Jump to content
Sign in to follow this  
Koorlick

TWoW - riassunti Ser Barristan I e II

Recommended Posts

Come noto, in una recente convention Martin ha letto ad alta voce due nuovi capitoli tratti da The Winds of Winter.

Si tratta dei primi due capitoli dal punto di vista di ser Barristan Selmy.

 

Copio/incollo qua sotto i riassunti postati sul forum di westeros.org:

 

Cita

SER BARRISTAN I

 

The chapter begins with a gory description of the bodies of plague victims being thrown into the city by the trebuchets. Only the northern districts across the river are far enough away to avoid being hit.

 

Barristan rides into the large market by the western gate wearing his new Queensguard armor and riding the silver horse that Drogo gave to Dany. He feels that this is presumptuous, but thinks that even while the queen is missing it is important to have some symbol of her around to improve morale. Three of his lads ride with him: Tumco Lho, Larraq, and the Red Lamb.

 

In the marketplace (featuring landmarks like the statue of the chainmaker and the spire of skulls), at the “hour of the wolf,” the main forces that will participate in the attack gather. There are five thousand unsullied, the Storm Crows, a ragged band of about twenty dothraki and the pitfighters. The Shavepate’s beasts are manning the city walls in place of the unsullied. They will serve as the city’s last line of protection if Barristan’s attack fails and Dany has not returned.

 

The attack will leave from three gates (north, south, and west), but Barristan will lead the charge against the main Yunkai’i forces directly to the west. Barristan thinks that the attack is against all of his instincts, as the basic numbers are against them and success hinges on trusting sellswords -- in particular, trusting the in the Tattered Prince’s greed.

 

He meets with his commanders (including the Widower, Jokin, Grey Worm, and some of the pitfighters). Their plan is to lead with the horse and flank the defending legions, taking out the trebuchets and burning the pavilions. The pitfighters will advance after the horse and focus on intimidation and slaughter. Finally, the unsullied will line up outside the gate, which should be successful if the Yunkai’i don’t mount an immediate counterattack.

 

Barristan reminds the commanders that they must retreat or advance when they hear the Red Lamb blow the horn. The Windower asks what to do if there is no horn blast -- that is, if Barristan and his lads are all dead. Barristan knows that this is likely, as he intends to be first through the lines of the Yunkai’i, so he just says that in that case, the Widower will be second in command. Barristan then remembers that Lord Commander Hightower had once told him to never speak of defeat before a battle, since the gods might be listening.

 

It will be dawn soon. Someone says “A red dawn,” and Barristan thinks “A dragon dawn.” Previously, he had prayed to each of the seven for various things, ending with a plea to the stranger for mercy. Though he knows all men must die eventually, Barristan would like to live through the day.

 

More bodies fall from the sky. Barristan notices Tumco Lho’s reaction and sees that the lad fears the pale more more than the foes outside the gates. Barristan then gives a stirring pep talk about how every man fears every battle. At first, the Red Lamb is defiant, saying that doesn’t fear death because at that point he’ll get to meet the Great Shepherd -- when he plans to break his shepherd’s crook in two and castigate the shepherd for creating such a peaceful people in such a violent world.

 

Barristan continues his lecture, saying that there is “nothing more terrible, nothing more glorious, nothing more absurd” than war. Even Barristan admits that he shat his pants in his first battle. He is interrupted by a murmur among the soldiers -- a fire is lit at the harpy on top of one of the pyramids, presumably to signal the men at each gate to begin the attack. The gate opens and Barristan sounds the call to attack.

 

[At this point he says there will be a Victarion and Tyrion chapter (perhaps the ones he has already read), in some order, at which point we return to...]

