Jump to content

Baby Rickon

Utente
  • Content Count

    279
  • Joined

  • Last visited

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

405 profile views
  1. A) Chi è l'incappucciato di Grande inverno? Questo è da sempre un mio grande punto interrogativo. Nessuna teoria mi convince appieno, secondo me è non è una persona sola al soldo di qualcuno in particolare che ha compiuto i vari omicidi, ma svariate persone per motivazioni diverse. L'unica versione su cui discordo completamente è lo sdoppiamento/allucinazione di Theon. E' scosso e sconvolto, ma mi è sempre sembrata troppo astrusa come soluzione. Interessante la versione di Brynden, ma reputo che stia tornando nella Valle. B) Chi ha scritto la lettera rosa ? Sicuramente non Ramsey, ho sempre pensato che provenisse da Mance Rayder, il quale aveva un patto con Jon Snow e poteva rivolere indietro il figlio. Peraltro se Mance era sotto l'effetto di un "incantesimo", come poteva Ramsey scoprirlo, non avendolo mai visto? C)Rickon, Davos ,Osha e Cagnaccio torneranno da Skagos e verranno presentati a Manderly ? Si, torneranno da Skagos a Grande Inverno, semmai con un passaggio da Porto Bianco, (dove potrebbero incrociare Sansa?) o dalla Barriera, ma anche direttamente. Non so se incontreranno Lord Manderly, ma sono convinta che sopravviverà abbastanza a lungo da incontrarli. Se non lui, sicuramente Jon e Lord Glover. D)Davos si troverà a dover andare ad Aspra Dimora ? No, non penso. Una volta tornato da Skagos, penso che non abbia il tempo materiale di tornare in tempo alla Barriera. Credo che gli avvenimenti di Aspra Dimora ci verranno solo raccontati tramite qualcuno che li ha vissuti, lettera o racconto. E) Battaglia del villaggio dei pescatori, cosa succede ? Il laghetto bello bucherellato crollerà sotto il peso degli amati soldati Frey &Co. guidati sin là dalle torri con i fuochi. I sopravvissuti saranno finiti dai Manderly &Co che dichiareranno a Stannis la loro "lealtà". Torneranno poi indietro e con un trabocchetto e alcuni alleati all'interno, e l'armata dei clan e di Stannis staneranno i Bolton. F) Jon Snow: svenuto, in coma o morto? In coma o sul punto di morire, wargato in Spettro, così come aveva fatto Rob. Troverà un modo di parlare con Bran, scoprendo che è vivo, e quindi Theon non l'ha ucciso (e se Theon sopravvivesse e fosse spedito alla Barriera, Jon forse lo risparmierebbe). Un aiuto da Melisandre forse aiuterà il ritorno al suo corpo. Non penso serviranno incantesimi particolari, semplicemente curando il corpo, l'anima potrà tornare nel fisico ospitante. G) Jon Snow: Rhaegar e Lyanna o Ned e Ashara ? Direi Rhaegar e Lyanna senza dubbi. H) L'omicidio di Raff Dolcecuore, commissionato o iniziativa personale ? Iniziativa personale. Arya non è entrata fra gli Uomini Senza Volto per uno scopo superiore, cioé quello in cui credono loro, ma per necessità di un tetto sulla testa, un minimo di sicurezza e desiderio di vendetta del tutto personale. Questo è il punto di snodo della situazione, che porterà Arya a ritrovare il vero senso della sua missione. D'altra parte Ago è sempre rimasta lì. I) Arya sentirà parlare o incontrerà Jeyne Poole? Penso che la incontrerà per caso, magari avranno una qualche sorta di interazione verbale che permetterà ad entrambe di riconoscersi, ma non penso che Jeyne avrà vita lunga. L) Qualcuno sta avvelenando Il cibo di Tommen? Visto il brutto aspetto dell' assaggiatore reale Boros Blount? Mi ha sempre incuriosito come idea. Se qualcuno lo stesse effettivamente avvelenando, cosa di cui non ho certezza, quello sarebbe Varys. M) Sansa sta salvando o condannando suo cugino