Mar

Utente
  • Content count

    275
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Mar last won the day on December 18 2017

Mar had the most liked content!

Community Reputation

305 Neutral

2 Followers

Recent Profile Visitors

344 profile views
  1. Afrin, YPG e popolo curdo

    Per quel che riguarda la situazione di Afrin, l'ultima cosa che ho letto è questo articolo del Corriere. Mentre del YPG so soltanto che l'Unità di Protezione Popolare (in curdo: Yekîneyên Parastina Gel) comunemente conosciuto come YPG, è la milizia della regione a maggioranza curda nel nord della Siria e ha stretti rapporti con il più noto PKK (la principale organizzazione militante dei curdi in Turchia) mentre è avversato dal PDK, il principale partito curdo al governo nel Kurdistan iracheno. La storia dei Curdi è tristemente nota; qualche mese fa si è svolto un referendum a Erbil, nel quale il 90% e passa della popolazione curda ha votato sì per l'indipendenza del Kurdistan dall'Iraq. Molti stati tra cui lo stesso Iraq, Turchia, Stati Uniti e Iran sono contrari all'indipendenza, solo Israele credo appoggia l'iniziativa curda (dietro al rifiuto di un Kurdistan indipendente c'e ovviamente anche una ragione economica e commerciale in quanto la zona è ricca di idrocarburi). Detto questo la mia impressione è che la situazione geopolitica in MO sia ancora grosso modo la stessa : la Siria ha l'appoggio dell'Iran che ha l'appoggio della Russia. Israele ha l'appoggio degli USA (Nethanyau ha un rapporto personale con Trump molto più amichevole che con Obama); la Turchia, membro NATO e addirittura candidato UE nonostante le controversie vecchie e nuove, si era avvicinata parecchio a Putin (addirittura dopo l'episodio dell'aereo abbattuto) e sta semplicemente proseguendo la solita politica (curdi = terroristi = intervento militare). Tornando all'articolo, c'è questo passo: Sull’evoluzione del conflitto è intervenuto nel pomeriggio Erdogan in persona: il presidente turco da un lato ha confermato che l’avanzata dei siriani verso Afrin è stata bloccata ma dall’altro ha lanciato una dura minaccia ad Assad. Erdogan ha dichiarato infatti di aver concordato con il presidente russo Putin e con quello iraniano Rouhani che «le organizzazioni terroristiche pagheranno un alto prezzo per i loro errori». Il riferimento è ovviamente alle organizzazioni curde che ankara continua a considerare per l’appunto alla stregua di terroristi. Bisognerebbe capire se questo accordo esiste davvero, in che termini, se e quanto durerà. Degna di nota l'assenza americana, anche se l'amministrazione Trump ha già una marea di problemi in patria.
  2. Il Piano Marvel

    Ieri navigando su Imdb, mi è capitato di leggere un articolo sulle Infinity Stones, in particolare questo passo : (come sempre, confido che chi non ha visto tutti i film, non legga) Che ne pensate??
  3. Musica classica e dintorni

    Purtroppo non sono un grande esperto di musica classica, comunque i miei compositori preferiti o quelli che conosco meglio (oltre a Vivaldi) sono tutti e 3 tedeschi, non so se questo significa qualcosa . A partire dal banale dualismo Mozart / Beethoven passando per J.S.Bach e arrivando a Wagner, di cui nell'ultimo periodo mi è capitato spesso di ascoltare Tannhäuser: Overture e Die Walkure, Act III: Ride of the Valkyries su Spotify
  4. Il Piano Marvel

