content

Darkosaggio

Utente
  • Content Count

    26
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Darkosaggio

  1. Sì, credo sia un omaggio da parte di Martin. C'è persino un Dagon Greyjoy. Mi ero dimenticato di Dagon Greyjoy,hai ragione. Tra l'altro il Dio Abissale ha guarda caso la sua dimora in fondo al mare proprio come Chtulhu e anche il suo culto richiede dei sacrifici,quindi direi che non ci sono dubbi. ;)
  2. Sicuramente se ne sarà già parlato,ma qualcuno di voi che ha letto Lovecraft non ha notato delle somiglianze fra il Culto del Dio Abissale degli Uomini di Ferro e il Culto di Chtulhu? Oltre al fatto che il simbolo dei Greyjoy è un Kraken e che lo stesso Victarion ha addirittura un elmo a forma di piovra/kraken,il motto "Ciò che è morto non muoia mai,ma risorga,più duro e più forte" mi ricorda la frase "Non è morto ciò che può attendere in eterno,e col volgere di strani eoni anche la morte può morire".
  3. Per "migliore" intendo il migliore nel combattere e sopravvivere(ovviamente) al combattimento,per questo occorre valutare nel complesso qualità fisiche come la potenza,la velocità e la resistenza alla fatica e al dolore e qualità psichiche come i riflessi,la concentrazione,il mantenere la calma,il non sottovalutare l'avversario o sopravvalutarlo... A tutto questo si aggiunge poi la tecnica o l'abilità,ovvero quanto sono precisi e complessi i colpi,i movimenti,le parate e le schivate.
  4. In effetti si parlava solo di quelli che hanno combattuto in ASOIAF... Complimenti per aver scelto Victarion,comunque
  5. La votazione in tutta onestà mi sembra fatta solo in base alle preferenze,anche perchè molti di quei personaggi non vengono neanche visti combattere nei libri. E comunque Randyll Tarly non mi sembra un tipo da sottovalutare,anzi...
  6. Mi ero dimenticato di Donal Noye,che sicuramente è un toro e non gli mancano gli attributi,ma non ha comunque un braccio e ricordo che il gigante lo abbatte insieme ad altri due confratelli mentre questo non può muoversi del tutto liberamente a causa delle dimensioni del tunnel,che è un po' diverso da ucciderlo da solo mentre può muoversi liberamente(senza sminuirlo eh,non è certo cosa da tutti abbattere un gigante armato di una spada e senza un braccio). Riguardo agli altri li ho valutati oggettivamente e in base allo stato in cui si trovano nelle loro ultime apparizioni,ecco perchè Drogo viene penalizzato molto dal fatto di non portare un armatura e divertirsi pure a farsi colpire(non è una cosa molto intelligente,considerando che anche nel migliore dei casi ci si può prendere un infezione,come poi succede proprio a lui...). Jaime senza mano non vale nemmeno la metà di quello che era,guardate come lo pesta Ilyn Payne... Quanto a Ser Barristan l'avrei messo al primo posto se non fosse per l'età,che è comunque uno svantaggio non da poco. Spero comunque in un futuro e spettacolare scontro fra Barristan e Victarion,sempre se ci sarà...
