Jump to content
Sign in to follow this  
Metamorfo

Omofobia

Recommended Posts

Argomento attuale sul forum, e in politica.

 

La Maggioranza (PDL, LEGA e Responsabili), sostenuta da parte dell'UDC respinge la legge proposta dal PD Concia, che voleva introdurre aggravanti per i reati commessi a scopo discriminatorio di tipo sessuale.

Cose che succedono in un paese dove esiste una certa mentalità (soprattutto, ma non soltanto, destrorsa) maschilista, e dove la Chiesa Cattolica ha un ruolo, anche politico, fondamentale.

 

http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/cronaca/gay-aggrediti/legge-omofobia/legge-omofobia.html

 

http://www.corriere.it/politica/11_maggio_18/omofobia-concia-bocciatura_1370f918-8157-11e0-ab0f-f30ae62858c8.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ennesima pagliacciata di questa pseudo maggioranza. Quando si tratta di votare provvedimenti sulle discriminazioni vere e altrui ovviamente le leggi non passano mai, invece per far passare che Ruby era la nipote di Mubarak <img alt=" /> :blink: e si rischiava un incidente diplomatico con l'Egitto tutti presenti e votanti come scolaretti militarizzati. Non aggiungo altro tanto il mio pensiero è arcinoto a tutti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente, a loro neppure importerebbe. Sicuramente si ingraziano le alte sfere religiose, e poi pensano di ingraziarsi anche quello che chiamano "ceto medio", spaventato dagli "operai comunisti", dai gay, dagli atei. Categorie spaventosissime! &gt;_&gt;

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro non si trattava nemmeno di istituire un reato ex novo, ma di introdurre un'aggravante, tanto per scoraggiare i bulletti di cartapesta. Sarebbe stato un segnale importante, una volta tanto una presa di posizione bipartisan (lo so che è odiosa questa parola). La Carfagna, che per usare un eufemismo non amo, ha appoggiato questa legge con forza, insieme alla Concia e a Vladimir Luxuria, eppure non è servito.

D'altronde sarebbe inconcepibile che una legge contro l'omofobia fosse varata da una maggioranza che più omofoba non si può.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Chi porta la bandiera dell'omofobia in Italia?

Per farmi del male, sono andato a leggere gli articoli a proposito dell'EuroGaypride di ieri a Roma, su Il Giornale e Libero... &gt;_&gt;

Share this post


Link to post
Share on other sites

D'altronde sarebbe inconcepibile che una legge contro l'omofobia fosse varata da una maggioranza che più omofoba non si può.

 

Il che mi porta a chiedermi come abbiano risolto il conflitto di coscienza quelle persone che, pur avendo votato questa maggioranza, hanno amici/parenti gay, lesbiche, ecc. Probabilmente, ogni volta si ripetono che le ingiustizie nei confronti dei loro amici/parenti sono un "giusto prezzo" da pagare per avere un Governo così "irreprensibile" ed "efficace", mica come quei "comunisti mangiabambini" che altrimenti sarebbero andati al potere. Mah...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo i diritti civili non sono quasi mai la principale motivazione di voto in Italia.

 

Facendo pesi e contrappesi, ci saranno persone che magari disprezzeranno l'atteggiamento della destra su questi temi ma preferiscono lo stesso votarla perché la ritengono più affidabile per altri (es. stabilità di governo).

 

Quello che personalmente ritengo il vero problema è la riscrittura della storia e della sociologia su chiavi propagandistiche e non scientifiche (tipo che l'Impero Romano è caduto per colpa dell'eccessiva presenza di gay ai posti di potere); ci sarebbe poi da parlare di partiti che pur di essere maggioranza assecondano i peggiori istinti della popolazione e sdoganano i peggiori comportamenti (metodo vincente per conquistare voti ma pessimo dal punto di vista della civiltà), ma il discorso si farebbe decisamente complesso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello che personalmente ritengo il vero problema è la riscrittura della storia e della sociologia su chiavi propagandistiche e non scientifiche (tipo che l'Impero Romano è caduto per colpa dell'eccessiva presenza di gay ai posti di potere); ci sarebbe poi da parlare di partiti che pur di essere maggioranza assecondano i peggiori istinti della popolazione e sdoganano i peggiori comportamenti (metodo vincente per conquistare voti ma pessimo dal punto di vista della civiltà), ma il discorso si farebbe decisamente complesso.