Robyn? Non penso abbia intenzione di sbarazzarsene, nonostante gli stia somministrando il dolcesonno, per volontà di Ditocorto. Credo che nel corso di TWOW, anche se penso il suo tempo nella Valle sia agli sgoccioli e termini nel corso del Torneo per la Guardia di Robert, farà finta di darglielo. Per me il piccoletto arriva alla fine vivo e vegeto. N) Jon Connington e/o Shireen diffonderanno il morbo a Westeros? Sicuramente Jon Connington sarà l'untore del morbo. Nonostante Macchia e Val, oramai Shireen non penso sia più contagiosa. O) Giovane Griff ,vero ,falso ,chi è? Finto Targaryen, colui che Daenerys dovrà smascherare, ma Blackfyre (Danza dei Draghi 2.0), figlio di Illyrio e la moglie. C'è troppa affezione da parte di Illyrio per non esserne il padre. P) Chi è l' arpia? La Grazia Verde, Galazza Galare, la quale sa sempre tutte le intenzioni di Daenerys e agisce di conseguenza. C'è una serie di analisi molto interessanti a riguardo, che in passato avevo letto essere state citate da GRRM stesso, in una sorta di "approvazione". https://meereeneseblot.wordpress.com/2013/09/27/untangling-the-meereenese-knot-part-i-who-poisoned-the-locusts/ Q) Che asso nasconde Euron nella manica ? Un kraken? Non so se sarà un kraken, o varie creature marine, ma sicuramente ci sarà qualcosa di enorme che spunterà in seguito a tutti i sacrifici che sta facendo. D'altra parte il sangue attira animali, e in un'opera di questo genere, non possono certo essere squali (che comunque farebbero il loro dovere fra navi distrutte). R) Nel prologo Lady Stoneheart, se ci sarà, impiccherà anche Jeyne Westerling ? Non credo. Comunque Catelyn non ha nulla contro Jeyne. Penso che arriverà viva sino alla fine. Se la carovana che sta conducendo i prigionieri dovesse essere assalita, non penso sia fra le prime persone da uccidere una ragazzina spaventata. Che poi, è veramente Jeyne o la sorellina? S) Jaime ,Brienne, lady Stoneheart, che succede? Grande punto interrogativo. Jaime ne esce vivo, Brienne potrebbe sacrificarsi per lui, ma non saprei. Punto molto su un Thoros che si riprende dall'apatia in cui si trova, e riprende i remi del gruppo. T) Stella nera ci mostra Alba in Twow? Penso che se ci dovesse essere un capitolo di Aereo, magari il suo secondo ed ultimo, e non avessimo quindi l'esito dello scontro solo tramite corvi e lettere, ci sono buone probabilità di vederla, almeno spero. U)Come i dorniani prenderanno la morte di Quentyn? Molto male. Anche se è cresciuto lontano dalla corte, e leggendo si ha la sensazione che quella che conta è la sorella, non penso saranno tutto un inchino con Daenerys quando arriverà. Si legheranno invece ad fAegon fin quando resisterà. Ma non penso sarà un'amicizia duratura. Dorniani e Targaryen non hanno una bella storia d'altro canto. V) Come vanno i processi di Cersei e Margaery? Sopravvivono entrambe. Cersei tornerà per un periodo nell'Ovest, a Castel Granito, potrebbe essere la volta buona per vedere la rocca. Non credo sia ancora giunta la sua ora, per di più con Jaime fra i boschi e Tyrion su un altro continente. Margaery si riunirà ai familiari, o resterà intrappolata da qualche parte. La vera sensazione, tuttavia, è che non ci sarà nessun processo. Magari un attacco improvviso alla Capitale interromperà il tutto? AA) in caso di presa di Approdo del Re da parte della Compagnia Dorata, Cersei riuscirà a fuggire o verrà presa prigioniera o uccisa? Penso che se dovesse succedere, e come dicevo prima ci dovesse essere un attacco improvviso, Cersei riuscirà a fuggire e si rifugerà a Castel Granito. In caso di prigionia, potrebbe salvarsi con un riscatto. E se invece, venisse