  7. Cos'è che ci piace delle Cronache?Ci piace la caratterizzazione dei personaggi,la trama con tutti i suoi intrighi e i colpi di scena,gli amori e i tradimenti...ma certamente ci piacciono anche quei combattimenti che ci fanno tifare per un certo personaggio a discapito di un altro e che ci fanno ribollire il sangue nelle vene,rendendoci quasi parte della battaglia. Io,da ex-pugile dilettantistico,non posso fare a meno di apprezzare tutto ciò e propongo ad ognuno di voi di scegliere chi,a vostro parere,è il miglior combattente delle Cronache. Ci sono però delle regole: -Chiunque abbia combattuto almeno una volta nei libri può essere considerato come combattente,indipendentemente da rango,esperienza,abilità, capacità fisiche... -Possono essere votati soltanto i personaggi presenti e vivi da GOT a ADWD(Esempio:gente come Arthur Dayne,che aveva fama di essere un guerriero eccezionale,essendo già morto prima di GOT non vale come scelta). -I personaggi devono essere votati in base ai combattimenti a cui prendono parte da GOT a ADWD(Esempio:se tizio un tempo era un guerriero fortissimo ma da GOT non riesce nemmeno ad alzarsi dal letto,non vale come scelta.) -Qui parliamo di guerrieri e combattenti,non di strateghi militari(Esempio:gente come Tywin Lannister non può essere quindi considerata come un guerriero). Detto questo,inizio io,e voglio strafare dando un breve giudizio ad ogni personaggio: -Waymar Royce:ll primo a combattere e il primo a morire;affronta con coraggio gli Estranei ma non ha possibilità contro di loro. In un certo senso non è nemmeno giudicabile vista la situazione del tutto svantaggiosa per lui. -Eddard Stark:Eddard è sicuramente un ottimo combattente visti gli eventi della Torre della Gioia,ma non può competere con l'abilità di Jaime Lannister. -Jaime Lannister:Jaime è sicuramente un guerriero letale grazie alla sua eccellente abilità,e anche con i ceppi e dopo la prigionia riesce a tener testa ad una fresca e allenata Brienne. Ma senza la mano... -Jon Snow:Il Bastardo di Grande Inverno dimostra di essere un bravo spadaccino nel cortile degli addestramenti e uccide Qhorin il Monco,ma solo perchè quest'ultimo aveva deciso di sacrificarsi:non abbiamo quindi informazioni relative ad un vero combattimento corpo a corpo. -Samwell Tarly:Vi avevo detto che chiunque poteva essere scelto,no?Messer Porcello è grasso,lento,debole e goffo nei movimenti,ma merita di entrare in questa classifica per il coraggio che dimostra nel colpire l'Estraneo e per la furia cieca con cui si avventa,seppur inutilmente,contro il redivivo Piccolo Paul. -Tyrion Lannister:Altra sorpresa!Il Folletto,approfittando dell'effetto sorpresa e della sua inaspettata forza,riesce a uccidere guerrieri più forti di lui nella Valle di Arryn,nella Battaglia del Tridente e durante l'Assedio di Approdo del Re. Ma Tyrion rimane pur sempre un nano,con tutti gli svantaggi fisici che ciò comporta. -Bronn:Il mercenario è abile,agile,veloce e dannatamente furbo,dimostrandolo vincendo a Nido dell'Aquila e sopravvivendo alla Battaglia del Tridente e all'Assedio di Approdo del Re. -Vardis Egen:Il cavaliere della Valle paga il suo onore con la sua stessa vita,morendo con un'armatura piuttosto che vivere senza. -Shagga figlio di Dolf:Il barbaro della Valle è dotato di una forza brutale e di una resistenza sovrumana,ma non ha una vera e propria tecnica di combattimento. -Khal Drogo:Veloce,abile e letale ma la scelta di non portare un armatura e di esporsi troppo ai colpi del nemico ha un prezzo. -Jorah Mormont:L'Orso è un combattente abile e forte,come dimostra nel combattimento che segue alla caduta da cavallo di Drogo,pur rimanendo lievemente ferito. -Syrio Forel:Abile,veloce,agile...il danzatore dell'acqua è uno spadaccino straordinario.Peccato per la spada di legno... -Loras Tyrell:Il Cavaliere di Fiori è sicuramente un ottimo cavaliere da torneo,ma un combattimento è ben diverso da un torneo. -Brienne di Tarth:La Vergine di Tarth è abile,forte e molto più resistente di molti uomini,ma è troppo sicura di sè e tende a sottovalutare i suoi