Jump to content
Sign in to follow this  
LucaS_CrazyDiamond

TWOW - Theon I

Recommended Posts

Vediamo che cosa sa Roose Bolton per capire la sua scelta.

Roose Bolton sa che c'è Stannis in circolazione, che sarà anche impantanato e isolato, ma di cui è sempre meglio non fidarsi. Occorre, dunque, levarselo di mezzo il prima possibile, anche per poter congedare i vari lord che ha radunato a Grande Inverno e che si odiano a vicenda: prima li manda tutti a casa e meno probabilità c'è che una scintilla faccia esplodere la polveriera.

Roose Bolton sa che tra le truppe di Stannis ci sono dei traditori pronti a passare dalla sua parte (informazione non più vera).

Roose Bolton sa che i principali problemi domestici sono i Manderly e i Frey, pronti a farsi a pezzi a vicenda in ogni momento. Ma sa anche che di gente affidabile ne ha pochina (i Frey, Ramsay, forse l'inconsolabile vedova...). I Manderly, in particolare, potrebbero piantarlo in asso da un momento all'altro.

D'altra parte Roose Bolton sa che lord Manderly ha appena fatto a pezzi Davos, il Primo Cavaliere di Stannis: Wyman non potrà mai fare il salto della quaglia in quel senso, a differenza di tutti gli altri lord del Nord. (Informazione falsa, ma non lo sa nessuno, nemmeno Stannis)

I Manderly, quindi, appaiono come pessima gente da tenere vicina, ma ottima gente da mandare contro Stannis, perché si sono completamente compromessi in quel senso. Naturalmente per assicurarsi che i Manderly eseguano il proprio lavoro (sono nemici di Stannis, ma Stannis non è una minaccia diretta - attualmente - per loro) e che magari non si facciano una scampagnata altrove, magari per risolvere faccende personali come la successione degli Hornwood, deve affiancarli con gente affidabile: il rampollo e i Frey andranno benissimo per questo scopo.

 

Truppe fresche e riposate, nessuna probabilità di tradimento (Manderly ormai nemici aperti di Stannis, figliolo che ha tutto da perdere, Frey massimi alleati), certezza del tradimento nelle file avversarie, nemico sommerso dalla neve, numericamente inferiore e stremato: gli ingredienti perfetti per una vittoria a basso costo. Apparentemente...

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' disponibile una traduzione dell'intero capitolo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' disponibile una traduzione dell'intero capitolo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo a me è sembrato un altro capitolo inconcludente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Solo a me è sembrato un altro capitolo inconcludente?

 

No dai certamente nettamente meglio dell'ultimo di Dany di ADWD dove pagine e pagine sono dedicate alla sua diarrea...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per un tizio praticamente in catene tutto sommato l'orizonte è limitato. Quello che mi scoccia è di avere l'ennesimo capitolo lasciato in sospeso. Arriva Ramsey...

Eh, ma già lo sapevamo. Insomma, per come finisce è tranquillamente ADWD style :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo avevo salvato da qualche parte ecco

 

 

The king's voice was choked with anger. "You are a worse pirate than Salladhor Saan."

Theon Greyjoy opened his eyes. His shoulders were on fire and he could not move his hands. For half a heartbeat he feared he was back in his old cell under the Dreadfort, that the jumble of memories inside his head was no more than the residue of some fever dream. I was asleep, he realized. That, or passed out from the pain. When he tried to move, he swung from side to side, his back scraping against stone. He was hanging from a wall inside a tower, his wrists chained to a pair of rusted iron rings.

The air reeked of burning peat. The floor was hard-packed dirt. Wooden steps spiraled up inside the walls to the roof. He saw no windows. The tower was dank, dark, and comfortless, its only furnishings a high-backed chair and a scarred table resting on three trestles. No privy was in evidence, though Theon saw a champerpot in one shadowed alcove. The only light came from the candles on the table. His feet dangled six feet off the floor.

"My brother's debts," the king was muttering. "Joffrey's too, though that baseborn abomination was no kin to me." Theon twisted in his chains. He knew that voice. Stannis.

Theon Greyjoy chortled. A stab of pain went up his arms, from his shoulders to his wrists. All he had done, all he had suffered, Moat Cailin and Barrowton and Winterfell, Abel and his washerwomen, Crowfood and his Umbers, the trek through the snows, all of it had only served to exchange one tormentor for another.

"Your Grace," a second voice said softly. "Pardon, but your ink has frozen." The Braavosi, Theon knew. What was his name? Tycho... Tycho something... "Perhaps a bit of heat... ?"

"I know a quicker way." Stannis drew his dagger. For an instant Theon thought that he meant to stab the banker. You will never get a drop of blood from that one, my lord, he might have told him. The king laid the blade of the knife against the ball of his left thumb, and slashed. "There. I will sign in mine own blood. That ought to make your masters happy."

"If it please Your Grace, it will please the Iron Bank."

Stannis dipped a quill in the blood welling from his thumb and scratched his name across the piece of parchment. "You will depart today. Lord Bolton may be on us soon. I will not have you caught up in the fighting."

"That would be my preference as well." The Braavosi slipped the roll of parchment inside a wooden tube. "I hope to have the honor of calling on Your Grace again when you are seated on your Iron Throne."

"You hope to have your gold, you mean. Save your pleasantries. It is coin I need from Braavos, not empty courtesy. Tell the guard outside I have need of Justin Massey."

"It would be my pleasure. The Iron Bank is always glad to be of service." The banker bowed.

As he left, another entered; a knight. The king's knights had been coming and going all night, Theon recalled dimly. This one seemed to be the king's familiar. Lean, dark-haired, hard-eyed, his face marred by pockmarks and old scars, he wore a faded surcoat embroidered with three moths. "Sire," he announced, "the maester is without. And Lord Arnolf sends word that he would be most pleased to break his fast with you."

"The son as well?"

"And the grandsons. Lord Wull seeks audience as well. He wants — "

"I know what he wants." The king indicated Theon. "Him. Wull wants him dead. Flint, Norrey... all of them will want him dead. For the boys he slew. Vengeance for their precious Ned."

"Will you oblige them?"

"Just now, the turncloak is more use to me alive. He has knowledge we may need. Bring in this maester." The king plucked a parchment off the table and squinted over it. A letter, Theon knew. Its broken seal was black wax, hard and shiny. I know what that says, he thought, giggling.

Stannis looked up. "The turncloak stirs."

"Theon. My name is Theon." He had to remember his name.

"I know your name. I know what you did."

"I saved her." The outer wall of Winterfell was eighty feet high, but beneath the spot where he had jumped the snows had piled up to a depth of more than forty. A cold white pillow. The girl had taken the worst of it. Jeyne, her name is Jeyne, but she will never tell them. Theon had landed on top of her, and broken some of her ribs. "I saved the girl," he said. "We flew."

Stannis snorted. "You fell. Umber saved her. If Mors Crowfood and his men had not been outside the castle, Bolton would have had the both of you back in moments."

Crowfood. Theon remembered. An old man, huge and powerful, with a ruddy face and a shaggy white beard. He had been seated on a garron, clad in the pelt of a gigantic snow bear, its head his hood. Under it he wore a stained white leather eye patch that reminded Theon of his uncle Euron. He'd wanted to rip it off Umber's face, to make certain that underneath was only an empty socket, not a black eye shining with malice. Instead he had whimpered through his broken teeth and said, "I am — "

" — a turncloak and a kinslayer," Crowfood had finished. "You will hold that lying tongue, or lose it."

But Umber had looked at the girl closely, squinting down with his one good eye. "You are the younger daughter?"

And Jeyne had nodded. "Arya. My name is Arya."

"Arya of Winterfell, aye. When last I was inside those walls, your cook served us a steak and kidney pie. Made with ale, I think, best I ever tasted. What was his name, that cook?"

"Gage," Jeyne said at once. "He was a good cook. He would make lemoncakes for Sansa whenever we had lemons."

Crowfood had fingered his beard. "Dead now, I suppose. That smith of yours as well. A man who knew his steel. What was his name?"

Jeyne had hesitated. Mikken, Theon thought. His name was Mikken. The castle blacksmith had never made any lemoncakes for Sansa, which made him far less important than the castle cook in the sweet little world she had shared with her friend Jeyne Poole. Remember, damn you. Your father was the steward, he had charge of the whole household. The smith's name was Mikken, Mikken, Mikken. I had him put to death before me!

"Mikken," Jeyne said.

Mors Umber had grunted. "Aye." What he might have said or done next Theon never learned, for that was when the boy ran up, clutching a spear and shouting that the portcullis on Winterfell's main gate was rising. And how Crowfood had grinned at that.

Theon twisted in his chains, and blinked down at the king. "Crowfood found us, yes, he sent us here to you, but it was me who saved her. Ask her yourself." She would tell him. "You saved me," Jeyne had whispered, as he was carrying her through the snow. She was pale with pain, but she had brushed one hand across his cheek and smiled. "I saved Lady Arya," Theon whispered back at her. And then all at once Mors Umber's spears were all around them. "Is this my thanks?" he asked Stannis, kicking feebly against the wall. His shoulders were in agony. His own weight was tearing them from their sockets. How long had he been hanging here? Was it still night outside? The tower was windowless, he had no way to know.

"Unchain me, and I will serve you."

"As you served Roose Bolton and Robb Stark?" Stannis snorted. "I think not. We have a warmer end in mind for you, turncloak. But not until we're done with you."

He means to kill me. The thought was queerly comforting. Death did not frighten Theon Greyjoy. Death would mean an end to pain. "Be done with me, then," he urged the king. "Take off my head off and stick it on a spear. I slew Lord Eddard's sons, I ought to die. But do it quick. He is coming."

"Who is coming? Bolton?"

"Lord Ramsay," Theon hissed. "The son, not the father. You must not let him take him. Roose... Roose is safe within the walls of Winterfell with his fat new wife. Ramsay is coming."

"Ramsay Snow, you mean. The Bastard."

"Never call him that!" Spittle sprayed from Theon's lips. "Ramsay Bolton, not Ramsay Snow, never Snow, never, you have to remember his name, or he will hurt you."

"He is welcome to try. Whatever name he goes by."

The door opened with a gust of cold black wind and a swirl of snow. The knight of the moths had returned with the maester the king had sent for, his grey robes concealed beneath a heavy bearskin pelt. Behind them came two other knights, each carrying a raven in a cage. One was the man who'd been with Asha when the banker delivered him to her, a burly man with a winged pig on his surcoat. The other was taller, broad-shouldered and brawny. The big man's breastplate was silvered steel inlaid with niello; though scratched and dinted, it still shone in the candlelight. The cloak that he wore over it was fastened with a burning heart.

"Maester Tybald," announced the knight of the moths.

The maester sank to his knees. He was red-haired and round-shouldered, with close-set eyes that kept flicking toward Theon hanging on the wall. "Your Grace. How may I be of service?"

Stannis did not reply at once. He studied the man before him, his brow furrowed. "Get up." The maester rose. "You are maester at the Dreadfort. How is it you are here with us?"

"Lord Arnolf brought me to tend to his wounded."

"To his wounded? Or his ravens?"

"Both, Your Grace."

"Both." Stannis snapped the word out. "A maester's raven flies to one place, and one place only. Is that correct?"

The maester mopped sweat from his brow with his sleeve. "N-not entirely, Your Grace. Most, yes. Some few can be taught to fly between two castles. Such birds are greatly prized. And once in a very great while, we find a raven who can learn the names of three or four or five castles, and fly to each upon command. Birds as clever as that come along only once in a hundred years."

Stannis gestured at the black birds in the cages. "These two are not so clever, I presume."

"No, Your Grace. Would that it were so."

"Tell me, then. Where are these two trained to fly?"

Maester Tybald did not answer. Theon Greyjoy kicked his feet feebly, and laughed under his breath. Caught!

"Answer me. If we were to loose these birds, would they return to the Dreadfort?" The king leaned forward. "Or might they fly for Winterfell instead?"

Maester Tybald pissed his robes. Theon could not see the dark stain spreading from where he hung, but the smell of piss was sharp and strong.

"Maester Tybald has lost his tongue," Stannis observed to his knights. "Godry, how many cages did you find?"

"Three, Your Grace," said the big knight in the silvered breastplate. "One was empty."

"Y-your Grace, my order is sworn to serve, we... "

"I know all about your vows. What I want to know is what was in the letter that you sent to Winterfell. Did you perchance tell Lord Bolton where to find us?"

"S-sire." Round-shouldered Tybald drew himself up proudly.

"The rules of my order forbid me to divulge the contents of Lord Arnolf's letters."

"Your vows are stronger than your bladder, it would seem."

"Your Grace must understand — "

"Must I?" The king shrugged. "If you say so. You are a man of learning, after all. I had a maester on Dragonstone who was almost a father to me. I have great respect for your order and its vows. Ser Clayton does not share my feelings, though. He learned all he knows in the wynds of Flea Bottom. Were I to put you in his charge, he might strangle you with your own chain or scoop your eye out with a spoon."

"Only the one, Your Grace," volunteered the balding knight, him of the winged pig. "I'd leave t'other."

"How many eyes does a maester need to read a letter?" asked Stannis. "One should suffice, I'd think. I would not wish to leave you unable to fulfill your duties to your lord. Roose Bolton's men may well be on their way to attack us even now, however, so you must understand if I skimp on certain courtesies. I will ask you once again. What was in the message you sent to Winterfell?"

The maester quivered. "A m-map, Your Grace."

The king leaned back in his chair. "Get him out of here," he commanded. "Leave the ravens." A vein was throbbing in his neck. "Confine this grey wretch to one of the huts until I decide what is to be done with him."

"It will be done," the big knight declared. The maester vanished in another blast of cold and snow. Only the knight of the three moths remained.