condotta da fAegon, che scontrandosi poi con Euron, geograficamente ci siamo, conoscesse così Euron? BB) Come e perché Arya tornerà a Westeros, in missione per conto dei Faceless o in contrasto con la setta? Penso che il suo tempo con i Faceless sia agli sgoccioli, e adesso che ha imparato qualche base, che le sue capacità di wargarsi si sono sviluppate, possa riuscire a sfuggire e prendere la prima nave di ritorno. Magari proprio l'incontro con Jeyne potrebbe essere decisivo. E i Faceless non penso la prenderanno del tutto bene: li ha "sfruttati" e se ne è andata senza servire il Dio della Morte, dedicandosi "anima e corpo". CC) Cosa succederà quando Victarion farà suonare il Corno dei Draghi? Essendo la Fossa dei Draghi già danneggiata, e probabilmente sono già in parte liberi, li chiamerà a sé, riuscendo forse ad ottenere il controllo della città, in attesa del ritorno di Daenerys. DD) Idee varie a piacere su continuazione arco narrativo di Bran e compagni, Bloodraven ed Estranei, sicuramente ci sarà qualcosa di grosso su questa storia Non ho idee molto chiare, penso che Bran uscirà da lì prima o poi, magari per poi ritornarci alla fine di tutto. Jojen non ne uscirà mai, su questo non ho dubbi. Magari SPOILER TV 6X05 Per il resto brancolo nel buio.
  2. Con questa bella notizia @Mephistopheles mi fai davvero ben sperare per quest'anno! Non conoscevo la storia passata della foto, ma ha tutta l'aria di essere un buon segnale
  3. AFFC22 (Dominio 22) – ARYA II In un capitolo molto intenso assistiamo al primo impatto di Arya con la vita all’interno della Casa del Dio dai Mille Volti. Temi ricorrenti e continui sono la menzogna, il ricordo della vita e di quelli che ha perso o smarrito nel Continente Occidentale, e la speranza di non venire cacciata. Arya inizia come servetta all’interno del tempio, svolgendo mansioni come cucinare, pulire e pregare. Tuttavia il capitolo è ricco di brevi botta e risposta con quello che lei chiama l’uomo gentile. Questi le pone in continuazione la domanda “Chi sei”, alla quale Arya risponde “Nessuno”. Ma ogni volta l’uomo le dice che mente, e che se vuole continuare a stare lì, non può più essere la figlia di un signore desiderosa di vendetta. “[…] ma ricorda: la Casa del Bianco e del Nero non è un riparo per gli orfani. Sotto questo tetto, tutti devono servire. […] Se vuoi puoi restare, ma sappi che esigeremo la tua totale obbedienza. Sempre e comunque. Se non puoi obbedire, te ne devi andare.” “Prima di bere dalla coppa nera, devi offrire tutto ciò che hai al Dio dai Mille Volti. Il tuo corpo, la tua anima, te stessa. Se non riesci a farlo, allora devi andartene. […] Quello che noi offriamo non si può comprare con l’oro. Il prezzo sei tu. […]” Arya, che continua ad avere sogni di lupo, e si trova a vagare nel mezzo di una cena dove fa la coppiera in un bosco con un branco di lupi, ha due pensieri fissi: poter restare, e tutti quelli che ha lasciato indietro, affermando spesso di avere “un buco al posto del cuore”. Pensa in continuazione a Syrio, ai suoi consigli, alla famiglia che ha non ha più, uccisa, e scomparsa, irraggiungibile per quanto ne sa lei. Ma anche a Lommy, Donnola, Frittella, e Jaquen di cui chiede all’uomo gentile. Per poter essere nessuno, è costretta a liberarsi di tutte le cose in suo possesso. In una serata nebbiosa getta tutti i suoi averi, da una forchetta d’argento alla biancheria intima nei canali. Ma quando è il momento di Ago, la spada regalatele da Jon, non ha il coraggio di farlo (indice che non potrà mai essere veramente nessuno, e che in cuor suo ci sarà sempre Arya di Casa Stark), e niente, non potevo non