Jump to content

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni


Recommended Posts

@serbalon: capito tuo ragionamento. solo che x greci bastava ad un certo punto mettere dentro qualche dio ed erano a posto. qui la vedo un po diversa. cmq ovvio che certe soluzioni possono sembrare "facili". concordo anche io che certi personaggi hanno avuto un c..o sfacciato (tipo tyrion che nn muore mai malgrado varie vicende e battaglie).

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.8k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Beh diciamo che il Deus "R'hollor" fa il suo ingresso in scena prepotentemente quando la situazione per Stannis è compromessa: Renly ha un esercito almeno dieci volte maggiore , e solo la sua morte improvvisa e improbabile (era circondato da schiere di seguaci e guardie del corpo che non erano proprio i primi arrivati... Brienne, Loras, Randyll Tarly ecc.. ) spiana la strada a Stannis.

Ok Martin ci aveva accennato che la magia si stava risvegliando, ma da lì a un'ombra killer implacabile siamo parecchio distanti!

 

Ma è stata l'unica volta che ho provato un leggero fastidio.. Per il resto certi passaggi della trama possono piacere o meno, ma non mi pare ci siano stati altri "escamotage" come questo nelle cronache!

Link to post
Share on other sites
Guest Brynden Rivers

L'ombra non è uscita all'improvviso: Stannis è salpato sapendo che se Renly non avesse ceduto, l'avrebbe ucciso Melisandre-R'hllor. Non è un Deus, era già stato stabilito tutto, se no Stannis sarebbe stato solo un idiota a salpare senza alcuna chance di vittoria viste le forze schierate dal fratello, e lui non è un idiota che rischia senza avere almeno una chance di vittoria.

Link to post
Share on other sites

Una magia tra l'altro mai più ripetuta da Melisandre.

Melisandre sembra l'unica "maga" che all'accrescere della magia in tutto il mondo, corrisponda una sua maggiore fallibilità.

 

Entra in scena con la potenza di un dio e adesso vede fischi per fiaschi.

 

Riesco a dargli una sorta di spiegazione solo se considero che la storia la porti dove la magia del ghiaccio è molto più forte, o che sia troppo vicina a quella degli Others insomma.

Link to post
Share on other sites
Guest Brynden Rivers

Se Martin avesse chiarito come funziona il suo sistema magico, tutto sarebbe più semplice. Ad esempio, anche la trasformazione di Mance in Rattleshirt è abbastanza sbucata fuori dal nulla.

Perchè non rubare un oggetto di Renly o prenderne uno vecchio che di sicuro Stannis doveva avere e fare lo stesso per camuffare, ad esempio, Stannis? Sei abbastanza potente da creare un'ombra assassina ma non di trsformare qualcuno? Non ci credo.

Fin quando Martin non chiarirà come funziona la magia nel suo mondo, discutiamo sul nulla: tutto potrebbe essere un deus, e tutto potrebbe non esserlo.

E, onestamente, dubito che mai lo farà: nemmeno lui sa come funziona, si vede palesemente che è infilata "tanto per" e chiarirla finirebbe solo a creare un ulteriore macello nelle Cronache, mi sa.

Link to post
Share on other sites

Che invece fosse così, stona di brutto con l'approccio e l'ambientazione simil-storica.

 

Meglio un fantasy puro alla dungeons and dragons, dove stacchi dalla realtà una volta, forte, e basta, che non uno con continui richiami al realistico.

 

Spero che una spiegazione d'equilibrio magico invece la abbia ben precisa in mente.

In certi momenti della lettura sembrerebbe che non abbia sottovalutato questo aspetto.

Link to post
Share on other sites

Io ho l'impressione che, riguardo alla magia e al suo funzionamento, Martin non abbia le idee molto chiare: a lui basta infilarne un po' e vantarsi di quanto sia più realistica rispetto a quella che si vede in tante altre opere fantasy.

 

Soltanto chi ha dei ritardi può pensare che "magia" e "realistica" nella stessa frase sia possibile senza dire una boiata.

Link to post
Share on other sites
Guest Brynden Rivers

Credo che con "realistica" intendesse "coerente" o "originale" o "non esagerata". Cioè, non la solita roba tipo maghi che sparano palle di fuoco dalle mani a muzzo in stile Ruota del tempo. In ogni caso, nemmeno la magia di Martin è un granché e di certo, come stiamo dicendo tutti da 2 pagine circa, non è coerente e puoi farci alcune cose decisamente potenti lol.

Se vuoi svisionare con sistemi magici coerenti (per quanto inverosimili o, per meglio dire, improbabili), bisogna leggere Sanderson: al momento nel panorama fantastico c'è solo lui che affronta il fantasy applicando un metodo "scientifico" (cioè basato su regole interne che non si contraddicono e inviolabili) alla creazione dei sistemi magici (e spesso anche lui toppa di brutto).

Link to post
Share on other sites

 

Io ho l'impressione che, riguardo alla magia e al suo funzionamento, Martin non abbia le idee molto chiare: a lui basta infilarne un po' e vantarsi di quanto sia più realistica rispetto a quella che si vede in tante altre opere fantasy.

 

Soltanto chi ha dei ritardi può pensare che "magia" e "realistica" nella stessa frase sia possibile senza dire una boiata.

 

 

Ma anche no! Il discorso che fa Martin in qualche intervista (e che in parte sottoscrivo) è questo: se la magia è esageratamente potente e permette di sparare palle di fuoco o di spazzare via interi eserciti, perché allora il potere è sempre esercitato da re e guerrieri e non dai maghi? La magia di ASOIAF è "realistica" (almeno in teoria) perché permette sì di fare cose impressionanti, ma ha una serie di limitazioni (almeno per quanto abbiamo visto finora) che giustificano il fatto che al potere ci siano i re e non gli stregoni.

 

E comunque dovresti moderare un po' i termini, sai?

Link to post
Share on other sites
Guest Brynden Rivers

Veramente coi poteri di Melisandre io avrei potuto dominare il mondo. preveggenza, previsione del futuro, uccidere i nemici solo con un po' di sangue, evocare ombre assassine, immune al freddo... Tanto per dirne un paio.

Insomma, che cosa vuoi di più dalla vita?

Link to post
Share on other sites

Veramente coi poteri di Melisandre io avrei potuto dominare il mondo. preveggenza, previsione del futuro, uccidere i nemici solo con un po' di sangue, evocare ombre assassine, immune al freddo... Tanto per dirne un paio.

Insomma, che cosa vuoi di più dalla vita?

 

Infatti ho detto "in teoria", poi sappiamo che nella pratica Martin non sempre rispetta le sue dichiarazioni teoriche. Basti vedere come criticava il ritorno di Gandalf nel SdA e quante resurrezioni ci abbia rifilato (e ci stia per rifilare) negli ultimi libri.

Link to post
Share on other sites
Guest Brynden Rivers

E questo vuol dire fare pessimo fantasy, purtroppo. Le Cronache, dal punto di vista fantastico e del sistema magico, fanno pena e non vanno prese come esempio. 

L'abilità di Martin è nel saper creare personaggi tridimensionali, veri, e nell'orchestrare trame intriganti, ma nell'usare elementi fantastici, diciamolo, è un disastro totale.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,875
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    James231295
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,127
    • Total Posts
      748,859
×
×
  • Create New...