Jump to content

Ser Balon Swann

Utente
  • Content Count

    7,624
  • Joined

  • Last visited

3 Followers

About Ser Balon Swann

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 01/01/1988

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città
    Trento

Recent Profile Visitors

2,197 profile views
  1. cafonaggine allo stato puro. Ma la vera domanda è: come si spiega l'esistenza di Striscia? Quali traumi, traversie, insicurezze, portano una persona a guardare Striscia?
  2. No, imho è un illusione. Non esiste un pensiero razionale. La logica è arbitraria, una creazione umana. La scienza stessa si fonda su assiomi arbitrari. Ogni affermazione è contestabile, criticabile: il paradigma, mutevole. Ogni verità, può essere messa in dubbio, e smontata sofisticamente pezzo per pezzo. Non esiste nessuna "verità" che sia dotata di forza intrinsecamente persuasiva. Non ancora, quantomano. E' una grande illusione in cui sono falliti molti regimi, sia dittatoriali e progressisti: fai vedere alla gente la "verità", e questa, vinta dall'
  3. secondo me invece la pandemia covid, lockwonw, vaccinazioni ecc. hanno dimostrato, a livello non più teorico ma proprio empirico, osservabili, che la strada non è poi tanta. Troppa libertà genera indisciplina. La presa delle istituzioni sulla condotta dei cittadini, la capacità di superarne le istanze più egoistiche e individualiste, pretendere determinati comportamenti collettivamente sincronici e omogenei, ormai è pressoché nulla. Dura competere nel mondo di domani. come dicevo, è un guardare al dito e non alla luna. se il tuo ge
  4. ma no, è solo una questione di efficacia. è estremamente complicato sostituire (il che non vuol dire non aggiornare mai e tenere cristallizata eh) la "vecchia morale comune", comunque radicata, e che ha superato i test del tempo, con una "nuova morale" un "nuovo sistema di valori" che sia in grado di assicurare la stessa coesione, disciplina ecc. A maggior ragione se il nuovo sistema di valori ha come suo cuore pulsante proprio il rifiuto di ogni tipo di coesione e disciplina
  5. ma non è che vivere in uno "Stato Etico" sia auspicabile come cosa fine a sé stessa. una morale, dei valori comuni (a prescindere dal contenuto), una visione condivisa, la capacità di dire no a determinate cose, sono requisiti essenziali e necessari affinché possa esistere un minimo di disciplina personale e collettiva, un minino di rispetto di istituzioni e autorità (da Draghi alla professoressa di italiano), e per una ottimale coesione sociale. E solo uno Stato in cui la collettività è coesa, o comunque in grado di compattarsi in caso di necessità (senza arrivare agli estre
  6. purtroppo no, e infatti cadremo come mele mature. non vedo come una società basata su indisciplina, individualismo, capriccio, incapace di sinergia e progettualità, e che si è pure svenduta la supremazia tecnologica (l'unica cosa che forse poteva tutelare il nostro dorato tramonto da basso impero) per pagare i propri goduriosi vizi, possa resistere per più di un mezzo secolo diciamo in cima alla catena alimentare. la curiosità sta nel vedere chi saranno i nostri futuri Overlord
  7. Che poi alla fin fine la vera questione non è se 4 cannoni facciano meglio o peggio di 2 birre medie, e se sia più facile passare dalla birretta alla vodka liscia o dalla gangia all'ecstasy. Quella è pura accademia. La questione è se uno Stato faccia bene o meno a condonare, legalizzare, permettere, incentivare sistematicamente, ogni forma di sbraco, lassismo, vizio, abbruttimento personale, rinuncia all'autocontrollo e alla disciplina. Far passare il concetto che "no, non si fa" non sia un ordine tollerabile (es. no, non si gira senza mascherina) e che ciò che io voglio debba
  8. verosimile, però qui sorge un altro problema. mi rifiuto di credere che lui pensi che sia meglio, da un punto di vista della qualità complessiva dell'opera, della sua legacy letteraria, consegnare ai posteri una saga inconclusa, troncata a metà, piuttosto che "tirare le fila" in TWOT ammazzando personaggi e chiudendo trame in modo un po' brutale, magari non pulitissimo, magari facendo un uso poco raffinato da "pesci pulitori" come Euron, Gregor Clegane, i Bolton (ma pure, proprio alla buona, Doran crepa di coccolone: spiaze, capita). Ma comunque riuscendo a ricompattare le tr
  9. 21 anni bloccato sullo stesso punto sono devastanti (perché si trova ancora nello stesso identico punto in cui aveva lasciato ASOS, cioè descrivere gli eventi successivi al famoso time-skip. AFFC e ADWD sono un intermezzo, un diversivo, un disperato tentativo di riuscire a sbrogliare la matassa scrivendo cose a caso). 21 anni passati a riscrivere, ripensare, a imboccare vicoli ciechi, sedersi a riflettere e capire di aver totalmente perso l'ispirazione, a fissare lo schermo nero del suo computer antidiluviano, a cestinare i pochi capitoli scritti qualche mese prima rendendosi conto a fred
  10. quindi resta fermo il principio per cui gli ordinamenti dei vari talebani, iraniani, vari emirati, sultanati, califfati arabi, nordcoreani, cinesi russi ecc. vanno smantellati quanto prima e (ri)condotti nell'alveo della democrazia liberale, come massima priorità della politica estera occidentale. A quel punto il discorso diventa un questione di efficacia dei metodi utilizzati nel perseguire tale scopo. L'intervento militare si è rilevato inefficace. Una soluzione, dunque, potrebbe essere un intervento militare drammaticamente più incisivo e su vasta scala.
  11. ma se gli intolleranti vanno espunti, e se i talebani (o simili più grossi e pericolosi) sono intolleranti, non è forse necessario attivarsi, pianificare e impiegare le risorse necessarie per conseguire la loro definitiva rimozione? puoi eliminare dal sistema questo ragionamento solo fingendo che il mondo non sia ormai un posto drammaticamente piccolo e totalmente interconnesso, non un unico grande sistema ma una pluralità di sistemi come 100 anni fa, e che quindi ognuno sia libero di fare quel che gli pare "a casa propria", come monadi indipendenti e isolate. Il che:
  12. come risponderesti a chi rileva che: a) meritatamente o immeritatamente, fortunatamente o sfortunatamente, a prescindere dalla legittimità di tale ascesa, di fatto, il mondo occidentale si trova in una posizione di dominio sulla scena internazionale. Tecnologico, economico, culturale. Anche gli organismi tipo ONU, di fatto, sono espressioni di tale dominio, e controllati - più o meno indirettamente - dall'Occidente. Di fatto l'Occidente "governa" il mondo. Un mondo che è diventato piccolo, minuscolo. Un mondo che è di fatto è più piccolo dell'Italia dell'800. Totalmente interc
×
×
  • Create New...