postare il passaggio. Arya diventa quindi novizia, e per la fine del capitolo si sta allenando a governare le espressioni del viso davanti a uno specchio, per poter mentire meglio. L’uomo gentile la manda quindi a imparare la lingua di Bravoos, con una nuova identità, Cat (come Catelyn, e come i gatti che affollano la città), vendendo vongole e molluschi per un uomo di nome Brusco. Di particolare interesse è il racconto sull’origine degli Uomini Senza Volto, che affonda anche nella storia dell’Antica Valyria. Si parla anche dei Wyrm del Fuoco, che “stando ai vecchi racconti, c’erano tra le Quattordici Fiamme prima ancora che arrivassero i draghi”. Alla luce di una delle discussioni più recenti, potrebbe forse essere che i draghi siano proprio il risultato di un’unione magica tra i Wyrm e gli uomini? Ed ecco un altro passaggio interessante. Arya fece un passo indietro. «Uccise lo schiavo?» Non le sembrava una cosa giusta. «Avrebbe dovuto uccidere i padroni!» «Avrebbe portato il dono anche a loro… ma questa storia te la racconterò un altro giorno, meglio non divulgarla troppo.» Ovviamente sulle cose interessanti Martin ci lascia così, rimanda ad altri momenti, ma non potrebbe forse essere la loro setta, connessa al disastro di Valyria? So che forse sono cose scontate, ma continuo ad interrogarmi nella speranza di cavarne fuori qualcosa. Un’ultima chicca. Arya è rimasta dentro di sé quello che era in una piccola parte sepolta. Ho trovato particolarmente dolci i rimandi alle esplorazioni che faceva alla Fortezza Rossa fino ai sotterranei, che continua a fare anche nel tempio.
  4. Se non ricordo male, in una di quelle scalette temporali di tutto Asoiaf, avevo proprio letto che Sansa dovrebbe essere nata nel Dicembre 286 Si, secondo me è ancor più chiaro dal fatto che Illyrio specifichi che nei bauli c'è un regalo apposta per Young Griff, e dalla vana speranza di poter accompagnare il trio per poter fare una festa di addio: "Stavo pensando di arrivare con voi fino a Ghoyan Drohe. Una festa d'addio prima che voi proseguiate lungo il fiume..." Del capitolo di Tyrion ho trovato molto interessante anche il dialogo sugli uomini di pietra, da cui Tyrion è realmente spaventato, e che pone un filo conduttore con il morbo che affligge Connington, l'arrivo sul Continente Occidentale e Shireen: temo molto che nel caos che affligge i Sette Regni possa realmente verificarsi un'epidemia che piegherebbe ulteriormente la popolazione. Il capitolo di SAM II, invece è uno dei miei preferiti, uno di quei capitoli riflessivi, in cui viene fuori l'animo del narratore, e in questo caso, dell'infanzia difficile vissuta sull'Altopiano. Il dolore di Sam però non è il solo nel capitolo, come se il suo stato d'animo fosse un sottile filo conduttore delle persone a lui care presenti sulla nave, una tristezza e forse rabbia esternata nel tempo che li accompagna durante il viaggio verso Sud. Maestro Aemon soprattutto, è di una dolcezza intensa, quella di un anziano, consapevole di essere arrivato alla fine del proprio percorso, dal mio punto di vista. E oltre alla frase citata da @Figlia dell' estate, nella quale il passato e il presente diventano una cosa sola nella testa del maestro, il cui ricordo del viaggio di andata verso una nuova vita, si mischia attraverso il cullare della nave al viaggio di ritorno verso una vita passata, che si rivelerà anch'essa una vita nuova, con la sua morte imminente, trovo sempre particolarmente bella e fragile, l'immagine del maestro che come un esserino avvolto nelle coperte, quasi sparito nel suo aspetto viene portato in coperta, ormai perso negli ultimi atti di lucidità.
