Sign in to follow this  
Followers 0
GIL GALAD

I Draghi esistono in miniatura e sono anche in buona compagnia.

28 posts in this topic

Visitando la pagina della Società Tolkieniana Italiana oggi mi sono imbattuto in questa fotografia e sono per un'attimo sobbalzato. Pensavo fosse una falsa foto, invece esiste davvero e accidenti assomiglia in maniera incredibile ad un Drago delle antiche leggende:

http://www.siamrepti...88710_27403.jpg

 

Questo magico piccolo "drago" si chiama appunto Ouroborus cataphractus non può volare ma pare sia un'animaletto simpaticissimo,ed ha un atteggiamento difensivo distintivo, in cui afferra la coda e si arriccia ad anello. La dimensione varia da 16 a 21 cm di lunghezza.

E' specie protettissima che vive solo in Africa del Sud e ricorda a tutti gli effetti l’alchemico Ouroboros (o Uroboro), un simbolo molto antico che rappresenta un serpente che si morde la coda. Simboleggia la natura ciclica delle cose, la teoria dell'eterno ritorno, e tutto quello che è rappresentabile attraverso un ciclo che ricomincia dall'inizio dopo aver raggiunto la propria fine.

Ovviamente questo piccolo animaletto solo per casualità ci ricorda la nota figura alchemica, il fatto di mordersi la coda è dovuto prettamente ad una questione protettiva.

 

Fonte Wikipedia

 

Gagliardissimo! <img alt=" />

 

Ecco il Chlamydosaurus kingii australiano, uno dei miei animaletti preferiti <img alt=" />

http://cdn2.arkive.o...n-hind-legs.jpg

 

Quando lo vidi per la prima volta su un libro, pensai subito a questa scena

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un altra "criatura" che potrebbe riscuotere successo in questo topic è il draco volans

 

Immagine inserita

da wiki: Il drago volante (gen. Draco) è un rettile squamato che vive in Asia (dall'India alle Filippine), appartenente agli agamidi (Agamidae); la sua particolarità risiede nel possedere una sorta di "ali" con le quali plana da un albero all'altro.

 

Descrizione

Nonostante il nome impressionante, il drago volante non supera di solito la lunghezza di venticinque centimetri. Le ali del drago, poste sui due lati del corpo, sono formate da membrane dermiche, rette da eccezionali allungamenti delle costole. Queste strutture non hanno eguali tra i sauri odierni. Il drago volante è dotato di zampe robuste, una coda forte e muscolosa e varie appendici cutanee sparse per tutto il corpo.

 

Denti come i mammiferi. I denti del drago volante, contrariamente a quelli degli altri sauri, sono differenziati: si possono notare anteriormente gli "incisivi", poi i "canini" e infine i "molari", in un modo molto simile a quelli degli antenati dei mammiferi (terapsidi) per un fenomeno di convergenza evolutiva.

 

Comportamento

I draghi volanti vivono nelle foreste tropicali e sono animali diurni, strettamente arboricoli. Sono animali insettivori e si nutrono di solito di formiche. La capacità del drago di planare da un albero all'altro permette a questo animale di non scendere mai sul terreno, se non per la deposizione delle uova. I maschi adulti sono vivacemente colorati rispetto alle femmine e ai giovani. Questi colori divengono ancora più accesi nel periodo della riproduzione: in questo modo la femmina e gli eventuali altri maschi pretendenti si rendono conto della forza e della salute del drago. I maschi sono molto territoriali, e non accettano la presenza di altri individui. Se due draghi si incontrano, gonfiano la gola, mettono in risalto le membrane laterali e si muovono freneticamente. (...)

