Darklady

Attendente
  • Content count

    5,417
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

Darklady last won the day on March 11

Darklady had the most liked content!

Community Reputation

422 Neutral

About Darklady

  • Rank
    Bardo Spadaccino dalla corte di Kellgeard
  • Birthday 07/03/1976

Contact Methods

  • Website URL
    http:// myspace.com/krimsonsunlight

Profile Information

  • Sesso
    Femmina
  • Location
    Pavia
  • Interests
    Musica, Arte, Libri

Recent Profile Visitors

391 profile views
  1. Chitarre

    Un mio amico, nonché maestro di musica, mi ha sempre detto "scherzosamente" che il basso è "come una batteria che suona le note"......il che non si discosta molto dalla realtà. Suonare bene il basso non significa solo seguire la ritmica e gli accordi di una canzone; il basso, come la chitarra, dà anche l'intenzione e deve essere in grado di costruire quel tappeto ritmico-armonico su cui poi i chitarristi "tessono" i loro soli......Pensate a quello che fa Billy Sheehan nei Mr Big..........Ok, lo so, ho preso subito un mostro sacro; ma è calzante l'esempio perché Sheehan, nonostante tutto, è e resta un bassista fondamentalmente rock, ma con quel basso fa veramente tutto ciò che vuole. E dal vivo è assolutamente fantastico! Visto due volte a distanza di 15 anni....sempre con i Mr Big.....cioé, pura goduria sonora!
  2. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 4 - una canzone che ti commuove. Alura....qui si apre il vaso di Pandora perché sono molteplici i motivi per cui una canzone mi commuove e molto spesso non sono legati ad eventi particolari, ma proprio ad emozioni suscitati ascoltando quella musica; a volte non sono neppure le parole, ma l'armonia, la scelta delle note suonate in quel dato modo, in quel dato registro, con quel determinato tempo. Comunque.....la primissima canzone (anche se non la si può proprio definire banalmente "canzone") che mi ha fatto commuovere viene dalla Musica Classica; ed è forse grazie a quest'aria che mi sono approcciata più seriamente prima all'ascolto e poi anche allo studio di questo mondo sonoro.....
  3. Music Challenge on the Wall.

    A tal proposito, chissà se la faranno?
  4. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 3 - una canzone che ti rende allegro.... Facile.....ce ne sono a bizzeffe; ma una che mi ha sempre fatto ridere ogni volta che l'ascoltavo è "Why don't you get a job" degli Offspring. Complice pure un video divertentissimo o il fatto che ricordi (mooooooolto) "obladì obladà" dei Beatles......e poi è pure uno spasso da suonare!
  5. Chitarre

    Vabbé ma ad un concerto/durante un tour, i chitarristi si porteranno anche 20 chitarre (un doppione per ognuna usata durante una certa canzone/sessione dello show); per forza.....se spaccano una corda, mica possono dire "ok guys, 10 minuti e ritorno", si spostano verso la rastrelliera, ed il roadie porge una chitarra "gemella" (almeno a livello di sound) già accordata....
  6. Chitarre

    @ziowalter1973 sul fatto che le chitarre siano più cool dei bassi avrei qualcosa da dire; se mi dici che i chitarristi sono, per ovvie ragioni, "più esposti" dei bassisti, siamo pienamente d'accordo...... poi, bha.....de gustibus........Prova però ad ascoltare una canzone, una qualsiasi SENZA il basso e poi ne riparliamo. Negli anni'80 si usava molto il doppio strumento; dato il decennio, mi viene da dire che fosse più un atteggiamento da "sboroni" che non una reale necessità stilistico/armonica (se non in rare, rarissime occasioni)
  7. Music Challenge on the Wall.

    Giorno 2: una canzone invernale.... Mah, sarà perché sono finlandesi, tuttavia quasi tutte le canzoni dei Nightwish mi fanno pensare all'inverno; in questa però, si accenna (sebbene sia solo un contorno "scenografico", perché la canzone in sé parla di tutt'altro argomento) alla neve e ad una mattina d'inverno.....
  8. Chitarre

    Non è un discorso di "affezione" nei confronti dello strumento, ma sempre una questione di suono; più il legno è vecchio più vibra, più dona colore al suono. Quindi, semplicemente, le chitarre vecchie, scrostate, logore, suonano meglio di una appena uscita dalla linea produttiva, ovviamente a parità di strumento... Le chitarre dei liutai costano molto; già, è vero, ma dipende da cosa vuoi....i costi finali non si discostano poi molto da quelli dei marchi blasonati. Sai quanto costa una Gibson Les Paul nuova? Qualche anno fa un mio amico si è fatto fare un basso da un liutaio; costo finale 1200,00€ o forse era 1500,00€, ora non ricordo bene. Un Fender Jazz nuovo non costa meno di 1200,00€....quindi, non solo una questione di costi...... Ed infine, discorso endorsement; le case produttrici serie fanno assistenza piena e completa a tutti i loro endorsers, più o meno famosi.......è anche una questione di immagine.
  9. Chitarre