avversari(vedi Shadrick e Mordente...) -Arya Stark:Arya è veloce,abile e coraggiosa,e può sicuramente contare sull'effetto sorpresa,ma resta pur sempre una bambina e anche lei tende a sottovalutare i suoi avversari. -Yoren:Il Corvo Errante uccide contemporaneamente quattro soldati più giovani e meglio armati,ma la sua spalla deforme lo penalizza. -Beric Dondarrion:Un discreto combattente ma niente di eccezionale,altrimenti non sarebbe morto tutte quelle volte. -Il Mastino:Sandor è brutale,rapido e feroce,ma la sua paura del fuoco e l'eccessiva fiducia in sè stesso(bastano i casi in cui decide di combattere da ubriaco) lo penalizzano. -Polliver:è un combattente troppo metodico e ordinario per contrastare la furia del Mastino. -Messer Sottile:velocissimo nel lanciare il coltello,ma per il resto... -Oberyn Martell:Veloce,agile,abile e intelligente abbastanza da prendere la Montagna per sfinimento. Peccato che la sua stessa sete di vendetta lo farà morire pur avendo,paradossalmente, vinto. -La Montagna che Cavalca:Gregor Clegane ha una forza sovrumana e una rapidità sorprendente per la sua stazza,ma è impaziente e completamente privo di tattica,oltre ad accusare la fatica prima del normale per il suo peso. -Barristan Selmy:Ser Nonno è un combattente eccezionale a tal punto da ridurre in fin di vita il Bastardo del Titano armato di un solo bastone. Ma la vecchiaia inizia a farsi sentire... -Belwas il Forte:Abile e agile nonostante la stazza,ma la sua tendenza a farsi colpire almeno una volta prima di uccidere l'avversario potrebbe rivelarsi letale. -Oznak zo Pahl:preferisce usare il cavallo e la lancia al posto del cervello,facendo la fine che si merita. -Rorge:Brutale e selvaggio,ma niente di che come guerriero. -Arys Oakheart:Coraggioso e forte,ma fondamentalmente un suicida. -Areo Hotah:In verità non abbiamo un vero combattimento,ma dai suoi POV il Capitano del Principe Doran sembra essere letale. -Victarion Greyjoy:Forte,potente e veloce nonostante la stazza e l'armatura. Sembra essere inarrestabile in battaglia e neanche una spada su una mano lo può fermare. -Talbert Serry:Il giovane cavaliere è coraggioso e abile,ma nulla può contro la furia di Victarion. -Asha Greyjoy:Una donna che è però in battaglia un vero uomo di ferro,abile e coraggiosa. -Mance Rayder:Nel combattimento contro Jon nel cortile degli addestramenti,il Re Oltre la Barriera dimostra di sapere il fatto suo. -Khrazz:Il gladiatore delle fosse di combattimento nulla può contro Selmy. Dopo tutta questa lista,per me il vincitore è Victarion Greyjoy. E' veramente inarrestabile,sembra vivere solo per il combattimento e in battaglia non ha distrazioni,ripensamenti o eccessi di sicurezza. E' forte e potente,agile e veloce nonostante l'armatura,resistente a tal punto da bloccare con una sola mano un fendente di una spada. Anche solo leggendo il combattimento vicino alle Isole Scudo si riesce a percepire quella sua volontà inarrestabile di combattere e di vincere,di uccidere i suoi avversari rimanendo vivo ad ogni costo. Detto questo...a voi. :)
  8. E' morto ieri Greg Lake,bassista,chitarrista e cantante,famoso per essere stato membro e cofondatore dei gruppi progressive rock King Crimson e Emerson,Lake & Palmer:
  9. Tra l'altro,come ha detto Lyra Stark, causa della sua tragica fine sono anche le azioni e i consigli di sua madre Catelyn:il rapimento di Tyrion è la scintilla che fa scoppiare la guerra,la liberazione di Jaime porta alla diserzione dei Karstark e non scordiamoci che lei non dice nulla quando decide di lasciare Roose Bolton alle Torri Gemelle...lasciare un uomo che ha la fama di essere un freddo calcolatore e che è a capo di una casata da sempre rivale degli Stark nella sede di una casata rivale dei Tully e famosa per il suo opportunismo non mi sembra una scelta saggia;sarebbe stato molto meglio tenersi vicini i Bolton e lasciare alle Torri Gemelle un alfiere leale agli Stark,come un Glover o una Mormont(non un Umber,vista lo loro impazienza...). Almeno sul fatto di non inviare Theon alle isole di Ferro aveva ragione,come si è poi visto.