  5. O magari sapeva qualcosa, o comunque era abbastanza a conoscenza dei fatti e ha girato la testa dall'altra parte... Sicuramente la sua rete di spie non può essere paragonata a quella che possiede all'inizio di ASOIAF, ma qualche informatore verso Dorne lo dovrà aver avuto, secondo me. Magari ha fatto finta di nulla per un suo tornaconto personale, ha lasciato che le cose andassero a scatafascio, preferendo non intervenire e magari agire in seguito. Alla fine sappiamo che le sue azioni sono sempre pensate, e, se dovesse essere legato ai Blackfire, fakeAegon e tutti quelli della banda, non solo perché lui è quello "giusto", ma per suoi interessi personali, la caduta dei Targaryen l'aveva in qualche modo prevista da tempo. E' evidente che Rhaegar con tutto il casino che ha fatto (che onestamente come dice @Lyra Stark sa più da una serie di colpi di testa a cui fan buon gioco tutte le profezie a cui crede e che vuole realizzare) ha velocizzato un processo in cui magari Varys sperava. Per il resto secondo me la Torre della Gioia è stata un buon nascondiglio, vicina a "casa" di amici, ma abbastanza isolata e abbandonata. Altra questione poi è quante persone effettivamente si trovassero lì... Stiamo comunque parlando di un principe, qualche servitore lui o la sua amata l'avrà forse avuto a parte la guardia reale.
  6. Io mi sento speranzosa, magari ha preso la scadenza seriamente e proprio per quello vuole cercare di farcela. Anche perché oramai non è la prima volta che parla di isolamento per scrivere.
  7. Martin fa sentire la sua voce, e scrive sul Not A Blog riguardo gli ultimi sviluppi del coronavirus, dicendoci che Solo a me sembra lievemente ironico quel "per quelli preoccupati per me personalmente"?
  8. Concordo! Io ho sempre pensato che Benjen ne fosse al corrente. D'altra parte Lyanna era più vicina di età con Benjen che con Ned, e mentre magari quest'ultimo si addestrava nel cortile Lyanna passava il suo tempo con il fratellino, cosa che Bran vede attraverso gli occhi dell'albero diga di GI. E Ned avrà sentito la necessità di parlarne con l'unico membro della sua famiglia rimasto in vita dopo tutti gli avvenimenti. Mi sono sempre chiesta se la scoperta (possibile non certa) dei natali di Jon c'entri con la decisione di Benjen di prendere il nero. Nella mia testa mi sono immaginata che magari non riusciva a stare nella casa dove avrebbe visto crescere il figlio dell'amata sorella che gliel'avrebbe ricordata in ogni occasione, e al contempo questo avrebbe evitato il rischio che qualche conversazione (se si è in due a sapere un segreto può capitare di farne accenni) fosse ascoltata indiscretamente. Per il resto penso che la figlia di Ashara fosse di Ned e le motivazioni del suicidio sono quelle ampiamente affermate dai personaggi stessi, riassunti da @Mar nell'ultimo post. Se questa dovesse essere viva, cosa su cui non punterei molto personalmente, allora propendo per Allyria. È proprio parte del dramma stesso di Ashara, che si toglie la vita, quanto di Ned, che magari ha perso una figlia per trovarne un altro
  9. Un riassunto delle vicessitudini di Arya, presente nel capitolo della settimana. “Per un battito di ciglia, Arya volle fingere di credere che davanti a lei ci fosse davvero la sua casa. Ma era un’idea sciocca. La sua casa non c’era più, i suoi genitori erano morti e tutti i suoi fratelli erano stati assassinati, tranne Jon Snow, ancora sulla Barriera. Era là che anche Arya sarebbe voluta andare. Lo aveva detto al comandante della Figlia del Titano, ma neppure la singolare moneta di ferro era bastata a smuoverlo. Sembrava che Arya Stark non riuscisse mai ad andare dove voleva. Yoren, il confratello