 

C'è qualcuno che dice delle idiozie tali sulla caduta dell'Impero Romano? Tristezza...

Discorso giusto, ma hai dimenticato una delle motivazioni più importanti: la volontà di blandire la Chiesa Cattolica e ottenere la benedizione di questa che in Italia è una potenza politica occulta

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Quello che personalmente ritengo il vero problema è la riscrittura della storia e della sociologia su chiavi propagandistiche e non scientifiche (tipo che l'Impero Romano è caduto per colpa dell'eccessiva presenza di gay ai posti di potere); ci sarebbe poi da parlare di partiti che pur di essere maggioranza assecondano i peggiori istinti della popolazione e sdoganano i peggiori comportamenti (metodo vincente per conquistare voti ma pessimo dal punto di vista della civiltà), ma il discorso si farebbe decisamente complesso.

 

C'è qualcuno che dice delle idiozie tali sulla caduta dell'Impero Romano? Tristezza...

Discorso giusto, ma hai dimenticato una delle motivazioni più importanti: la volontà di blandire la Chiesa Cattolica e ottenere la benedizione di questa che in Italia è una potenza politica occulta

 

Concordo in pieno sul Vaticano, il mio discorso era tuttavia più orientato agli elettori che ai partiti.

 

Sull'Impero Romano, trattasi nientemeno che di Roberto De Mattei, vicepresidente del CNR messo lì dal Governo Berlusconi nel 2004, rimosso dal Governo Prodi nel 2007 e rimesso dal Governo Berlusconi nel 2008, anche noto per aver detto che Fukushima è stata una punizione divina, per essere un negatore dell'evoluzionismo, per voler continuare i trattamenti terapeutici oltre la morte cerebrale dei pazienti e per far parte dei famigerati Legionari di Cristo, la congregazione fondata e guidata dal tristemente noto Padre Maciel, accusato di oltre trenta episodi di pedofilia, e che ha potuto vantare un'altra decina di episodi di pedofilia messi a tacere senza comunicazione alle autorità ecclesiastiche e civili emersi solo negli ultimi anni.

Non voglio naturalmente accostare De Mattei a simili personaggi o pratiche, ma il fatto che tale personaggio non si sia mai dissociato dall'ordine summenzionato (anzi insegna attualmente storia nell'università di Roma gestita da tale congregazione) certo non fa aumentare la mia stima per lui.

Mi fermo qui perché se no vado OT. Solo, pensiamo che in Italia una simile persona con un simile pensiero è vicedirettore del principale ente di ricerca scientifica del Paese.

Share this post


Link to post
Share on other sites

[Concordo in pieno sul Vaticano, il mio discorso era tuttavia più orientato agli elettori che ai partiti.

 

Sull'Impero Romano, trattasi nientemeno che di Roberto De Mattei, vicepresidente del CNR messo lì dal Governo Berlusconi nel 2004, rimosso dal Governo Prodi nel 2007 e rimesso dal Governo Berlusconi nel 2008, anche noto per aver detto che Fukushima è stata una punizione divina, per essere un negatore dell'evoluzionismo, per voler continuare i trattamenti terapeutici oltre la morte cerebrale dei pazienti e per far parte dei famigerati Legionari di Cristo...

<img alt=" />

Negare l'evoluzionismo nel 2011...

