Jump to content

Ser Balon Swann

Utente
  • Content Count

    7,561
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Ser Balon Swann

  1. sì ma il principio generale per cui , qualora una legge/normativa formale violi/limiti alcuni principi che di "diritto naturale", universale (uguaglianza, dignità, rispetto per la vita umana ecc.), ogni individuo ha il diritto/dovere di opporvisi, non può essere messo in discussione in una democrazia post1945. E nemmeno limitato alla mera disobbedienza civile o al "cambiamo le cose dall'interno". Questo è un discorso che si pone su un piano di massimi sistemi, che trascende il piano giuridico e sconfina nell'etica e nella mroale, ma va tenuto ben presente. Se domani Salvini cambia la costituzione (in modo perfettamente legale) ed emana delle formalmente perfettissime leggi razziali 2.0., ciascun cittadino avrebbe comunque il diritto-dovere di opporvisi, e di agire con i mezzi a sua disposizione per restaurare quei principi supremi violati dalle perfettissime leggi razziali. Piccolo appunto: un pubblico ufficiale, un organo dello Stato, che rispetta e fa applicare una legge ingiusta, è molto più colpevole e complice di un privato cittadino. Poi possiamo discutere tranquillamente e sostenere che in realtà Mimmo Lucano è un pazzo, un furbo, un approfittatore, un estremista, o semplicemente uno che non capisce un caxxo, e che la normativa italiana che lui ha violato non viola nessun principio supremo di uguaglianza e dignità e che quindi è il soggetto in questione è semplicemente un delinquente e va punito. Ci sta eh. Ma non perchè "la legge è legge e va rispettata in quanto tale". La legge va rispettata solo quando non si pone in contrasto con i principi supremi di cui sopra. Il dibattito dovrebbe concentrarsi sul perché e il per come il sistema di leggi e norme violate da Lucano in realtà è compatibile con il principi supremi di cui sopra, e dunque la valutazione operata da Lucano è scorretta, e dunque il suo comportamento è censurabile sia giuridicamente che eticamente. Non liquidare la questione con una banalità giuspositivista da fine ottocento come sento fare da tanti "intellettuali".
  2. Caso Riace. A prescindere da come un la pensi su immigrazione, stranieri, politiche di accoglienza o affondare i barconi e via discorrendo, non trovate anche voi inquietante e preoccupante il dibattito etico collaterale che si è scatenato? Sento persone - anche intellettuali di una certa caratura, asseritamente progressisti, tipo travaglio o scanzi, oltre a diversi giudici ecc. - dire "la legge è legge e va rispettata". Davvero? Really? Suona molto Deutschland 1937. Le legge è la legge, e si può discutere sul fatto che le legge in esame sia più o meno buona. Il potere costituito userà i suoi mezzi per farla rispettare, e si può auspicare o meno che il potere costituito eserciti con severità o meno le sue prerogative. Ma credevo che , sotto un profilo etico, non fosse più materia di discussione (da crica 70 anni...) il fatto che, qualora un individuo ritenga una legge ingiusta, immorale, contraria a quei principi di dignità umana, uguaglianza, solidarietà ecc, abbia, se non il dovere, quantomeno la facoltà personale ed individuale di agire contro la legge in questione. Senza essere criticato se non altro sotto il profilo etico, santo cielo. Può essere censurata la valutazione, ma non messo in discussione il principio che l'etica, i principi di solidarietà e dignità tra uomini, si pongono ASSAI più in alto di qualunque legge formale.