 

SER BARRISTAN II

 

His gut feels twisted from nervousness as he rides through the gates. He knows that the feeling will go away when time slows down in the chaos of battle. Dany’s horse is easily outpacing the lads and the rest of the cavalry; Barristan is pleased because he intends to outrun the Widower and strike the first blow. The Yunkai’i are totally unprepared and Barristan closes in on the Harridan, the largest of the trebuchets. The stormcrows take up the cry, “Daario!” and “Stormcrows, fly!” Barristan thinks that he will never again doubt the valor of sellswords.

 

There are only thirty yards between the horse and the Yunkai’i legions by the time any defense is mounted. The air fills with arrows. A squire for the stormcrows is killed, and a bolt pierces Barristan’s shield. There are three horn blasts and the pitfighters emerge from the gate behind them.

 

Barristan glances back to see the pitfighters. There are about two hundred of them, but they make enough noise for two thousand. One woman stands out, wearing nothing but greaves, sandals, a chainmail skirt, and a python. Barristan is a bit shocked and, watching her breasts bouncing around, thinks that this day is sure to be her last. The pitfighters are mostly shouting “Loraq!” and “Hizdar!” but some do call out “Danaerys!” Larraq is hit in the chest with an arrow, bringing Barristan’s attention forward, but the squire keeps the banners held high and shakes it off.

 

Barristan has reached the Harridan, but a Ghiscari legion six thousand strong has lined up to protect the huge trebuchet. They are six ranks deep -- the first rank kneels and holds their spears pointing out and up, the second rank stands and holds their spears out at waist height, and and the third rank holds the spears out on their shoulders. The rest have small throwing spears and are ready to step forward when their comrades fall.

 

Barristan knows that a maester’s chain is only as strong as his weakest link, and identifies the companies of the Yunkish lords as the weakest of his immediate foes, certainly weaker than the slave legions. In particular, Barristan targets the Little Pigeon and his herons. The slaves chosen to be herons were freakishly tall before they were put on stilts, and wear pink scales and feathers and steel beaks. But Barristan sees that they will be blind because of the dawn rising over the city, and like to break ranks easily, so Barristan turns away from the legion guarding the trebuchet at the last minute and heads for the herons.

 

He cuts the head off of one of the herons and his lads join the fray. Dany’s horse knocks a heron into three others and they all fall over. In a moment, the herons are scattering and running away, led by the Little Pigeon himself. Unfortunately for the Little Pigeon, he trips over the fringes of his bird armor and gets caught by the Red Lamb. The Little Pigeon begs for mercy, saying that he will fetch a large ransom. The Red Lamb just says “I came for blood, not gold” and knocks in the Little Pigeon’s head with his mace, splattering blood all over Barristan and Dany’s silver horse.

 

The unsullied begin marching through the gates, and Barristan sees that the Yunkai’i have missed their chance to effectively launch a counterattack. As he watches more of the slave legions get slaughtered, mostly those who were chained together and could not retreat, he wonders where the sellsword companies like the treacherous Second Sons have gone. The unsullied finish lining up outside the gates, implacable even when one of their own number falls with a crossbow bolt to the neck.

 

Tumco draws Barristan’s attention to the bay, asking “Why are there so many ships?” Barristan remembers that yesterday there were twenty, but now there are thrice that many. His heart sinks when he reasons that the ships from Volantis must have arrived, but then sees that some of the ships are crashing together.

 

He asks Tumco, whose young eyes can see more clearly, to identify the banners. Tumco says “Squids, big squids. Like in the Basilisk Isles, where sometimes they drag whole ships down.” Barristan replies, “Where I’m from, we call them krakens.”

 

Realizing that the Greyjoys have arrived, his first thought is “Has Balon joined with Joffrey, or the Starks?” But he realizes that he’s heard that Balon is dead, and wonders if this has something to do with the Balon’s son, the boy who was a ward of the Starks. He sees that ironmen are coming ashore, fighting the Yunkish, and says, surprised, “They are on our side!” The sellswords did not come to meet his charge because they were already preoccupied with the ironborn!

 

Barristan is almost gleeful. “It’s like Baelor Breakspear and Prince Maekar, the hammer and the anvil. We have them! We have them!”