reclutatore dei guardiani della notte, aveva giurato di riportarla a Grande Inverno. Invece Arya era finita ad Harrenhal, la fortezza maledetta, e Yoren era sottoterra. Una volta fuggita da Harrenhal diretta a Delta delle Acque, Lem, Anguy e Tom Settecorde, guerrieri e fuorilegge, l’avevano presa prigioniera e trascinata fino alla collina cava. Poi era riapparso Sandor Clegane, il Mastino, che l’aveva presa dalla collina cava e trascinata alle Torri Gemelle. Dopo la morte di suo fratello Robb e la distruzione dell’esercito del Nord a opera del vile tradimento dei Frey, Arya aveva lasciato il Mastino a morire lungo il Tridente ed era andata avanti da sola fino a Padelle Salate, nella speranza di trovare un passaggio fino al Forte Orientale, caposaldo est della Barriera, ma…” AFFC06 (Dominio 06) – Arya I A bordo della Figlia del Titano, Arya, partita da Padelle Salate con la speranza di andare alla Barriera da Jon, giunge a Braavos. Braavos, città nebbiosa formata da 100 isole collegate da ponti e da edifici alti e grigi. Sulla nave, tutti sono stati gentili con lei, facendole dei doni, ma Arya, conosciuta come Salty, si accorge che non vedono l'ora che lei scenda a terra, nonostante provi il desiderio di poterci lavorare a bordo come mozzo. L'ingresso alla città galleggiante, che ricorda largamente Venezia, avviene passando attraverso le gambe divaricate del Titano, un'imponente statua all'interno della quale vi sono arcieri che sorvegliano l'arrivo delle navi all'Arsenale. Il gigante ricorda la Statua della Libertà, per la sua grandezza e una delle due braccia, che tiene sollevata. Viene quindi accompagnata su una barchetta all'Isola degli Dèi da uno dei figli del comandante, gettando un primo sguardo alla conformazione della città. In cima ad una gradinata trova due portali di legno scolpito, uno bianco, color albero-diga ed uno scuro, color ebano. Sebbene ad un primo tentativo le porte non si aprano, all'esclamazione Valar Morghulis le sente aprirsi seppur non veda nessuno. L'ambiente è molto scuro, nota alcune statue di diversi dèi ai lati del tempio, che le sembra enorme, grazie alla luce di alcune candele. Una vasca d'acqua scura occupa il centro, e lì aiuta un ragazzo ferito a berne un po' da una ciotola. In seguito si accorge di alcune alcove nelle quali giacciono uomini morti o morenti. Incrocia una persona che le sembra una bambina, la quale non parla la lingua comune, vestita in una tunica bianca e nera e alle sue spalle compare un signore la cui voce è gentile, che le dice di trovarsi nella Casa del Bianco e del Nero. Ritenendola troppo piccola per essere alla ricerca dell'abbraccio dal Dio dai Mille Volti, Arya mostra la moneta e rivela la sua vera identità. L'uomo, ritenendola inadatta abbassa il cappuccio, e mostra un teschio giallognolo con alcuni brandelli di pelle e un verme che gli esce da una cavità orbitale che Arya cerca di afferrare. L'uomo ritorna così ad essere un signore anziano. Il capitolo termina con: «Prima di oggi, nessuno aveva mai cercato di mangiare il mio verme» disse. «Sei affamata, piccola?» “Ho fame” pensò Arya Stark “ma non di cibo.” Nonostante sia un capitolo abbastanza di passaggio, trovo interessante il fatto che nelle dodici pagine che lo compongono Arya pensi spesso al perché si trova lì, e cerchi di infondersi coraggio pensando a Syrio, il suo maestro di “danza”, a Jaquen, al fatto che non ha più una casa, e afferrando il pomello di Ago. Quasi come a indicare che questa è la sua ultima speranza, l'ultimo posto, come ella stessa poi dice. Non sono riuscita a capire, questa volta come in passato, se quel ho fame di Arya indichi una fame d'affetto o una fame di vendetta.