  10. Hai ragione:da un parte uccidere Rickard Karstark e perdere così l'appoggio della sua casata e della sua forza militare,dall'altro lasciarlo impunito e perdere ogni possibilità di negoziare con i Lannister,condannare Sansa a morte certa e infangare il suo onore e quello della sua casata,su cui poggia gran parte del suo carisma e della sua credibilità.
  11. Rileggendo in questi giorni ADWD mi è saltata all'occhio una scena che mette bene in luce la differenza fra Jon e Robb. Parlo della decapitazione di Janos Slynt:Jon dà un ordine ben preciso a Slynt,e quando lui si rifiuta di farlo,dopo averglielo chiesto un'altra volta,ordina con decisione di impiccarlo e decide poi,da vero uomo del Nord e da vero Stark,di eseguire personalmente la sentenza. Con un solo colpo di spada decapita Slynt,proprio come suo padre Ned fece con il disertore dei guardiani della notte. Robb,in ASOS, si trova invece a fronteggiare l'omicidio dei due ostaggi Lannister da parte di Rickard Karstark;è indeciso sul da farsi,perchè non può permettersi di perdere i Karstark ma allo stesso tempo non può tollerare l'assassinio dei due prigionieri. Dopo varie titubanze condanna a morte gli assassini ed esegue lui stesso la sentenza per Lord Rickard,ma impiega ben quattro colpi per decapitarlo. Confrontando le due scene,si ricava in sintesi la differenza fra i due:Jon è ormai un uomo,Robb è invece ancora un ragazzo. Robb si trova giovanissimo a dover prendere il posto di suo padre e a condurre in guerra un esercito e molti suoi alfieri più esperti e anziani di lui. Deve affrontare la morte del padre e la prigionia delle sorelle;viene nominato Re del Nord e viene a sapere del tradimento di Theon,da lui considerato come un fratello maggiore,e della morte di Bran e Rickon(che lui non sa essere solo una messa in scena). E dopo la liberazione di Jamie Lannister,non può più fidarsi ciecamente della propria madre. Il suo vero errore è quello di sposare Jeyne Westerling,compiendo per la prima e unica volta un atto di disonore,inimicandosi i Frey e ponendo le basi per le tragiche Nozze Rosse. In sintesi Robb non riesce a diventare un uomo e rimane un ragazzo:è schiacciato dalla morte del padre e dei suoi familiari,oppresso dalle sue responsabilità e dal modo in cui velocemente avviene tutto questo. Jon invece ha più tempo per maturare:arriva alla Barriera e presta il giuramento,trova degli amici e dei mentori(Jeor Mormont,Maestro Aemon,Qhorin il Monco) e nelle file dei Bruti ha l'opportunità di conoscere il popolo libero e di amare Ygritte. Per ordine del Monco è costretto a infiltrarsi nelle file del popolo libero e guidando poi la difesa della Barriera è guarda Ygritte morire. Venendo eletto poi Lord Comandante è costretto ad "uccidere il ragazzo dentro di sè" per far nascere,alla fine,l'uomo. Ciò che vive Jon non è meno tragico di quello che vive Robb ma avviene più lentamente,in presenza di solide figure di riferimento e senza tutte le pressioni a cui è sottoposto Robb:del resto che cosa ci si aspetterebbe mai da un bastardo?
  12. Che Castro sia stato migliore di dittatori come Stalin e Pol Pot è vero ma come si fa a dire che non è stato un dittatore sanguinario?Voglio dire,tutti i dittatori sono sanguinari,altrimenti non sarebbero dittatori,no? Il Lider Maximo non si è messo a eliminare chiunque poteva fare meglio di lui o metterlo in ombra(Stalin) e non ha certo massacrato il suo stesso popolo(Pol Plot) ma è accusato di aver violato diritti umani fondamentali è di aver praticamente eliminato la libertà di espressione a Cuba,di aver represso qualunque forma di dissenso tramite licenziamenti e carcerazioni arbitrarie e non sono poi così tanti anni che sono state interrotte le torture e le persecuzioni contro gli omosessuali. Comunque,passando ad altro,che ne pensate del fatto che gli U.S.A. non manderanno una delegazione ufficiale vera e propria ai funerali di Castro ma soltanto il consigliere di Obama Ben Rhodes e l'incaricato d'affari americano a Cuba de Laurentis,che hanno avuto entrambi rapporti con Cuba?