  3. Faccio una considerazione di carattere generale. Al mondo ci sono tante persone, anche intelligenti, buone e oneste, che hanno paure o fisse immotivate. Paura del buio, paura dell'aereo, paura dei neri sui barconi, paura dei comunisti, paura dei vaccini, paura di mangiare malsano eccetera. Ora: con queste persone bisogna convivere. Se raggiungono una soglia critica, bisogna affrontare il problema insieme e cercare un compromesso, o comunque una soluzione ragionevole (purtroppo? per fortuna? Chissà. La democrazia non distingue tra sapienti e stolti). Quindi, da una parte auspicherei un atteggiamento meno aggressivo da parte dei pro-vax (di cui faccio parte). Non si è mai risolto niente dando dell'imb****le ignorante e oscurantista all'avversario. Tuttavia, i no-vax dovrebbero fare una cosa. Per esempio, io non gradisco viaggiare in aereo. Non ho la fobia ma preferisco immensamente viaggiare in macchina o treno. Tuttavia, non mi invento statistiche alternative e fantomatici studi scientifici della domenica per dimostrare a me stesso e agli altri che l'aereo è in realtà pericolossissimo, e che i numeri confermano che viaggiare in macchina è infinitamente più rapido e sicuro. Sono cosciente della mia totale imbecillità sul tema, delle mie paure immotivate, e le ammetto candidamente senza manipolare i numeri a mio favore, pur esigendo che tali paure siano, se non comprese, quantomeno rispettate. Ecco, dei no-vax non mi da fastidio l'avere paura che i vaccini trasformino i propri pargoletti in zombie (non capisco questa paura nello specifico, ma capisco che ogni essere umano possa avere la sua dose di strane e irrazionali nevrosi e paranoie), quanto il cercare di dare un fondamento scientifico per i loro fantasiosi timori. No ragazzi, non c'è niente di scientifico nella posizione dei no-vax, non più di quanto ce ne sia per le antiche civiltà aliene, il bigfoot e il calendario di frate indovino. Auspicherei quindi un atteggiamento similare a quello da me tenuto nei confronti di quei dannati trabiccoli svolazzanti. Quello potrebbe essere un buon punto di partenza per iniziare a discutere del problema.
  4. Geralt con yennifer -> senza carattere e moscio tipo 1000 volte più di quanto possa essere moscia triss. Deprimente dai, fa il bad ass con re, demoni, vampiri e mostri millenari e poi con yennifer diventa una specie di cagnolino remissivo bravissima CD project a rendere in qualche modo credibile e naturale questo cambio di personalità, da profondità al personaggio, ma è (volutamente) abbastanza imbarazzante interagire con Yen finché
  5. la cosa grave è che i destini dell'occidente sono nelle mani di saldatori e pompieri. Con tutto il rispetto per queste nobilissime professioni.
  6. Geralt con Yennifer = zerbino. Decisamente meglio Triss
  7. Ser Balon Swann

    Star Wars

    Lucas aveva proprio la fissa per le piccole creaturine strampalate
  8. Le proiezioni della popolazione africana sono mostruose, o il continente si sviluppa rapidamente - difficile, speriamo - o (salvo arrivo di tecnologie fantascientifiche) un 100-200 milioni di migranti non ce li leva nessuno. Se dovessi giocare di ruolo al malvagio governo, avrei già la soluzione pronta. 1. scatenare il panico con un epidemia fake (tipo ebola) e fare un richiamo di vaccinazioni per l'intera popolazione, che impaurita obbedisce 2. l'allarme rientra, niente paura, epidemia contenuta 3. un paio di anni dopo, rilasciare un virus che uccide il 50%-70% di chi se lo becca 4. sorpresa sorpresa, le vaccinazioni dell'anno prima contenevano il vaccino non per la prima, fasulla epidemia, ma per la seconda 5 risultato: le popolazioni dei paesi civilizzati sono immuni, e il terzo mondo in crescita esponenziale viene sfoltito e l'invasione di massa evitata. Se dovessi giocare di ruolo al buon governo, cercherei di investire e far crescere l'Africa il più rapidamente possibile, opponendomi con decisione a ogni ulteriore forma di spietati sfruttamento e saccheggio, in modo da renderla in un posto vivibile e far crollare di conseguenze il tasso di natalità. È probabile che i futuri governi non siano nè buoni nè malvagi, ma semplicemente impotenti e incompetenti, e in tempi non troppo brevi avremo un nuovo "out of africa". Neanderthal, preparatevi.