 

Non conoscevo sto essere. Sono andato a leggere qualcosa sul suo sito. Per rimanere IN, riporto una parte sul gay pride (soltanto le parti più aberranti):

 

Il problema sul tappeto non riguarda la libertà o meno di praticare l’omosessualità. Questa libertà purtroppo già esiste...L’omosessualità è una gravissima violazione dell’ordine naturale, definita abominevole dalla Sacra Scrittura e dalle leggi civili dell’Occidente cristiano...Noi non riconosciamo il diritto all’omosessualità semplicemente perché questo diritto non esiste.Il diritto all’omosessualità non esiste e non può esistere perché l’omosessualità è un atto intrinsecamente disordinato che non può pretendere, in quanto tale, alcuna tutela giuridica.

Come può del resto invocare diritti chi nega l’esistenza di una legge naturale assoluta e valida per tutti gli uomini, chi fa sua la filosofia dell’edonismo e del relativismo assoluto?

Se il bene e il male non esistono, se il relativismo è assoluto, non esistono i diritti, ma vige la legge del più forte.I manifestanti del Gay Pride proclamano il relativismo e il nichilismo assoluto e vogliono imporci non con la ragione, ma con la forza, con la forza dei gruppi finanziari e mediatici che li sostengono, la loro visione di vita.

Tutti i principali giornali italiani, con qualche rara eccezione, presentano gli omosessuali come una categoria discriminata ed emarginata dalla società.Io domando: chi è oggi discriminato ed emarginato dalla società?...Noi, non loro, siamo gli aggrediti. Noi, non loro, siamo gli emarginati e i discriminati...Nel silenzio di questa notte la nostra vuole essere innanzitutto una voce umile e supplice che si leva di fronte a Dio e alla storia per chiedere perdono di tutti gli oltraggi, le bestemmie e i sacrilegi che saranno compiuti durante il sabba di questa settimana.E’ una voce dunque di riparazione e di penitenza.Penitenza, penitenza, penitenza!...In questo senso la nostra è una fiaccolata di lotta. Ogni lotta tende alla vittoria. La filosofia del Gay Pride è in sé distruttiva e infeconda. E’ una cultura di morte che brucia tutto ciò che tocca come un micidiale acido corrosivo ed è condannata alla sconfitta.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Purtroppo i diritti civili non sono quasi mai la principale motivazione di voto in Italia.

 

A me pare che siano argomenti che interessano davvero molto poco anche alle elite. Indubbiamente c'è un ritardo culturale dell'Italia, ma penso anche che pesi molto il complesso della situazione politica. Rispetto ai problemi della politica italiana, i diritti civili sono visti come qualcosa di assolutamente alieno al dibattito. La precarietà del sistema colpisce soprattutto le minoranze e le loro istanze, perchè i partiti vanno alla caccia del corpaccione elettorale, non dei vari segmenti. Poi io avevo anche letto qualcosa in merito rispetto al fatto che i gay italiani fanno "poca lobby". Non riescono cioè a organizzarsi in sistemi di pressione che fungano da sprone alla politica. Alla fine l'appartenenza ai partiti la fa da padrone e oltrepassa quello che potrebbe essere un obiettivo comune.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Complimenti agli italiani che votano questa gente. E la cosa più allucinante di tutte sai quale è? Pure molti gay li votano, li hanno votati e li rivoterebbero... che dire...in Sardegna diremmo "italiani, salveisì!", qualcosa di intraducibile in italiano... la cosa più simile è "tanti auguri!", anche se non è altrettanto pesante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.youtube.com/watch?v=vLAG79iLkMg

 

Video a parte, mi pare di vedere tra gli omofobi, in particolare i più giovani, un inasprimento dei toni: immagini più violente, riferimenti a Hitler, ecc.

 

Il tutto, mentre paradossalmente nel maschio etero delle nuove generazioni aumenta la tendenza ad assumere costumi sempre più femminei (sopracciglia e petti depilati, uso di cosmetici, posture, ecc.).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molti commenti sotto a questo video, dimostrano che ignoranza e pregiudizio sono ancora lontani dall'essere eliminati:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...