Stannis glowered up at Theon where he hung. "You are not the only turncloak here, it would seem. Would that all the lords in the Seven Kingdoms had but a single neck... " He turned to his knight. "Ser Richard, whilst I am breaking fast with Lord Arnolf, you are to disarm his men and take them into custody. Most will be asleep. Do them no harm, unless they resist. It may be they did not know. Question some upon that point... but sweetly. If they had no knowledge of this treachery, they shall have the chance to prove their loyalty." He snapped a hand in dismissal. "Send in Justin Massey."

Another knight, Theon knew, when Massey entered. This one was fair, with a neatly trimmed blond beard and thick straight hair so pale it seemed more white than gold. His tunic bore the triple spiral, an ancient sigil for an ancient House. "I was told Your Grace had need of me," he said, from one knee.

Stannis nodded. "You will escort the Braavosi banker back to the Wall. Choose six good men and take twelve horses."

"To ride or eat?"

The king was not amused. "I want you gone before midday, ser. Lord Bolton could be on us any moment, and it is imperative that the banker return to Braavos. You shall accompany him across the narrow sea."

"If there is to be a battle, my place is here with you."

"Your place is where I say it is. I have five hundred swords as good as you, or better, but you have a pleasing manner and a glib tongue, and those will be of more use to me at Braavos then here. The Iron Bank has opened its coffers to me. You will collect their coin and hire ships and sellswords. A company of good repute, if you can find one. The Golden Company would be my first choice, if they are not already under contract. Seek for them in the Disputed Lands, if need be. But first hire as many swords as you can find in Braavos, and send them to me by way of Eastwatch. Archers as well, we need more bows."

Ser Justin's hair had fallen down across one eye. He pushed it back and said, "The captains of the free companies will join a lord more readily than a mere knight, Your Grace. I hold neither lands nor title, why should they sell their swords to me?"

"Go to them with both fists full of golden dragons," the king said, in an acid tone. "That should prove persuasive. Twenty thousand men should suffice. Do not return with fewer."

"Sire, might I speak freely?"

"So long as you speak quickly."

"Your Grace should go to Braavos with the banker."

"Is that your counsel? That I should flee?" The king's face darkened. "That was your counsel on the Blackwater as well, as I recall. When the battle turned against us, I let you and Horpe chivvy me back to Dragonstone like a whipped cur."

"The day was lost, Your Grace."

"Aye, that was what you said. 'The day is lost, sire. Fall back now, that you may fight again.' And now you would have me scamper off across the narrow sea... "

"... to raise an army, aye. As Bittersteel did after the Battle of the Redgrass Field, where Daemon Blackfyre fell."

"Do not prate at me of history, ser. Daemon Blackfyre was a rebel and usurper, Bittersteel a bastard. When he fled, he swore he would return to place a son of Daemon's upon the Iron Throne. He never did. Words are wind, and the wind that blows exiles across the narrow sea seldom blows them back. That boy Viserys Targaryen spoke of return as well. He slipped through my fingers at Dragonstone, only to spend his life wheedling after sellswords. 'The Beggar King,' they called him in the Free Cities. Well, I do not beg, nor will I flee again. I am Robert's heir, the rightful king of Westeros. My place is with my men. Yours is in Braavos. Go with the banker, and do as I have bid."

"As you command," Ser Justin said.

"It may be that we shall lose this battle," the king said grimly. "In Braavos you may hear that I am dead. It may even be true. You shall find my sellswords nonetheless."

The knight hesitated. "Your Grace, if you are dead — "

" — you will avenge my death, and seat my daughter on the Iron Throne. Or die in the attempt."

Ser Justin put one hand on his sword hilt. "On my honor as a knight, you have my word."

"Oh, and take the Stark girl with you. Deliver her to Lord Commander Snow on your way to Eastwatch." Stannis tapped the parchment that lay before him. "A true king pays his debts."

Pay it, aye, thought Theon. Pay it with false coin. Jon Snow would see through the impostesure at once. Lord Stark's sullen bastard had known Jeyne Poole, and he had always been fond of his little half-sister Arya.

"The black brothers will accompany you as far as Castle Black," the king went on. "The ironmen are to remain here, supposedly to fight for us. Another gift from Tycho Nestoris. Just as well, they would only slow you down. Ironmen were made for ships, not horses. Lady Arya should have a female companion as well. Take Alysane Mormont."

Ser Justin pushed back his hair again. "And Lady Asha?"

The king considered that a moment. "No."

"One day Your Grace will need to take the Iron Islands. That will go much easier with Balon Greyjoy's daughter as a catspaw, with one of your own leal men as her lord husband."

"You?" The king scowled. "The woman is wed, Justin."

"A proxy marriage, never consummated. Easily set aside. The groom is old besides. Like to die soon."

From a sword through his belly if you have your way, ser worm. Theon knew how these knights thought.

Stannis pressed his lips together. "Serve me well in this matter of the sellswords, and you may have what you desire. Until such time, the woman must needs remain my captive."

Ser Justin bowed his head. "I understand."

That only seemed to irritate the king. "Your understanding is not required. Only your obedience. Be on your way, ser."

This time, when the knight took his leave, the world beyond the door seemed more white than black.

Stannis Baratheon paced the floor. The tower was a small one, dank and cramped. A few steps brought the king around to Theon. "How many men does Bolton have at Winterfell?"

"Five thousand. Six. More." He gave the king a ghastly grin, all shattered teeth and splinters. "More than you."

"How many of those is he like to send against us?"

"No more than half." That was a guess, admittedly, but it felt right to him. Roose Bolton was not a man to blunder blindly out into the snow, map or no. He would hold his main strength in reserve, keep his best men with him, trust in Winterfell's massive double wall. "The castle was too crowded. Men were at each other's throats, the Manderlys and Freys especially. It's them his lordship's sent after you, the ones that he's well rid of."

"Wyman Manderly." The king's mouth twisted in contempt. "Lord Too-Fat-to-Sit-a-Horse. Too fat to come to me, yet he comes to Winterfell. Too fat to bend the knee and swear me his sword, yet now he wields that sword for Bolton. I sent my Onion Lord to treat with him, and Lord Too-Fat butchered him and mounted his head and hands on the walls of White Harbor for the Freys to gloat over. And the Freys... has the Red Wedding been forgotten?"

"The north remembers. The Red Wedding, Lady Hornwood's fingers, the sack of Winterfell, Deepwood Motte and Torrhen's Square, they remember all of it." Bran and Rickon. They were only miller's boys. "Frey and Manderly will never combine their strengths. They will come for you, but separately. Lord Ramsay will not be far behind them. He wants his bride back. He wants his Reek." Theon's laugh was half a titter, half a whimper. "Lord Ramsay is the one Your Grace should fear."

Stannis bristled at that. "I defeated your uncle Victarion and his Iron Fleet off Fair Isle, the first time your father crowned himself. I held Storm's End against the power of the Reach for a year, and took Dragonstone from the Targaryens. I smashed Mance Rayder at the Wall, though he had twenty times my numbers. Tell me, turncloak, what battles has the Bastard of Bolton ever won that I should fear him?"

You must not call him that! A wave of pain washed over Theon Greyjoy. He closed his eyes and grimaced. When he opened them again, he said, "You do not know him."

"No more than he knows me."

"Knows me," cried one of the ravens the maester had left behind. It flapped its big black wings against the bars of its cage.

"Knows," it cried again.

Stannis turned. "Stop that noise."

Behind him, the door opened. The Karstarks had arrived.

Bent and twisted, the castellan of Karhold leaned heavily on his cane as he made his way to the table. Lord Arnolf's cloak was fine grey wool, bordered in black sable and clasped with a silver starburst. A rich garment, Theon thought, on a poor excuse for a man. He had seen that cloak before, he knew, just as he had seen the man who wore it. At the Dreadfort. I remember. He sat and supped with Lord Ramsay and Whoresbane Umber, the night they brought Reek up from his cell.

The man beside him could only be his son. Fifty, Theon judged, with a round soft face like his father's, if Lord Arnolf went to fat. Behind him walked three younger men. The grandsons, he surmised. One wore a chainmail byrnie. The rest were dressed for breakfast, not for battle. Fools.

"Your Grace." Arnolf Karstark bowed his head. "An honor." He looked for a seat. Instead his eyes found Theon. "And who is this?" Recognition came a heartbeat later. Lord Arnolf paled.

His stupid son remained oblivious. "There are no chairs," the oaf observed. One of the ravens screamed inside its cage.

"Only mine." King Stannis sat in it. "It is no Iron Throne, but here and now it suits." A dozen men had filed through the tower door, led by the knight of the moths and the big man in the silvered breastplate. "You are dead men, understand that," the king went on. "Only the manner of your dying remains to be determined. You would be well advised not to waste my time with denials. Confess, and you shall have the same swift end that the Young Wolf gave Lord Rickard. Lie, and you will burn. Choose."

"I choose this." One of the grandsons seized his sword hilt, and made to draw it.

That proved to be a poor choice. The grandson's blade had not even cleared his scabbard before two of the king's knights were on him. It ended with his forearm flopping in the dirt and blood spurting from his stump, and one of his brothers stumbling for the stairs, clutching a belly wound. He staggered up six steps before he fell, and came crashing back down to the floor.

Neither Arnolf Karstark nor his son had moved.

"Take them away," the king commanded. "The sight of them sours my stomach." Within moments, the five men had been bound and removed. The one who had lost his sword arm had fainted from loss of blood, but his brother with the belly wound screamed loud enough for both of them. "That is how I deal with betrayal, turncloak," Stannis informed Theon.

"My name is Theon."

"As you will. Tell me, Theon, how many men did Mors Umber have with him at Winterfell?"

"None. No men." He grinned at his own wit. "He had boys. I saw them." Aside from a handful of half-crippled serjeants, the warriors that Crowfood had brought down from Last Hearth were hardly old enough to shave. "Their spears and axes were older than the hands that clutched them. It was Whoresbane Umber who had the men, inside the castle. I saw them too. Old men, every one." Theon tittered. "Mors took the green boys and Hother took the greybeards. All the real men went with the Greatjon and died at the Red Wedding. Is that what you wanted to know, Your Grace?"

King Stannis ignored the jibe. "Boys," was all he said, disgusted. "Boys will not hold Lord Bolton long."

"Not long," Theon agreed. "Not long at all."

"Not long," cried the raven from its cage.

The king gave the bird an irritated look. "That Braavosi banker claimed Ser Aenys Frey is dead. Did some boy do that?"

"Twenty green boys, with spades," Theon told him. "The snow fell heavily for days. So heavily that you could not see the castle walls ten yards away, no more than the men up on the battlements could see what was happening beyond those walls. So Crowfood set his boys to digging pits outside the castle gates, then blew his horn to lure Lord Bolton out. Instead he got the Freys. The snow had covered up the pits, so they rode right into them. Aenys broke his neck, I heard, but Ser Hosteen only lost a horse, more's the pity. He will be angry now."

Strangely, Stannis smiled. "Angry foes do not concern me. Anger makes men stupid, and Hosteen Frey was stupid to begin with, if half of what I have heard of him is true. Let him come."

"He will."

"Bolton has blundered," the king declared. "All he had to do was sit inside his castle whilst we starved. Instead he has sent some portion of his strength forth to give us battle. His knights will be horsed, ours must fight afoot. His men will be well nourished, ours go into battle with empty bellies. It makes no matter. Ser Stupid, Lord Too-Fat, the Bastard, let them come. We hold the ground, and that I mean to turn to our advantage."

"The ground?" said Theon. "What ground? Here? This misbegotten tower? This wretched little village? You have no high ground here, no walls to hide beyond, no natural defenses."

"Yet."

"Yet," both ravens screamed in unison. Then one quorked, and the other muttered, "Tree, tree, tree."

The door opened. Beyond, the world was white. The knight of the three moths entered, his legs caked with snow. He stomped his feet to knock it off and said, "Your Grace, the Karstarks are taken. A few of them resisted, and died for it. Most were too confused, and yielded quietly. We have herded them all into the longhall and confined them there."

"Well done."

"They say they did not know. The ones we've questioned."

"They would."

"We might question them more sharply... "

"No. I believe them. Karstark could never have hoped to keep his treachery a secret if he shared his plans with every baseborn manjack in his service. Some drunken spearman would have let it slip one night whilst laying with a whore. They did not need to know. They are Karhold men. When the moment came they would have obeyed their lords, as they had done all their lives."

"As you say, Sire."

"What of your own losses?"

"One of Lord Peasebury's men was killed, and two of mine were wounded. If it please Your Grace, though, the men are growing anxious. There are hundreds of them gathered around the tower, wondering what's happened. Talk of treason is on every lip. No one knows who to trust, or who might be arrested next. The northmen especially — "

"I need to talk with them. Is Wull still waiting?"

"Him and Artos Flint. Will you see them?"

"Shortly. The kraken first."

"As you command." The knight took his leave.

My sister, Theon thought, my sweet sister. Though he had lost all feeling in his arms, he felt the twisting in his gut, the same as when that bloodless Braavosi banker presented him to Asha as a 'gift.' The memory still rankled. The burly, balding knight who'd been with her had wasted no time shouting for help, so they'd had no more than a few moments before Theon was dragged away to face the king. That was long enough. He had hated the look on Asha's face when she realized who he was; the shock in her eyes, the pity in her voice, the way her mouth twisted in disgust. Instead of rushing forward to embrace him, she had taken half a step backwards. "Did the Bastard do this to you?" she had asked.

"Don't you call him that." Then the words came spilling out of Theon in a rush. He tried to tell her all of it, about Reek and the Dreadfort and Kyra and the keys, how Lord Ramsay never took anything but skin unless you begged for it. He told her how he'd saved the girl, leaping from the castle wall into the snow. "We flew. Let Abel make a song of that, we flew." Then he had to say who Abel was, and talk about the washerwomen who weren't truly washerwomen. By then Theon knew how strange and incoherent all this sounded, yet somehow the words would not stop. He was cold and sick and tired... and weak, so weak, so very weak.