  10. Che bell'analisi @Mar! Rileggere tutti questi passaggi insieme è stato molto interessante, devo dire... Riguardo alla presenza di più persone all'interno della stanza di Lyanna, è un dettaglio a cui non avevo fatto caso, ma magari potrebbe essere qualche cameriera della stessa Lyanna, anche se per ricordare più persone dovrebbe essere qualcuno che Ned conosceva e di cui si ricordava. Ashara stessa la escluderei, non avrebbe avuto senso per Ned riportarle una spada che lei avrebbe visto dal posto in cui alloggiava. Il dubbio è, quando Ned riporta la spada di Arthur alla sorella, questa ha già partorito o partorisce poco dopo (ammesso che fosse incinta), e poi si butta? E in base a questo sarebbe interessante risalire alla data del concepimento della figlia, e capire quindi se lei era ad Harrenhal o a Starfall. Se fosse stata nel suo castello, ai tempi, pochi sarebbero i candidati. Dando credito a Barristan, questo sarebbe avvenuto ad Harrenhal, e il possibile candidato sarebbe dunque uno dei due Stark. Probabilmente il fatto che Ned l'abbia amata, a fatto sì che il ricordo di questo fosse positivo da parte di Ashara e di riflesso da parte di coloro che le stavano attorno, tanto da non portare rancore da parte dei Dayne agli Stark.
  11. Concordo con quanto detto da voi, il solo fatto che Doran, così oculato, abbia mandato il figlio ed erede così allo sbaraglio, lo rende o uomo che ha sottovalutato (?) tutta la questione, o, forse peggio, ha sacrificato il figlio volontariamente mandandolo in una spedizione assurda. In tal caso non trovo una spiegazione logica al perché di questa scelta.
  12. Grazie mille @Neshira! Devo ammettere che ad una prima lettura i capitolini Quentyn li avevo trovati molto noiosi, ed invece stavolta non così male
  13. ADWD06 (Guerrieri 06) - Quentyn I "L'uomo del Mercante" Per la prima volta, conosciamo di persona Quentyn Martell, figlio primogenito diciottenne del principe di Dorne Doran. Egli, nel pieno anonimato si trova a Volantis, città di passaggio verso il suo scopo: raggiungere Meeren, dove l'attende la sua futura sposa, Daenerys. Insieme ad uno degli amici con cui è salpato, Gerris, il quale si finge un mercante di vini, ormai fermo da 20 giorni nella città, è alla ricerca di un passaggio su di una nave per poter raggiungere la Baia degli Schiavisti. Sfortunatamente, tutti i capitani con cui avevano parlato precedentemente avevano rifiutato, e questo li porta a chiedere ad un capitano/contrabbandiere di una nave malsana e puzzolente che, dietro la promessa di un lauto compenso accetta il rischio. Questi, ci dice anche che numerose compagnie di mercenari si stanno dirigendo verso la Baia, a causa della guerra scoppiata tra Yunkai e Astapor, che prevedono coinvolgerà anche Meeren, sino ad allora in pace. Una volta pattuito l'accordo, seppur con mille remore, Quentyn, di ritorno verso la locanda dove alloggiano, presso il Palazzo del Mercante, a bordo di un carretto trainato da un piccolo elefante, si perde in alcuni ricordi. In particolare l'attacco subito sulla precedente nave da parte di alcuni pirati, evento che causa la morte di suoi tre compagni di viaggio, fra cui il Maestro e il suo miglior amico; in seguito ricorda il giorno in cui il padre gli confidò la missione che doveva restare assolutamente