Jump to content

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni


Recommended Posts

E' sempre stato lento comunque, anche prima della fama e dei mille progetti che gli hanno lanciato addosso: non dimentichiamo che della saga principale ha scritto 5 libri in 20 anni.

Evidentemente aveva già i suoi bei soldini da parte e non aveva bisogno di tenere le tempistiche di uno scrittore professionista con le bollette da pagare.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.4k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

quindi a maggior ragione essendo il primo a conoscere la sua "velocita di crociera" e considerando quanto ancora gli manca da scrivere e quanto tempo dedica ormai a progetti diversi potrebbe tranquillamente tirare le somme con onesta e riferire a quelli(pochi)che ancora sperano nella conclusione della saga che non vuole o non riesce, magari riflettendo sul pubblicare qualche altro capitolo almeno o a grandi linee la sua idea su come dovesse terminare l'opera...

 

ci sarebbe anche la possibilita di chiedere a qualcuno di finirla al suo posto magari collaborando ma non penso possa essere il suo caso...

Link to post
Share on other sites

Pur consapevole della sua lentezza, ha sempre svalvolato quando si trattava di prevedere i tempi per concludere i libri: in AFFC sparava sul pubblicare ADWD in un anno, nel 2015 era convinto di poter finire TWOW in una manciata di mesi...

Non ammetterà mai definitivamente che l'opera rimarrà incompiuta, anche perchè magari lui spera di campare altri 20 anni in buona salute, e in quel caso forse riuscirebbe a completare la saga anche con i suoi tempi geologici. Però un paio di anni fa, indirettamente, fece capire che era un'eventualità, e che non sarebbe stata la fine del mondo.

Come è risaputo, ogni idea di collaborazioni o deleghe è impossibile.

Link to post
Share on other sites
15 ore fa, the neck ha scritto:

quindi a maggior ragione essendo il primo a conoscere la sua "velocita di crociera" e considerando quanto ancora gli manca da scrivere e quanto tempo dedica ormai a progetti diversi potrebbe tranquillamente tirare le somme con onesta e riferire a quelli(pochi)che ancora sperano nella conclusione della saga che non vuole o non riesce, magari riflettendo sul pubblicare qualche altro capitolo almeno o a grandi linee la sua idea su come dovesse terminare l'opera...

 

ci sarebbe anche la possibilita di chiedere a qualcuno di finirla al suo posto magari collaborando ma non penso possa essere il suo caso...

Secondo me non è neanche un problema di conclusione, ovvero la mancanza di programmazione è proprio un altro fattore. 

Perché appunto come diceva Metamorfo, ma forse intendevamo anche concetti simili solo che io la chiamo trama e lui microtrama, la fine fine uno può averla in mente, ma è tutto quello che ci sta in mezzo per arrivarci che è difficile da realizzare (appunto non pensare, o meglio non solo ma soprattutto mettere giù). E se non ti programmi bene finisce che poi apri una linea qua e ne chiudi una là, ficcaci questo rimando e rimani coerente, ne esce veramente un bailamme. Ci credo che poi già hai poca voglia, ti passa pure quella che avevi.

19 ore fa, Metamorfo ha scritto:

E' sempre stato lento comunque, anche prima della fama e dei mille progetti che gli hanno lanciato addosso: non dimentichiamo che della saga principale ha scritto 5 libri in 20 anni.

Evidentemente aveva già i suoi bei soldini da parte e non aveva bisogno di tenere le tempistiche di uno scrittore professionista con le bollette da pagare.

Mah anche questo è opinabile. Se uno sa programmarsi bene ed è interessato a quello che fa i ritmi se li gestisce indipendentemente dai soldi e dai contratti. Dovrebbe essere lui il primo a voler chiudere il cerchio. Al massimo sforerà di qualcosa ma non di anni e anni. Personalmente anzi ho sempre guardato con sospetto a chi impiega 200 anni per concludere un libro, specie se fa parte di una saga. Perché questo tipo di produzioni necessita di grande programmazione dietro. E appunto come ho scritto ormai millemila volte la differenza tra un professionista e un amatore sta proprio qui: concretizzare il proprio progetto. Altrimenti chissà quanti scrittori in erba hanno saghe incompiute e bellissime nei loro cassetti che nessuno vedrà mai.

