Jump to content

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni


Recommended Posts

Vabbè, non che ce ne fosse bisogno sia chiaro, ma abbiamo l'ennesima conferma che il completamento di Twow ha lo stesso livello di priorità della potatura del giardino.

Poi la perculazione finale poi sul nuovo lavoro segreto è spettacolare, roba da televendita.... >_>

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Dunque: 5 script per la HBO (ci lavora da Agosto), Fire and Blood, 4 nuovi libri Wild Cards, la serie SyFy sul suo romanzo di fantascienza e...pure alcune cose che non può dire.

 

Per quest'anno TWOW ce lo scordiamo...

Link to post
Share on other sites

Secondo me ormai ha preso atto che la sarà la serie tv a chiudere la saga per lettori e appassionati (al 90%), emotivamente parlando almeno. E che finché è in vita, è il successo della serie tv (oltre che eventuali spin off) a garantirgli la maggiore visibilità, denaro, riconoscimenti.

Quindi ormai dei lettori in quanto tali se ne frega. Ci ha, in un certo senso, persi per sempre.

Credo che ormai sia proiettato piuttosto sui lettori del futuro, quelli che prenderanno in mano la saga tra tra 10-20-100 anni.

 

I lettori dei decenni futuri la serie tv HBO manco sapranno che esiste, e anche qualora sappiano che esiste, se vorranno potranno comunque leggersi prima le cronache da cima a fondo, senza pause di 6 anni e senza anticipazioni/spoiler/finali alternativi firmati D&D.

Il prodotto completo, finito, auto-sufficiente.

 

Quindi ora come ora inutile fare le corse per far uscire TWOT nel 2017 o 2018, meglio puntare alla perfezione assoluta (che secondo me non si ottiene riscrivendo 800 volte lo stesso capitolo, ma lui è convinto di sì quindi tant'è), e lasciare come testamento per le generazioni future la miglior opera possibile.

Adesso e per qualche tempo lui è e sarà "quello che ha scritto i libri della serie tv", ma sul lungo termine potrebbe essere le cronache (e solo le cronache) a consegnarlo all'immortalità letteraria.

 

Da qui un certo rilassamento: non ha più nessuna scadenza in testa, se non il mero completare (il quando è irrilevante) la saga.

 

A parte "La" Scadenza, certo, ma non si può certo pretendere che prenda atto delle propria non più giovanissima età e, memento mori, si metta a scrivere come un pazzo 15 ore la giorno. E' umano e comprensibile ignorare l'incombere della propria morte e comportarsi come se si dovesse campare 350 anni, non si può certo fargliene una colpa.

Link to post
Share on other sites

A parte "La" Scadenza, certo, ma non si può certo pretendere che prenda atto delle propria non più giovanissima età e, memento mori, si metta a scrivere come un pazzo 15 ore la giorno. E' umano e comprensibile ignorare l'incombere della propria morte e comportarsi come se si dovesse campare 350 anni, non si può certo fargliene una colpa.

 

Sarei d'accordo con tutto quello che hai detto, e che ha perfettamente senso, se non fosse per questo ultimo frammento. Direi anzi che é in contraddizione con quello che hai scritto prima: o progetta a lunghissimo termine, scegliendo la perfezione per rimanere nella storia, e questo presuppone la consapevolezza ben chiara della propria mortalitá e il progetto esplicito di fare qualcosa per il "dopo", o lui a questo non ci pensa, e all'ora non si capisce perché a questo punto perché ritenga importante lavorare ad un testamento letterario tanto controverso.

Link to post
Share on other sites

Ma secondo voi, in vista della "scadenza" definitiva, ha preso delle precauzioni, o semplicemente non ci pensa? Esistono documenti dove ha scritto a grandi linee come si concluderanno le varie vicende delle Cronache? O si è affidato completamente a D&D (e quindi alla serie televisiva) rivelando i finali dei principali personaggi? Perché posso anche capire che ormai, essendo stato superato dalla serie, vada più a rilento nella scrittura, ma vorrei sapere a questo punto quanto il finale della serie sia sovrapponibile con quello dei libri.

Link to post
Share on other sites

Ma letterariamente parlando la sua opera diventerà immortale? Oppure rimarrà una semplice pietra miliare nella letteratura fantasy? Se c' è una cosa che non difetta ai vari letterati è l' autostima e il disprezzo per le opere dei colleghi. Se vuoi fare il coup de theatre facendo uscire twow e ados dopo la tua dipartita (tocchiamo ferro) dovresti averli già pronti e non perdere tempo dietro a tanti altri progetti. Si può sperare che gli ultimi due capitoli delle cronache vengano fatti uscire dopo la fine della serie tv nel 2018 pur con la trama spoilerata. Ma questo spoiler della serie tv secondo me contrasta con la presunta immortalità dell' opera letteraria di george. Forse avrebbe dovuto dire che delle cronache non gliene frega più niente prima di concedere i diritti ai D&D.

Link to post
Share on other sites

ma vorrei sapere a questo punto quanto il finale della serie sia sovrapponibile con quello dei libri.