 

[GRRM pointed out that these were, of course, Victarion's men and made a comment about Tyrion currently being quite miserable.]

 

There were a couple of interesting things in the Q&A session, too.

 

When asked if he felt guilty killing his characters, he said yes, but that stories with perfectly safe heroes are dishonest because death is a part of life.

 

I asked whether he would comment on his choice to call these chapters “Ser Barristan” instead of continuing with the titles from ADWD, and he replied that he has “a method to his madness” for promoting characters with descriptors to named characters but that he didn’t want to say more.

 

He mentioned the Wild Cards movie that Syfy and Universal are working on, being written by Melinda Snodgrass, and that he thinks they asked for the license in order to have a superhero franchise to compete with Marvel or DC.

 

When asked for his suggestions for Hugo nominations, he highlighted the potential for fans to nominate prominent bloggers for the fan writing award even though blogs are excluded from being nominated as “zines.” In particular, he called out John J Miller from Cheese Magnet and Alan Whitehead of the Wertzone.

 

Anyway, I loved hearing these chapters and I had a lot of fun at my first con! Hopefully next time I'll be free to track down some folks from the BWB.

Io sto provando a tradurre, sono grosso modo a metà del primo capitolo.

Se c'è qualche anima pia che vuole darmi una mano con il secondo capitolo, ben venga <img alt=" />

Edited by Neshira

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ed ecco la mia traduzione di Barristan 1:

 

Il capitolo comincia con una sanguinosa descrizione dei corpi delle vittime della pestilenza che vengono gettati all’interno della città dalle catapulte. Solo i distretti settentrionali al di là del fiume sono abbastanza lontani da evitare di essere colpiti.

 

Barristan arriva nel grande mercato dalla porta occidentale vestendo la sua nuova armature della Guardia della Regina in groppa alla cavalla d’argento che Drogo ha regalato a Dany. Penso che sia presuntuoso, ma pensa che anche mentre la regina è via sia importante avere attorno un simbolo di lei per incoraggiare il morale. Tre dei suoi ragazzi cavalcano con lui: Tumco Lho, Larraq, e l’Agnello Rosso.

 

Nel mercato (che mostra segni come la statua del costruttore di catene e le spire di teschi), all’”ora del lupo”, si riuniscono le forze principali che parteciperanno all’attacco. Ci sono cinquemila immacolati, i Corvi della Tempesta, una banda raffazzonata di circa venti dothraki e i lottatori delle arene. Le bestie di Testa Rasata stanno sorvegliando le mura della città al posto degli immacolati. Serviranno come ultima linea di protezione della città se l’attacco di Barristan fallisse e Dany non ritornasse.

 

L’attacco partirà da tre porte (nord, sud, e ovest), ma Barristan guiderà l’assalto contro le principali forze Yunkaii direttamente ad occidente. Barristan pensa che l’attacco è contro tutti i suoi istinti, perché i numeri di base sono contro di loro ed il successo risiede sulla fiducia nei mercenari – in particolare, confidare nell’avidità del Principe Pezzato.

 

Si incontra con i suoi comandanti (inclusi il Vedovo, Jokin, Verme Grigio, ed alcuni dei combattenti delle arene). Il loro piano è di guidare con il cavallo e fiancheggiare le legioni in difesa, tirando fuori le catapulte e bruciando i padiglioni. I combattenti delle arene avanzeranno oltre i cavalla e si concentreranno su intimidazione e massacro. Alla fine, gli immacolati si riuniranno fuori dalle porte, cosa che avrà successo se gli Yunkaii non organizzeranno un immediate contrattacco.

