Jump to content

Ermengarda

Utente
  • Content Count

    161
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Ermengarda

  1. Caro @Metamorfo, in genere apprezzo molto i tuoi post, ma questo panegirico davvero no. Martin ha semplicemente spezzato quel rapporto di piacere e comunicazione che gli scrittori hanno con i propri lettori. Di noi non gli importa assolutamente niente, per non parlare della mancanza di buonsenso insita nel lassismo mostrato verso il portare a termine un progetto in cui ha investito così tanti anni. Il fatto di fare mille cose insieme non c'entra. Pollice verso. Almeno per me.
  2. I campi da calcio a collina che per attraversarli settimane di puntate...
  3. Nessun altro a parte me e Lady Monica ricorda questo gioiello? Parto con un altro dei miei grandi ricordi.. Che mi pare non ci sia nel Topic.. Holly e Benji :).. O capitan Tsubasa!!!
  4. Vero, ma in generale questo del cibo è proprio un segno di riconoscimento di Martin . Il libro è pieno zeppo di descrizioni d piatti e vivande. Comunque si, cibo e calore (prodotto) non mancano a Winterfell. Su tutto il resto sono molto sobri:ricorda un po'lo stile British della corona nel Settecento. Diciamo che i Lannister potrebbero essere invece una variante stile Versailles...
  5. Io concordo sul fatto che gli Stark siano oculati nei confronti del denaro per ragioni in parte climatiche e perché la cultura del nord è più "rozza" di quella del sud. Infatti gli Stark sono anche nel fisico forti, ma nel complesso rudi e vincolatissimi a questioni di sobrietà. Dal mio punto di vista non troverebbero morale spendere in frivolezze. Azzardo un paragone tra i tempi originari dei romani, in cui la cultura era impregnata alla sobrietà :le donne non portavano monili e profumi, gli uomini lavoravano la terra, anche i più benestanti. Con l'arrivo degli schiavi da Alessandria(che erano spesso medici, filosofi, astronomi, etc.) arrivarono anche gioielli, profumi, tessuti pregiati, filosofia etc. Ecco diciamo che gli Stark sono ai primordi del consumo..
  6. Mi sono letta venti pagine di Topic! Eccomi! Classe 1983! Io ricordo tantissimi dei cartoni e dagli anime che avete postato e in particolare continuo a guardare gli anime(e a leggere i manga) tuttora. Questo lo ho visto da bimbetta(rivisto sul tubo qualche anno fa puntata per puntata) e poi ho comprato il manga! Eccolo: Spero qualcuno lo ricordi, mi pare non sia stata postata la sigla!!!*-*
  7. @GedeontPerchè I Tyrell nella persona di Olenna, han deciso per il meglio ai fini della vita e degli obiettivi di Margaery, di far fuori Jeoffrey . quindi non solo Tommy. È vero però che con la terza figlia non c'entra granché, ma nella serie non sono stati accuratissimi. Inoltre ogni parola può essere interpretata almeno in due modi diversi. Io le profezie le vedo ampiamente metaforiche, infatti non ritengo che "regina" debba essere letteralmente una testa corona, altrimenti si vedrebbe bene che anche "tre corone e tre sudari" escluderebbero l'avverarsi della profezia per la non coronata Myrcella. Secondo me potremmo provare a interpretarla basandoci sui significati indiretti e secondari, perché le profezie son sempre ombrose di default, o sarebbero troppo scontate (oltre che meno significative).
  8. Si però ha preso i figli a Cersei, l'unica cosa che l'ancorava alla dimensione affettiva.
  9. Secondo me nella serie tv la profezia si è avverata con Margaery:non importa se nel libro non compete in bellezza con Cersei, perché nella serieinvece compete:é molto bella. Non possiamo quindi essere letterali, dato che mancano nella serie alcune piccole parti della profezia, che sono importantissime. Al momento la Cersei attuale non ha nulla a cui tenga davvero. É morta interiormente, ancorata solo a dinamiche di potere, peraltro vuote e malate. Io credo che sarà distrutto il trono. Quindi alla fine sul trono di spade nessuno. Riguardo ai libri invece credo si possa essere più possibilista sul fatto che sia Sansa quella che toglierà tutto a Cersei perchè é con i suoi errori di ragazzetta che inizia la situazione penosa coi Lannister, che poi porterà alla decapitazione di Ned, alla guerra e alla morte di vari esponenti tanto di casa Stark che di casa Lannister. Nei libri c'è una frase detta da Cersei: Credo comunque che anche nei libri il trono sarà distrutto.
