Jump to content

Meera

Utente
  • Content Count

    776
  • Joined

  • Last visited

About Meera

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 07/29/1988

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

343 profile views
  1. Sicuramente non ci saranno grandi rivelazioni... Forse potrebbe essere Arya, i titoli dei capitoli di solito si riferiscono ai relativi POV (the wayward bride=asha, the spurned suitor=quentyn, cat of the canals=arya etc etc). In questo caso la domanda che ci facciamo dal 2011 sarebbe quella sull'identità di Izembaro.
  2. Meera

    Todder

    Mi permetto di dire la mia anche se non sto seguendo la wiki. Mmm secondo me no, perché? Io lascerei entrambi come propone Arya e poi nella nota spiegherei che l'edizione italiana usa alternativamente la trascrizione del soprannome originale (Toad) e la sua traduzione letterale (Rospo). La nota quindi non serve per spiegare che Toad vuol dire Rospo (anche se di fatto si può inserire questa informazione in qualche modo, come ho fatto io nella frase sopra ad es.), ma per segnalare un'incoerenza nella versione italiana, e non è che questo implichi che poi bisognerebbe tradurre tutti i soprannomi... forse non ho capito bene cosa intendi. Secondo me poi è importante mettere entrambi perché il nome è un elemento identificativo importante, pensa all'utente della wiki che magari si ricorda di un certo Rospo e non lo trova, o al contrario si ricorda di Toad e non lo trova... I miei 2 cent insomma :P
  3. Grazie, non mi ricordavo proprio come avevano reso questo scambio in italiano. In inglese è così: Rainey - So you're a leather now. Alex - I'm a leather? Jan - Yeah, a leather tramp. That's what they call the ones that hoof it, go on foot. Technically we're rubber tramps. Rainey - Because we have a vehicle. In effetti ho capito ora il ragionamento del traduttore... trampoliere nel senso di uccello migratore! Non meravigliosa come soluzione, ma ci può stare Scusate l'OT
  4. Vero, Brazil è surreale e grottesco, è un po' la cifra stilistica di Gilliam da quel che mi pare di capire. Il finale è di una tristezza assurda, se ci penso mi viene da piangere. Oddio avevo rimosso l'orrenda traduzione di tramp con trampoliere del doppiaggio italiano @.@ e pensare che è uno dei miei film preferiti! Un altro di quelli che a pensarci sto male. Ho incontrato più di qualche ragazzo che mi ricorda Chris...
  5. Il primo è Sam Lowry! Che bel film Brazil
  6. Vabbè a questo punto è il protagonista di Le conseguenze dell'amore. E' del 2004 come The Terminal e il regista è Sorrentino che ha diretto Sean Penn in This must be the place... che però non è una produzione USA quindi forse sto dicendo una ca***ta edit: ah no ma leggo che è ambientato anche in USA quindi ok
  7. Per qualcuno dei ruoli non ancora annunciati potrebbe esserci qualche attore famoso in ballo, se così fosse ci sta annunciarlo singolarmente e non in mezzo a mille semisconosciuti che passerebbero in secondo piano. Detto questo quoto ryer su Meera, me l'ero immaginata completamente diversa, non più bella, ma per dire non assomiglia nemmeno un po' a Jojen... mentre Olenna ha un che della Dormer e di Finn Jones Thoros di Myr me lo immaginavo del tutto diverso ma conciato come nel video è un figo ahahahah spero lo tengano così con quest'aria da santone hippie californiano. Beric mi sembra abbastanza carismatico, la parte della Confraternita si preannuncia interessante Bene anche i due bruti (Tormund è 1.83 fonte imdb, poi nel caso gli possono pure mettere le scarpe rialzate di silvio&sarko), il resto mi è indifferente.
  8. Allora non perderti le ficcanti argomentazioni dell'autore del topic
  9. Io avevo pensato a Grace di The Others (Nicole Kidman)
  10. Più siamo, meglio è. Finalmente posso farmi guardare male dalla gente per strada mentre discuto in tono serissimo con amici di draghi e profezie e troni da conquistare
  11. Secondo me running skills non è la capacità di correre ma più genericamente le abilità che servono nella corsa. Infatti se si legge il paragrafo precedente si capisce che è un riferimento alla metafora della mentalità da atleta usata per spiegare la differenza tra fare tv e fare teatro. Per cui non credo che ci siano indizi nascosti... a volte quelli di winteriscoming si fanno troppe pippe mentali eheh
  12. "è in condizioni gravi/gravissime/disperate"?
  13. Meera