    Black Panther (18esimo film del MCU) BEWARE THE SPOILERSSSSS diretto da Ryan Coogler (già regista di Creed) e interpretato da Chadwick Boseman, Michael B. Jordan (Creed anche lui, sopratutto lui), Martin Freeman (Bilbo, Watson), Forest Whitaker (uno dei tanti attori presenti sia nell'universo di Star Wars che in quello Marvel) e Andy Serkis (Gollum nel Signore degli Anelli, Cesare nel Pianeta delle Scimmie, Snoke in Star Wars). Questi erano quelli che conoscevo, ma meritano di essere menzionate le brave Lupita Nyong'o (Nakia, fiamma di BP), Danai Gurira (Okoje, leader delle Dora Milaje), Letitia Wright (Shuri, la sorellina di BP), Angela Bassett (Ramonda, la mamma di BP) e ancora Winston Duke (M'Baku, leader della tribù degli Jabari) e Daniel Kaluuya (W'Kabi, leader della tribù del Confine) . Ottima prova da parte di tutti gli attori "desiderosi di rubarsi la scena a vicenda ogni volta possibile" e bravo il regista, riuscito nel dichiarato intento di put his own stamp on the film and differentiate it from other MCU films that he felt were "shot, composed, and edited by the same house people." e a condensare in questo film tutti i generi da cui la cultura nera è stata tradizionalmente esclusa; omaggio a James Bond, una fantasia fantascientifica con un’immaginazione futuristica alla Blade Runner che culmina in combattimenti in stile Star Wars, ma anche un dramma geopolitico. Il tutto è voluto ecco perchè il "bravo", ma forse ha un tantino esagerato. Il risultato è almeno parzialmente la perdita dell'amata atmosfera Marvel che tanto successo ha dato al MCU stesso, pur riuscendo lo stesso a divertire e sopratutto a meravigliare (" marvel " meraviglia in inglese). Si apprezza il lavoro svolto per rendere e differenziare la cultura/mitologia/storia/folklore delle varie tribù o etnie che tutte insieme costituiscono la civiltà del Wakanda (El Dorado). Sotto molti aspetti comunque il film è simile ad altri : Wakanda-Asgard, T'Challa-Thor, Dora Milaje-Valchirie, ecc... Ma anche Black Panther vs Killmonger / Batman vs Bane; Antman ecc... Affrontate o sfiorate anche tematiche di una certa importanza. Ryan Coogler describe the film's central theme as responsibility and identity: "What do the powerful owe those in need? It separates the good-guys from the villains. What value is strength unless you're using it to help someone? Wakanda pretends to be just another struggling African country, but some of its neighbors are struggling for real. If Wakandans don't stand up for themselves, who will? But if they stand only for themselves, then who are they?" Scene post credits: 1) Discorso di T'Challa all'Onu, il Wakanda condividerà col mondo conoscenze e potere. "We must find a way to look after each other, as if we were one single tribe" 2) Bucky ristorato dopo il crollo psichico. Cose presenti in questo film: Corea del Sud Neve Stan Lee Cose mancanti in questo film: Avengers Gemme Infinito CGI Conclusione: voto 7 (7,5 per danze e rituali tribali) il film non è necessario per Infinity, ma sensato e avvincente. Esiste però il rischio di apprezzare il supereroe ma non il suo film o apprezzare il wordbuilding ma non la storia.
  5. Stando ai valori di transfermarkt, le 15 rose più preziose ai sedicesimi di EL sono : Atletico, Arsenal, Napoli, Dortmund, Milan, Lipsia, Lione, Lazio, Sporting, Marsiglia, Villareal, Athletic, Nizza, R.Sociedad, Atalanta. Di queste, Atletico e Arsenal, Milan e Marsiglia hanno avuto sorteggi facili e già sono agli ottavi; Sporting e Athletic hanno ottenuto lo stesso identico ottimo risultato (anche loro fuori casa) e sono praticamente certe di andare al prossimo turno. Napoli e Lipsia, Dortmund e Atalanta, Lione e Villareal si elimineranno purtroppo tra loro. Tra le sorprese, il Nizza e la Real con un pessimo risultato in casa mentre la Lazio e aggiungerei lo Zenit di Mancini, hanno entrambe perso di misura (ma senza segnare) in trasferta. Curiosità: delle 8 squadre arrivate ai quarti nella passata edizione poi vinta dallo United, c'è solo il Lione.
  6. TWOW Il futuro di Shireen