  9. Chiudere i porti secondo me è sbagliato, ti esponi solo a critiche internazionali e non risolvi niente. Io lascerei aperti i porti. Apertissimi. Entra pure, sbarca chi vuoi, salva vite umane, ci mancherebbe. Se accerto che hai clandestini a bordo o in generale persone non autorizzate, ti sequestro la nave (e non la vedi più) e ti tengo in italia per 2-3 anni minimo sotto processo per accertamenti vari ed eventuali, e se scopro che ci sono gli estremi del traffico di esseri umani (cosa probabile visti i piccoli ritocchi alla normativa facilmente apportabili), ti pigli pure 15 anni. Cosa questa invece del tutto legittima o legittimabile. Per esempio,, se io con il mio aereo privato carico 10 disperati dal Mozambico e atterro in canada o svizzera, non vedo più l'aereo e probabilmente mi becco pure delle sanzioni pesanti. Niente che non si possa fare anche in italia. Vedi che giro di anno le navi delle ong e i loro equipaggi sono spariti. Poi per i veri e propri barconi di disperati bisogna andare alla fonte, ed è più complessa la cosa. Ma intanto un problema l'hai risolto.
  10. Il Presidente della Repubblica nomina i ministri. Fine. Può anche andare a simpatie o consultare i tarocchi, se vuole. I criteri non sono sindacabili. Può rifiutarsi di nominare sia Pluto che Keynes, per ragioni condivisibili o del tutto arbitrarie. Se il Parlamento ritiene che, rifiutandosi di accettare Pluto e Keynes come ministri, il Presidente stia mettendo in pericolo gli interessi della nazione, sia impazzito o stia tentando un golpe, che lo metta in stato d'accusa. Fine. Il Presidente è il fusibile del sistema, se il contrasto tra Presidente e forze politiche si fa insanabile e intollerabile, significa che il sistema è cotto e decotto, e allora si deve far saltare tutto e dare inizio a una nuova stagione politica e costituente. Oppure zitti e mosca.
  11. Cosa ne pensate della seguente ipotesi. 1) Lega e M5S strillano e strepitano e alla fine mollano, accusando mattarella, ue, mercati e logge massoniche e alieni di aver gomblottato contro di loro e contro il popolo italiano per impedirgli di governare. 2) si torna al voto ma, big surprise, con una "coalizione" del tutto inaspettata: lega e ms5, insieme, con un programma basato proprio sul contrattone. "Ci sono dei punti comuni" dicono "e intendiamo realizzarli. Insieme, prenderemo il 40% e allora nessuno ci fermerà" 3) la cosa non piacerà a molti elettori di lega e m5s, ma alle elezioni passate tra tutte e due hanno preso il 51%. Adesso, con lega in crescita e m5s abbstanza stabile, possono permettersi anche un calo complessivo di 10 punti percentuali e comunque sfondare il tetto del 40%. 4) alle nuove elezioni superano il 40% e tanti saluti Ipotesi realizzabile? Fantascienza?
  12. avengers 4 è un film che dovranno capire e apprezzare 500 milioni di persone tra cui tanti bambini, non credo si metteranno a fare robe iper-complicate alla "matrix incontra l'esercito delle 12 scimmie". formula che vince non si cambia, anche infinty war alla fin fine è un film linearissimo su thanos che va in giro a pestare la gente (così come tutti i film marvel, anche in strange, che è quello un po' più al limite, i poteri della gemma del tempo sono usati in modo prudentissimo e limitatissimo). Cose complicate non le hanno mai fatte, sono pericolose, difficile da gestire e non cominceranno certo nel momento in cui si apprestano a concludere con il botto. e non credo neanche che la scelta di strange si rivelerà così decisiva, certo si tratta di film collegati ma ogni film marvel vuole essere auto-sufficiente, e pertanto può e deve essere a grandi linee capito anche senza avere visto i precedenti. sarà tutto molto più lineare e picchione di quanto non immaginiamo, secondo me. Saranno il coraggio di thor, l'intelligenza di stark e la capacità di persuasione di cap a risultare decisive, non un trucchetto di strange avvenuto del film prima. Può essere che la scelta di strange aiuti in qualche modo a vincere, ma non sarà quella il discrimine tra vittoria e sconfitta. Poi magari mi sbaglio e ci sorprenderanno proprio in questo senso, cioè passando da picchiaduro lineare a una specie di inception in salsa marveliana.