 

Barristan ricorda ai comandanti che devono ritirarsi o avanzare quando sentiranno l’Agnello Rosso suonare il corno. Il Vedovo chiede cosa fare se non ci sarà alcun suono di corno - cioé, se Barristan e i suoi ragazzi saranno tutti morti. Barristan sa che è probabile, dato che intende essere il primo ad attraversare le linee degli Yunkai’i, così dice solo che in quel caso, il Vedovo sarà il secondo in comando. Barristan poi ricorda che il Lord Comandante Hightower un tempo gli disse di non parlare mai di sconfitta prima di una battaglia, perché gli dei potrebbero essere in ascolto.

 

Presto sarà l’alba. Qualcuno dice “Un’alba rossa”, e Barristan pensa “Un’alba di drago”. In precedenza, aveva pregato ognuno dei sette per varie cose, terminando con una preghiera allo straniero per misericordia. Anche se sa che tutti gli uomini alla fine devono morire, a Barristan piacerebbe sopravvivere a quel giorno.

 

Altri corpi cadono dal cielo. Barristan nota la reazione di Tumco Lho e si accorge che il ragazzo teme la cavalla pallida più dei nemici fuori dalle porte. Barristan allora fa un discorso pepato su come ogni uomo tema ogni battaglia. All’inizio, l’Agnello Rosso è provocatorio, dicendo che non teme la morte perché a quel punto incontrerà il Grande Pastore - quando pianifica di rompere il bastone del suo pastore e castigare il pastore per aver creato un popolo così pacifico in un mondo così violento.

 

Barristan continua la sua lezione, dicendo che non c’è “niente di più terribile, niente di più glorioso, niente di più assurdo” della guerra. Anche Barristan ammette di essersela fatta nei pantaloni alla sua prima battaglia. Viene interrotto da un mormorio tra i soldati - un fuoco viene acceso all’arpia sulla cima di una delle piramidi, presumibilmente per segnalare agli uomini ad ogni porta di cominciare l’attacco. La porta si apre e Barristan ordina di attaccare.

 

[A questo punto dice che ci saranno un capitolo di Victarion ed uno di Tyrion (forse quelli che ha già letto), in qualche ordine,dopo di che torniamo a...]

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho come la strana impressione che uno dei tre POV di Meeren (escludo Daenerys) muoia. Tyrion poco probabile, ma uno tra Victarion e Barristan penso ci lascerà le penne...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io non vedo bene Barristan. Ponendo che con l'arrivo degli Uomini di Ferro la guerra sarà vinta dai difensori, mi chiedo anche che cosa farà Victarion con quelli che ha salvato. I Greyjoy infatti non sono proprio venuti per fare un'alleanza amichevole, il piano era più del tipo "mi piglio Dany, i draghi e me ne torno indietro", non so cosa abbiano intenzione di fare con i sostenitori di Dany. Oltre a questo non sappiamo nemmeno in che tipo di rapporto sia Barristan con i Greyjoy; magari Victarion si ricorda che ha avuto un certo ruolo nel sedare la rivolta di Balon e per questo potrebbe passarlo a fil di spada. Oltre a questo, c'è il piccolo problema che Dany non si trova dentro la città.

 

Comunque sembrano dei bei capitoli, probabile che vedremo una serie di POV ripetuti alla maniera della Battaglia delle Acque Nere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Barristan deve concludere il suo percorso con Jaime...

 

vedo peggio Victarion. Se esce di scena lui, ecco che ti arriva Euron come il Greyjoys veramente da temere...

Share this post


Link to post
Share on other sites

traduzione secondo capitolo, perdonate eventuale imprecisioni...!

 

'Ha le budella attorcigliate per la tensione mentre cavalca attraverso i cancelli. Sa che la sensazione sparirà quando arriverà il momento di abbandonarsi al caos della battaglia.

La puledra di Dany ha facilmente distanziato i ragazzi e il resto della cavalleria. Barristan ne è compiaciuto poiché intende oltrepassare gli Widower (non so come si stato tradotto)

e sferrare il primo attacco. Gli Yunkai’i sono totalmente impreparati e Barristan si sta avvicinando alla Vecchiaccia, il più grande dei trabocchi.