She has to understand. She is my sister. He never wanted to do any harm to Bran or Rickon. Reek made him kill those boys, not him Reek but the other one. "I am no kinslayer," he insisted. He told her how he bedded down with Ramsay's bitches, warned her that Winterfell was full of ghosts. "The swords were gone. Four, I think, or five. I don't recall. The stone kings are angry." He was shaking by then, trembling like an autumn leaf. "The heart tree knew my name. The old gods. Theon, I heard them whisper. There was no wind but the leaves were moving. Theon, they said. My name is Theon." It was good to say the name. The more he said it, the less like he was to forget. "You have to know your name," he'd told his sister. "You... you told me you were Esgred, but that was a lie. Your name is Asha."

"It is," his sister had said, so softly that he was afraid that she might cry. Theon hated that. He hated women weeping. Jeyne Poole had wept all the way from Winterfell to here, wept until her face was purple as a beetroot and the tears had frozen on her cheeks, and all because he told her that she must be Arya, or else the wolves might send them back. "They trained you in a brothel," he reminded her, whispering in her ear so the others would not hear. "Jeyne is the next thing to a whore, you must go on being Arya." He meant no hurt to her. It was for her own good, and his. She has to remember her name. When the tip of her nose turned black from frostbite, and the one of the riders from the Night's Watch told her she might lose a piece of it, Jeyne had wept over that as well. "No one will care what Arya looks like, so long as she is heir to Winterfell," he assured her. "A hundred men will want to marry her. A thousand."

The memory left Theon writhing in his chains. "Let me down," he pleaded. "Just for a little while, then you can hang me up again." Stannis Baratheon looked up at him, but did not answer. "Tree," a raven cried. "Tree, tree, tree."

Then other bird said, "Theon," clear as day, as Asha came striding through the door.

Qarl the Maid was with her, and Tristifer Botley. Theon had known Botley since they were boys together, back on Pyke. Why has she brought her pets? Does she mean to cut me free? They would end the same way as the Karstarks, if she tried.

The king was displeased by their presence as well. "Your guards may wait without. If I meant harm to you, two men would not dissuade me."

The ironborn bowed and retreated. Asha took a knee. "Your Grace. Must my brother be chained like that? It seems a poor reward for bringing you the Stark girl."

The king's mouth twitched. "You have a bold tongue, my lady. Not unlike your turncloak brother."

"Thank you, Your Grace."

"It was not a compliment." Stannis gave Theon a long look. "The village lacks a dungeon, and I have more prisoners than I anticipated when we halted here." He waved Asha to her feet. "You may rise."

She stood. "The Braavosi ransomed my seven of my men from Lady Glover. I would glady pay a ransom for my brother."

"There is not enough gold on all your Iron Islands. Your brother's hands are soaked with blood. Farring is urging me to give him to R'hllor."

"Clayton Suggs as well, I do not doubt."

"Him, Corliss Penny, all the rest. Even Ser Richard here, who only loves the Lord of Light when it suits his purposes."

"The red god's choir only knows a single song."

"So long as the song is pleasing in god's ears, let them sing. Lord Bolton's men will be here sooner than we would wish. Only Mors Umber stands between us, and your brother tells me his levies are made up entirely of green boys. Men like to know their god is with them when they go to battle."

"Not all your men worship the same god."

"I am aware of this. I am not the fool my brother was."

"Theon is my mother's last surviving son. When his brothers died, it shattered her. His death will crush what remains of her... but I have not come to beg you for his life."

"Wise. I am sorry for your mother, but I do not spare the lives of turncloaks. This one, especially. He slew two sons of Eddard Stark. Every northman in my service would abandon me if I showed him any clemency. Your brother must die."

"Then do the deed yourself, Your Grace." The chill in Asha's voice made Theon shiver in his chains. "Take him out across the lake to the islet where the weirwood grows, and strike his head off with that sorcerous sword you bear. That is how Eddard Stark would have done it. Theon slew Lord Eddard's sons. Give him to Lord Eddard's gods. The old gods of the north. Give him to the tree."

And suddenly there came a wild thumping, as the maester's ravens hopped and flapped inside their cages, their black feathers flying as they beat against the bars with loud and raucous caws. "The tree," one squawked, "the tree, the tree," whilst the second screamed only, "Theon, Theon, Theon."

Theon Greyjoy smiled. They know my name, he thought.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ci metto sotto la traduzione...speriamo bene è da tanto che non ho a che fare da vicino con l'inglese. Ciao

 

 

La voce del re era soffocata dalla rabbia. "Tu sei un pirata peggiore di Salladhor Saan."Theon Greyjoy aprì gli occhi. Le sue spalle erano in fiamme, non riusciva a muovere le mani. Il battito accelerato del suo cuore gli fece temere di essere di nuovo nella vecchia cella sotto Dreadfort, ma il guazzabuglio di ricordi dentro la sua testa non era altro che il residuo di qualche sogno di febbre. Stavo dormendo, si rese conto. Sono svenuto per il dolore. Quando cercò di muoversi, oscillò da una parte all'altra, raschiando con la schiena la pietra. Era appeso a un muro all'interno di una torre, con i polsi incatenati a una coppia di anelli di ferro arrugginiti.

L'aria puzzava di torba bruciata. Il pavimento era duro e sporco. Gradini di legno salivano a spirale sino al tetto. Vide che non c’erano finestre. La torre era umida e buia, l’arredamento consisteva in una sedia con un alto schienale e in un tavolo sfregiato che poggiava su tre cavalletti. In una nicchia in ombra Theon vide un vaso da notte. L'unica luce proveniva dalle candele sul tavolo. I suoi piedi pendevano da due metri dal pavimento.

"I debiti di mio fratello, " il re borbottava. "I debiti di Joffrey, questo è troppo e quell’abominio bastardo non è mio parente." Theon si contorse nelle catene. Conosceva quella voce. Stannis.

Theon Greyjoy ridacchiò. Una fitta di dolore gli salì dalle braccia, sino alle spalle e ai polsi. Tutto quello che aveva passato, tutto quello che aveva sofferto, il Moat Catilin e Barrowton e Grande Inverno, Abel e le sue lavandaie, Crowfood e gli Umbers, il cammino forzato attraverso le nevi, tutto era servito solo per arrivare ad un altro carnefice.

"Vostra Grazia”disse piano una seconda voce. "Perdono, ma l'inchiostro si è ghiacciato." Il Bravosiano, Theon lo conosceva. Come si chiamava? Tycho ... Tycho qualcosa ... "Forse un po’ di calore ...?"

"C’è un modo più veloce".Disse Stannis “ho un coltello”. Per un istante Theon pensò che volesse pugnalare il banchiere. Non riuscirà mai ad ottenere una goccia di inchiostro da quello, mio signore, disse il Bravosiano. Il re premette la lama del coltello contro il polpastrello del pollice sinistro e si tagliò. " Firmerò con il mio sangue". "Questo dovrebbe rendere i vostri padroni felici."

"Se compiace Vostra Grazia, compiacerà la Banca di ferro."

Stannis immerse la penna nel sangue che zampillava dal suo pollice e scrisse il suo nome nel pezzo di pergamena. "Partirete oggi". Lord Bolton può arrivare in qualsiasi momento. "Non voglio che siate coinvolti nei combattimenti."

"Lo preferirei anch’io." Disse il Bravosiano facendo scivolare il rotolo di pergamena all'interno di un tubo di legno. "Spero di avere l'onore di rivedere Vostra grazia quando siederà sul Trono di Spade."

"Speri di riavere il tuo oro, vuoi dire." Evita i convenevoli. È la moneta che mi serve da Voi Bravosiani, non vuote cortesie. "Dì alla guardia la fuori che ho bisogno di Justin Massey."

"Sarà un piacere". "La Banca di ferro è sempre felice di essere al servizio." Il banchiere si inchinò.

Da sinistra, arrivò, un altro cavaliere. I cavalieri del re erano andati avanti e indietro per tutta la notte, Theon ricordò vagamente. Questo sembrava conoscere bene il re. Magro, capelli scuri, occhi duri, il viso butterato da cicatrici vecchie, indossava una sopravveste sbiadita ricamata con tre falene. "Sire," annunciò, "Lord. Arnolf le manda a dire che sarebbe molto lieto di rompere il suo digiuno con te."

"E’Il figlio vero?"

"E anche i nipoti". Lord Wull vuole pubblico e vuole ."

"So quello che vuole." Il re indicò Theon. "Lui.. Wull lo vuole morto. Flint, Norrey ... tutti loro lo vogliono morto. Vendetta per i ragazzi che ha ucciso. Vendetta per il loro prezioso Ned."

"Will ci obbliga?"

"Proprio ora, che il voltagabbana mi serve vivo. Sa molto potremmo avere bisogno di lui. Portatelo via." Il re prese una pergamena dal tavolo e strizzò gli occhi. Una lettera, Theon sapeva. Il sigillo rotto era di cera nera, dura e lucida. So quello che dice, pensò ridacchiando.

Stannis alzò lo sguardo. "portate il Maestro."

"Theon. Il mio nome è Theon." Doveva ricordare il suo nome.

"Conosco il tuo nome. So quello che hai fatto."

"L'ho salvata." La parete esterna di Grande Inverno era alta 80 metri, ma da dove erano saltati la neve si era accumulata per più di quaranta metri . Un cuscino bianco freddo. Ma la ragazza era caduta male. Jeyne, il suo nome è Jeyne, ma lei non avrebbe detto loro che Theon era atterrato su di lei, e che le aveva rotto alcune costole. "Ho salvato la ragazza," disse. "Siamo saltati."

Stannis sbuffò. "Sei caduto. Umber l’ha salvata. Se Mors Crowfood ed i suoi uomini non fossero stati fuori il castello, Bolton vi avrebbe ripreso tutti e due in un momento."

Crowfood. Theon ricordò. Un vecchio, enorme e possente, con un viso rubicondo e una barba ispida e bianca. Era seduto su un ammasso gigantesco di neve, rivestito di pelle d’orso, con il cappuccio che gli copriva la testa. Sotto il cappuccio deò mantello si intravedeva una benda di pelle bianca macchiata che ricordava a Theon suo zio Euron.

Avrebbe voluto strapparla dal viso di Umber, per assicurarsi che sotto non c’era il vuoto, non c’era un occhio nero brillante di malizia. Invece aveva piagnucolato tra i denti rotti dicendo: "Io sono.."

" Un voltagabbana e uno sterminatore di re," Crowfood aveva finito per lui. "Che perda la mia lingua bugiarda, se non lo sei".

Umber strizzò gli occhi guardando da vicino con il suo unico occhio buono la ragazza. "Tu sei la figlia più giovane?"

E Jeyne annuì. "Arya. Il mio nome è Arya."

"Arya di Grande Inverno, sì. l'ultima volta che fui tra quelle mura, il cuoco ci servì una bistecca e pasticcio di rognone. Fatto con ali, credo, il migliore che abbia mai assaggiato. Qual era il nome del cuoco?"

"Gage," Jeyne disse subito. "Era un bravo cuoco. Per Sansa faceva la torta al limone ogni volta che c’erano limoni."

Crowfood si accarezzò la barba con le dita. "Ora sarà morto, immagino. C’era un uomo anche che conosceva l’acciaio. Qual era il suo nome?"

Jeyne esitò. Mikken, Theon pensò. Il suo nome era Mikken. Il fabbro del castello ma non aveva mai fatto nessuna torta al limone per Sansa, e questo lo aveva reso di gran lunga meno importante del cuoco del castello e del dolce mondo che aveva condiviso con la sua amica Jeyne Poole. Ricordalo, accidenti a te. Tuo padre era l’uomo, che gestiva tutta la casa. Il nome del fabbro era Mikken, Mikken, Mikken. Lo avevo messo a morte per primo.

"Mikken" Jeyne disse.

Mors Umber aveva grugnito. "Sì". Che cosa avrebbe detto o fatto poi Theon non l’avrebbe mai saputo, un ragazzo corse verso loro stringendo una lancia e gridando che il cancello di Grande Inverno si stava aprendo. E Crowfood aveva sorriso.

Theon si contorse tra le catene, e sbatté le palpebre per guardare il re. "Crowfood ci ha trovato, sì, ci ha portato qui, ma sono stato io che l'ho salvata. Chiedetelo a lei." Lei avrebbe risposto. "Si mi ha salvato lui," Jeyne glielo aveva sussurrato, mentre la trascinava tra la neve. Era pallida per il dolore, ma lo aveva sfiorato con una mano sulla guancia e gli aveva sorriso. "Ho salvato Lady Arya," Theon sussurrò di rimando. E poi d'un tratto Mors, Umber e gli altri li avevano circondati. "E 'questo il tuo ringraziamento?" chiese a Stannis, scalciando debolmente contro il muro. Le sue spalle erano in agonia. Il suo peso gli fuoriusciva anche dalle orbite degli occhi. Quanto tempo era stato appeso? Era ancora notte fuori? La torre era senza finestre, non aveva modo di capirlo.

"Liberami, e ti servirò."

"Come hai servito Roose Bolton e Robb Stark?" Stannis sbuffò. "Non credo. Abbiamo uno scopo più consono per te, voltagabbana., Ma non lo conoscerai sino a quando non avremo finito con te."

Ha intenzione di uccidermi. Il pensiero fu stranamente confortante. La morte non faceva paura a Theon Greyjoy. La morte significava la fine del dolore. "Fallo, allora", lo esortò Theon. "Tagliami la testa e infilala su una picca. Ho ucciso i figli di Lord Eddard, devo morire. Ma fallo in fretta. Sta arrivando."

"Chi? Bolton?"

"Lord Ramsay," Theon sibilò. "Il figlio, non il padre. Non devi lasciare che mi prenda. Roose ... Roose è al sicuro tra le mura di Grande Inverno con la sua nuova grassa moglie. E’ Ramsay che sta arrivando."

"Snow Ramsay, vuoi dire. Il bastardo."

"Non chiamarlo così!" rispose Theon sputando saliva dalle labbra . "Ramsay Bolton, Ramsay Snow mai, Snow mai, bisogna ricordare il suo nome, o lui ti farà del male."

"E 'il benvenuto se ci vuole provare. Qualunque nome preferisca."