 

un breve video

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

È troppo carino! Non so voi ma io lo adotterei anche oggi**

 

Insieme al Tarsio (Tarsius Tarsier), guardate che amore

 

Immagine inserita

 

c'è un video fantastico sul Tarsio che sfortunatamente è in inglese, ma confido della conoscenza della lingua di tutti e lo linko lo stesso:

. Dicono che quegli occhioni siano inquietanti ma a me ispirano una tale tenerezza <img alt=" />
0

Share this post


Link to post
Share on other sites

È troppo carino! Non so voi ma io lo adotterei anche oggi**

 

Insieme al Tarsio (Tarsius Tarsier), guardate che amore

 

Immagine inserita

 

c'è un video fantastico sul Tarsio che sfortunatamente è in inglese, ma confido della conoscenza della lingua di tutti e lo linko lo stesso:

. Dicono che quegli occhioni siano inquietanti ma a me ispirano una tale tenerezza <img alt=" />

 

Confermo l'inquietudine che provoca quello sguardo. <img alt=" />

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dicono che quegli occhioni siano inquietanti ma a me ispirano una tale tenerezza <img alt=" />

Più che inquietanti, mi ricordano lo sguardo misto incavolato/risentito della mia gatta ogni volta che per casa passa un altro animale :)
0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cavolo, credo che il Tarsio sia un antenato di yoda...

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi è venuto in mente che un altro simil Draghetto, potrebbe essere il Il Basilisco piumato (Basiliscus plumifrons), chiamato anche "Basilisco di Gesù" (uno strano connubio fra sacro e profano <img alt=">)per la particolare abilità di camminare sull'acqua, grazie alla particolare conformazione delle quattro zampe che riescono a trattenere delle piccole bolle d'aria sotto il palmo.

 

Immagine inserita

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

oddio è troppo bellino!!! anche questo sembra una specie di drago/animale mitologico! si chiama Glaucus Atlanticus e dovrebbe essere una specie di pescetto Immagine inserita

l' ho visto anche io, è molto bello, la sua colorazione è qualcosa di spettacolare! ;) comunque per la cronaca è un mollusco, non un pesce ;)

La lucertola Uroboro la conoscevo anche io, e tra le mie conoscenze dell' università ho un amico che allevava rettili, mi stavo documentando per tenerne uno.... sono B-E-L-L-I-S-S-I-M-I <img alt=" />

peccato che per i neofiti come me sarebbero stati estremamente difficili da tenere in casa <img alt=" />

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esistono anche i draghi robotici.

La Compagnia Zollner Elektronik AG ha creato Tradinno, un robo-drago sputa fuoco che batte ogni record nella robotica per le sue enormi dimensioni. Pesa 11 tonnellate, è lungo 15 metri ed ha un'apertura alare di oltre 10 metri. Al suo interno c'è un motore turbo diesel 2.0 e nelle sue vene scorrono 21 litri di gasolio.

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve a tutti...

Ieri pomeriggio ho fatto una scelta e, beh, ho deciso di affrontare a testa alta il reparto per bambini della Mondadori...sezione Dragologia...☺

Speravo di trovare qualcosa di più serio (magari per persone veramente interessate e non solo per ragazzi ) ma le mie ricerche non hanno dato risultati degni di nota...

I libri sono carini alla fine..i modellini pure..

La mia domanda è:

Esiste un libro veramente ben fatto sui Draghi o devo scriverne uno io?!?

Buonanotte a tutti...comunque...

MdD

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualche giorno fa la piccola Sophie ha mandato una letterina alla Australian National Science Agency chiedendo un drago.
cbd7d7300706837.jpg

Dopo l'iniziale risposta negativa e il "clamore" che ne è seguito sui media, i ricercatori dell'ente si sono decisi a darle ciò che ha chiesto: un drago... di titanio.

 

Per i dettagli vi rimando al sito dell'agenzia (CISRO)

 

0

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Canada è stato ritrovato il fossile di dinosauro meglio conservato di sempre.

E' un Nodosaurus, e non c'entra coi draghi, ma a guardarlo nelle immagini, richiama parecchio...

 

bergarbeiter-finden-uralte-dino-mumie-wi

1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0