I Corvi della Tempesta laciano un grido: “Daario!” e “Corvi della Tempesta, volate!”

Barristan non dubiterà mai più del valore dei mercenari.

Rimangono solo trenta iarde fra la cavalleria e le legioni Yunkai’i una volta che i difensori sono pronti. L’aria si riempe di frecce. Uno scudiero dei corvi della tempesta viene ucciso,

e un dardo buca lo scudo di Barristan. Tre corni risuonano e i combattenti delle fosse emergono dai cancelli dietro di loro.

Barristan si volta indietro verso di loro. Ci sono all’incirca duecento uomini, ma dal baccano che fanno potrebbero essere duemila. Una donna li precede,

con addosso nient’altro che schinieri, sandali, un gonnellino di cotta di maglia, ed un pitone. Barristan, leggermente scioccato, mentre osservava i suoi seni rimbalzare,

pensa che sicuramente per lei sarà l’ultimo giorno.

La maggio parte dei combattenti delle fosse inneggia a “Loraq” e “Hizdar” ma qualcuno invoca“Danaerys!”. Larraq viene colpito al petto da una freccia,

spostando l’attenzione di Barristan in avanti ma lo scudiero mantiene lo stendardo alto.

Barristan raggiunge la vecchiaccia, ma una legione di Ghiscari forte di seicento uomini si è allineata per proteggere il trabocco. La legione è profonda sei ranghi;

la prima linea inginocchiata con le lance puntate all’esterno ed in alto, la seconda in piedi, con le lance spianate all’altezza dei fianchi, la terza tiene le armi all’altezza delle spalle.

Le restanti hanno lance più piccole ed sono pronte a venire in avanti in sostituzione dei compagni caduti.

Barristan sa che la catena di un maestro è forte solo quanto lo è il suo anello più debole, ed identifica la compagnia dei Signori Yunkai’i come la più debole dei suoi nemici attuali,

certamente più debole della legione di schiavi. In particolare Barristan mira il Piccolo Piccione e i suoi aironi. Gli schiavi scelti per diventare aironi sono assurdamente alti già prima

di essere messi sui trampoli, ed indossano scaglie rosa e piume e becchi d’acciaio. Ma Barristan vede che sarebbero stati ciechi a causa dell’alba che sorgeva sulla città e i loro ranghi

si sarebbero spezzati facilmente, quindi all’ultimo minuto si allontana dalla legione che difendeva il trabocco e si dirige verso gli aironi.

Taglia la testa di uno di loro ed i suoi ragazzi si uniscono alla mischia. La puledra di Dany travolge un airone spingendolo contro altri tre, quindi cadono tutti.

In un attimo gli aironi cominciano a scappare a disperdersi guidati dallo stesso Piccolo Piccione. Sfortunatamente per lui, viaggia ai bordi della sua armata di uccelli,

e viene catturato dall’Agnello Rosso. Il Piccolo Piccione implora pietà dicendo che gli frutterà un grande riscatto. L’agnello Rosso gli dice solamente: “ Vengo per il sangue, non per l’oro”,

quindi colpisce la testa di Piccolo Piccione con la sua mazza schizzando sangue su Barristan e sulla puledra d’argento di Dany

Gli immacolati cominciano a marciare attraverso ai cancelli, e Barristan capisce che gli Yunkai’i hanno ormai perso la possibilità di lanciare un contrattacco.

Mentre guarda la maggior parte delle legioni di schiavi che vengono massacrate, soprattutto quelli che erano incatenati gli uni gli altri e non potevano ritirarsi,

si chiede dove sia finita l’ingannevole compagnia mercenaria dei Secondi Figli. Gli immacolati finiscono di allinearsi fuori dai cancelli, implacabili pefino quando

uno delle loro stesse fila cade con il dardo di una balestra nel collo.

Tumco attira l’attenzione di Barristan verso la baia chiedendo “Come mai i sono così tante navi?”