La porta si aprì lasciando entrare una folata di vento freddo carico di neve. Il cavaliere delle falene era tornato con il maestro che il re gli aveva chiesto, le vesti grigie erano nascoste sotto una pelle d'orso pesante. Dietro di loro venivano altri due cavalieri, ciascuno recava un corvo in una gabbia. Uno era l'uomo che era con Asha, quando il banchiere lo consegnò a lei, un uomo corpulento con un maiale alato sulla sua sopravveste. L'altro era più alto, con le spalle larghe e muscolose.L’uomo più alto portava un armantura in acciaio argentato con intarsi, anche se era graffiata e ammaccata, ancora brillava alla luce delle candele. Sul mantello vi era un cuore ardente.

"Maestro Tibald", annunciò il cavaliere delle falene.

Il Maestro cadde in ginocchio. Aveva i capelli rossi, le spalle floscie, con gli occhi ravvicinati guardò verso Theon appeso al muro. "Vostra Grazia. Come posso esservi utile?"

Stannis non rispose subito. Studiò l'uomo corrugando la fronte. "Alzati". Il Maestro si alzò. "Tu sei il Maestro dei Dreadfort. Come mai sei qui?"

"Lord Arnolf mi ha portato per curare i suoi feriti".

"Per i suoi feriti o per i suoi corvi?

Per entrambi, Vostra Grazia. "

" Per entrambi." Stannis sbottò a quell’ammissione. "Ogni corvo dei Maestri vola solo in un luogo E 'corretto?"

Il Maestro si asciugò il sudore dalla fronte con la manica. "N-non del tutto, Vostra Grazia. La maggior parte, sì. Alcuni, a pochi, si può insegnare a volare tra due castelli. Tali uccelli sono molto apprezzati. E ogni tanto, c’è un corvo che può imparare i nomi di tre o quattro o cinque castelli. Di uccelli così intelligenti ne nascono solo una volta ogni cento anni ".

Stannis indicò gli uccelli neri nelle gabbie. "Questi due non sono così intelligenti, presumo."

"No, Vostra Grazia. Anche se lo vorrei."

"Dimmi, allora. Per dove sono stati addestrati a volare?"

Maestro Tibald non rispose. Theon Greyjoy mosse debolmente i piedi, ridendo. Preso!

"Rispondi. Se dovessimo perdere, questi uccelli, potrebbero volare a Dreadfort?" Il re si sporse in avanti. "Oppure potrebbero volare a Grande Inverno?"

Maestro Tibald si pisciò nelle vesti. Theon non poteva vedere la macchia scura da dove era appeso, ma sentiva l'odore di piscio tagliente e forte.

"Maestro Tibald ha perso la lingua," Stannis osservò con i suoi cavalieri. "Godry, quante gabbie hai trovato?"

"Tre, Vostra Grazia," disse il cavaliere con il pettorale argentato. "Una era vuota."

"Vostra Grazia, il mio ordine mi impone di servire, noi ..."

"So tutto dei vostri voti. Quello che voglio sapere è cosa c'era scritto nella lettera che hai inviato a Grande Inverno. Hai forse detto a Lord Bolton dove siamo?"

"S-sire." Tibald dalle spalle floscie si raddrizzò con orgoglio.

"Le regole del mio ordine mi proibiscono di divulgare il contenuto delle lettere di Lord Arnolf."

"I vostri voti sono più forti della tua vescica, a quanto pare."

"Vostra Grazia deve capire -"

"Devo?" Il re si strinse nelle spalle. "Se lo dici tu. Tu sei un uomo di sapere, dopo tutto. Ho avuto un Maestro a Roccia del Drago, che era quasi un padre per me. Ho grande rispetto per il vostro ordine e per i Vostri voti. Ma Ser Clayton non condivide i miei sentimenti. Ha imparato tutto quello che sa nelle terre di Flea Bottom. Se dovessi darti a lui, ti strangolerebbe con la tua catena o ti caverebbe un occhio con un cucchiaio. "

"Solo uno, Vostra Grazia," si offrì il cavaliere calvo, con il maiale alato. "Mi piacerebbe vederlo orbo."

"Di quanti occhi ha bisogno un Maestro per leggere una lettera?" chiese Stannis. "Si dovrebbe bastarne uno. Non vorrei che non sia più in grado di adempiere i suoi doveri verso il suo Lord. Roose Bolton e i suoi uomini potrebbero attaccarci anche ora, però, E’ quindi necessario capire se lesinare su alcune cortesie. Vi chiedo ancora una volta. Cosa c'era nel messaggio inviato a Grande Inverno? "

Il Maestro tremava. "Una mappa, Vostra Grazia."

Il re si appoggiò allo schienale della sedia. "Portatelo fuori», ordinò. "Lasciate qui i corvi". Una vena gli pulsava nel collo. "Confinate questo disgraziato grigio in una delle capanne fino a quando non avrò deciso che cosa farne".

"Sarà fatto," dichiarò il cavaliere alto. Il Maestro svanì dietro a un vento freddo colmo di neve. Rimase solo il cavaliere dalle tre falene.

Stannis guardò Theon in cagnesco, "Non sei il solo voltagabbana qui, a quanto pare. Vorrei che tutti i Lord dei Sette Regni, avessero un unico collo.” Si voltò verso il cavaliere. "Ser Richard, mentre mi incontro con Lord Arnolf, disarma i suoi uomini e mettili sotto custodia. La maggior parte sarà addormentata. Non fare loro alcun male, a meno che non resistano. Potrebbero non sapere. Domanda loro ... ma con calma. Se non erano a conoscenza del tradimento, hanno la possibilità di dimostrare la loro lealtà. " Mosse la mano licenziandolo. "Fai entrare Justin Massey."

Un altro cavaliere, Theon questo lo conosceva, .Era un uomo giusto, con una barba ben curata biondi e folti capelli lisci così pallidi che sembravano più bianchi che oro. La sua tunica recava la tripla spirale, un sigillo antico di un’antica casa. "Mi è stato detto Vostra Grazia che avete bisogno di me", disse, inginocchiandosi.

Stannis annuì. "Si, accompagnerai il banchiere Bravosiano. Scegli sei uomini forti e prendi dodici cavalli."

"Da montare o da mangiare?"

Il re non si divertiva. "Voglio che tu parta prima di mezzogiorno, ser. Lord Bolton potrebbe arrivare da un momento all'altro, ed è imperativo che il banchiere faccia ritorno a Braavos. Lo dovrai scortare sino al di là del mare stretto."

"Se ci sarà battaglia, il mio posto è qui con te."

"Il tuo posto è dove io dico che è. Ho 500 spade buone come te con me, ma tu hai modi più piacevoli e una lingua migliore, e mi sarai più utile con il Bravosiano che qui con me. La Banca di Ferro mi ha aperto le sue casse. Con le loro monete noleggerai navi e mercenari. Una compagnia onerevole, se c’è n’è una. La Compagnioa Dorata sarebbe la mia prima scelta, se non è già sotto contratto. Cercali nelle Disputed Lands, se necessario. Prima delle spade, però, trova il maggior numero possibile di arcieri a Braavos, e inviali al di Forte Orientale. Arcieri, abbiamo bisogno di più arcieri. " Ser Justin spinse indietro una ciocca di capelli che gli era finita in un occhio e disse: "I capitani delle compagnie libere si uniranno più facilmente a un Lord che a un semplice cavaliere, Vostra Grazia. Non possiedo né terre, né il titolo, perché dovrebbero vendermi le loro spade?"

"Andrai da loro con i pugni pieni di dragoni d'oro," disse il re, in tono acido. "Questo dovrebbe risultare convincente. Ventimila uomini dovrebbero essere sufficienti. Non tornare con meno."

"Sire, posso parlare liberamente?"

"Si, se lo fai alla svelta."

"Vostra Grazia dovrebbe andare con il banchiere Bravosiano."

"E ' questo il tuo consiglio? Dovrei fuggire?" Il volto del re si rabbuiò. "Questo è stato anche il tuo consiglio a Blackwater, se ben ricordo. Quando la battaglia volse contro di noi, mi dicesti di lasciare Horpe Chivvy e di tornare a Roccia del Drago come un cane frustato."

"Quel giorno perdemmo, Vostra Grazia."

«Sì, dicesti così. Stiamo perdendo, sire. Dobbiamo tornare indietro' E ora vuoi che io me la dia a gambe al di là del mare stretto ... "

"... Per radunare un esercito, sì. come fece Acreacciaio dopo la battaglia di Redgrass, dove Daemon Blackfyre morì."

"Non cianciare con me della storia, ser. Daemon Blackfyre era un ribelle e un usurpatore, Acreacciaio un bastardo. Quando fuggì, giurò che sarebbe tornato per mettere il figlio di Daemon sul Trono di Spade. Non lo ha mai fatto. Le parole sono vento, e il vento che soffia sugli esuli al di là del mare stretto soffia raramente indietro. Quel ragazzo Viserys Targaryen parlava di ritornare. Mi sfuggì a Roccia del Drago, solo per trascorrere la sua vita a far moine ai mercenari. 'Il Re Mendicante,' si lo chiamavano così nelle Città Libere. Beh, io non prego, di sfuggire a nessuno. Sono l'erede di Robert, il re legittimo di Westeros. Il mio posto è qui con i miei uomini. Il tuo è a Braavos. Vai con il banchiere, e fai la tua offerta. "

"Come comandi," Ser Justin rispose.

"Può darsi che perderemo questa battaglia," disse il re con aria cupa. "A Braavos potrai udire che sono morto. Forse sarà vero. Ma troverai i mercenari comunque."

Il cavaliere esitò. "Vostra Grazia, se sarai morto"

"Vendicherai la mia morte, e metterai mia figlia sul Trono di Spade o morirai nel tentativo.".

Ser Justin mise una mano sulla sua elsa della spada. "Sul mio onore di cavaliere, hai la mia parola."

"Oh, e porta la ragazza Stark con te. Consegnala al Lord Snow il Comandante quando sarai sulla strada per il Forte Orientale." Stannis scrutò la pergamena davanti a lui. "Un vero re paga i suoi debiti."

Pagare, sì, pensò Theon. Paga con moneta falsa. Jon Snow avrebbe riconosciuto la falsa Arya in un batter d’occhio. Il bastardo del cupo Lord Stark avrebbe riconosciuto Jeyne Poole, lui era sempre stato affezionato alla sua piccola sorellastra Arya.

"I fratelli neri vi accompagneranno sino al Castello Nero," il re andò via. "Gli uomini di ferro resteranno qui, presumibilmente a combattere per noi. Un altro regalo da Tycho Nestoris. Meglio così, vi avrebbero solo rallentati gli uomini di ferro sono fatti per le navi, non per i cavalli. Lady Arya dovrebbe avere una compagna. Prendi Alysane Mormont. "

Ser Justin spinse indietro i capelli di nuovo. "E Lady Asha?"

Il re riflettette per un momento. "No."

"Un giorno, Vostra Grazia avrà bisogno di prendere le Isole di Ferro. Sarà molto più facile se la figlia di Balon Greyjoy, sarà sposata con uno dei vostri uomini leali, signore."

"Tu?" Il re fece una smorfia. "La donna è sposata, Justin."

"Un matrimonio per procura, mai consumato. Facilmente annullabile. Inoltre lo sposo è vecchio. Potrebbe morire presto."

Con una spada nella pancia, ser verme. Theon sapeva come certi cavalieri agiscono.

Stannis strinse le labbra. "Servimi bene con questa faccenda dei mercenari e avrai ciò che desideri. Fino a quel momento, la donna resterà mia prigioniera."

Ser Justin chinò la testa. "Capisco".

Ciò irritò il re. "La tua comprensione non è necessaria. Solo la tua obbedienza. Sei sulla buona strada, ser."

Quando il cavaliere si congedò, il mondo al di là della porta era più bianco che nero.

Stannis Baratheon attraversò la torre. La torre era piccola, umida e stretta. Si portò a pochi passi da Theon. «Quanti uomini ha Bolton a Grande Inverno?"

"Cinquemila. Sei. Forse di più." Fece un sorriso orribile, aveva tutti i denti frantumati. "Più di te".

"Quanti pensa di inviarcene contro?"

"Non più di metà." Quella era una supposizione, certo, ma gli sembrava fosse giusta. Roose Bolton non era un uomo da mandarne di più alla cieca nella neve, mappa o no. Avrebbe tenuto con se una riserva maggiore, i suoi uomini migliori, e aveva fiducia nel doppio muro massiccio di Grande Inverno. "Il castello era affollato. Gli uomini erano l'uno alla gola dell’altro, i Manderlys e i Freys in particolare. Sua signoria ha inviato quelli che è bene vengano eliminati."

"Wyman Manderly". La bocca del re si contorse in disprezzo. "il Lord troppo grasso per montare a cavallo. Troppo grasso per venire me, ma per andare a Grande Inverno no. Troppo grasso per piegare il ginocchio a me e giurare con la sua spada, ma ora brandisce la spada per Bolton. Ho inviato il mio Lord delle Cipolle a trattare con lui, e il Lord troppo grasso l’ha massacrato e ha messo la testa e le mani sulle pareti di porto bianco per far gongolare i Freys. E i Freys ... e le nozze rosse erano state dimenticate? "

"Il nord ricorda. Le nozze rosse, le dita di Lady Hornwood, il saccheggio di Grande Inverno, Deepwood Motte e Piazza Torrhen, ricorda tutto." Bran e Rickon. Anche se erano solo i figli del mugnaio. "Frey e Manderly non uniranno le loro forze. Verranno da voi, ma separatamente. Lord Ramsay non resterà indietro. Vuole la sua sposa. Vuole la sua Reek." La risata di Theon era per metà una risatina e per metà un gemito. "E’ diLord Ramsay che Vostra Grazia che deve aver paura."