  13. ma nessuno mette in discussione che astrattamente i regimi totalitari in stile fidel non siano auspicabili e tutti saremmo più felice se vivessimo in tante piccole finlandie. però l'alternativa concreta a Castro, per uno stato centro-americano di metà 900, era essere la classica repubblica delle banane, un paradiso fiscale (ma Cuba è troppo grande per quello) o una dittatura ancora peggiore... e in entrambi i casi la popolazione non ha nessuna libertà effettiva, subisce soprusi tali e quali ai cubani e in più ha pure un sistema sanitario, scolastico e di ordine pubblico demm... non ci sono esempi di Stati di successo, democratici, liberi e duraturi nell'area, a parte il Costa Rica forse. Costa Rica che comunque, al netto di tutti i suoi successi, ha un indice di sviluppo umano analogo a quello di cuba. quindi se fossi cubano, sì, mi giocherei le mie carte con Castro (vivo bene, seppur senza libertà), piuttosto che sperare che Batista o i suoi padroni mafiosi di Miami avesse in serbo per me chissà quali fantastiche riforme sociali. Preferisco l'Avana che bogotà o cartagena o ciudad juarez... La verità è che non tutti i contesti socio-economici possono permettersi di avere le nostre libertà, e avere allo stesso tempo livelli decenti di istruzione, ordine, sanità. anzi, difficilmente un popolo che non sia prima istruito, senza leggi, senza certezza della pena, lasciato a morire per le strade, sa "mettere a frutto" il dono delle libertà democratiche, qualora tale dono gli venga concesso. Quasi inevitabilmente si trasformerà in una dittatura mascherata (repubblica delle banane) o dichiarata (infinti esempi), o cadrà in preda a tumulti interni e sanguinosissime guerre civili (vedi le recenti grandi democrazie di successo di iraq e afghanistan) Il popolo cubano credo sia pronto, invece. E' stato reso pronto. Poteva essere pronto anche 15-20 anni fa, e aver ritardato troppo la transizione è forse il maggior errore di Castro. Ah ma su questo sono d'accordo,il regime di Castro è una scelta di sicuro migliore delle altre. Il problema di questi stati del'America Centrale e Meridionale è che hanno problemi che affondano le loro radici nella colonizzazione da parte dell'Europa,per passare all'Imperialismo e arrivare fino alla Guerra Fredda. Sono nazioni che sono state private di ricchezze e materie primaepoi sfruttate e infine trasformate in stati più o meno satelliti da U.S.A e U.R.S.S. per i loro comodi e anche dopo la fine della guerra fredda continuano comunque a portare l'eredità del loro passato,dovendo confrontarsi in qualche modo con uno o più stati molto più ricchi,influenti e potenti di loro. Purtroppo per loro il contesto socio-economico è diverso da quello di noi "paesi occidentali".