    L'intero arco narrativo di Stannis è costruito sul mito di Azor Ahai. Bisogna chiedersi, chi è la sua Nissa Nissa? Quando la Barriera cadrà, quando la Lunga Notta ritornerà, quando Winterfell sarà assediata, Melisandre andrà da Stannis per dirgli che in qualità di AA, ha un unico modo di salvare il mondo. (Disperazione e Fanatismo sono potenti compagni di letto). Stannis sta osservando l'apocalisse, e contro di essa, il destino di un bambino. Suona familiare… (ASOS - DAVOS V) Stannis sacrificherà Shireen in una sola specifica circostanza, nella speranza di salvare il mondo dagli Others. (ASOS - DAVOS VI) E' tutto nella storia di Nissa Nissa: per diventare AA e salvare il mondo, devi sacrificare la persona che ami di più per ragioni sia in-universe che dramatiche naturalmente. L'attenzione (magica) di Melisandre sarà sulla risurrezione di Jon in TWOW e il sacrificio di Shireen in ADOS. Dopo il fallito tentativo di creare Lightbringer è possibile che Melisandre venga aggredita / uccisa da Patchface. Stannis potrebbe invece indicare come suo erede, il ragazzo salvato da quel destino, Edric Storm (ma l'impatto concreto di questa volontà è tutto da vedere). Non c'è invece alcuna chance di vedere Dany, Aegon (idem Rickon IMO) interagire con Shireen per motivi spazio-temporali (e di trama). (ASOS - DAVOS V) Nonostante queste parole di Mel, nel testo è esplicito al 100% che R’hllor non richiede il sacrificio di un terzo per riportare in vita i morti (se Beric Dondarrion è di alcuna indicazione, il prezzo della resurrezione è parte della tua anima). Comunque dato che Jon sembra destinato a diventare un dragonrider alla fine, è possibile che Ghost stesso venga sacrificato, ma Shireen non c'entra. Un'ultima osservazione : (AGOT - JON VIII) Jon insiste testardamente che Ned è quell'uomo su diecimila, ma noi sappiamo che non lo è per fortuna o per sfortuna. Stannis lo è per fortuna e arrivato ADOS, per sfortuna.
  7. Pazza Inter amala

    Aspetta, non so l'Inter cosa pensa, ma tutte le volte che mi capita di parlare al riguardo, intendo esattamente questo. Quando dico "Ora come ora non sembrano esserci segnali positivi in tal senso, chissà." intendo proprio che questa squadra non reggerebbe il doppio/triplo impegno, facendosi molto probabilmente buttare fuori prematuramente dalla coppa italia, dalla champions e dalla corsa per il posto in champions. Perciò la "vera" prova di maturità di cui parlo, da parte di società/giocatori sarà quella di dimostrare di valere almeno il 4 posto della serie a lottando ad armi pari ovvero nelle stesse condizioni, contro le rivali dirette.
  8. Pazza Inter amala

    Non a caso Eurosport ha pubblicato un articolo intitolato Inter, Spalletti abbandonato da una società assente: la storia si ripete "Viaggio nel presente nerazzurro, contraddistinto da un vizio ricorrente: l'autolesionismo. A livello dirigenziale nessuno tutela il tecnico e il paradosso è che l'obiettivo Champions League è assolutamente alla portata." Mancare il 4 posto quest'anno sarebbe come farsi eliminare dalla Svezia agli spareggi, o pressapoco. La vera prova di maturità sarà la prossima stagione, SE quest'anno dovesse riuscire a qualificarsi per la CL e trovarsi a febbraio 2019 agli ottavi o in EL (quindi comunque con l'impegno europeo infrasettimanale e l'eventuale Coppa Italia), gestire le forze e gli uomini per non dire addio alla nuova qualificazione Champions già l'anno dopo. Ora come ora non sembrano esserci segnali positivi in tal senso, chissà. Nel frattempo ho letto che Guarin vuole tornare, è stato preso (o pressapoco) tale Lautaro e puntano De Vrij per il dopo Miranda (saluta dopo il Mondiale) Le prossime 5 partite : Bologna, Genoa, Benevento, Milan e Napoli. 12 punti facili facili no?
  9. Doping russo? Era tutta fuffa pare...

