Jump to content

Manifredde

Utente
  • Content Count

    4,097
  • Joined

  • Last visited

6 Followers

About Manifredde

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 01/10/1981

Contact Methods

  • Website URL
    http://www.cygnusxone.altervista.org

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Location
    Bolzano
  • Interests
    leggere, suonare la chitarra, disegnare, programmare, cinema

Recent Profile Visitors

1,461 profile views
  1. Non facile, questo é sicuro. Ma i tuoi calcoli stessi suggeriscono che sarebbe possibile, se con un minimo di disciplina avesse evitato altri personaggi e sottotrame e si fosse messo in testa che ogni singola frase dovesse essere diretta verso la conclusione. In un certo senso, é quello che intendo. Il piano A era quello di dare una conclusione all'altezza dei primi libri. Svanita questa possibilitá (e penso che se ne sia reso conto anche lui ormai) un piano B che non lasciasse questa un'opera incompiuta potrebbe essere quello di "concluderla in qualche modo". La mia posizione non é condivisa da molti, lo so, ma preferirei un finale meh a nessun finale.
  2. Secondo me esiste anche l'opzione "prendo quanto ho giá scritto e lo modifico quel tanto che basta perché possa essere considerato un finale"
  3. Mi pareva di aver sentito dire che la ragione fosse l'eta media estremamente bassa... anche in Italia d'altronde, se togli gli over 60, correggimi se sbaglio, ma il virus praticamente non lo avremmo sentito o quasi...
  4. See vabbé, avevo scritto un papiro. Non ne vale la pena. Ammiro il tuo idealismo @joramun, davvero, ma questa discussione é un esercizio di dialettica che proprio nulla ha a che fare con la veritá, e scambiare biologia con posizioni filosofiche, prudenza con razzismo e iperboli (neppure poi cosí audaci, nel 2020) con narrazioni vittimiste lo dimostra. Non mi interessa, amici come prima.
  5. No. Daró un alto indizio. É tratto da una storia vera, ma é parecchio romanzato proprio in uno degli aspetti piú delicati.
  6. Hanno censurato Drizzt Do'Urden, si giocava con l'idea che certe maschere e certe manifestazioni potessero attirare l'attenzione. E, per la seconda volta, ripeto che non l'ho sollevata io la questione. O mamma, l'ho fatto di nuovo. Sono intervenuto nella discussione. Deve essere la noia. E il caldo. La stanchezza, forse
  7. Trovala pure aberrante, ma fa parte del nostro processo evolutivo, molto, ma molto prima che di quello culturale. Essere diffidenti verso "il diverso" (qualsiasi sia la caratteristica che usi per valutare la diversitá) é stato fin dall'alba dei tempi una prima forma di difesa. Possiamo sicuramente costruire una societá equa, ma se la distribuzione gaussiana non é una frottola, ci saranno sempre gli estremi della curva. E non vedo perché questi estremi ora debbano improvvisamente caratterizzare l'intero gruppo. Sono bianco, etero, uomo e marito. Praticamente sono un privilegiato razzista, omofobo, sessista e colpevole di violenza domestica. Questo modo di pensare, ad alcuni, inizia a stare "un pó qua", chissá perché...
  8. Eh? Non ho capito, la questione dei pirati saraceni e della festa che ne celebrerebbe la sconfitta e della potenziale accusa di razzismo che potrebbe portare non l'ho tirata fuori io. Io mi sono limitato a dire che il fatto che i saraceni fossero "scuri" e che quindi vengano cosí rappresentati non dovrebbe portare automaticamente ad una accusa di razzismo, perché i "pirati saraceni del 1200" NON sono una "razza", e certo non rappresentano l'intera comunitá mondiale di colore.
  9. "Neri stupidi e cattivi" o "pirati saraceni del (1200? 1300?) stupidi e cattivi"? Nel primo caso si, sarebbe davvero razzista. Nel secondo caso solo un razzista ci vedrebbe un gesto razzista... imho... Altrimenti il prossimo anno li possono fare bianchi, sperando che poi qualcuno non salti fuori a dire che non é storicamente accurato Temo che sparirá il razzismo solo quando riusciremo davvero a guardare oltre il colore. E questo significa che potró avere una festa in cui derido (ad esempio) i conquistatori spagnoli oggi, una i saraceni domani senza che per la seconda mi becco del razzista.
  10. Allora aggiungo un terzo indizio: "era venuta per salvarlo, e ci é riuscita. O perlomeno, ho immaginato che ci riuscisse, sebbene in realtá..."
  11. No, anche se da quell'indizio ci sarebbe anche potuto stare. Faccio notare che, in realtá, gli indizi sono due, visto che avevo appena detto che mi sono commosso con questo film, e che sono col tempo diventato particolarmente sensibile alle storie che parlano di dolorose relazioni padre/figlia...
  12. Supponiamo peró anche che sia cosí. Non sarebbe vostro "diritto" l'avere una tradizione che celebri una vittoria su un aggressore? Se l'aggressore era scuro, lo rappresenterete scuro. Se era verde, lo rappresenterete verde. Non ci troverei nulla di razzista, non centrerebbe nulla con un sentimento di presunta superioritá e il colore della pelle sarebbe un fatto del tutto accidentale. Se gli aborigeni australiani avessero una tradizione in cui festeggiano una sconfitta degli inglesi rappresentati come omini "bianchi", non avrei nessuna ragione per sentirmi offeso: sono forse inglese?
  13. Se non sbaglio Metamorfo lo é sempre stato nel club degli scettici Io su ADOS non ci spero minimamente. Forse TWOW alla fine, anche solo per far contenti gli editori, lo rilascerá in una forma o nell'altra, ma la saga é destinata a rimanere incompiuta.
  14. Beh, é mia cognata, la conosco da quando aveva 10 anni Esatto, respiro sempre e solo con la bocca, da sempre. Una narice é completamente ostruita (credo a causa del setto nasale), l'altra funge, ma avendo sempre quel "filino" di allergia alla polvere, non é che sia proprio eccezziunale... Peró ora mi viene la curiositá: e se provassi a sforzarmi di re-imparare a respirare con il naso? Mmm, ci provo, vediamo che accade (si vede che sono un pó annoiato in questo periodo, non c'ho proprio di meglio a cui pensare ) Quello devo ancora farlo: il lock down mi ha bloccato il programma, ma ormai se ne riparlerá in autunno... Mi sono guardato qualche articolo riguardo a respirazione durante la corsa etc. Fermo restando che (ancora!!) mi rendo conto che non faccio riscaldamento (le scale per scendere in strada sono il mio riscaldamento, altro esperimento: provare a fare un vero riscaldamento e vedere come va ) ma dicono che idealmente sarebbe da fare una inspirazione ogni 2 passi. Buffo: quando corro io "freno" la respirazione, cercando di fare respiri lenti e profondi, diciamo uno ogni 5 passi o giú di lí, e accelerando solo quando inizia a mancarmi il fiato. Bah, dilettanti allo sbaraglio C'é una ragione per cui non mi metto a fare ferrate, anche se m intrigherebbe proprio
  15. Eh, come potevo sbagliarmi? Uno degli unici 3 film ad avermi davvero commosso in tutta la mia vita (da quando ho avuto la mia prima figlia, davanti ai film che in qualche modo trattano la separazione tra un padre e una figlia divento un pappamolla). E anzi, sai che ti dico? Il prossimo indizio riguarda uno degli altri 2 film: "non é venuta per loro, ma per lui".
×
×
  • Create New...