    Bha....le chitarre, così come i bassi, identificano i gusti "sonori" dei loro possessori. Non ho scritto volutamente musicisti poiché ultimamente gli strumenti musicali sono diventati anche oggetti da collezioni (quelli particolari, appartenuti a determinate icone, utilizzate da Tizio nel tal album o nel tal tour, etc etc), quindi sono moltelplici le ragioni per cui qualcuno, chiunque, decide di acquistare una certa chitarra/strumento musicale. Il discorso comunque vale, a maggior ragione, per chi quegli strumenti li suona davvero, con perizia o meno. Una volta la distinzione tra coloro che usavano una Fender, piuttosto di una Gibson o una Ibanez era più netta; oggi è principalmente una questione di "sound" e necessità di prestazioni.....Un'Ibanez (o una Musicmann, penso ad esempio a John Petrucci), tendenzialmente, sarà preferita da coloro che hanno bisogno di velocità; hanno il manico stretto e si prestano alle "scalate" veloci dei cosidetti "shredders". Così come il numero di corde che aumentano, superiore a 4 per i bassi e 6 per le chitarre, serve sostanzialmente ad avere sonorità più cupe (di solito si aggiungono le basse, almeno sui bassi) e le scale posizionate in "verticale" piuttosto che in "orizzontale" quindi più facili e veloci da eseguire...... Ogni strumento poi può essere, come giustamente dicevi tu, customizzato direttamente dalla casa madre, oppure su richiesta dei vari endorsers (ovvero, celelbrità più o meno note che usano ufficilamente quella marca di chitarre e per i quali, appunto, la casa produttrice ha apportato modifiche); ed ecco che avremo i così definiti modelli "signature". Oppure esistono delle edizioni, magari dall'estetica particolare, prodotte in numero limitato. Ed infine esistono ancora i liutai che costruiscono lo strumento in base alle necessità del musicista che lo richiede; questi strumenti, spesso di altissima qualità, non hanno però un mercato florido perché il loro "nome" non è certo mainstream come i blasonati Fender, Gibson, PRS..... pertanto chi se li fa costruire tende a tenerseli e non venderli mai. Ad ogni modo, per concludere, la bontà del suono di una chitarra è dato, oltre che dai legni con cui vengono costruite, anche dalle mecchaniche, dall'elettronica e dalle corde che vengono utilizzate. Hai aperto "un mondo" con questa discussione!
  10. Music Challenge on the Wall.

    Bravi fanciulli "musicofoni", partecipiamo numerosi a queste belle iniziative!!! Anch'io come molti di voi, per molto tempo, non ho avuto una sola canzone preferita, ma diverse a seconda del periodo, delle situazione, delle circostanze.....Tuttavia, da qualche anno a questa parte, nonostante ciclicamente ci siano canzoni che entrano ed escono dalla mia "absolute Top 5", ce n'è una che permane sempre ed il cui primato non viene (o per lo meno, non è ancora stato) mai scalfito. Si tratta del primo EP edito dai Dream Theater nel 1995, anche se di fatto la canzone in sé è di precedente stesura tant'è che avrebbe dovuto rientrare nel disco capolavoro della band newyorkese "Images & Words". E' una suite di oltre 23 minuti di progressive metal, che per me contiene tutti gli elementi topici che contraddistinguono il sound dei DT; ovviamente non mi aspetto che qualcuno di voi l'ascolti per intero....
  11. cantanti da pensionare..

    Mah...in realtà Mina si è autopensionata da sola e già da un bel po'.......Che poi una tantum si diverta a registrare qualcosa ed a pubblicarlo, vabbé è un suo sfizio; ormai si autoproduce da sola, non ha certo bisogno delle case discografiche.
  12. cantanti da pensionare..

    Avrà avuto i suoi pregi, ma io Celentano non l'ho mai potuto sopportare
  13. cantanti da pensionare..

    Loredana Berté sarà anche svalvolata, e nessuno osa negarlo, ci può stare che sia ora e tempo che si renda conto di avere una certa e che non può più atteggiarsi a "ragazzina ribelle evergreen" e che quindi sia giunta anche per lei l'ora del pensionamento.....Tuttavia, per ciò che concerne i suoi talenti musicali, bhe, credo la sua "ugola" parli da sola e non ci vuole un'esperto in musica, un diplomato al conservatorio o un guru del bel canto per capirlo. Che poi non piaccia perché si hanno altri gusti, questo è un'altro discorso. Come tante "meteore" moderne lanciate dai vari talent show, lei è un'interprete.....non scrive canzoni (che io sappia) e probabilmente non sa neppure suonare uno strumento musicale, ma a differenza di molti nomi (che nonostante la giovane età necessiterebbero del "pre-pensionamento anticipato") ha un'espressività ed un colore nella voce che pochi altri hanno. Ultimamente mi è capitato di sentirle cantare Almeno Tu nell'Universo di Mia Martini.......bhe, gente.....da brividi! Perchè è brava, l'ha fatta bene, molto bene!
  14. La canzone del giorno

    Bisognerebbe aprirci un topic......"Musica; Gli artisti pensionabili secondo Barriera"
  15. Sigla! (Openings / Endings)

    Ma a proposito di cartoni sugli animali........ma vogliamo parlare di questo? E la sigla de "I Cavalieri del Re"?