    "Abbiamo appena avuto lo scandalo del ciclista britannico Froome veramente allucinante quello che aveva pure un motorino nascosto nella bici che azionava con un bottone nascosto. Avete sentito dire peste e corna della GBR?" L'unico senso possibile di queste frasi è che Froome sia stato accusato, dichiarato colpevole e che non ci sia stata sanzione nei confronti della Gran Bretagna. Ora, se per assurdo ipotizziamo che i fatti stiano realmente così, cosa mai c'entra la Gran Bretagna??? Siccome nella realtà non c'è stata alcuna accusa ne è stato dimostrato niente del genere, nonostante controlli scrupolosissimi, a maggior ragione per il più forte ciclista di quest'epoca, vincitore di 4 Tour e 1 Vuelta, quindi soggetto a quotidiani controlli antidoping e tecnici in qualità di leader della corsa... art 368 C.P. : Chiunque, con denuncia, querela, richiesta o istanza, anche se anonima o sotto falso nome, diretta all'Autorità giudiziaria o ad un'altra Autorità che a quella abbia obbligo di riferirne o alla Corte penale internazionale, incolpa di un reato taluno che egli sa innocente, ovvero simula a carico di lui le tracce di un reato, è punito con la reclusione da due a sei anni. La pena è aumentata se (...) art 595 C.P. : Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a milletrentadue euro. Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a duemilasessantacinque euro. Se l'offesa è recata col mezzo della stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico, la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a cinquecentosedici euro. Nel 2015 uno spettatore lungo il percorso gli lanciò urina addosso, proprio a causa di questa infame cultura del sospetto e del complotto. In un mondo come quello del Ciclismo, dove non si sono fatti fermare davanti a un totem come Armstrong (7 Tour consecutivi) e dove lo stesso Froome è stato trovato oltre i limiti consentiti di Salbutamolo a causa del Ventolin, il noto anti asmatico non una sostanza domante, in una sola tappa della Vuelta, ne prima e nemmeno le giornate successive e in ogni caso non c'è ancora stato alcun tipo di giudicato (lo scandalo che dicevi). A dimostrazione che i controlli sono seri e uguali per tutti, dal gregario al campione. In definitiva, qualunque sia il finale di questa vicenda, non vedo che responsabilità abbia la Gran Bretagna ne questo cosa abbia a che fare col caso Russia. E' sempre meglio riflettere prima di scrivere, a maggior ragione quando non conosciamo bene gli argomenti di cui parliamo. P.S. Su youtube si può trovare tutto e il contrario di tutto, dai rettiliani agli ufo, dalle scie chimiche all'uomo tigre. Che ragionamento è?
  10. Serie A 2017/2018