  13. Mah in realtà mi sembra uno dei più importanti... cioè muore odino, asgard viene distrutto, thor perde l'occhio e sblocca il potere del fulmine, si spiega perché hulk sta con thor, thor e loki si riconciliano abbastanza... più che altro a pensarci bene anche black panther è totalmente inutile, basta e avanza quello che viene detto in civil war.
  14. perché io sono interessato al miglior funzionamento della mia società nei limiti in cui tale miglior funzionamento mi garantisce (o ritengo mi possa garantire) un utilità maggiore rispetto a quella che avrei fregandomene del miglior funzionamento della società e pensando direttamente al mio personale interesse. In altri termini. Qualcuno o qualcosa deve convincermi che le rinunce e le gli sforzi che una condotta virtuosa mi impongono, mi porteranno dei benefici. E non basta l'affermazione un po' vaga e ritrita "se tutti ci comportassimo bene staremmo tutti meglio". No no, tu devi farmi VEDERE che è così, devo toccare con mano sta cosa. poi magari è un atteggiamento miope, da "furbetto" ma che poi in realtà non mi porta reali vantaggi, ma tanta gente ragiona così. "Ragiona"... agisce così. . ma no, i veri mostri, sadici e crudeli, sono pochi. però, alle giuste condizioni, è molto facile che la maggior parte della gente si accodi. O resti sullo sfondo a guardare. Tipo con i bulli. Quelli che veramente godono nel fare del male ai compagni sono pochi. Peccato che spesso tanti altri compagni, invece che opporsi, se ne freghino o addirittura gli spalleggino, sghignazzando e dando manforte. Gli stessi che in una classe senza bulli sarebbero invece dei gentili simpaticoni. Come diceva quel tale, bisogna temere non la cattiveria dei malvagi, ma il silenzio degli onesti. qui secondo me siamo già su un altro piano. voler bene ai genitori non è un virtù. E' un istinto abbastanza naturale, e se non lo hai c'è qualche problema alla base (da parte tua o da parte del genitore). La virtù io la vedo come una condotta un po' più strutturata, molto meno immediata e primordiale, e ovviamente molto più fragile, mutevole, che cambia a seconda dei tempi e, appunto, dell'utilità. E che, se non apporta utilità, richiede notevoli sforzi per essere seguita. Insomma tra condotte virtuose come "essere elegante" e "essere onesto e pagare le tasse" e roba come "non ammazzare i bambini per sport" e "essere pervasi da amor filiale" io traccerei una discreta linea di demarcazione, cioè sono cose abbastanza diverse secondo me
  15. con la differenza che ASOIAF è la macchina veloce/motorino che vorremmo, mentre Martin ci regala palline rosse, gialle e verdi.
  16. Certo, infatti adesso tendenzialmente per avere successo con donna bisogna essere rispettosi, gentili e sensibili e simpatici, trattarla alla pari, non essere violenti e maneschi, insomma bisogna comportarsi bene nell'intimità e nel rapporto interpersonale, più che da un punto di vista esterno, formale e sociale. Quindi tutto ciò è diventato una virtù. Quando non era necessario, i matrimoni erano combinati e non esisteva il divorzio, la donna non aveva diritti e potere di scelta ecc., quanto sopra faceva ridere i polli, e invece si dava grande importanza all'essere garbati e galanti con il gentil sesso in società, compiacere la famiglia, fare tutti i salamelecchi del caso eccetera eccetera. E poi magari dentro le mura domestiche erano accettati e accettabili comportamenti che adesso sarebbero da codice penale. Ovviamente tutti noi ci auspichiamo un mondo dove le virtù prevalgano, ma la virtù nasce dell'utilità, e per sopravvivere deve essere incentivata. Essere virtuosi deve essere conveniente. Oppure è naturale che alcuni comportamenti e valori siano percepiti come sempre meno importanti. Il che in certi casi è pure un bene eh.