  14. Scusate eh,ma o avete letto male quello che ho scritto o mi sono spiegato male io. Non sono un filo-americano o un sostenitore sfrenato del capitalismo,basta leggere il mio riferimento al "giardino personale degli Stati Uniti" nel mio post precedente. Semplicemente i successi della dittatura non giustificano i sacrifici per il loro raggiungimento:è ovvio che non si può fare una rivoluzione senza spargimento di sangue ma passare da una dittatura di destra ad una di sinistra non mi sembra un cambiamento tanto positivo,no?Sempre di dittature parliamo,e lo sappiamo tutti cosa fanno le dittature per mantenere il potere. Che poi Fidel Castro sia sicuramente stato migliore di altri dittatori (esempio:Stalin) è certamente vero,ma rimane pur sempre un dittatore,con tutte le caratteristiche di questi. Lo stesso vale per le alternative alla dittatura:è sicuramente preferibile una dittatura che mantiene un certo ordine e un certo benessere alla popolazione piuttosto che lo strapotere di spacciatori e criminali o essere gli schiavetti di Stati Uniti o altre democrazie occidentali,ma questo non significa che la dittatura sia giusta. E ugualmente,il fatto che le democrazie occidentali compiano in silenzio violazioni ai diritti umani non legittima certo una dittatura a farlo apertamente. La verità è che si fa presto a parlare di sacrifici per un bene superiore ma nessuno pensa di essere lui stesso un possibile sacrificio:qualcuno di voi accoglierebbe con il sorriso e senza fiatare la propria morte se questa servisse a portare benefici allo Stato e alla popolazione?Io non credo,e se voi siete veramente qualcuna di queste persone vi faccio i mei complimenti, siete uno su un milione. Questo tuo commento è sicuramente divertente,ma non c'entra assolutamente niente con quanto ho detto. E potrei risponderti per le rime: "A cosa serve la libertà di parola e di espressione quando hai l'istruzione universitaria gratuita?" E potrei continuare con tanti altri esempi.
  15. Scusami è stata una svista,tant'è che il video da me linkato prima di questo ha qualche parolina di spiegazione. Me ne ricorderò in futuro :))
  16. Personalmente io credo che la morte di Castro,così come quella di qualunque dittatore di qualunque orientamento politico,sia sempre un buon motivo per svegliarsi la mattina con un bel sorriso a 32 denti. Tutti gli esiliati,i torturati e i morti per la sola "colpa" di essere dissidenti non valgono certo i successi raggiunti da Castro;al contrario,possono essere un valido motivo per ricordarsi di evitare l'instaurarsi di una nuova dittatura in futuro,senza però eliminare i successi ottenuti in campo sociale dal dittatore. Che poi Cuba non debba tornare ad essere il giardino personale degli Stati Uniti com'era un tempo insieme a praticamente tutto il Centro e Sud America è più che auspicabile;sarebbe invece saggio se Raul Castro,che non possiede certo il carisma e il prestigio del defunto fratello,promuovesse una serie di riforme volte ad una graduale democratizzazione ed apertura di Cuba al resto del mondo,evitando possibilmente di far cadere di nuovo il paese in una spirale di sangue e violenza di cui sappiamo già il risultato.
  17. Beh riguardo a ciò credo che dovrò approfondire la sua vita e il suo pensiero in generale :) Comunque ho appena finito Le Montagne della Follia e ho praticamente letto gli ultimi capitoli tutti d'un fiato...riesce davvero a instillarti dentro quella paura ancestrale di cui parla.
  18. Ti riferisci al suo stile o agli argomenti delle sue opere? O piu' semplicemente ad entrambi?
  19. Mi sono da poco avvicinato a questo misterioso scrittore e ho finora letto con soddisfazione L'Orrore di Dunwich,Il Colore Venuto dallo Spazio e La Maledizione di Yig e sto leggendo proprio in questi giorni Le Montagne della Follia. Finora ho trovato questi libri abbastanza belli ma soprattutto molto particolari per i terribili e perlopiù inimmaginabili orrori creati dalla penna di Lovecraft e per le precisissime descrizioni da biologo che fa di essi e di altre creature ad essi affini,oltre che per il costante senso di inquietudine che pervade le sue opere ed avvolge il lettore. Unico difetto a parer mio è la prosa narrativa che,anche a causa delle numerose descrizioni e dei pochi dialoghi,risulta poco scorrevole e nei momenti più "tranquilli" anche pesante,ostacolando così la scorrevolezza della lettura. Voi che ne pensate?Qualcuno di voi ha già letto Lovecraft?E che altri suoi libri mi consigliereste?
  20. Grazie a tutti per il benvenuto! Beh allora mi sento onorato!
×
×
  • Create New...