Jump to content
Emma Snow

La canzone del giorno

Recommended Posts

Grazie, Silk! :)
Allora, confortata dal fatto di non essere l'unica ad apprezzare Gazzè, mi lancio con uno dei miei grandissimi amori musicali: i Baustelle.


Testi raffinatissimi, complessi per il contenuto -spesso da cercare tra le righe, magari documentandosi in rete- e per il lessico, mai banale, inconsueto, ricercatissimo. Spesso mi è successo di leggere le parole di una loro canzone prima di averla ascoltata, e pensare "ma è assurdo: non è possibile cantare una cosa del genere". Perchè mi pareva così irregolare, spigoloso, pieno di asperità. L'italiano, appena si esce dalla confort-zone di bisillabi e trisillabi alla "cuore - amore - dolore" appena si cerca di usare parole "vere" anzichè addomesticate, è così maledettamente difficile da inserire in una metrica musicale. E poi ho ascoltato la canzone e... magia! Tutto scorreva alla perfezione, la melodia vestiva perfettamente le parole, le parole ci scivolavano dentro.  Un miracolo che riesce a pochissimi, soprattutto negli ultimi anni, finita la fase d'oro dei cantautori: oltre a loro mi vengono in mente Max Gazzè, di cui parlavamo ieri, e, naturalmente Battiato (uno dei pochi al mondo che possono permettersi di cantare " E gli orinali messi sotto i letti per la notte e un film di Eisenstein sulla rivoluzione "  o "guardavamo con le facce assenti la grazia innaturale di Nijinski / E poi di lui s’innamorò perdutamente il suo impresario e dei balletti russi". Però i suoi testi devono il loro fascino anche al loro suonare volutamente sempre un po' fuori luogo, creando un effetto straniante: invece, quelli dei Baustelle e di Gazzè, anche quando sono, in realtà, complessi e ricercatissimi, non suonano mai "strani", scorrono lisci come se fossero semplici e naturali).


Questa canzone, come quasi tutte quelle dei Baustelle, sposa una melodia pop orecchiabile -in realtà molto sapiente, ma di impatto fortissimo anche per un ascoltatore distratto-) ed apparentemente gioiosa, con un testo dal contenuto amaro, spigoloso, disturbante, tagliente come una lama. In questo caso, raccontando il suicidio di una adolescente. Una ragazzina come tante sedicenni di oggi e quindi, a modo suo, normale: "normalmente" disadattata e con una vita "normalmente" borderline. Normalmente inquietante. Che muore pensando che, tra tante guerre che imperversano nel mondo, almeno una sta per finire: la sua.


Qui manca  la voce, celestiale e assolutamente straniante rispetto ai testi durissimi, di Rachele Bastreghi. Ma, come ciliegina su una torta fatta di contrasti e di sapori completamente diversi da quelli che ti aspetti, c'è la bellissima voce di Francesco Bianconi, così stranamente simile a quella di De Andrè.



"Vivere non è possibile" / Lasciò un biglietto inutile / prima di respirare il gas, / prima di collegarsi al caos.

 

Con un Bic profumata / da attrice bruciata / "La guerra è finita" /, scrisse così

Io li adoro. Punto.


Baustelle - La guerra è finita

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui in sardegna fa caldo e io sono ancora a maniche corte.. :figo: Ho cercato sole su youtube per la canzone del giorno e mi è comparsa sole nero dei litfiba.. Adoro la chitarra di ghigo renzulli!! ;)

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Apro http://www.ilpost.it/2017/10/20/lynyrd-skynyrd/  e riscopro una canzone che fa parte della colonna sonora di forest gump. Non mi ero mai posto il problema di chi fossero e gli autori e ignoravo che oggi fosse il quarantesimo anniversario della morte del cantante e di un chitarrista dei Lynyrd Skynyrd. ora che lo so devo capire come si pronuncia il nome della band.. :ehmmm:

 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per qualche ragione ricordavo che una cover di enjoy the silence fosse stata fatta anche da marylin manson ma ricordavo malissimo.. :ehmmm: Alla fine ho ripiegato sugli italiani lacuna coil ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quella di Marylin Manson era "sweet dreams" :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma sweet dreams è degli eurythmics non di marylin manson. Marylin manson ha rifatto personal jesus dei depeche mode. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stavamo parlando di cover o di Depche Mode? ;) Beh, Marylin Manson ha coverizzato Sweet Dreams, che male c'é :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di male non c' è nulla ma giusto per essere pibinco (pignolo, puntiglioso in pratica rompiballe.. :D )  ricapitolo. Pensavo che marylin manson avesse fatto una cover di enjoy the silence dei depeche mode. Ho scoperto che mi sbagliavo e ho messo la cover fatta dai lacuna coil. Poi arrivi tu e mi suggerisci sweet dreams che è si una cover ma non dei depeche mode ma degli eurytnhmics fatta da marylin manson e postata da me pagine e pagine fa.. :D;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

UN classicone anni 80.. :)

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nei vari post dei cantanti da pensionare è saltato fuori che le rock band degne di questo nome sono meno numerose per varie ragioni mentre gli artisti pop sono in pratica usa e getta. Visto che metto sempre bella musica :glare:volevo mettere l' esempio calzante di cantanti usa e getta o secondo la mia definizione "carne da cannone"!

Ignoro che fine abbiano fatto ma forse una si era detta molestata da weinstein secondo la moda di questo periodo..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come scelgo la canzone del giorno? Oggi c' è un bel vento, cerco wind su youtube, scarto wind of change e scopro questa canzone di david bowie.. :ehmmm::glare:

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×