  17. Ma se io facessi la seguente affermazione, direi una cavolata? I film Iron man 2, Iron man 3, l'incredibile Hulk, Antman, Spiderman e i guardiani della galassia 2 non introducono/approfondiscono/spiegano nessun elemento/evento/personaggio fondamentale per il MCU, e quindi uno spettatore potrebbe tranquillamente arrivare a vedere avengers infinity war con piena e soddisfacente comprensione del lore (godendosi sia infinity war che i flim precedenti) pur senza aver visto i 6 film sopramenzionati. Al massimo uno si perde qualche citazione/riferimento di non primaria importanza. Ogni altro film invece tocca un qualche aspetto che, se non visto, potrebbe lasciare qualche buco sgradevole. (motivo della domanda: un mio amico vuole andare a vedere infinity war ma ha visto pochissimi film del MCU, vuole recuperare in fretta e mi ha chiesto quali può balzare senza particolari conseguenze)
  18. Premessa: il discorso che segue è volutamente generalista, nel senso che riguarda la generalità dei consociati, è una tendenza che può avere anche rilevanti eccezioni. Il punto secondo me è il seguente. Le virtù (o meglio, il rispetto per le c.d. virtù o valori) nasce e si sviluppa seguendo regole meramente utilitaristiche. Per esempio. L'amor di patria. Pensiamo a un tempo dove, fuori dalle tue mura cittadine, non avevi né diritti né tutele, e chiunque poteva ammazzarti come un cane. E' evidente che si era portati a vedere la propria patria come qualcosa di intoccabile, da difendere a qualunque costo. Oppure. Il rispetto per i genitori, per l'autorità, per le regole. Se non davi del Voi al signor padre, prendevi 8 ceffoni e andavi a letto senza cena. Stessa cosa se osavi alzare la voce con il maestro, legnate sulle chiappe e a spalare carbone. Certo che tendevi a rispettare i genitori e l'autorità. L'educazione, la cavalleria, la galanteria ecc. nel rapporto con il gentil sesso. Certo, se facevi il tamarro tipo Fabrizio Corona difficilmente trovavi la contessina da sposare. Oggi direi che si può parlare di una progressiva inversione di tendenza. Ergo. Le antiche virtù perdute sono andate perdute, o vanno via via scomparendo, semplicemente perché non c'è più nessunissima ragione pratica per seguirle e rispettarle.
  19. può starci, le classiche eroine sono sempre parecchio seriose, delle figone un po' spaccaminch*** diciamo. Vedova nera, wonder woman, la stessa waps... tutte fatte un po' con lo stampino, diciamolo. La stessa Gamora dei guardiani è nettamente il personaggio meno divertente del gruppo (per quanto ben fatto, intendiamoci). Provare a fare un eroina sgravata ma allo stesso tempo simpaticona (brie larson non è la classica top model prestata al cinema, ha un po' il facciottone della ragazza carina della porta accanto) e iper-auto ironica ai confini del demenziale, potrebbe venir fuori un capolavoro, un qualcosa di parecchio straniante e inaspettato e che prenderebbe tutti in contropiede.
  20. Beh dal pdv strettamente logico o del realismo è meglio lasciare perdere alcune cose... tipo che malthusianesimo (nel senso proprio di morire di fame) è abbastanza ridicolo se applicato a civiltà con il livello di tecnologia dell'universo marvel... o che, avendo ottenuto il potere assoluto, invece che sterminare metà della popolazione con uno schiocco, con uno schiocco poteva raddoppiare (triplicare, decuplicare, centuplicare) le risorse dell'universo. O fare come con i krogan di mass effect e invece che vaporizzare metà dell'universo, ridurre in modo sostanziale il tasso di fertilità di tutte le specie galattiche (soluzione meno invadante e con effetti più duraturi). Anche perché anche se ha dimezzato la popolazione, nel giro di un paio di generazione siamo daccapo eh, sulla terra siamo passati da 3 miliardi a 7 miliardi in 60 anni Su Captain Marvel... secondo me è quasi impossibile che un personaggio introdotto tipo 4 mesi prima del "gran finale" si riveli addirittura decisivo ai fini della vittoria finale. Anche considerando che hanno lasciato in vita proprio i personaggi più vecchi e rappresentativi. Il gran finale sarà tutto (o quasi tutto) per loro. Poi non si sa mai eh, ma sarebbe molto strano il contrario, secondo me.