    Se il discorso è limitato alla lotta salvezza, certamente non ci si può lamentare più di tanto, questa stagione almeno. Se invece, approfittando della situazione in FIGC e dell'aria di speranza e riforma che si respira, si fa un discorso più ampio, è chiaro che ci sono problemi, strutturali, e in qualche modo bisogna risolverli o almeno provarci seriamente. Le altre (Spagna, Inghilterra, Francia) stanno messe come noi apparentemente (e in Germania c'è una squadra che fa il bello e il cattivo tempo, come da noi) Ma poi andiamo a guardare in maniera meno superficiale e : hanno più soldi, molti più soldi e meno debiti; sponsorizzazioni e introiti maggiori; stadi pieni (e moderni); investimenti nei settori giovanili superiori alle nostre più rosse aspettative. La Premier ha dietro di se i miliardi degli sceicchi e davanti a se il mercato del Nord America, bacino enorme. Partono col vantaggio della lingua, La Liga idem ha l'intero Centro-Sud America. Poi c'è l'estremo oriente, Cina, Corea e Giappone (e i tedeschi ne sanno qualcosa) un bacino di spettatori e introiti ancora più ampio.... La verità è che non c'è confronto. Siamo indietro a livello di Federazione, Nazionale, Campionato, Giovanili, Stadi, Bilancio, Sponsor, Diritti Tv ecc. ecc. Bisogna cambiare e da qualche parte si deve iniziare Tornando all'idea delle 18 squadre, la ratio è quella della omogeneità nella competizione, un po come la neonata Uefa Nations League. Tanto più diminuisce la differenza, tanto meglio (è il ragionamento). Poi, un conto è pensare e riformare, altro è raccogliere i risultati concreti nel medio lungo termine.
  11. Serie A 2017/2018

    L'ultimo a parlare del format è stato il neo commissario straordinario della FIGC, Fabbricini. Forse 20 sono troppe = campionato troppo lungo; giocatori svuotati alle ultime giornate e in vista dei tornei estivi; costringendo le squadre a preparare 2-3 partite alla settimana per un mese di fila ne risente la qualità del gioco; le squadre più piccole con coperte più corte non reggono il confronto con le grandi (e passando da 20 a 18, diminuisce la differenza tra le prime e le ultime); altro rischio, già da febbraio in poi rischiano di esserci 4-5 partite che non valgono più nulla. Per esempio, in questo momento abbiamo squadre in lotta per lo Scudetto (2), per andare in Champions (3 per 2 posti), per andare in E.League (5 per 1 posto) e per la Retrocessione. Un gran numero di club troppo scarsi per puntare all'Europa (dalla 10a posizione in giù), ma troppo forti per scendere in B, sono i grandi indiziati per tirare i remi in barca, non avendo più alcuna motivazione e "falsando" si dice, il campionato. E grazie a dio per ora c'è solo una squadra che può già dirsi in B. Poi chiaro, tra i campionati top solo la Bundesliga ne ha 18. In Liga la situazione è tale e quale, in Premier hanno addirittura una Coppetta in più (e non a caso tutto il mondo conosce il problema degli inglesi). Ma sono idee legittime per risolvere il problema della competitività (interna e esterna), e dell'appeal che sta ammazzando il nostro Calcio, mentre Inghilterra e Spagna non se la sono mai passata meglio.
  12. Leva militare obbligatoria in Italia

    E' il residuato obsoleto di un'epoca passata, la cui obbligatorietà oltre a essere un'odiosa imposizione pone l'istituto a rischio di incostituzionalità. In Italia siamo per metà smemorati e per metà nostalgici, ma per quale motivo dovrebbe funzionare in una società totalmente cambiata, qualcosa che già non andava prima ? Mistero. Nel 2018 esistono tipo 999 diverse e migliori strade per, cito le imbarazzanti motivazioni classiche : ...favorire la conoscenza, soprattutto per i giovani di realtà disagiate, di aree lontane, e l'integrazione linguistica. ...conoscere realtà diverse da quelle quotidiane, con possibilità di stringere forti legami di amicizia. ...identificare alcune patologie dell'apparato riproduttivo maschile. ...costituire un momento di formazione per l'individuo e dal punto di vista caratteriale e nello spirito. ...dare una disciplina e uno spirito di cooperazione di gruppo. Nel migliore dei casi sottraeva tempo utile alla vita civile e al completamento degli studi, impegnando forzosamente migliaia di giovani; non forniva una preparazione militare adeguata e consisteva in lavori di manovalanza per il semplice mantenimento della struttura cui il coscritto era stato assegnato. Assicurava un costante afflusso di soldati a costi poco elevati e garantiva un flusso continuo di personale giovane da impiegare per svariati compiti a seconda delle necessità che si presentavano, dall'ordine pubblico, ai disastri naturali e la lotta alla criminalità. Ovviamente forze armate non basate sulla coscrizione permette di avere personale meglio motivato, formato, addestrato e in generale più preparato ad operare in diverse situazioni e attività. Nel peggiore e grande maggioranza dei casi si verificavano disgustosi episodi di "Nonnismo": bullismo, violenze, vessazioni e soprusi di ogni tipo, fino allo stupro.
  13. Doping russo? Era tutta fuffa pare...