5 ore fa, Metamorfo ha scritto:

Non ammetterà mai definitivamente che l'opera rimarrà incompiuta,

Vorrei ben vedere, sarebbe ammettere che ha fallito il suo progetto. Non è piacevole per nessuno.

Link to post
Share on other sites
[mention=59533]Lyra Stark[/mention] infatti non è la conclusione il problema per me, quella penso ce l'abbia pronta da decenni, il problema è stato quello che ha sia inserito che escluso negli ultimi due volumi pubblicati...
Concordo anche io con entrambi. Tutti quei personaggi abbastanza inutili inseriti nella storyline della Cittadella oppure la stessa esistenza di Aegon con tutto l'aggravio di personaggi e storytelling che ne comporta. Insomma AFFC e ADWD che dovevano essere libri semplificativi (in luogo del salto temporale) hanno finito invece per complicare ed ingarbugliare anche di più

Inviato dal mio CPH2025 utilizzando Tapatalk

Link to post
Share on other sites

Mai pensato che il problema sia la trama. La trama - intesa come plot, come successione di eventi - è pressoché irrilevante ed è diventata una stravagante ossessione solo in questi tempi malsani.

 

Martin non ha le capacità tecniche, artistiche e creative per portare a termine un progetto così ambizioso come quello che si era proposto e non ha il pelo sullo stomaco per ridimensionarlo. In molti possono pensare la Cappella Sistina e forse anche riuscire ad impostarla, ma per metterla tutta sul muro ci vuole quel qualcosa che aveva Michelangelo e che lui non ha mai avuto e certo non troverà a settanta anni.

 

Ha avuto lo slancio e le idee per varare la nave (frutto di trenta anni di rimuginamento, altro che le frottole del gardner che va propinando in giro) ma gli sono mancate le capacità e la perseveranza per completare il giro del mondo. Come tanti prima di lui, si è arenato e adesso gironzola in Polinesia godendosi i - meritati - soldi della HBO. Capo Horn non lo affronterà mai.

 

E per capirlo basta rileggersi - oggi e a mente fredda - AFFC e ADWD, impostati e in buona parte scritti ben prima che fosse sopravvenuta qualsiasi distrazione e che fosse credibile parlare di scarsa voglia. Ci ha messo anni per tirare fuori due schifezze. Perché AFFC e ADWD questo sono, magari non in senso assoluto (visti anche gli standard mediocri del genere) ma certamente se confrontati alla trilogia iniziale.

 

Ha finito le buone idee, come migliaia di altri prima di lui, e non ha il cinismo di De Chirico e nemmeno il coraggio di Salinger. Vive bene, ma secondo me ogni tanto la notte resta sveglio a fissare il soffitto.

 

Link to post
Share on other sites
7 minuti fa, MezzoUomo ha scritto:

Perché AFFC e ADWD questo sono, magari non in senso assoluto (visti anche gli standard mediocri del genere) ma certamente se confrontati alla trilogia iniziale.

Concordo con i problemi di Martin già indicati da altri, però, sinceramente, questo per me è e rimarrà un giudizio che dipende dal gusto suggestivo di ognuno e anche dalla considerazione del singolo pg: per esempio i capitoli di Sansa/Alayne nel quarto libro sono decisamente migliori rispetto alla Sansa di AGOT.

Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, MezzoUomo ha scritto:

Mai pensato che il problema sia la trama. La trama - intesa come plot, come successione di eventi - è pressoché irrilevante ed è diventata una stravagante ossessione solo in questi tempi malsani.

 

Martin non ha le capacità tecniche, artistiche e creative per portare a termine un progetto così ambizioso come quello che si era proposto e non ha il pelo sullo stomaco per ridimensionarlo. In molti possono pensare la Cappella Sistina e forse anche riuscire ad impostarla, ma per metterla tutta sul muro ci vuole quel qualcosa che aveva Michelangelo e che lui non ha mai avuto e certo non troverà a settanta anni.

 

Nel caso dell'esempio, lui la Cappella Sistina non l'ha soltanto pensata e impostata, ma ne ha disegnato bene 3/7 (secondo te) o 5/7 secondo altri, dimostrando quindi di avere la capacità tecnica e artistica.