segreta, durante una giornata passata ad osservare i bambini ai Giardini dell'Acqua, e si rivela essere un semplice ragazzo timido nei confronti delle ragazze, abituato a scherzare con gli amici al castello degli Yronwood. Fra questo scroscio di pensieri, e qualche battuta con Gerris, in una cornice di una città calda, sudata, orientale, popolata principalmente da schiavi, e fra pietanze particolari, il mare e le strade affollate, egli, poco prima di giungere alla locanda, dove li attende il terzo membro del gruppo rimasto, incontra alcuni membri della Compagnia del Vento, al seguito del Principe Straccione, che tentano di convicerli di unirsi a loro alla volta della Baia degli Schiavisti per poter combattere e uccidere la regina. Dopo esser stati presi in giro, essi ragionano su quale sia il modo migliore per arrivare, finché Gerris non afferma di aver trovato una soluzione. In questo capitolo si riscontra, l'insicurezza forse, del giovane principe, che fra i suoi pensieri afferma: "Non mi può respingere. Terrà fede all'accordo." Daenerys Targaryen aveva bisogno di Dorne per riconquistare i Sette Regni, quindi aveva bisogno di lui. "Questo però non vuol dire che mi amerà. Potrei anche non piacerle." Inoltre, a posteriori, una prima avvisaglia di quello che lo porterà a fare quello che farà, si può leggere in "Doran Martell, principe di Dorne, aveva messo il destino del regno nelle sue mani. Non poteva fallire, non finché gli rimaneva vita in corpo." Ultimo aneddoto, ma non meno interessante. Nel viaggio di ritorno alla locanda, Quentyn scorge uno "spettacolo improvvisato di alcuni nani. [...] vide uno di loro salire sul dorso di un cane, un altro balzò in groppa ad un maiale [...]." Ho ipotizzato che i due nani incontrati dal principe non possano che essere Penny, in compagnia del fratello, che ancora se non ricordo male a questo punto della storia non è morto, o già di Tyrion.
  14. Ciao a tutti! Scusate la mia lunga, prolungata e imperdonabile assenza. Avevo intenzione di continuare, ma mi sono arenata dopo i primi capitoli, varie cause, dall'università che mi ha assorbito completamente, al distacco che ho avuto in questi mesi verso il forum, riflesso probabilmente della fine della serie di cui ho accusato il colpo a scoppio ritardato, non tanto per la fine in sé, quanto per il modo che mi ha fatto completamente passare la voglia. Detto ciò, almeno fin tanto che mi sarà possibile per i vari impegni ( non da meno la difficoltà nel portarmi avanti indietro dall'università a casa, essendo fuori sede, i volumi che diciamo occupano un certo spazio), ho intenzione di contribuire, se mi accettate ancora... Oggi in un impeto ho riletto un po' di capitoli di Jaime di AFFC, e ho deciso di ritornare a Westeros. Chiedo giusto dove siete arrivati in modo da potermi prenotare anche io per recensire. Aggiunta. Ho controllato le "prenotazioni", e se fosse possibile vorrei prenotare alcuni capitoli che mi parevano non presi (se dovessi aver capito male ditemi pure): AFFC06 Arya AFFC22 Arya AFFC24 Cersei AFFC23 Sansa Nel mentre provvedo a recensire ADWD06 Quentyn, che è il prossimo e nessuno l'aveva prenotato
  15. Septa Unella, talvolta avevo la sensazione che facesse una sorta di ghigno/sorriso che mi faceva morire dalle risate...
×
×
  • Create New...