  21. Ho letto una teoria interessante. Quando iron man & c. arrivano su Titano, dicono una cosa apparentemente insignificante ma che potrebbe essere fondamentale: sto pianeta è fuori asse di x gradi. Ora, Thanos ha elaborato (e trovato conferma emperica) del suo malthusianesimo galattico proprio partendo dalla situazione di titano. Troppe bocche -> propone la sua soluzione -> non lo ascoltano -> muoiono tutti -> avevo ragione . Ora. Se qualcuno riuscisse a convincere Thanos che l'estinzione di titano è dovuta al mutamento dell'asse, e non alle troppe bocche, potrebbero convincerlo a tornare su suoi passi, o ad aiutare gli avengers.
  22. a me non sembra tanto interconnesso... la nobiltà fa qualche "viaggio di cortesia" di tanto in tanto, ma è un qualcosa di limitatissimo a pochi privilegiati (tra l'altro ignoranti come caproni, che conoscenza vuoi che si diffonda se yohn royce il bronzeo va a grande inverno). Qualche mercante di tanto in tanto arriva da est, ma anche questo, che tecnologia porta mai? Qualche oggetto più avanzato della media, tipo le lenti, ma niente di più. C'è un unico polo di scienza e conoscenza rilevante (la cittadella), che spedisce i maestri in giro per il continente, ma questi non è che siano dediti alla ricerca e allo sviluppo, si limitano a curare le vesciche dei lord e tenere in ordine la biblioteca. Questo fatto che ci sia un unico polo di sapere, autoreferenziale e monopolizzatore, è un fattore altamente limitante per lo sviluppo. Anche solo nell'europa dei secoli bui ce ne erano almeno una decina di importanti, università ecc, in competizione tra loro o comunque con diverse scuole di pensiero, specializzazioni ecc. Anche il fatto che gli inverni siano lunghi e rigidi non favorisce sicuramente viaggi e scambi a flusso continuo. Poi ci sono fattori imponderabili, tipo: conoscono lo zero e il sistema decimale? Io sono abbastanza convinto che senza lo zero e il sistema decimale la rivoluzione scientifica e tutto il pensiero razionale che deriva dagli studi matematici (cartesio, leibniz, gelileo stesso ecc.) ce la saremmo sognata, o comunque che avrebbe avuto una portata infinitamente minore, o mooolto più lenta. Metti che a Westeros abbiano una roba immonda tipo i numeri romani: è una palla al piede notevolissima, in certi ambiti. E nessuno ci assicura che, se l'anonimo genio indiano che ha per primo concepito l'uso moderno dello zero non fosse esistito, o catastrofi ambientali o sociali avessero devastato l'India di quel tempo riportandolo all'età della pietra (tipo un eruzione vulcanica, o la venuta dei pazzoidi signori dei draghi?),, noi in occidente ci saremmo arrivati da soli. I greci e i romani non erano certo dei deficienti, ma in 2000 anni non hanno saputo darsi un sistema matematico efficiente. Ce l'avrebbero fatta avendo a disposizione altri 2000 anni? Chissà. Altro fattore: la polvere da sparo, che ha cambiato il modo di fare la guerra, e quindi l'organizzazione degli eserciti e i rapporti di forza tra nobiltà e altre classi e, da là, ha innescato un cambiamento sociale immenso, che ha evidentemente avuto ripercussioni enormi sullo sviluppo tecnologico, sulla diffusione della conoscenza ecc. Mettiamo che su westeros semplicemente non ci siano le materie prime per sviluppare la polvere da sparo. Qualcuno ha mai nominato il salnitro? Si resta alla società feudale forever and ever, e quindi all'economia di sussitenza, il latifondo, non si crea nessun tipo di classe media, non si sviluppano i centri urbani, non c'è accumulo di capitale, il potere centrale rimane debole. E uno dei fattori principali del progresso tecnologico è uscire dalla palude di un economia quasi esclusivamente agricola, dominata da una classe dirigente dedita solo alla guerra, senza un minimo di capitale (o la volontà/interesse) da investire in ricerca. Passando a ESSOS... mi pare messo ancora peggio. Le città libere rappresentano alcuni dei poli tecnologici più avanzati, ma sono isolate, in conflitto tra loro, e comunque sono indipendenti da 300 anni. Diamogli un po' di tempo, anche Firenze e Venezia ci hanno messo qualche secolo prima di dare via al rinascimento. Nell'interno imperversano i dothraki, e metà del territorio è ancora una landa desolata, causa genocidi valyriani e poi catastrofe di valyria. Quanto a valyria, facevano