Jump to content

spawn

Utente
  • Content Count

    10
  • Joined

  • Last visited

About spawn

  • Rank
    Confratello

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Più che altro alla fine hanno usato Jon Snow (tra l'altro vero erede al trono e dichiarato inspiegabilmente regicida dato che era il legittimo sovrano) nel gioco del trono; è stata una pedina dei figli legittimi di Ned Stark per conquistare il potere e poi, al momento opportuno, hanno scaricato su di lui tutte le responsabilità. Secondo me chi ne esce alla grande (machiavellicamente parlando) è Bran che ha ordito tutto per prendere il potere a Westeros. Ha fatto massacrare gli innocenti di Approdo del Re (in pratica ha ammesso di conoscere il futuro), ha permesso al Night King di distruggere la Barriera (con conseguenti ricadute su tutto il Nord), ha determinato la definitiva estinzione della dinastia Targaryen. Normalmente sarebbe stato presentato al pari di un mostro, invece ne è uscito come un grande personaggio.
  2. Comunque non male la sorte di Bran, da potenziale vittima dei D&D a sovrano dei Sette Regni! Tragica invece la sorte di Jon. Sicuramente non avrebbe voluto essere il re, però scaricare su di lui tutte le responsabilità dell'omicidio di Daenerys e relegarlo alla Barriera mi pare un po' troppo semplicistico. Bisognerà vedere come verrà resa nell'episodio questa scena. Tra l'altro lui sarebbe il sovrano legittimo e lei l'usurpatrice quindi il diritto sarebbe dalla parte di Jon...
  3. Drago a parte (siamo comunque in un fantasy), quello rappresentato nella puntata è né più né meno quello che si sarebbe verificato nel momento in cui un esercito fosse entrato all'interno di una città assediata. Al momento del saccheggio i soldati si lasciavano andare a tutta una serie di atrocità che i comandanti non si sarebbero sognati minimamente di sanzionare. IMHO, circoscrivere un saccheggio a "un furto collettivo" mi sembra riduttivo perché omicidi, devastazioni e stupri sono spesso complementari alle rapine. Pertanto, forse non nel migliore dei modi, la produzione ha cercato di rappresentare un esercito assediante che entra in città e si lascia andare a qualsiasi tipo di azione efferata. Come te credo che avrebbero potuto rappresentare meglio lo svolgersi degli eventi. Probabilmente gli sceneggiatori volevano focalizzare l'attenzione del telespettatore sulla ferocia di Daenerys e delle sue truppe, contrapponendole a Jon (figura positiva) che avrebbe voluto concedere quartiere ai nemici arresi (infatti uccide solo se attaccato per salvare la propria vita e difende una donna dal tentivo di uno stupro).
  4. In teoria non ti hanno mostrato i saccheggi, ma non puoi escludere che si siano verificati. Quando si parla di 'saccheggio' si intendono tutta una serie di pratiche che vanno dal furto tout court all'omicidio fino allo stupro delle donne. Siccome non è stata saccheggiata la Fortezza Rossa non significa che la città (o parte di essa) non sia stata depredata dai soldati. In epoca medievale e moderna il saccheggio di una città era una pratica regolata da norme ben precise ed era consuetudine anche spartirsi i settori della città da depredare. A taluni reparti spettavano quartieri più ricchi (con maggiori possibilità di fare incetta di bottino), mentre ad altri toccavano quelli più umili, con minori possibilità di arricchirsi. Nel caso della puntata non si assiste a un saccheggio regolamentato, tuttavia mi pare evidente che, una volta entrati, i soldati siano impossibili da controllare e si lascino andare agli atti più turpi (Jon prova a richiamarli all'ordine senza successo). Tra questi, gli sceneggiatori hanno preferito mostrare, secondo me perché più suggestivo in senso negativo per il telespettatore, un tentativo di stupro (impedito da Jon).
  5. Tralasciando il problema della 'follia' di Daenerys, credo che in tutta la storia militare dell'Occidente non esista un caso di una città che si sia arresa con le truppe nemiche al suo interno e non sia stata saccheggiata.
  6. @Stella di Valyria a meno che il discorso su signori e discendenti fatto a Jamie e Tyrion non sia uno spoiler sul suo futuro
  7. Mentre per la seconda domanda non sarebbe dato sapere, per quanto riguarda la prima la risposta è semplice. In guerra si sviluppano delle migliorie per adeguarsi alla superiorità del proprio avversario. In questo caso, Euron ha le baliste capaci di abbattere i draghi, Dany crea uno strumento per offrire maggiore protezione ai draghi ovvero l'armatura.
  8. In teoria, da un punto di vista di diritto dinastico, i Targaryen sono ben legittimati a governare su Westeros e Jon, in quanto figlio di Rhaegal, è l'individuo che vanta i diritti più solidi per sedere sul trono di spade. Nella pratica, come spiegò una volta Diego Mendoza a Carlo V, il diritto si fonda sulla violenza. Alla fine sono le guerre che stabiliscono chi abbia il diritto di governare su cosa. Chi vince, anche se i suoi diritti sono inferiori rispetto a quelli di qualcun'altro, è poi quello che stabilisce le regole e quindi legittima il proprio potere a discapito di quello degli altri. Si pensi al caso di Randyll Tarly, avrebbe dovuto inchinarsi a Daenerys, pretendente al trono di spade, oppure avrebbe dovuto rimanere fedele a Cersei, attuale regnante? In entrambi i casi avrebbe fatto bene e avrebbe sbagliato.
  9. spawn

    Spawn

    Grazie a tutti!
  10. spawn

    Spawn

    Salve, sono Spawn e sono da tempo un appassionato delle Cronache. Mi sono iscritto al vostro forum per tenermi aggiornato su tutte le novità della saga.
×
×
  • Create New...