Stannis si urtò a questo. "Ho sconfitto tuo zio Victarion e la sua flotta di ferro fuori Fair Isle, la prima volta che tuo padre si fece incoronare. Ho tenuto Capo Tempesta contro il potere dei Reach per un anno, e ho preso Roccia del Drago ai Targaryen. Ho distrutto Mance Rayder alla barriera, anche se aveva uomini venti volte più di me. Dimmi, voltagabbana, quante battaglie ha mai vinto il Bastardo di Bolton perchè io ne abbia a temere? "

Non devi chiamarlo così! Un'ondata di dolore sommerse Theon Greyjoy. Chiuse gli occhi e fece una smorfia. Quando li riaprì, disse: "Non lo so."

"Non lo so."

"Sa di me,» gridò uno dei corvi lasciati dal Maestro. Sbattendo le grandi ali nere contro le sbarre della gabbia."Sa", gridò di nuovo.

Stannis si voltò. "Fate finire questo rumore".

La porta dietro di lui si aprì. I Karstarks erano arrivati.

Curvo e contorto, il castellano di Karhold si appoggiò pesantemente al bastone mentre camminava verso il tavolo. Il mantello di Lord Arnolf era di lana grigia, bordato di nero con una raggiera d’argento. Un capo ricco, pensò Theon. Aveva visto quel mantello prima, lo conosceva, proprio come conosceva l'uomo che lo indossava. A Dreadfort. Si ricordò. Si sedette e cenò con Lord Ramsay e Whoresbane Umber, la notte che portarono Reek nella sua cella.

L'uomo accanto a lui non poteva che essere il figlio. Sui cinquanta, Theon giudicò, con un viso rotondo e morbido come quello di suo padre, quando Lord Arnolf sarebbe ingrassato. Dietro di lui venivano tre uomini più giovani. I nipoti, ipotizzò. Uno indossava una corazza con la cotta di maglia. Gli altri sembravano vestiti per la prima colazione, non per la battaglia. Sciocchi.

"Vostra Grazia". Arnolf Karstark chinò la testa. "E’ un onore". Si guardò intorno. E i suoi occhi videro Theon. "E chi è questo?" Il riconoscimento venne con un battito cardiaco più tardi. Lord Arnolf impallidì.

Il figlio stupido rimase ignaro. "Non ci sono sedie,"Osservò l'idiota. Uno dei corvi urlò dalla gabbia.

"Solo la mia". Re Stannis era seduto. "Non è il Trono di Spade, ma si addice a questo posto." Era presente una dozzina di uomini, guidati dal cavaliere delle falene e dall'uomo dal pettorale argentato. "Voi siete già morti, lo dovete sapere. Resta solo da definire il modo della vostra morte. Fareste bene a non sprecare il mio tempo con delle smentite. Confessate, e avrete la stessa fine rapida che il giovane lupo ha dato a Lord Rickard. Mentite e brucerete. Scegliete. "

"Ho scelto questo." Uno dei nipoti afferrò l’impugnatura della spada, e fece per colpirlo.

Si rivelò una scelta sbagliata. La lama del nipote non era nemmeno fuoriuscita dal fodero che già due dei cavalieri del re erano su di lui. Si ritrovò con l'avambraccio mozzato mentre uno dei suoi fratelli ebbe uno squarcio nella pancia, inciampò per le scale a causa della sporcizia e del sangue sgorgato. Barcollò per sei passi prima di cadere, poi crollò sul pavimento.

Né Karstark Arnolf né suo figlio si mossero.

"Portateli via," il re ordinò. "La loro vista mi inacidisce lo stomaco." In pochi istanti, i cinque uomini erano stati legati e portati altrove. Quello che aveva perso il braccio era svenuto per la perdita di sangue, ma il fratello con la ferita del ventre aveva urlato abbastanza forte per tutti e due. "È così che tratto i traditori, voltagabbana," Stannis informò Theon.

"Il mio nome è Theon."

"Come vuoi. Dimmi, Theon, quanti uomini ha Mors Umber con lui a Grande Inverno?"

"Nessuno. Nessun uomo." Sorrise a se stesso. "Aveva dei ragazzi. Li ho visti." E una manciata di semi storpi sergenti, i guerrieri che Crowfood aveva portato giù da End Hearth erano appena grandi per farsi la barba. "Le lance e le asce che stringevano erano più vecchie di loro. Era Umber Whoresbane che aveva gli uomini, all'interno del castello. Li ho visti anch'io. Vecchi, comunque." Theon ridacchiò. "Mors ha preso i ragazzi e Hother ha preso i vecchi. Tutti gli uomini veri sono andati con Greatjon alle nozze rosse. E 'questo che voleva sapere, Vostra Grazia?"

Re Stannis ignorò l’ultima frase. "Ragazzi," fu tutto quello che disse in modo disgustato. "Con dei ragazzi non resisterà a lungo Lord Bolton."

"Non molto," Theon disse d'accordo. "Non abbiamo molto tempo tutti, comunque."

"Non molto tempo», esclamò il corvo nella gabbia.

Il re rivolse all’uccello uno sguardo irritato. " Secondo questo banchiere Bravosiano Lord Aenys Frey è morto. Ha dei ragazzi?"

"Venti ragazzi verdi, con picche," Theon disse. "La neve cadde pesantemente per giorni e giorni. Così pesantemente che dalle mura del castello non si poteva vedere che a una decina di metri di distanza, gli uomini sui merli non potevano vedere cosa stava accadendo al di là di quelle mura. Così Crowfood mise i suoi ragazzi a scavare una trincea fuori del castello, soffiò il corno per attirare Lord Bolton fuori. Invece uscirono i Freys. La neve aveva coperto i pozzi, e il cavallo di Aenys si ruppe il collo, sentii dire, Ser Hosteen perse solo un cavallo, tanto peggio. Sarà arrabbiato. "

Stranamente, Stannis sorrise. "La rabbia dei nemici non mi riguarda. La rabbia rende gli uomini stupidi, e Hosteen Frey è già stupido di suo, se è vera la metà di quello che ho sentito dire di lui. Che venga."

"Verrà."

"Bolton ha commesso un errore grossolano," il re dichiarò. "Tutto quello che doveva fare era restare dentro il suo castello mentre noi pativamo la fame. Invece ha mandato una parte della sua forza per darci battaglia. I suoi cavalieri sono a cavallo, ma si dovrà combattere a piedi. I suoi uomini saranno ben nutriti, mentre noi andremo in battaglia con le pance vuote. Ma non ha importanza. Ser Stupido, il Lord Troppo Grasso, il Bastardo, lasciali venire. Continueremo a tenere questo terreno, e intendo trasformarlo in un nostro vantaggio.. "

"Il terreno?" Theon disse. "Che terreno? Qui? Questa torre illegittima? Questo villaggio miserabile? Non ci sono alture, né pareti per nasconderci, né alcuna difesa naturale."

"Eppure".

"Eppure," entrambi i corvi urlato all'unisono. Poi un corvo, dopo l'altro mormorarono: “Albero, albero, albero.”

La porta si spalancò su un mondo bianco. Il cavaliere delle tre falene entrò, le gambe incrostate di neve. Scosse i piedi fuori e disse: «Vostra Grazia, i Karstarks sono stati presi. Alcuni di loro hanno resistito, e sono morti per questo. Gli altri erano troppo confusi e sono venuti in silenzio. Li abbiamo ammassati tutti nella torre e confinati lì. "

"Ben fatto".

"Dicono che non sapevano nulla." "Ma forse mentono".

"Potremmo chiederglielo più forte ..."

"No, non credo possa servire. Karstark non avrebbe mai potuto sperare di mantenere segreto il suo tradimento se avesse condiviso i suoi piani con ogni uomo al suo servizio. Qualche lanciere ubriaco si sarebbe lasciato sfuggire qualcosa una notte mentre prendeva una pu***na. Non avevano bisogno di sapere. Sono uomini di Karhold. Quando sarebbe giunto il momento avrebbero obbedito ai loro Lord, come avevano fatto per tutta la vita. "

"Va bene, Sire."

"Che mi dici delle tue perdite personali?"

"Uno degli uomini di Lord Peasebury è stato ucciso, e due dei miei sono stati feriti. Ma, Vostra Grazia, gli uomini sono sempre più ansiosi. Centinaia di loro si sono riuniti intorno alla torre, chiedendosi che cosa sia successo. Parole di tradimento sono su ogni bocca

Nessuno sa di chi fidarsi, e gli Uomini del Nord in particolare pensano che chiunque possa essere arrestato -. "

"Ho bisogno di parlare con loro. Wull è ancora in attesa?"

"Lui e Artos Flint. Li vedrai’"

"Per poco. La prima è il kraken".

"Come comandi". Il cavaliere si congedò.

Mia sorella, Theon pensò, la mia dolce sorella. Anche se non c’erano mai stati grandi sentimenti, si sentì torcere l’intestino, come quando il banchiere Bravosiano lo presentò a Asha come un 'dono'. Il ricordo gli bruciava ancora. Il corpulento, calvo cavaliere che era con lei non aveva perso tempo per gridare aiuto, e non aveva avuto che qualche istante prima di essre trascinato via da lei per essere portato dal re. E’ stato abbastanza però. Aveva odiato l’espressione di Asha, quando si era resa conto di chi fosse, lo shock nei suoi occhi, la pietà nella sua voce, il modo in cui la sua bocca si era distorta per il disgusto. Invece di correre incontro per abbracciarlo, aveva fatto un mezzo passo indietro. "E’ stato il Bastardo a farti questo?" aveva chiesto.

"Non chiamarlo così." Poi le parole erano fuoriuscite in fretta da Theon. Cercò di dirle tutto, circa Reek e Dreadfort e Kyra e delle chiavi, che mai Lord Ramsay lo aveva scuoiato a meno che lo avesse pregato di farlo. Le raccontò che aveva salvato la ragazza, saltando dal muro castello giù nella neve. "Abbiamo volato. Facciamo fare a Abel una canzone su come abbiamo volato." Poi cle aveva detto chi era Abele e delle lavandaie che non erano veramente lavandaie. Sin da allora Theon aveva capito che sembrava strano e incoerente tutto quello che diceva, ma in qualche modo le parole non si fermavano. Era freddo e malato e stanco ... e debole, così debole, così debole.

Lei deve capire. Lei è mia sorella. Non ho mai voluto fare del male a Bran o Rickon. Reek ha ucciso quei ragazzi, non lui ma Reek l'altro. "Io non sono uno sterminatore di re", aveva insistito. Le disse come aveva capito che Grande Inverno era piena di fantasmi. "Le spade non c'erano più. Quattro, credo, o cinque. Non ricordo. I re di pietra sono arrabbiati." Tremava al ricordo, tremava come una foglia d'autunno. "L'albero del cuore sapeva il mio nome. Gli dei antichi. Theon, li ho sentiti bisbigliare. Non c'era vento, ma le foglie si muovevano. Theon, hanno detto. Il tuo nome è Theon." E 'stato bello udire il mio nome. Quando lo avevo quasi dimenticato”. "Devi sapere il tuo nome," aveva detto alla sorella. "Tu ... tu mi hai detto che ti chiamavi Esgred, ma era una bugia. Il tuo nome è Asha."

"Si," la sorella aveva detto, così piano che aveva paura che potesse piangere. Theon la odiava. Odiava le donne in lacrime. Jeyne Poole aveva pianto per tutta la strada da Grande Inverno a li, aveva pianto fino a quando il suo volto era diventato viola come una barbabietola e le lacrime le si erano congelate sulle guance, e tutto perché lui le aveva detto che lei deve essere Arya, altrimenti anche i lupi per potrebbero rimandati indietro . "Ti hanno addestrato in un bordello," le ricordò, sussurrandole in un orecchio in modo che gli altri non sentissero. "Jeyne la prossima cosa da fare per una pu***na, è continuare ad essere Arya." Lo aveva detto a fin di bene per lei. E 'stato per il suo bene. Deve ricordare il suo nome. Quando la punta del naso le era diventato nero per congelamento, e uno dei Guardiani della Notte le aveva detto che avrebbe potuto perderne un pezzo, Jeyne aveva pianto ancora. "Nessuno avrebbe fatto male a lei finchè sarebbe stata Arya , lei è l’ erede di Grande Inverno," la rassicurò. "Un centinaio di uomini vogliono sposarla. Mille."

I Ricordi fecero contorcere Theon nelle catene. "Fammi scendere", chiese. "Solo per un pò', poi mi appenderai di nuovo." Stannis Baratheon lo guardò, ma non rispose. "Albero", un corvo gridò.

Albero, albero, albero. "

Poi altro uccello disse: «Theon," chiaro come il giorno, Asha entrò a grandi passi attraverso la porta.

Qarl la Fanciulla era con lei, e Tristifer Botley. Theon aveva conosciuto Botley quando erano ragazzi a Pyke. Perché ha portato i suoi animali domestici? Significa che anche lei vuole uccidermi? Si sarebbe finita allo stesso modo che con i Karstarks.

Il re era scontento della loro presenza. "Le tue guardie possono attendere fuori. Se voglio farti del male, due uomini non mi dissuaderanno".

Gli uomini di ferro si inchinarono e uscirono. Asha si inginocchiò. "Vostra Grazia. Mio fratello deve essere incatenato a quel modo? Mi sembra una scarsa ricompensa per chi ti ha portato la ragazza Stark."

La bocca del re si contrasse. "Hai una lingua audace, mia signora. Non diversamente dal tuo fratello voltagabbana."

"Grazie, Vostra Grazia."

"Non era un complimento." Stannis diede una lunga occhiata a Theon. "Mancano le prigioni e ho più prigionieri di quanti me ne aspettassi." Fece un cenno Asha. "Ma possono aumentare."

Lei si alzò. "Il Bravosianoi ha riscattato sette dei miei uomini daLady Glover. Vorrei pagare un riscatto per mio fratello."

"Non c'è abbastanza oro su tutte le Isole di Ferro. Le mani di tuo fratello sono sporche di sangue. Farring mi chiede di darlo a R'hllor."

"Anche Clayton Suggs, non ne dubito."