ampio uso della magia, e l'uso di una tecnologia (come è la magia, infondo), se tale tecnologia è efficiente, ti rende cieco o comunque miope alle alternative. Non c'è nessuno incentivo a ricercarle. Quindi ci sta che dopo la scomparsa della magia in alcuni settori non si sappia dove andare a parare, e ci voglia parecchio tempo prima di trovare un "sostituto" non magico. Infine, "crolli della civiltà" possono rallentare lo sviluppo di secoli, se non millenni (fine della civiltà del bronzo, caduta dell'impero romano), e direi che westeros + essoss ne hanno conosciuti tanti di eventi del genere. La lunga notte per dire potrebbe essere un cataclisma sufficiente a bloccare ogni sviluppo per diversi millenni. Poi la venuta dei dothraki, le guerre valyriane lungo il fiumo royne ecc. Non è inverosimile pensare che nel momento in cui la barriera è stata costruita il livello tecnologico fosse regredito a quello dell'età del rame o poco più. Da là sono trascorsi 8000 anni Nel nostro mondo ne sono trascorsi 6000 dalla data di costruzione delle piramidi (diciamo che potremmo paragonarle alla barriera) Un ritardo di 2500 anni non mi pare clamorosamente inverosimile, considerato quanto sopra
  23. 1. lo sviluppo tecnologico non è lineare. Possono esserci culture che sviluppano competenze notevolissime in certi ambiti e restano arrestatissime in altri. Esempio clamoroso. Le civiltà precolombiane riuscivano a fare costruzioni pazzesche, avevano conoscenze avanzate in tanti ambiti, e la capitale del regno azteco era un gioiello di organizzazione e tecnologia, la più grande città del mondo, ma non avevano ancora scoperto la ruota. Nel 1.500. Ruota che invece era stata scoperta già svariate migliaia di anni prima di cristo da popolazioni praticamente primitive stanziate in polonia (la polonia del 3.500 a.c., vi lascio immaginare che fiorire di civiltà e tecnologia), gente che malapena sapeva costruire una baracca di legno. E che nonostante avesse scoperto la ruota, con largo anticipo su tante altre culture, è rimasta là nelle baracche di fango per altri 4000 anni. Strano? No, così è. La tecnologia non funziona nei videogiochi, se sviluppi una tecnologia poi ti si sblocca quella successiva e via così, o comunque non sempre. Possono benissimo esserci anche "buchi" clamorosi. Chissà cosa ci siamo persi noi lungo la strada, magari una civiltà aliena ci sta guardando e dicendo "ma guarda questi, nel 1700 massimo 1800 avrebbero dovuto scoprire la tal tecnologia X, veramente incredibile che non l'abbiano ancora fatto, cioè questi hanno i computer e manco hanno X ??? Non ci credo..." 2. La tecnologia sul pianeta terra si è sviluppata in modi non lineare. Ok. Si è sviluppa anche a una certa velocità. In 6000 anni siamo passati dalle case di fango ai viaggi spaziali. Ottimo. Ma è l'unico parametro che abbiamo, quindi non possiamo dire che sia stato uno sviluppo normale, o uno sviluppo rapido, o uno sviluppo lento. Un libro fantasy potrebbe far sviluppare la tecnologia del suo mondo da 0 alla rivoluzione industriale in 2000 anni come in 20000, e noi non potremmo dire con certezza se sia verosimile o no come cosa. Fino al 1700 a.c. non è che fossimo a un livello poi tanto superiore rispetto a 2000 anni prima, e poi in 200 anni è cambiato tutto. La vita sulla terra è nata 4 miliardi e rotti di anni fa, e ci ha messo 4 miliardi di anni a sviluppare una forma di vita intelligente. E' un processo rapido? Lento? E chi lo sa? Era statisticamente probabile che una forma di vita intelligente si sviluppasse tra la prima e la seconda estinzione di massa? O magari è statisticamente quasi certo che la vita sia impossibile, visto che nessun pianeta ha il ciclo vitale della durata necessaria per sviluppare una forma di vita intelligente, e quindi noi siamo un quasi miracolo? O forse è stranissimo che solo l'uomo è arrivato a questi livelli, e nell'universo la regola è che le forme di vita intelligente fioriscano a ripetizione su ciascun pianeta? BOH. Stesso discorso per lo sviluppo tecnologico. Non possiamo applicare pari pari la nostra esperienza a un opera di fantasia. O meglio, possiamo farlo, per una questione di necessaria verosimiglianza, ma non c'è nulla di male nel discostarsi dal nostro modello. Non è un errore o una pecca o un qualcosa di superficiale e irrealistico.