Barristan ricorda che il giorno precedente erano venti, ma in quel momento ce ne sono almeno il triplo. Il suo cuore sprofonda quando capisce che le navi da Volantis devono essere arrivate,

ma poi vede che alcune delle navi stanno cozzando l’una contro l’altra.

Chiede a Tumco, i cui giovani occhi vedono più chiaramente, di identificare gli stendardi.

Tumco risponde : “Piovre, grandi piovre. Come quelle delle isole del Basilisco, dove alle volte tirano giù delle intere navi”

Barristan risponde: “Da dove vengo io, li chiamiamo Krakens”

Realizzando che i Greyjoys sono arrivati il suo primo pensiero è “Balon si sarà unito a Joffrey o agli Stark?” Poi però realizza di aver udito che Balon è morto,

e si chiede se abbia qualcosa a che fare col figlio di Balon, quello che era stato protetto degli star. Vede che gli uomini di ferro stanno approdando, che combattono gli Yunkai’i

ed esclama sorpreso “Sono dalla nostra parte!”.

I mercenari non vennero incontro alla sua carica perché erano già occupati con gli uomini di ferro.

Barristan si sente quasi allegro. “e’ come Baelor Breakspear e il principe Maekar, il martello e l’incudine! Ce li abbiamo!”

Share this post


Link to post
Share on other sites

Splendidi questi due capitoli! Finalmente un altra battaglia stile acque nere. Grazie a Koorlick e a Fearan per le traduzion. Secondo voi e' possibile che Dany non arrivi proprio per la battaglia?

Share this post


Link to post
Share on other sites

A questo punto non credo che Daenerys sarebbe decisiva per le sorti della battaglia, quindi è probabile che non arrivi in tempo.

Edited by The Mad King

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarebbe una svolta interessante... Dany, che arriva a conti fatti. A questo punto per Martin sarebbe possibile tutto.

 

E magari si ritroverebbe pure Barristan re di Meereen. <img alt=">

O Tyrion. <img alt=">

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho paura che per Barristan ci sia una fine ben più... tragica

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dany potrebbe arrivare per mettere al suo posto Victarion. Victarion ora salverà Meereen ma le sue intenzioni verso Dany & Co. non è che siano proprio pacifiche; potrebbe anche mettere a sacco la città.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me, a partire dalla nuova fertilità di dany, le cose stanno cambiando.

Ovvero finalmente assisteremo alla chiusura dei capitoli meerenesi, la battaglia sarà presto e facilmente vinta, Dany potrebbe impossessarsi del khalasar, unirsi a Tyrion e agli uomini di ferro (o victarion viene fatto fuori, o rimane in vita x poter ammazzare il fratello) e con tutto il suo esercito (barristan sarebbe bello tornasse in occidente anche solo x morirci, che ci azzecca con l'est?) si imbarca sulle navi lunghe (uomini di ferro lobotomizzati e diventati suoi fedeli cagnolini, perchè dopotutto ha i draghi) e se ne parte x andare verso est, ad asshai dove succederà qualche strano colpo di scena, e infine proseguirà il suo viaggio, arrivando all'ovest, dall'est, ovvero la profezia.....e x quanto riguarda i draghi ribelli.

 

- o impara a controllarli lei da sola

-o victarion impara come usare quel corno

-oppure tyrion diventa seconda testa del drago (oltre che Primo Cavaliere della Regina)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io prevedo un "patto di ferro" tra il Daenerys e Victarion, magari sponsorizzato da Tyrion che in fatto di politica la sa lunga.

 

In fondo se i Greyjoy la aiutano a rompere l'assedio lei sarà sicuramente ben disposta nei loro confronti, senza contare che hanno la flotta che le serve per tornare a Westeros...probabilmente facendo il giro da est invece che tornare direttamente verso ovest (ad Asshai alla fine ci dovrà andare dopo tutte le volte che viene citata).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...