"Lui, Corliss Penny, e tutti gli altri. Anche Ser Richard, che ama il Signore della Luce, solo quando fa comodo i suoi scopi."

"Il dio rosso conosce solo una singola canzone."

"Fino a quando la canzone sarà gradita alle orecchie del dio, falli cantare. Lord Bolton e i suoi uomini saranno qui prima di quanto vorremmo. Solo Umber Mors si frappone tra noi, e tuo fratello mi dice che ha solamente ragazzi verdi. Agli uomini piacerebbe sapere che il loro dio è con loro quando ci sarà battaglia. "

"Non tutti i tuoi uomini adorano lo stesso dio."

"Sono consapevole di questo. il pazzo è mio fratello."

"Theon è ultimo figlio superstite di mia madre. LA morte di suoi fratelli, l'ha distrutta. La sua morte schiaccerà ciò che resta di lei ... ma non sono venuta a pregare per la sua vita."

"Saggio da parte tua. Mi dispiace per tua madre, ma non posso risparmiare la vita dei voltagabbana. La sua in particolare. Ha ucciso i due figli di Eddard Stark. Ogni uomo del Nord al mio servizio mi abbandonerebbe se gli mostrerò clemenza. Tuo fratello deve morire. "

"Poi farlo di nascosto, Vostra Grazia." Il gelo nella voce di Asha fece rabbrividire Theon nelle sue catene. "Portalo fuori sul lago, sull'isolotto dove cresce l’albero diga, e tagliagli la testa con la tua spada magic. Così come avrebbe fatto Eddard Stark. Theon uccise i figli di Lord Eddard. Dallo agli dèi di Lord Eddard. Alle antiche divinità del nord. Dallo a l'albero diga. "

E all'improvviso i corvi del Maestro iniziarono selvaggiamente a saltellare e a dibattersi nelle gabbie, le loro piume nere volarono sbattendo contro le sbarre un grido rauco si levò. "L'albero", uno gracchiò, "l'albero, l'albero", mentre il secondo urlava, "Theon, Theon, Theon."

Theon Greyjoy sorrise. Conoscono il mio nome, pensò.

 

 

La voce del re era soffocata dalla rabbia. "Tu sei un pirata peggiore di Salladhor Saan."Theon Greyjoy aprì gli occhi. Le sue spalle erano in fiamme, non riusciva a muovere le mani. Il battito accelerato del suo cuore gli fece temere di essere di nuovo nella vecchia cella sotto Dreadfort, ma il guazzabuglio di ricordi dentro la sua testa non era altro che il residuo di qualche sogno di febbre. Stavo dormendo, si rese conto. Sono svenuto per il dolore. Quando cercò di muoversi, oscillò da una parte all'altra, raschiando con la schiena la pietra. Era appeso a un muro all'interno di una torre, con i polsi incatenati a una coppia di anelli di ferro arrugginiti.

L'aria puzzava di torba bruciata. Il pavimento era duro e sporco. Gradini di legno salivano a spirale sino al tetto. Vide che non c’erano finestre. La torre era umida e buia, l’arredamento consisteva in una sedia con un alto schienale e in un tavolo sfregiato che poggiava su tre cavalletti. In una nicchia in ombra Theon vide un vaso da notte. L'unica luce proveniva dalle candele sul tavolo. I suoi piedi pendevano da due metri dal pavimento.

"I debiti di mio fratello, " il re borbottava. "I debiti di Joffrey, questo è troppo e quell’abominio bastardo non è mio parente." Theon si contorse nelle catene. Conosceva quella voce. Stannis.

Theon Greyjoy ridacchiò. Una fitta di dolore gli salì dalle braccia, sino alle spalle e ai polsi. Tutto quello che aveva passato, tutto quello che aveva sofferto, il Moat Catilin e Barrowton e Grande Inverno, Abel e le sue lavandaie, Crowfood e gli Umbers, il cammino forzato attraverso le nevi, tutto era servito solo per arrivare ad un altro carnefice.

"Vostra Grazia”disse piano una seconda voce. "Perdono, ma l'inchiostro si è ghiacciato." Il Bravosiano, Theon lo conosceva. Come si chiamava? Tycho ... Tycho qualcosa ... "Forse un po’ di calore ...?"

"C’è un modo più veloce".Disse Stannis “ho un coltello”. Per un istante Theon pensò che volesse pugnalare il banchiere. Non riuscirà mai ad ottenere una goccia di inchiostro da quello, mio signore, disse il Bravosiano. Il re premette la lama del coltello contro il polpastrello del pollice sinistro e si tagliò. " Firmerò con il mio sangue". "Questo dovrebbe rendere i vostri padroni felici."

"Se compiace Vostra Grazia, compiacerà la Banca di ferro."

Stannis immerse la penna nel sangue che zampillava dal suo pollice e scrisse il suo nome nel pezzo di pergamena. "Partirete oggi". Lord Bolton può arrivare in qualsiasi momento. "Non voglio che siate coinvolti nei combattimenti."

"Lo preferirei anch’io." Disse il Bravosiano facendo scivolare il rotolo di pergamena all'interno di un tubo di legno. "Spero di avere l'onore di rivedere Vostra grazia quando siederà sul Trono di Spade."

"Speri di riavere il tuo oro, vuoi dire." Evita i convenevoli. È la moneta che mi serve da Voi Bravosiani, non vuote cortesie. "Dì alla guardia la fuori che ho bisogno di Justin Massey."

"Sarà un piacere". "La Banca di ferro è sempre felice di essere al servizio." Il banchiere si inchinò.

Da sinistra, arrivò, un altro cavaliere. I cavalieri del re erano andati avanti e indietro per tutta la notte, Theon ricordò vagamente. Questo sembrava conoscere bene il re. Magro, capelli scuri, occhi duri, il viso butterato da cicatrici vecchie, indossava una sopravveste sbiadita ricamata con tre falene. "Sire," annunciò, "Lord. Arnolf le manda a dire che sarebbe molto lieto di rompere il suo digiuno con te."

"E’Il figlio vero?"

"E anche i nipoti". Lord Wull vuole pubblico e vuole ."

"So quello che vuole." Il re indicò Theon. "Lui.. Wull lo vuole morto. Flint, Norrey ... tutti loro lo vogliono morto. Vendetta per i ragazzi che ha ucciso. Vendetta per il loro prezioso Ned."

"Will ci obbliga?"

"Proprio ora, che il voltagabbana mi serve vivo. Sa molto potremmo avere bisogno di lui. Portatelo via." Il re prese una pergamena dal tavolo e strizzò gli occhi. Una lettera, Theon sapeva. Il sigillo rotto era di cera nera, dura e lucida. So quello che dice, pensò ridacchiando.

Stannis alzò lo sguardo. "portate il Maestro."

"Theon. Il mio nome è Theon." Doveva ricordare il suo nome.

"Conosco il tuo nome. So quello che hai fatto."

"L'ho salvata." La parete esterna di Grande Inverno era alta 80 metri, ma da dove erano saltati la neve si era accumulata per più di quaranta metri . Un cuscino bianco freddo. Ma la ragazza era caduta male. Jeyne, il suo nome è Jeyne, ma lei non avrebbe detto loro che Theon era atterrato su di lei, e che le aveva rotto alcune costole. "Ho salvato la ragazza," disse. "Siamo saltati."

Stannis sbuffò. "Sei caduto. Umber l’ha salvata. Se Mors Crowfood ed i suoi uomini non fossero stati fuori il castello, Bolton vi avrebbe ripreso tutti e due in un momento."

Crowfood. Theon ricordò. Un vecchio, enorme e possente, con un viso rubicondo e una barba ispida e bianca. Era seduto su un ammasso gigantesco di neve, rivestito di pelle d’orso, con il cappuccio che gli copriva la testa. Sotto il cappuccio deò mantello si intravedeva una benda di pelle bianca macchiata che ricordava a Theon suo zio Euron.

Avrebbe voluto strapparla dal viso di Umber, per assicurarsi che sotto non c’era il vuoto, non c’era un occhio nero brillante di malizia. Invece aveva piagnucolato tra i denti rotti dicendo: "Io sono.."

" Un voltagabbana e uno sterminatore di re," Crowfood aveva finito per lui. "Che perda la mia lingua bugiarda, se non lo sei".

Umber strizzò gli occhi guardando da vicino con il suo unico occhio buono la ragazza. "Tu sei la figlia più giovane?"

E Jeyne annuì. "Arya. Il mio nome è Arya."

"Arya di Grande Inverno, sì. l'ultima volta che fui tra quelle mura, il cuoco ci servì una bistecca e pasticcio di rognone. Fatto con ali, credo, il migliore che abbia mai assaggiato. Qual era il nome del cuoco?"

"Gage," Jeyne disse subito. "Era un bravo cuoco. Per Sansa faceva la torta al limone ogni volta che c’erano limoni."

Crowfood si accarezzò la barba con le dita. "Ora sarà morto, immagino. C’era un uomo anche che conosceva l’acciaio. Qual era il suo nome?"

Jeyne esitò. Mikken, Theon pensò. Il suo nome era Mikken. Il fabbro del castello ma non aveva mai fatto nessuna torta al limone per Sansa, e questo lo aveva reso di gran lunga meno importante del cuoco del castello e del dolce mondo che aveva condiviso con la sua amica Jeyne Poole. Ricordalo, accidenti a te. Tuo padre era l’uomo, che gestiva tutta la casa. Il nome del fabbro era Mikken, Mikken, Mikken. Lo avevo messo a morte per primo.

"Mikken" Jeyne disse.

Mors Umber aveva grugnito. "Sì". Che cosa avrebbe detto o fatto poi Theon non l’avrebbe mai saputo, un ragazzo corse verso loro stringendo una lancia e gridando che il cancello di Grande Inverno si stava aprendo. E Crowfood aveva sorriso.

Theon si contorse tra le catene, e sbatté le palpebre per guardare il re. "Crowfood ci ha trovato, sì, ci ha portato qui, ma sono stato io che l'ho salvata. Chiedetelo a lei." Lei avrebbe risposto. "Si mi ha salvato lui," Jeyne glielo aveva sussurrato, mentre la trascinava tra la neve. Era pallida per il dolore, ma lo aveva sfiorato con una mano sulla guancia e gli aveva sorriso. "Ho salvato Lady Arya," Theon sussurrò di rimando. E poi d'un tratto Mors, Umber e gli altri li avevano circondati. "E 'questo il tuo ringraziamento?" chiese a Stannis, scalciando debolmente contro il muro. Le sue spalle erano in agonia. Il suo peso gli fuoriusciva anche dalle orbite degli occhi. Quanto tempo era stato appeso? Era ancora notte fuori? La torre era senza finestre, non aveva modo di capirlo.

"Liberami, e ti servirò."

"Come hai servito Roose Bolton e Robb Stark?" Stannis sbuffò. "Non credo. Abbiamo uno scopo più consono per te, voltagabbana., Ma non lo conoscerai sino a quando non avremo finito con te."

Ha intenzione di uccidermi. Il pensiero fu stranamente confortante. La morte non faceva paura a Theon Greyjoy. La morte significava la fine del dolore. "Fallo, allora", lo esortò Theon. "Tagliami la testa e infilala su una picca. Ho ucciso i figli di Lord Eddard, devo morire. Ma fallo in fretta. Sta arrivando."

"Chi? Bolton?"

"Lord Ramsay," Theon sibilò. "Il figlio, non il padre. Non devi lasciare che mi prenda. Roose ... Roose è al sicuro tra le mura di Grande Inverno con la sua nuova grassa moglie. E’ Ramsay che sta arrivando."

"Snow Ramsay, vuoi dire. Il bastardo."

"Non chiamarlo così!" rispose Theon sputando saliva dalle labbra . "Ramsay Bolton, Ramsay Snow mai, Snow mai, bisogna ricordare il suo nome, o lui ti farà del male."

"E 'il benvenuto se ci vuole provare. Qualunque nome preferisca."

La porta si aprì lasciando entrare una folata di vento freddo carico di neve. Il cavaliere delle falene era tornato con il maestro che il re gli aveva chiesto, le vesti grigie erano nascoste sotto una pelle d'orso pesante. Dietro di loro venivano altri due cavalieri, ciascuno recava un corvo in una gabbia. Uno era l'uomo che era con Asha, quando il banchiere lo consegnò a lei, un uomo corpulento con un maiale alato sulla sua sopravveste. L'altro era più alto, con le spalle larghe e muscolose.L’uomo più alto portava un armantura in acciaio argentato con intarsi, anche se era graffiata e ammaccata, ancora brillava alla luce delle candele. Sul mantello vi era un cuore ardente.

"Maestro Tibald", annunciò il cavaliere delle falene.

Il Maestro cadde in ginocchio. Aveva i capelli rossi, le spalle floscie, con gli occhi ravvicinati guardò verso Theon appeso al muro. "Vostra Grazia. Come posso esservi utile?"

Stannis non rispose subito. Studiò l'uomo corrugando la fronte. "Alzati". Il Maestro si alzò. "Tu sei il Maestro dei Dreadfort. Come mai sei qui?"

"Lord Arnolf mi ha portato per curare i suoi feriti".

"Per i suoi feriti o per i suoi corvi?

Per entrambi, Vostra Grazia. "

" Per entrambi." Stannis sbottò a quell’ammissione. "Ogni corvo dei Maestri vola solo in un luogo E 'corretto?"

Il Maestro si asciugò il sudore dalla fronte con la manica. "N-non del tutto, Vostra Grazia. La maggior parte, sì. Alcuni, a pochi, si può insegnare a volare tra due castelli. Tali uccelli sono molto apprezzati. E ogni tanto, c’è un corvo che può imparare i nomi di tre o quattro o cinque castelli. Di uccelli così intelligenti ne nascono solo una volta ogni cento anni ".

Stannis indicò gli uccelli neri nelle gabbie. "Questi due non sono così intelligenti, presumo."

"No, Vostra Grazia. Anche se lo vorrei."

"Dimmi, allora. Per dove sono stati addestrati a volare?"