  10. Ahahah... Aiuto servirebbero i viaggi nel tempo stile Soul Reaver... Alle soglie degli eoni...
  11. Riguardo alle problematiche, capitano nella vita dello scrittore(e di tutti!) , e anche su questo ci sono molte testimonianze che vengono dalla vita di scrittori immensi sul come affrontarle e superarle. Perché di questo si tratta (e direi in generale nella vita). Il blocco dello scrittore?parliamo onestamente, si tratta di guardarsi dentro e capire cosa sta succedendo:c'é sempre una ragione se ci si ferma, ma bisogna anche accettare di guardarsi con gli occhi aperti per vederla. La questione dell'arte:l'arte si fa per desiderio di comunicare emozioni, modi di intendere, con gli altri...Quindi lo scrittore smania di arrivare a te che leggi in treno o la notte prima di dormire. Non vuole necessariamente che tu capisca tutta la sua opera ma vuole un rapporto, proprio con te! Non credete a quelli che dicono:scrivo per me! Suvvia... La professionalità poi è dovuta quando la materia del pensiero si trasforma e diventa qualcosa di concreto, un prodotto:qui entra in gioco la dimensione professionale del rigore e in un certo senso della disciplina(si è sempre inclusi in una dimensione produttiva sociale ed economica), la passione non può bastare. Quanto al fantasy!.. non ha bisogno di riscatto, ma solo di una maggior presa di coscienza del suo valore contenutistico, anche in termini filosofici o educativi. Non voglio essere antipatica se dico che ci sono opere illustri di ottimi scrittori fantasy, che sono sconosciute a tanti, e probabilmente meriterebbero più visibilità di quanta ne ha Martin. Ma non la hanno purtroppo, e dunque non sono nella condizione di raccontare con la stessa forza il concetto di sopra. Tutto qua.
  12. Io sono completamente d'accordo con te. Ho scritto qualcosa di simile qualche pagina addietro. Quello che credo non si riesca a trasmettere é che c'é il momento dall'estro creativo e poi il momento in cui l'attività si consolida nell'evoluzione professionale. Esiste qualcuno che investe in quell'estro e crede in te:non è qualcosa di astruso... anche le grandi opere rinascimentali(dalle traduzioni Platoniche alla cappella Sistina etc.), hanno avuto sempre qualcuno che commissionava, in modo che l'opera uscisse dalla mente e diventasse una realtà effettiva. Questo richiede professionalità, passione e rispetto della fiducia, dei tempi e delle risorse economiche che ti vengono concessi in abbondanza. Aggiungo che uno scrittore di fantasy dovrebbe essere ancora più motivato verso l'environment, dato che esistono ancora critici che ritengono il fantasy un genere lievemente inferiore ad altri(cosa che è ovviamente una stupidaggine, e anche abbastanza condita di ignoranza). Ecco che Martin, vista la sua grande visibilità, avrebbe tanta più ragione di voler terminare nel migliore dei modi questa saga per sé, per chi paga il suo lavoro, per i suoi lettori e per il suo genere. Per me non ha proprio scuse.
  13. Ramsay (libri) non si incastona facilmente in una serie :è quel genere di elemento che assorbe la scena. Sarebbe più da film a tema. Cosa che comunque eviterei di guardare.
  14. Nei libri é più viscido e si capisce meglio quanto sia seriale(ha creato altri Reek) : personalmente ho sempre pensato che fosse gravemente malato, più sbilanciato su crudeltà e aspetti grotteschi. Quando ho visto il Ramsay della serie ho pensato che avessero castato un ragazzo decisamente troppo bello rispetto all'originale, ma mi ha trasmesso più lucidità e sadismo(meno crudeltà) . Nel complesso ho odiato entrambi, quindi ritengo che Ivan Rheon(era lui?) abbia fatto un buon lavoro. A me le sue scene mettevano stessa angoscia che nei libri.
  15. Che bel topic! Per quanto mi riguarda aver tolto Penny è stata una buona scelta. Poi non me ne vogliate ma secondo me han fatto bene anche a non inserire Lady Stoneheart.. Non ho mai digerito di dover rivedere "Cat" in quel modo Un'altra cosa positiva è tutto il lavoro fatto da Dance con il personaggio di Tywin, che ha contribuito a caratterizzare benissimo le dinamiche affettive e di potere di casa Lannister. Altra cosa è la variazione data a Ramsay dall'interprete(non ricordo il nome ma è bravissimo! ) :ha connotato diversamente il personaggio rendendolo più inquietante e più intelligente (almeno secondo me)
  16. Io su questo punto concordo con @JonSnow;. Hanno creato una situazione in cui si ripropone una Sansa con tratti di insicurezza e a momenti in netto contrasto con sé stessa:in alcune scene é sembrata proprio bisognosa affettivamente del calore familiare e insicura. Insomma molto umana, ma una certa regressione c'é. Assomiglia quasi a Cat quando parte con le paranoie. E anche questo strano rapporto con Ditocorto a tratti ricorda la madre. Ma concordo che se lei ha barcollato, lo stesso vale per Jon che si è proprio mostrato sulle sue, distaccato, e Arya addirittura punitiva(tra l'altro non si rende un buon servizio neppure ad Arya).Tutto per farle arrivare alla fine a disegnarle così unite da fare di una la voce che emette la sentenza, dell'altra il braccio esecutore . Non parliamo poi di Bran a cui delle sorelle interessa relativamente.