    Niente di tutto questo corrisponde a verità, sentenze o inchieste. Gil Galad ti invito a documentarti (e verificare le fonti) prima di lanciare accuse, perchè questa è diffamazione e calunnia
  14. Commenti su film appena visti

    The Post diretto da Steven Spielberg con protagonisti Meryl Streep, Tom Hanks e Bob Odenkirk (Better Call Saul) La pellicola, ambientata nei primissimi anni Settanta racconta la storia vera dei giornalisti del New York Times prima e del Washinton Post poi e i loro tentativi di pubblicare i Pentagon Papers. Si discute dei rapporti tra politica e stampa (questione ancora più delicata se si è una donna) e dell’opportunità di pubblicare i contenuti di uno studio segreto sulla guerra in Vietnam commissionato da Robert McNamara ai tempi in cui era segretario alla difesa. Il documento riguarda le strategie degli Stati Uniti nel sudest asiatico, dalla fine della seconda guerra mondiale al 1967. I famosi Pentagon papers appunto. "Non si può essere direttore di un grande quotidiano e amico del presidente degli Stati Uniti. Bisogna scegliere. Non è una questione di conflitto d’interessi e neanche di deontologia. È una questione di credibilità, di rispetto per gli altri e per se stessi, di condivisione di alcuni valori, di umanità." E' un film bello e impegnato, meno spettacolare di quello che uno si potrebbe aspettare da Spielberg. Non impartisce lezioni, né di storia né di morale. Sembra piuttosto un invito a tenere presente cos’è la democrazia e vuole far riflettere su un argomento sempre attuale come il ruolo fondamentale dell’informazione nell’equazione. Evidenti le allusioni tra le presidenze di Richard Nixon e Donald Trump. scena finale : Premi Oscar 2018 Candidatura per il miglior film Candidatura per la miglior attrice a Meryl Streep Curiosità: Il film segna la 28esima collaborazione tra Spielberg ed il compositore John Williams.
  15. Quali sono stati i trasferimenti top di questo inverno? (Come al solito, club di Premier scatenati) A Barcellona, salutato Neymar in estate, lo hanno sostituito con Coutinho e il Liverpool ha speso parte (tre quarti in realtà) di quei 120 mln per Van Dijk. Ceduti anche Arda Turan, Rafinha, Mascherano e Deulofeu. Mou e Wenger, nemici giurati, si sono scambiati Sanchez e Mkhitaryan. L'Arsenal ha smaltellato l'intero reparto offensivo: Walcott è finito all'Everton e sopratutto Giroud al Chelsea che ha mandato Batshuayi a Dortmund che a sua volta ha mandato Aubameyang proprio ai Gunners. I Blues, molto attivi, acquistano anche Barkley e Emerson (Roma) per potenziare la rosa, a Premier ormai compromessa, in vista del big match di Champions. A Londra, sponda Tottenham arriva anche Lucas, chiuso al Psg. Guardiola prosegue la campagna acquisti dei difensori super pagati, stavolta è Laporte (65 mln). A Madrid, nessuna mossa del Real che quanto meno evita altri Lucas Silva, mentre l'Atletico ritrova Costa. Infine, nuovo caso Verratti? Il Monaco ha preso Pellegri Altri: il Bayern ha individuato in Wagner il vice Lewandoski.