Jump to content

porcelain.ivory.steel

Utente
  • Content Count

    755
  • Joined

10 Followers

About porcelain.ivory.steel

  • Rank
    Confratello
  • Birthday June 22

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

8,408 profile views
  1. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    C’è la data di uscita di The New Pope: 20 gennaio 2020. Evviva evviva
  2. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    Vista la prima puntata di Caterina la Grande, e non mi ha granché entusiasmata. Più che altro non comprendo la scelta della Mirren che, pur essendo sempre un’ottima attrice, non può in alcun modo essere credibile come imperatrice poco più che trentenne, la cui fama di mangiatrice di uomini la precede, come viene sottolineato anche nella serie. Potrei capire se il tutto fosse traslato in avanti di un paio di decenni, ma siccome la data di inizio della narrazione è dichiarata (1762), quando Caterina aveva appunto 33 anni, mi sarei aspettata una scelta un po’ più realistica per quanto riguarda la protagonista. Le ambientazioni ed i costumi invece sono eccellenti e riproducono fedelmente la sfarzosa corte e l’altrettanto sontuosa aristocrazia russa del diciottesimo secolo. Aspetto i prossimi episodi sperando che si entri nel vivo di una storia indubbiamente cinica e crudele ma anche affascinante come poche.
  3. Secondo me è un po' presto per fare ipotesi così dettagliate sulla timeline che seguiranno, molto probabile che abbiano deciso di trattare tutta la guerra di conquista in una ipotetica prima stagione che si potrebbe chiudere con la dipartita di Aegon I e l'ascesa al trono di Aenys I, con tutte le controversie che ne sono seguite. Sarebbe una maniera efficace per introdurre anche tutte la altre casate e personaggi principali (Harren il Nero, Hightower, Durrandon, Baratheon, Stark, Martell, Arryn, Velaryon, Stokeworth, la lunga e sfiancante diatriba con il Credo Militante), oppure potrebbe prolungarsi fino all'ascesa di Maegor il Crudele, le cui vicende vedo bene come filo conduttore della prima parte di una ipotetica seconda stagione. Bisogna capire quanto hanno finora deciso e strutturato; se sarà una serie con un numero di stagioni minime, o se tutto dovrà essere trattato nella prima stagione (questa ipotesi mi sembra improbabile, vista la mole di materiale a disposizione), ed in base al gradimento da parte del pubblico man mano ampliare il progetto.
  4. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    Vista finalmente anche io la prima puntata di Watchmen, in inglese, dovrò subito recuperare la seconda. Premetto che non ho alcuna conoscenza del fumetto quindi mi baserò su quello che ho visto, e per ora mi accodo ad @Oathkeeper, sono rimasta come lei un po’ freddina di fronte ad un episodio che ha sicuramente avuto picchi di adrenalina (nel finale), ma che nel complesso non mi ha entusiasmata. Devo dire che l’entrata in scena di Jeremy Irons è una di quelle cose che non lasciano mai indifferenti noi donzelle
  5. Me lo chiedo anche io, ma tant’è.. tutt’altra cosa rispetto all’atteggiamento di cauto ottimismo che hanno avuto ad esempio in occasione dell’annuncio del precedente pilot. Evidentemente il materiale a loro disposizione è tale (o loro sono convinti sia tale) da permettere loro di lanciarsi in entusiastici proclami fin da adesso. Staremo a vedere. @Figlia dell' estate penso che seguiranno passo passo F&B, spero che questa volta ci mostrino Valyria pre disastro e durante, anche io come te non vedo l’ora di vedere trasposte sia la Danza che il regno e la discendenza di Jaehaerys ed Alysanne. Sarebbe interessante ipotizzare già qualche nome per il cast..
  6. Oltre i rumors, o meglio, dopo gli annunci di questa notte, ora c’è la conferma. The House of Dragon si farà ed andrà in onda in esclusiva su Sky. https://tv.badtaste.it/2019/10/house-of-the-dragon-esclusiva-sky/
  7. Letta da poco anche io la notizia, che peccato. Ma ormai è chiaro che a Martin ed in genere al pubblico più generalista interessino più i draghi che tutto il resto dell’universo delle Cronache, ragione per cui credo che lo stesso zione si è affrettato a rendere nota la sua partecipazione ad un eventuale progetto incentrato su F&B.
  8. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    @Jane Doe concordo totalmente, il finale dell’episodio con un Andrew Scott irresistibile è da brividi; altro episodio che mi ha fatto stringere il cuore è stato proprio l’ultimo. Bella bella bella serie.
  9. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    Appena terminata Modern Love, serie tv antologica composta da otto episodi della durata di trenta minuti l’uno, basati su una rubrica del New York Times molto seguita ed interpretati da un cast corale di livello assoluto. La serie indaga e racconta l’amore in molte delle sue forme, da quello sentimentale a quello filiale e genitoriale, passando per l’amore platonico a quello per se stessi, senza scadere mai nel banale, nel melenso o nello scontato. Alcuni episodi li ho trovati di un’intensità assoluta, altri più scanzonati e leggeri, ma tutti a mio parere lasciano passare il messaggio che è davvero l’amor che move il sole e l’altre stelle.. sullo sfondo di una New York che accoglie tutti i suoi abitanti o semplici passanti come protagonisti di un unico grande racconto, ci si ritrova spesso a riflettere, sorridere e talvolta anche a commuoversi. Consigliatissima.
  10. Ciao Saul, benvenuto e complimenti per la tua presentazione; in attesa che ti avvicini alla lettura delle Cronache sarà un piacere confrontarci sulla serie Tv.
  11. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    Sono anche io molto interessata a Caterina la Grande, dalle immagini ho intravisto che sono stati riprodotti molto molto bene gli interni del Palazzo di Caterina a San Pietroburgo, appunto, ed avendolo visitato questa estate ho potuto apprezzarne la ricostruzione certosina. La Mirren è una certezza e credo anche io che la sua caratterizzazione sarà simile al lavoro fatto ai tempi dalla Foy per la sua Elisabetta.
  12. porcelain.ivory.steel