  17. Anche io ho ripensando al vecchio Corvo a Tre occhi, non avevo la stessa sensazione di gelo che trasmette Bran. Non so se sia un modo per esaltarlo, o se siano peculiarità interpretative. Resta l'immagine trascendentale ma il precedente corvo comunicava onniscienza non gelo. Io ho notato che anche la storyline di Winterfell è stata piegata alla necessità di farci vedere i poteri di Bran. Ora se tutto va come calcolato Bran sarà un elemento chiave. Probabilmente le sue visioni muoverannno uomini ed eserciti. E non trascuro che possa avere anche un ruolo coercitivo sulle due sorelle a questo punto! Non nel senso peggiore del termine, ma già si è fatta intendere una forte capacità di guidare le azioni di Arya e Sansa. Spero che estendano molto limitatamente questa cosa anche a Daenerys e Jon perché in dosi robuste sarebbe cosa inaccettabile.
  18. Book Jon é un tantino più grigio di quello della serie (non per questo lo apprezzo di meno). Poi umanamente:ho un fratellino e se qualcuno me lo toccasse non solo reagirei ma diventerei cattiva credo. Ma io sono una qualsiasi, non un comandante e stratega affilato come Jon. Solo questo stride.
  19. Ho votato per Aria e Sansa cartacee. Cat televisiva l'ho trovata praticamente perfetta:dunque il mio voto ha seguito questa direzione.
  20. È stato un'enorme filler, brutto in sé per Sansa, ma anche disdicevole per Ditocorto. Sottolineo brutto anche per Arya. Se non amassi gli Stark all'inverosimile seppellirei tutta la faccenda. Mi è piaciuto davvero solo il riferimento al branco. Almeno hanno tagliato le scene di tontoloneria più grosse. La Domanda è : perché tutto questo? Per mettere in luce un Bran sempre più skillato... Tristezza
  21. Diciamo che nella serie Jaime per ogni passo avanti ne ha fatto poi uno indietro. Il percorso più lineare di distacco dalla sorella, che si era avuta nei libri, nella serie si è vista meno. Comunque in una stagione credo che si impegneranno per rendere al meglio la figura del cavaliere. Quindi, come ho già scritto, io lo metterei nel totomorti. Forse accanto a Brienne. Non penso che fra i due ci sia amore strettamente inteso, più qualcosa di platonico :rispetto reciproco, affetto, la capacità di vedere il meglio nell'altro. È un rapporto molto profondo.
  22. Nel caso di Ramsay era l'unico consiglio utile. Strategicamente il piano di Jon, essendo in minoranza numerica, era di non muoversi per non subire una manovra a tenaglia. Era chiaro che Ramsay avrebbe fatto di tutto per stanare Jon e mandare in pappa tutto il piano. Infatti Jon vede il fratello e come hai detto tu spegne il cervello cadendo con tutte le scarpe nella trappola, che avrebbe comunque avuto per esito la morte di Rickon. Diciamo che un comandante deve essere durissimo. Mi spiace dirlo:ma un generale romano dopo una battaglia fece addirittura uccidere suo figlio perché non aveva rispettato gli ordini di guerra. Qualcuno mi aiuti a ricordare il nome. Eh insomma, dura lex sed lex. Il cuore buono è ammirevole. Ma per vincere serve pelo sullo stomaco. Sarà brutto da sentire.. Ma è così. Poi sul bastard bowl io avevo un'ansia che chissà cosa avrebbe fatto a Rickon il bastardo dei Bolton: onestamente quando è stato fatto fuori con una freccia ho pensato che poteva andare peggio:la morte non è l'esito peggiore con Ramsay. Quindi Sansa aveva ragione. Era spacciato.
  23. @Meri@Le parti che coinvolgono Jaime e Brienne sono tra le più belle, almeno secondo me. Si sono dati tantissimo reciprocamente, e l'onore di Brienne ha aiutato Jaime a cambiare le sue priorità e a vedersi in maniera diversa.
  24. Grazie, comunque essendo iscritta da poco non avevo presente la dinamica di "gioco". Che poi è presente in tutti i forum. Tornando a Jaime insisto sul fatto che sia un personaggio intrigante. Se l'ottava stagione si assestamento al meglio avranno modo di approfondire un po'. In un altro topic é saltata fuori una eventuale dinamica Jaime- Sansa. Per evitare di andare OT nell'altro 3D ripropongo questo ipotetico sodalizio saltato fuori. Banale? Sensato? Amoroso o di rispetto? Contrappasso o non sense? Etc...
  25. Che simpatica abitudine...se son cose fra voi ritiro il messaggio, così ti mostro che sono "tranqui". :*
×
×
  • Create New...