 

Un'anno fa, in occasione di uno dei periodici aggiornamenti sullo stato di non-avanzamento di TWoW, Martin disse che i libri e la serie ormai avevano preso strade diverse e che continuerà ad essere così... Ora, è ovvio che le due saghe non possono concludersi in maniera totalmente diversa, se non per il fatto che in GoT viene tagliata una vagonata di gente e il loro ruolo distribuito e consendato alla bene e meglio nel resto dei personaggi dello show, ma alla fine credo che quando vedremo la fine di GoT, vedremo anche l'85% della fine di ASOIAF, a parer mio.

 

Oppure rimarrà una semplice pietra miliare nella letteratura fantasy?

 

Un pezzo importante della letteratura fantasy, mettiamola così.

Link to post
Share on other sites

mettiamo pure che, come scritto più volte e (pare) esplicitamente detto da Martin, ASOIAF e GOT portino alle stesse conclusioni per strade diverse

 

la cosa potrà essere significativa dal punto di vista di una almeno accennata congruenza tra GOT e la serie di libri alla quale è (ormai moooolto liberamente) ispirata

 

per me, da lettore, di significato ne ha molto poco

 

se mi interessasse solo il "come va a finire" non mi imbarcherei nella lettura di nessun libro, passerei direttamente al finale

 

come lettore, mi interessa il viaggio che si fa per arrivarci, alla fine ... il perché, il come e il quando ...

Link to post
Share on other sites

come lettore, mi interessa il viaggio che si fa per arrivarci, alla fine ... il perché, il come e il quando ...

 

Concordo. Ma pare che il primo a non ragionare più in questi termini sia Martin.

Link to post
Share on other sites

Sarei d'accordo con tutto quello che hai detto, e che ha perfettamente senso, se non fosse per questo ultimo frammento. Direi anzi che é in contraddizione con quello che hai scritto prima: o progetta a lunghissimo termine, scegliendo la perfezione per rimanere nella storia, e questo presuppone la consapevolezza ben chiara della propria mortalitá e il progetto esplicito di fare qualcosa per il "dopo", o lui a questo non ci pensa, e all'ora non si capisce perché a questo punto perché ritenga importante lavorare ad un testamento letterario tanto controverso.

sì ma non credo che (consciamente o inconsciamente) si "dia" meno di 10-15 anni di vita... insomma, sono più che sufficienti per finire un libro e scriverne un altro. Alla perfezione.

 

 

Ma letterariamente parlando la sua opera diventerà immortale? Oppure rimarrà una semplice pietra miliare nella letteratura fantasy? Se c' è una cosa che non difetta ai vari letterati è l' autostima e il disprezzo per le opere dei colleghi. Se vuoi fare il coup de theatre facendo uscire twow e ados dopo la tua dipartita (tocchiamo ferro) dovresti averli già pronti e non perdere tempo dietro a tanti altri progetti. Si può sperare che gli ultimi due capitoli delle cronache vengano fatti uscire dopo la fine della serie tv nel 2018 pur con la trama spoilerata. Ma questo spoiler della serie tv secondo me contrasta con la presunta immortalità dell' opera letteraria di george. Forse avrebbe dovuto dire che delle cronache non gliene frega più niente prima di concedere i diritti ai D&D.

non credo diventi il nuovo SdA, né tantomeno un classico senza tempo tipo guerra e pace, ma resterà comunque una saga che la gente leggerà e apprezzerà ancora tra 50 anni.

 

Può ambire a diventare, storicamente parlando, uno scrittore del livello di Asimov, un Heinlein, un Howard, un Lewis.. se non qualcosa di più.

 

 

 

Ma questo spoiler della serie tv secondo me contrasta con la presunta immortalità dell' opera letteraria di george.

inevitabilmente la saga letteraria perderà in mordente, attesa, rivelazione, entusiasmo, nel momento in cui verrà pubblicata, perché come dice Menevyn alla fin fine l'85% coinciderà con la serie tv, volenti o nolenti.

Ma tra 1-20-50 anni secondo me chi prenderà in mano la saga non lo fa certo con in testa gli "spoiler" e la risonanza della serie tv.

Link to post
Share on other sites

Tra 20 o 50 anni.. Prendendo spunto dall' universo di star trek i libri continueremo a leggerli mentre la serie tv la rivedremo in una sala ologrammi prendendo il posto di uno dei personaggi. :) Tutto molto bello se george finisse sta saga.. >_> >_>

Link to post
Share on other sites

Ah ok, si sono d'accordo che non si aspetta di andarsene da un momento all'altro (e fa bene). Peró 10 anni non sono poi molti, visto come scrive :ehmmm:

 

Io non ho idea del valore di Martin come scrittore: sono una capra ignorante. A istinto direi che non diventerá né un nuovo Tolkien (l'importanza non arriverá mai a certi livelli) né un nuovo Asimov (alla fine, ma correggetemi, di roba che durerá 50 anni Martin ha fatto solo ASOIAF e poco altro). Peró potrebbe tranquillamente rappresentare un punto di svolta per il genere, una boa che divide il prima e il dopo nella rappresentazione di un fantasy fino ad ora quasi completamente caratterizzato dai modelli tolkeniani.

E anche tra 50 anni qualcuno interessato a quest'opera potrebbe esserci.

 

Mentre la serie tv non é I segreti di twin peaks o X-files, e dura fino a quando non finisce. In questo senso concordo con Balon: se Martin pensa in grande, allora ignoriamo serie e spoiler, e pensiamo alla prossima generazione di lettori, che ci sará solo se Martin sfornerá un buon prodotto.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...