Maestro Tibald non rispose. Theon Greyjoy mosse debolmente i piedi, ridendo. Preso!

"Rispondi. Se dovessimo perdere, questi uccelli, potrebbero volare a Dreadfort?" Il re si sporse in avanti. "Oppure potrebbero volare a Grande Inverno?"

Maestro Tibald si pisciò nelle vesti. Theon non poteva vedere la macchia scura da dove era appeso, ma sentiva l'odore di piscio tagliente e forte.

"Maestro Tibald ha perso la lingua," Stannis osservò con i suoi cavalieri. "Godry, quante gabbie hai trovato?"

"Tre, Vostra Grazia," disse il cavaliere con il pettorale argentato. "Una era vuota."

"Vostra Grazia, il mio ordine mi impone di servire, noi ..."

"So tutto dei vostri voti. Quello che voglio sapere è cosa c'era scritto nella lettera che hai inviato a Grande Inverno. Hai forse detto a Lord Bolton dove siamo?"

"S-sire." Tibald dalle spalle floscie si raddrizzò con orgoglio.

"Le regole del mio ordine mi proibiscono di divulgare il contenuto delle lettere di Lord Arnolf."

"I vostri voti sono più forti della tua vescica, a quanto pare."

"Vostra Grazia deve capire -"

"Devo?" Il re si strinse nelle spalle. "Se lo dici tu. Tu sei un uomo di sapere, dopo tutto. Ho avuto un Maestro a Roccia del Drago, che era quasi un padre per me. Ho grande rispetto per il vostro ordine e per i Vostri voti. Ma Ser Clayton non condivide i miei sentimenti. Ha imparato tutto quello che sa nelle terre di Flea Bottom. Se dovessi darti a lui, ti strangolerebbe con la tua catena o ti caverebbe un occhio con un cucchiaio. "

"Solo uno, Vostra Grazia," si offrì il cavaliere calvo, con il maiale alato. "Mi piacerebbe vederlo orbo."

"Di quanti occhi ha bisogno un Maestro per leggere una lettera?" chiese Stannis. "Si dovrebbe bastarne uno. Non vorrei che non sia più in grado di adempiere i suoi doveri verso il suo Lord. Roose Bolton e i suoi uomini potrebbero attaccarci anche ora, però, E’ quindi necessario capire se lesinare su alcune cortesie. Vi chiedo ancora una volta. Cosa c'era nel messaggio inviato a Grande Inverno? "

Il Maestro tremava. "Una mappa, Vostra Grazia."

Il re si appoggiò allo schienale della sedia. "Portatelo fuori», ordinò. "Lasciate qui i corvi". Una vena gli pulsava nel collo. "Confinate questo disgraziato grigio in una delle capanne fino a quando non avrò deciso che cosa farne".

"Sarà fatto," dichiarò il cavaliere alto. Il Maestro svanì dietro a un vento freddo colmo di neve. Rimase solo il cavaliere dalle tre falene.

Stannis guardò Theon in cagnesco, "Non sei il solo voltagabbana qui, a quanto pare. Vorrei che tutti i Lord dei Sette Regni, avessero un unico collo.” Si voltò verso il cavaliere. "Ser Richard, mentre mi incontro con Lord Arnolf, disarma i suoi uomini e mettili sotto custodia. La maggior parte sarà addormentata. Non fare loro alcun male, a meno che non resistano. Potrebbero non sapere. Domanda loro ... ma con calma. Se non erano a conoscenza del tradimento, hanno la possibilità di dimostrare la loro lealtà. " Mosse la mano licenziandolo. "Fai entrare Justin Massey."

Un altro cavaliere, Theon questo lo conosceva, .Era un uomo giusto, con una barba ben curata biondi e folti capelli lisci così pallidi che sembravano più bianchi che oro. La sua tunica recava la tripla spirale, un sigillo antico di un’antica casa. "Mi è stato detto Vostra Grazia che avete bisogno di me", disse, inginocchiandosi.

Stannis annuì. "Si, accompagnerai il banchiere Bravosiano. Scegli sei uomini forti e prendi dodici cavalli."

"Da montare o da mangiare?"

Il re non si divertiva. "Voglio che tu parta prima di mezzogiorno, ser. Lord Bolton potrebbe arrivare da un momento all'altro, ed è imperativo che il banchiere faccia ritorno a Braavos. Lo dovrai scortare sino al di là del mare stretto."

"Se ci sarà battaglia, il mio posto è qui con te."

"Il tuo posto è dove io dico che è. Ho 500 spade buone come te con me, ma tu hai modi più piacevoli e una lingua migliore, e mi sarai più utile con il Bravosiano che qui con me. La Banca di Ferro mi ha aperto le sue casse. Con le loro monete noleggerai navi e mercenari. Una compagnia onerevole, se c’è n’è una. La Compagnioa Dorata sarebbe la mia prima scelta, se non è già sotto contratto. Cercali nelle Disputed Lands, se necessario. Prima delle spade, però, trova il maggior numero possibile di arcieri a Braavos, e inviali al di Forte Orientale. Arcieri, abbiamo bisogno di più arcieri. " Ser Justin spinse indietro una ciocca di capelli che gli era finita in un occhio e disse: "I capitani delle compagnie libere si uniranno più facilmente a un Lord che a un semplice cavaliere, Vostra Grazia. Non possiedo né terre, né il titolo, perché dovrebbero vendermi le loro spade?"

"Andrai da loro con i pugni pieni di dragoni d'oro," disse il re, in tono acido. "Questo dovrebbe risultare convincente. Ventimila uomini dovrebbero essere sufficienti. Non tornare con meno."

"Sire, posso parlare liberamente?"

"Si, se lo fai alla svelta."

"Vostra Grazia dovrebbe andare con il banchiere Bravosiano."

"E ' questo il tuo consiglio? Dovrei fuggire?" Il volto del re si rabbuiò. "Questo è stato anche il tuo consiglio a Blackwater, se ben ricordo. Quando la battaglia volse contro di noi, mi dicesti di lasciare Horpe Chivvy e di tornare a Roccia del Drago come un cane frustato."

"Quel giorno perdemmo, Vostra Grazia."

«Sì, dicesti così. Stiamo perdendo, sire. Dobbiamo tornare indietro' E ora vuoi che io me la dia a gambe al di là del mare stretto ... "

"... Per radunare un esercito, sì. come fece Acreacciaio dopo la battaglia di Redgrass, dove Daemon Blackfyre morì."

"Non cianciare con me della storia, ser. Daemon Blackfyre era un ribelle e un usurpatore, Acreacciaio un bastardo. Quando fuggì, giurò che sarebbe tornato per mettere il figlio di Daemon sul Trono di Spade. Non lo ha mai fatto. Le parole sono vento, e il vento che soffia sugli esuli al di là del mare stretto soffia raramente indietro. Quel ragazzo Viserys Targaryen parlava di ritornare. Mi sfuggì a Roccia del Drago, solo per trascorrere la sua vita a far moine ai mercenari. 'Il Re Mendicante,' si lo chiamavano così nelle Città Libere. Beh, io non prego, di sfuggire a nessuno. Sono l'erede di Robert, il re legittimo di Westeros. Il mio posto è qui con i miei uomini. Il tuo è a Braavos. Vai con il banchiere, e fai la tua offerta. "

"Come comandi," Ser Justin rispose.

"Può darsi che perderemo questa battaglia," disse il re con aria cupa. "A Braavos potrai udire che sono morto. Forse sarà vero. Ma troverai i mercenari comunque."

Il cavaliere esitò. "Vostra Grazia, se sarai morto"

"Vendicherai la mia morte, e metterai mia figlia sul Trono di Spade o morirai nel tentativo.".

Ser Justin mise una mano sulla sua elsa della spada. "Sul mio onore di cavaliere, hai la mia parola."

"Oh, e porta la ragazza Stark con te. Consegnala al Lord Snow il Comandante quando sarai sulla strada per il Forte Orientale." Stannis scrutò la pergamena davanti a lui. "Un vero re paga i suoi debiti."

Pagare, sì, pensò Theon. Paga con moneta falsa. Jon Snow avrebbe riconosciuto la falsa Arya in un batter d’occhio. Il bastardo del cupo Lord Stark avrebbe riconosciuto Jeyne Poole, lui era sempre stato affezionato alla sua piccola sorellastra Arya.

"I fratelli neri vi accompagneranno sino al Castello Nero," il re andò via. "Gli uomini di ferro resteranno qui, presumibilmente a combattere per noi. Un altro regalo da Tycho Nestoris. Meglio così, vi avrebbero solo rallentati gli uomini di ferro sono fatti per le navi, non per i cavalli. Lady Arya dovrebbe avere una compagna. Prendi Alysane Mormont. "

Ser Justin spinse indietro i capelli di nuovo. "E Lady Asha?"

Il re riflettette per un momento. "No."

"Un giorno, Vostra Grazia avrà bisogno di prendere le Isole di Ferro. Sarà molto più facile se la figlia di Balon Greyjoy, sarà sposata con uno dei vostri uomini leali, signore."

"Tu?" Il re fece una smorfia. "La donna è sposata, Justin."

"Un matrimonio per procura, mai consumato. Facilmente annullabile. Inoltre lo sposo è vecchio. Potrebbe morire presto."

Con una spada nella pancia, ser verme. Theon sapeva come certi cavalieri agiscono.

Stannis strinse le labbra. "Servimi bene con questa faccenda dei mercenari e avrai ciò che desideri. Fino a quel momento, la donna resterà mia prigioniera."

Ser Justin chinò la testa. "Capisco".

Ciò irritò il re. "La tua comprensione non è necessaria. Solo la tua obbedienza. Sei sulla buona strada, ser."

Quando il cavaliere si congedò, il mondo al di là della porta era più bianco che nero.

Stannis Baratheon attraversò la torre. La torre era piccola, umida e stretta. Si portò a pochi passi da Theon. «Quanti uomini ha Bolton a Grande Inverno?"

"Cinquemila. Sei. Forse di più." Fece un sorriso orribile, aveva tutti i denti frantumati. "Più di te".

"Quanti pensa di inviarcene contro?"

"Non più di metà." Quella era una supposizione, certo, ma gli sembrava fosse giusta. Roose Bolton non era un uomo da mandarne di più alla cieca nella neve, mappa o no. Avrebbe tenuto con se una riserva maggiore, i suoi uomini migliori, e aveva fiducia nel doppio muro massiccio di Grande Inverno. "Il castello era affollato. Gli uomini erano l'uno alla gola dell’altro, i Manderlys e i Freys in particolare. Sua signoria ha inviato quelli che è bene vengano eliminati."

"Wyman Manderly". La bocca del re si contorse in disprezzo. "il Lord troppo grasso per montare a cavallo. Troppo grasso per venire me, ma per andare a Grande Inverno no. Troppo grasso per piegare il ginocchio a me e giurare con la sua spada, ma ora brandisce la spada per Bolton. Ho inviato il mio Lord delle Cipolle a trattare con lui, e il Lord troppo grasso l’ha massacrato e ha messo la testa e le mani sulle pareti di porto bianco per far gongolare i Freys. E i Freys ... e le nozze rosse erano state dimenticate? "

"Il nord ricorda. Le nozze rosse, le dita di Lady Hornwood, il saccheggio di Grande Inverno, Deepwood Motte e Piazza Torrhen, ricorda tutto." Bran e Rickon. Anche se erano solo i figli del mugnaio. "Frey e Manderly non uniranno le loro forze. Verranno da voi, ma separatamente. Lord Ramsay non resterà indietro. Vuole la sua sposa. Vuole la sua Reek." La risata di Theon era per metà una risatina e per metà un gemito. "E’ diLord Ramsay che Vostra Grazia che deve aver paura."

Stannis si urtò a questo. "Ho sconfitto tuo zio Victarion e la sua flotta di ferro fuori Fair Isle, la prima volta che tuo padre si fece incoronare. Ho tenuto Capo Tempesta contro il potere dei Reach per un anno, e ho preso Roccia del Drago ai Targaryen. Ho distrutto Mance Rayder alla barriera, anche se aveva uomini venti volte più di me. Dimmi, voltagabbana, quante battaglie ha mai vinto il Bastardo di Bolton perchè io ne abbia a temere? "

Non devi chiamarlo così! Un'ondata di dolore sommerse Theon Greyjoy. Chiuse gli occhi e fece una smorfia. Quando li riaprì, disse: "Non lo so."

"Non lo so."

"Sa di me,» gridò uno dei corvi lasciati dal Maestro. Sbattendo le grandi ali nere contro le sbarre della gabbia."Sa", gridò di nuovo.

Stannis si voltò. "Fate finire questo rumore".

La porta dietro di lui si aprì. I Karstarks erano arrivati.

Curvo e contorto, il castellano di Karhold si appoggiò pesantemente al bastone mentre camminava verso il tavolo. Il mantello di Lord Arnolf era di lana grigia, bordato di nero con una raggiera d’argento. Un capo ricco, pensò Theon. Aveva visto quel mantello prima, lo conosceva, proprio come conosceva l'uomo che lo indossava. A Dreadfort. Si ricordò. Si sedette e cenò con Lord Ramsay e Whoresbane Umber, la notte che portarono Reek nella sua cella.

L'uomo accanto a lui non poteva che essere il figlio. Sui cinquanta, Theon giudicò, con un viso rotondo e morbido come quello di suo padre, quando Lord Arnolf sarebbe ingrassato. Dietro di lui venivano tre uomini più giovani. I nipoti, ipotizzò. Uno indossava una corazza con la cotta di maglia. Gli altri sembravano vestiti per la prima colazione, non per la battaglia. Sciocchi.

"Vostra Grazia". Arnolf Karstark chinò la testa. "E’ un onore". Si guardò intorno. E i suoi occhi videro Theon. "E chi è questo?" Il riconoscimento venne con un battito cardiaco più tardi. Lord Arnolf impallidì.

Il figlio stupido rimase ignaro. "Non ci sono sedie,"Osservò l'idiota. Uno dei corvi urlò dalla gabbia.