Da quello che dici poi, si capisce quindi che non è un problema di capacità (che se uno sa scrivere...sa scrivere) ma un problema di mancata perseveranza, di focus perso e demotivazione. Al limite di strutturazione della storia, che però non implica altre mancanze artistico-tecniche.

Link to post
Share on other sites
33 minuti fa, Metamorfo ha scritto:

non è un problema di capacità (che se uno sa scrivere...sa scrivere)

Il fatto è che se uno sa scrivere sa scrivere SEMPRE non per un po' e poi vattelapesca.

Forse la questione sta tutta qua. 

Se uno sa scrivere scrive sempre tutto e bene non pezzi con stile molto altalenante.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, MezzoUomo ha scritto:

Ha avuto lo slancio e le idee per varare la nave (frutto di trenta anni di rimuginamento, altro che le frottole del gardner che va propinando in giro)

 

I trent'anni di rimuginamento sono la prova che Martin è un gardener. Ha cambiato ripetutamente i suoi piani, al punto che da voler scrivere 3 libri con salti temporali nel mezzo è passato a 7 senza soluzione di continuità (e probabilmente si è reso conto che neanche quelli basterebbero). Uno scrittore pianificatore non avrebbe fatto questo.

Link to post
Share on other sites

Non saprei dire se a Martin manchi oggi la voglia, la capacità, l'entusiasmo, le idee o anche tutte queste cose. Sinceramente che finisca o meno la saga è sempre meno rilevante per me. Mi ha già offerto tanto intrattenimento, di cui comunque gli sarò sempre grata.

 

Da quando ho iniziato la saga - ormai una decina di anni fa - ho letto tantissimo altro, spaziando tra diversi generi e autori, e sono arrivata alle seguenti conclusioni:

 

1) George R. R. Martin è un bravo scrittore con buone idee, ma come ce ne sono tanti. Non è una penna eccezionale. Ha costruito un mondo complesso, bellissimo e, per certi versi, unico e irripetibile. Ma nella letteratura di genere ce ne sono di più piccoli e semplici, altrettanto affascinanti, se non di più.

 

2) Alcune uscite fantasy più recenti sono anche più "disruptive" di ASOAF  per plot, world building, personaggi, linguaggio. Quando e se mai uscirà il resto della saga, temo che potrà sembrarmi "datato", più che "un classico della narrativa di genere". 

 

3) Se invece non dovesse mai uscire il resto della saga, mi dispiacerà, ma... amen! Alla fine, belle storie da leggere non ne mancano proprio! :) 

 

Link to post
Share on other sites

Il paragone della Cappella Sistina mi sembra appropriato. Per disegnarla basta avere occhio architettonico e saper disegnare, per costruirla in modo che stia in piedi bisogna essere anche dei bravi progettisti. Lui è un ottimo disegnatore e un pessimo progettista. 

Link to post
Share on other sites

Non entravo nel forum da anni e la notizia che questo topic resista mi rende felice. 
Noto però, dalla mia assenza, molta più gente arresa alla prospettiva di non vedere mai la fine dell’opera che noi tutti abbiamo imparato ad amare, e nonostante questa sia la naturale reazione alla lentezza geologica di Martin, immaginavo questo posto come l’ultimo baluardo della speranza.

 

Oggi come ieri trovo sempre puntuali e lucide le analisi di Metamorfo, e condivido tutto il suo discorso sulla fatica della scrittura giornaliera e come questa prospettiva spaventi e allontani Martin sempre di più dal mondo delle Cronache.

Link to post
Share on other sites

Io per TWOW non ho perso ancora del tutto le speranze, anche se gli 11 anni di attesa e il fatto che Martin sembri parlare sempre d'altro nel suo blog non sono segnali incoraggianti. Per quanto riguarda ADOS invece non mi faccio particolari pensieri, credo sappiamo tutti che le possibilità di un suo completamento sono risibili. E questo è un grosso problema perché una saga incompleta, per quanto ben scritta e dagli ottimi spunti, non può essere giudicata positivamente come una saga completa anche se magari con momenti e impianto generale meno affascinati.

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...