  24. Che gioco pazzesco. Ha tanti difetti, ma nessun gioco, una volta finito, mi ha lasciato la netta sensazione di aver intrapreso un vero e proprio "viaggio". Un viaggio lunghissimo, vario, fatto di momenti e personaggi di epici e memorabili, e anche tanta roba dimenticabile, ripetitiva, una galassia di piccoli episodi piacevoli, divertenti, o magari anche noiosi e già quasi dimenticati, a fare da "sottofondo". Proprio come succede in ogni viaggio. Hearth of Stone secondo me è il punto più alto della trilogia, straordinario dall'inizio alla fine, credo tra le 10-15 migliori ore che abbia mai "videogiocato"
  25. 1) Loki è morto davvero? Boh, speriamo di sì. Quello che doveva dire l'ha detto. Certo per un personaggio così iconico ci si poteva aspettare un uscito più in grande stile. Ma secondo me tornerà in qualche forma. Visione, fantasmino del natale passato, resurrezione vera e propria, chissà. Io dico che al 70% quella non è stata l'ultima scena di Loki/Tom. 2) Thanos. Cattivo più che leggendario, profondo per quanto possa esserlo un personaggio del genere, Brolin straordinario, boh, veramente spettacolare. Il vero protagonista e mattatore del film, nessun dubbio. Se Avengers 4 non sarà più che leggendario, mi farò un headcanon dove l'universo espanso marvel termina con infinity wars, pari pari a matrix, breaking bad e, very sadly, ASOS 3) il piano di Strange. Sicuramente si lanceranno nel magico mondo dei plot holes, dei viaggi nel tempo o del multiverso o del mondo quantico di antman, in modo da resuscitare tutti i nuovi eroi (essenziali per la nuova fase dell'universo cinematografico), il 50% della popolazione galattica e in definitiva sconfiggere thanos. L'unico problema - non da poco - è il seguente. Hanno fatto uno dei (il?) film più epici, leggendari, spettacolari, di successo di sempre, una pietra miliare del genere ecc. Esce il seguito e, di fatto, resettano tutto? Ecco, vedete, alla fin fine nulla di quanto accaduto in quel vecchio film leggendario è mai accaduto veramente, o comunque diventa irrilevante. Nessuno è mai morto davvero, nessuno è mai stato sconfitto davvero, o forse sì, ma alla fin fine non importa perché abbiamo fatto un bel reset. Sarebbe - secondo me - oltremodo deludente. Quindi devono trovare il modo per vincere e sconfiggere thanos ma senza svilire il film precedente. Ma confido che ci abbiano pensato e sappiano il fatto loro, anche se ripeto, non è facile. 4) ...Captain Marvel. Non credo sarà in ogni caso fondamentale, hanno fatto apposta ad ammazzare tutti i "nuovi" per lasciare il giusto spazio agli avengers originali (molto sacrificati in questo film), quindi dubito che introducano un deus ex machina vivente proprio all'ultimo atto. In ogni caso, se sono furbi stanno in ogni caso attenti a non farla troppo overpowered. La presenza di Superman, che una scoreggia può annichilire qualunque giga minaccia spaziale concepibile, non solo rende l'universo DC più povero, ma soprattutto rende la justice league un club di sfigati (se non c'è bisogno di superman vuol dire che il nemico che stanno affrontando è un povero pippone, se il nemico è al livello di superman, loro al massimo fanno da tappezzeria: in ogni caso, sono inutili). Credo che la marvel ne sia consapevole e starà attenta a crearla abbastanza "bilanciata".
×
×
  • Create New...