"Solo la mia". Re Stannis era seduto. "Non è il Trono di Spade, ma si addice a questo posto." Era presente una dozzina di uomini, guidati dal cavaliere delle falene e dall'uomo dal pettorale argentato. "Voi siete già morti, lo dovete sapere. Resta solo da definire il modo della vostra morte. Fareste bene a non sprecare il mio tempo con delle smentite. Confessate, e avrete la stessa fine rapida che il giovane lupo ha dato a Lord Rickard. Mentite e brucerete. Scegliete. "

"Ho scelto questo." Uno dei nipoti afferrò l’impugnatura della spada, e fece per colpirlo.

Si rivelò una scelta sbagliata. La lama del nipote non era nemmeno fuoriuscita dal fodero che già due dei cavalieri del re erano su di lui. Si ritrovò con l'avambraccio mozzato mentre uno dei suoi fratelli ebbe uno squarcio nella pancia, inciampò per le scale a causa della sporcizia e del sangue sgorgato. Barcollò per sei passi prima di cadere, poi crollò sul pavimento.

Né Karstark Arnolf né suo figlio si mossero.

"Portateli via," il re ordinò. "La loro vista mi inacidisce lo stomaco." In pochi istanti, i cinque uomini erano stati legati e portati altrove. Quello che aveva perso il braccio era svenuto per la perdita di sangue, ma il fratello con la ferita del ventre aveva urlato abbastanza forte per tutti e due. "È così che tratto i traditori, voltagabbana," Stannis informò Theon.

"Il mio nome è Theon."

"Come vuoi. Dimmi, Theon, quanti uomini ha Mors Umber con lui a Grande Inverno?"

"Nessuno. Nessun uomo." Sorrise a se stesso. "Aveva dei ragazzi. Li ho visti." E una manciata di semi storpi sergenti, i guerrieri che Crowfood aveva portato giù da End Hearth erano appena grandi per farsi la barba. "Le lance e le asce che stringevano erano più vecchie di loro. Era Umber Whoresbane che aveva gli uomini, all'interno del castello. Li ho visti anch'io. Vecchi, comunque." Theon ridacchiò. "Mors ha preso i ragazzi e Hother ha preso i vecchi. Tutti gli uomini veri sono andati con Greatjon alle nozze rosse. E 'questo che voleva sapere, Vostra Grazia?"

Re Stannis ignorò l’ultima frase. "Ragazzi," fu tutto quello che disse in modo disgustato. "Con dei ragazzi non resisterà a lungo Lord Bolton."

"Non molto," Theon disse d'accordo. "Non abbiamo molto tempo tutti, comunque."

"Non molto tempo», esclamò il corvo nella gabbia.

Il re rivolse all’uccello uno sguardo irritato. " Secondo questo banchiere Bravosiano Lord Aenys Frey è morto. Ha dei ragazzi?"

"Venti ragazzi verdi, con picche," Theon disse. "La neve cadde pesantemente per giorni e giorni. Così pesantemente che dalle mura del castello non si poteva vedere che a una decina di metri di distanza, gli uomini sui merli non potevano vedere cosa stava accadendo al di là di quelle mura. Così Crowfood mise i suoi ragazzi a scavare una trincea fuori del castello, soffiò il corno per attirare Lord Bolton fuori. Invece uscirono i Freys. La neve aveva coperto i pozzi, e il cavallo di Aenys si ruppe il collo, sentii dire, Ser Hosteen perse solo un cavallo, tanto peggio. Sarà arrabbiato. "

Stranamente, Stannis sorrise. "La rabbia dei nemici non mi riguarda. La rabbia rende gli uomini stupidi, e Hosteen Frey è già stupido di suo, se è vera la metà di quello che ho sentito dire di lui. Che venga."

"Verrà."

"Bolton ha commesso un errore grossolano," il re dichiarò. "Tutto quello che doveva fare era restare dentro il suo castello mentre noi pativamo la fame. Invece ha mandato una parte della sua forza per darci battaglia. I suoi cavalieri sono a cavallo, ma si dovrà combattere a piedi. I suoi uomini saranno ben nutriti, mentre noi andremo in battaglia con le pance vuote. Ma non ha importanza. Ser Stupido, il Lord Troppo Grasso, il Bastardo, lasciali venire. Continueremo a tenere questo terreno, e intendo trasformarlo in un nostro vantaggio.. "

"Il terreno?" Theon disse. "Che terreno? Qui? Questa torre illegittima? Questo villaggio miserabile? Non ci sono alture, né pareti per nasconderci, né alcuna difesa naturale."

"Eppure".

"Eppure," entrambi i corvi urlato all'unisono. Poi un corvo, dopo l'altro mormorarono: “Albero, albero, albero.”

La porta si spalancò su un mondo bianco. Il cavaliere delle tre falene entrò, le gambe incrostate di neve. Scosse i piedi fuori e disse: «Vostra Grazia, i Karstarks sono stati presi. Alcuni di loro hanno resistito, e sono morti per questo. Gli altri erano troppo confusi e sono venuti in silenzio. Li abbiamo ammassati tutti nella torre e confinati lì. "

"Ben fatto".

"Dicono che non sapevano nulla." "Ma forse mentono".

"Potremmo chiederglielo più forte ..."

"No, non credo possa servire. Karstark non avrebbe mai potuto sperare di mantenere segreto il suo tradimento se avesse condiviso i suoi piani con ogni uomo al suo servizio. Qualche lanciere ubriaco si sarebbe lasciato sfuggire qualcosa una notte mentre prendeva una pu***na. Non avevano bisogno di sapere. Sono uomini di Karhold. Quando sarebbe giunto il momento avrebbero obbedito ai loro Lord, come avevano fatto per tutta la vita. "

"Va bene, Sire."

"Che mi dici delle tue perdite personali?"

"Uno degli uomini di Lord Peasebury è stato ucciso, e due dei miei sono stati feriti. Ma, Vostra Grazia, gli uomini sono sempre più ansiosi. Centinaia di loro si sono riuniti intorno alla torre, chiedendosi che cosa sia successo. Parole di tradimento sono su ogni bocca

Nessuno sa di chi fidarsi, e gli Uomini del Nord in particolare pensano che chiunque possa essere arrestato -. "

"Ho bisogno di parlare con loro. Wull è ancora in attesa?"

"Lui e Artos Flint. Li vedrai’"

"Per poco. La prima è il kraken".

"Come comandi". Il cavaliere si congedò.

Mia sorella, Theon pensò, la mia dolce sorella. Anche se non c’erano mai stati grandi sentimenti, si sentì torcere l’intestino, come quando il banchiere Bravosiano lo presentò a Asha come un 'dono'. Il ricordo gli bruciava ancora. Il corpulento, calvo cavaliere che era con lei non aveva perso tempo per gridare aiuto, e non aveva avuto che qualche istante prima di essre trascinato via da lei per essere portato dal re. E’ stato abbastanza però. Aveva odiato l’espressione di Asha, quando si era resa conto di chi fosse, lo shock nei suoi occhi, la pietà nella sua voce, il modo in cui la sua bocca si era distorta per il disgusto. Invece di correre incontro per abbracciarlo, aveva fatto un mezzo passo indietro. "E’ stato il Bastardo a farti questo?" aveva chiesto.

"Non chiamarlo così." Poi le parole erano fuoriuscite in fretta da Theon. Cercò di dirle tutto, circa Reek e Dreadfort e Kyra e delle chiavi, che mai Lord Ramsay lo aveva scuoiato a meno che lo avesse pregato di farlo. Le raccontò che aveva salvato la ragazza, saltando dal muro castello giù nella neve. "Abbiamo volato. Facciamo fare a Abel una canzone su come abbiamo volato." Poi cle aveva detto chi era Abele e delle lavandaie che non erano veramente lavandaie. Sin da allora Theon aveva capito che sembrava strano e incoerente tutto quello che diceva, ma in qualche modo le parole non si fermavano. Era freddo e malato e stanco ... e debole, così debole, così debole.

Lei deve capire. Lei è mia sorella. Non ho mai voluto fare del male a Bran o Rickon. Reek ha ucciso quei ragazzi, non lui ma Reek l'altro. "Io non sono uno sterminatore di re", aveva insistito. Le disse come aveva capito che Grande Inverno era piena di fantasmi. "Le spade non c'erano più. Quattro, credo, o cinque. Non ricordo. I re di pietra sono arrabbiati." Tremava al ricordo, tremava come una foglia d'autunno. "L'albero del cuore sapeva il mio nome. Gli dei antichi. Theon, li ho sentiti bisbigliare. Non c'era vento, ma le foglie si muovevano. Theon, hanno detto. Il tuo nome è Theon." E 'stato bello udire il mio nome. Quando lo avevo quasi dimenticato”. "Devi sapere il tuo nome," aveva detto alla sorella. "Tu ... tu mi hai detto che ti chiamavi Esgred, ma era una bugia. Il tuo nome è Asha."

"Si," la sorella aveva detto, così piano che aveva paura che potesse piangere. Theon la odiava. Odiava le donne in lacrime. Jeyne Poole aveva pianto per tutta la strada da Grande Inverno a li, aveva pianto fino a quando il suo volto era diventato viola come una barbabietola e le lacrime le si erano congelate sulle guance, e tutto perché lui le aveva detto che lei deve essere Arya, altrimenti anche i lupi per potrebbero rimandati indietro . "Ti hanno addestrato in un bordello," le ricordò, sussurrandole in un orecchio in modo che gli altri non sentissero. "Jeyne la prossima cosa da fare per una pu***na, è continuare ad essere Arya." Lo aveva detto a fin di bene per lei. E 'stato per il suo bene. Deve ricordare il suo nome. Quando la punta del naso le era diventato nero per congelamento, e uno dei Guardiani della Notte le aveva detto che avrebbe potuto perderne un pezzo, Jeyne aveva pianto ancora. "Nessuno avrebbe fatto male a lei finchè sarebbe stata Arya , lei è l’ erede di Grande Inverno," la rassicurò. "Un centinaio di uomini vogliono sposarla. Mille."

I Ricordi fecero contorcere Theon nelle catene. "Fammi scendere", chiese. "Solo per un pò', poi mi appenderai di nuovo." Stannis Baratheon lo guardò, ma non rispose. "Albero", un corvo gridò.

Albero, albero, albero. "

Poi altro uccello disse: «Theon," chiaro come il giorno, Asha entrò a grandi passi attraverso la porta.

Qarl la Fanciulla era con lei, e Tristifer Botley. Theon aveva conosciuto Botley quando erano ragazzi a Pyke. Perché ha portato i suoi animali domestici? Significa che anche lei vuole uccidermi? Si sarebbe finita allo stesso modo che con i Karstarks.

Il re era scontento della loro presenza. "Le tue guardie possono attendere fuori. Se voglio farti del male, due uomini non mi dissuaderanno".

Gli uomini di ferro si inchinarono e uscirono. Asha si inginocchiò. "Vostra Grazia. Mio fratello deve essere incatenato a quel modo? Mi sembra una scarsa ricompensa per chi ti ha portato la ragazza Stark."

La bocca del re si contrasse. "Hai una lingua audace, mia signora. Non diversamente dal tuo fratello voltagabbana."

"Grazie, Vostra Grazia."

"Non era un complimento." Stannis diede una lunga occhiata a Theon. "Mancano le prigioni e ho più prigionieri di quanti me ne aspettassi." Fece un cenno Asha. "Ma possono aumentare."

Lei si alzò. "Il Bravosianoi ha riscattato sette dei miei uomini daLady Glover. Vorrei pagare un riscatto per mio fratello."

"Non c'è abbastanza oro su tutte le Isole di Ferro. Le mani di tuo fratello sono sporche di sangue. Farring mi chiede di darlo a R'hllor."

"Anche Clayton Suggs, non ne dubito."

"Lui, Corliss Penny, e tutti gli altri. Anche Ser Richard, che ama il Signore della Luce, solo quando fa comodo i suoi scopi."

"Il dio rosso conosce solo una singola canzone."

"Fino a quando la canzone sarà gradita alle orecchie del dio, falli cantare. Lord Bolton e i suoi uomini saranno qui prima di quanto vorremmo. Solo Umber Mors si frappone tra noi, e tuo fratello mi dice che ha solamente ragazzi verdi. Agli uomini piacerebbe sapere che il loro dio è con loro quando ci sarà battaglia. "

"Non tutti i tuoi uomini adorano lo stesso dio."

"Sono consapevole di questo. il pazzo è mio fratello."

"Theon è ultimo figlio superstite di mia madre. LA morte di suoi fratelli, l'ha distrutta. La sua morte schiaccerà ciò che resta di lei ... ma non sono venuta a pregare per la sua vita."

"Saggio da parte tua. Mi dispiace per tua madre, ma non posso risparmiare la vita dei voltagabbana. La sua in particolare. Ha ucciso i due figli di Eddard Stark. Ogni uomo del Nord al mio servizio mi abbandonerebbe se gli mostrerò clemenza. Tuo fratello deve morire. "

"Poi farlo di nascosto, Vostra Grazia." Il gelo nella voce di Asha fece rabbrividire Theon nelle sue catene. "Portalo fuori sul lago, sull'isolotto dove cresce l’albero diga, e tagliagli la testa con la tua spada magic. Così come avrebbe fatto Eddard Stark. Theon uccise i figli di Lord Eddard. Dallo agli dèi di Lord Eddard. Alle antiche divinità del nord. Dallo a l'albero diga. "

E all'improvviso i corvi del Maestro iniziarono selvaggiamente a saltellare e a dibattersi nelle gabbie, le loro piume nere volarono sbattendo contro le sbarre un grido rauco si levò. "L'albero", uno gracchiò, "l'albero, l'albero", mentre il secondo urlava, "Theon, Theon, Theon."

Theon Greyjoy sorrise. Conoscono il mio nome, pensò.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grande! Letto tutto d'un fiato!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Theon si è messa davvero male...penso che solo Bran o Rickon lo potrebbero indirettamente salvare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...