    serie tv

    Ho appena finito la quinta stagione di Peaky Blinders. Per me si conferma una serie eccellente, sopratutto la fruizione in lingua originale permette di apprezzare l’accento sporco britannico di inizi Novecento che gli attori sono stati chiamati ad imparare a riprodurre. L’epopea della famiglia Shelby a cavallo tra le due guerre mondiali è resa splendidamente, in questa stagione possiamo inoltre apprezzare l’introduzione di un nuovo villain che è già iconico: il carismatico Oswald Mosley, un politico pragmatico e senza scrupoli che abbraccia la causa nazifascista e che fin da subito si rivelerà un rivale all’altezza di Thomas Shelby. Tra i tanti volti nuovi anche un graditissimo ritorno. Voto 8.
  13. Il fatto che, a distanza di mesi, ancora continuiamo a discutere di questo episodio ed a scaldarci per le scelte fatte dimostra quello che abbiamo pensato fin dall’inizio: non si esce vivi dalla 8x03, rappresenta nel bene e nel male il punto di non ritorno della serie. Concordo anch’io sul fatto che evitare uno scontro Jon vs NK non sia una semplice scelta narrativa e come tale opinabile, ma contraddice e sconfessa del tutto quanto mostratoci e raccontatoci fin dalla primissima stagione, idem per il ruolo del tutto irrilevante ai fini delle Lunga Notte dato a Bran, relegato a semplice esca e poi spettatore degli eventi anziché motore o comunque protagonista, come avrebbe dovuto essere in origine. L’effetto aspettative disattese = sorpresa = genialata va bene se è voluto fin dall’inizio e dunque preparato a dovere, non nel caso in cui è palesemente espressione di una volontà di non dare allo spettatore ciò che lo spettatore si aspetta di vedere, e questo perché la serie Tv, oltre ai libri, è piena zeppa di indizi che vanno in un senso ben preciso. lo scontro combattuto tra Jon ed il NK non avrei voluto vederlo ad ogni costo in senso stretto, ma un faccia a faccia si; un Jon che diviene determinante per la disfatta dell’esercito del NK mi avrebbe comunque soddisfatta. Un Bran che riveli a cosa è servita tutta la sua preparazione, tutto il suo addestramento come Corvo con Tre Occhi, a cosa è servito a lui rinunciare alla sua umanità, alla sua identità di Brandon Stark avrei voluto scoprirlo. Tutto qui.
  14. Dinklage per me brilla sempre, è un attore di prim'ordine, non potrebbe fare altrimenti nemmeno volendo; è il suo personaggio ad aver subito un tracollo spaventoso, mentre al contempo altri (vedi Jaime/Nikolaj) nella settima ed ottava stagione sono cresciuti moltissimo. Se si sono assegnati in passato degli Emmy per il connubio performance attoriale + importanza del ruolo, in questo caso penso che l'avrebbe meritato più Nikolaj, che comunque è stato protagonista in positivo ed in negativo di tutti gli episodi in cui è comparso. Per Tyrion non è stato così, che poi lui sia un eccellente attore nessuno lo mette in dubbio. Probabilmente se i due Lannister boys avessero gareggiato in categorie differenti avrebbero portato entrambi a casa il premio, o forse no, visto il trattamento a dir poco snob riservato a Lena.
×
×
  • Create New...