    serie tv

    Eheh sì, è una pietra miliare degli anni '90, non potevo non guardarlo!
  14. Meera

    serie tv

    Con Lost non sono mai riuscita ad andare oltre la seconda serie, la 3x01 l'avrò iniziata e lasciata a metà minimo tre volte. La mia preferita è senz'altro Twin Peaks, almeno fino a circa metà della seconda stagione, anche perché da lì iniziano ad aprirsi trame minori un po' soap-opera (il finale però mi è piaciuto). Ovviamente sconsigliabile a chi detesta i film di Lynch, rispetto ai quali comunque è molto più digeribile. Le serie sugli/per gli adolescenti di solito mi danno l'orticaria perché sono troppo irrealistiche, piene di personaggi fastidiosi che passano la vita a farsi seghe mentali (come in Dawson's Creek) o a piangersi addosso, oppure incentrate sugli insormontabili drammi patinati dei miliardari (OC, Gossip Girl) dei quali non me ne può fregare di meno. Anche Skins, che piace a molti (almeno le prime due stagioni), a me è sempre parso un ritratto generazionale un po' troppo esagerato, pur con buoni spunti nelle dinamiche tra i ragazzi (sempre meno dalla terza serie in poi). Ecco, in questo genere invece Freaks and Geeks è bello. Parla di una coppia sorella/fratello e dei rispettivi gruppi di amici, i freak e i geek del titolo, appunto, che frequentano lo stesso liceo. Non si prende per nulla sul serio ma pur in un'atmosfera generalmente cazzeggiona riesce a dire più di qualche verità.Tra gli attori, i giovini (era il 1999) Jason Segel, Seth Rogen, James Franco. Anche My So-Called Life non è male, anche se è decisamente un drama ed è molto meno corale. Poi altre serie che ho visto: Misfits - divertenti le prime due stagioni, una schifezza la terza. Fringe - troppo altalenante, alterna periodi buoni a porcate assurde tipo Bellivia, chi ha visto purtroppo sa di cosa parlo. Poi come ha detto qualcun altro, anche la sospensione dell'incredulità ha un limite. Ormai la seguo per inerzia, tanto fra poco la chiudono, probabilmente dovessi tornare indietro non la ricomincerei. Sherlock - carina, gli attori tutti bravi. Romanzo Criminale - molto meglio del film di Placido, finalmente una serie tv italiana degna di questo nome. Boris - parodia del mondo delle fiction scrause di Raiuno, prescindibilissima ma comunque in generale divertente per passare il tempo. Boardwalk Empire: ho visto la prima stagione, alcune puntate un po' narcolettiche ma nel complesso mi è piaciuta. Van Alden/Michael Shannon IDOLO assoluto. Recupererò la seconda prima o poi, anche se ho letto opinioni contrastanti a riguardo. Attualmente sto guardando la seconda stagione di The Killing. Nella prima c'erano parecchie cose che mi davano fastidio, ma la seguivo perché mi piacevano i due protagonisti; la seconda ha corretto il tiro e per ora (sono quasi in pari) mi sta piacendo di più. Vorrei tanto guardare le serie di cui tutti parlano bene es. Mad Men, Breaking Bad, The Wire ma sono 4/5 stagioni l'una e sapendo che mi devo guardare quindicimila puntate prima di mettermi in pari o arrivare alla fine mi passa la voglia :P
  15. In realtà credo si tratti di una relativa appositiva e quindi andrebbe preceduta dalla virgola. Poi fate come volete eh, non voglio rompere le palle su queste cose. Sulla questione dell'armeria trovo che i miglioramenti proposti da Viserion e da Xaro siano entrambi validi.
×
×
  • Create New...