Jump to content

ADWD - Il drago di Grande Inverno


Recommended Posts

15 hours fa, Bran lo spezzato dice:

Ma le uova di drago possono resistere per così tanti anni? 

E poi i targayen, specialmente in un periodo così travagliato della storia, che lasciano delle uova a grande inverno non mi sembra probabile. 

E anche se l'avessero fatto, perché dopo la danza nessuno é andato a reclamare? 

In realtà non sappiamo se le uova di drago possono resistere per così tanti anni.

Ma mettiamo il caso sia possibile. Jacaerys Targaryen (o come si chiama lui) va a Grande Inverno con il suo drago per trattare con Cregan Stark. Il lord di GI è restio ad allearsi con lui ma nel mentre il drago depone delle uova. Il Targaryen le offre a Stark per sugellare l'accordo. Il periodo della storia Targ è si travagliato ma Rhaenyra tiene RdD e lì ci sono diversi draghi, draghi senza cavaliere e di certo molte uova, quindi lasciarne qualcuno a Gi non mi sembra così impossibile.

Durante la danza Jacaerys e molti altri Targaryen muoiono quindi le uova cadono nel dimenticatoio. Ecco perché nessuno le ha reclamate. 

C'è solo una cosa che mi fa dubitare del tutto. Perché gli Stark, da Cregan in poi, hanno, di fatto, dimenticato queste uova? A meno che in qualche modo siano sparite o state vendute!

 

Quindi delle uova potrebbero anche essere lì da qualche parte ma un drago...

Non nascondo che mi piacerebbe l'idea del drago dormiente che riscalda le sorgenti di GI e il tutto aumenterebbe l'aura di mistero intorno a Brandon il Costruttore. E la descrizione della prima fortezza distrutta fa pensare proprio che qualcosa sia uscito da essa. Ma un drago dormiente per 8000 anni è dannatamente inverosimile anche con tutta la magia (Figli della Foresta ecc.) che c'è in giro. Magari è l'albero diga, attraverso le sue radici a nutrirlo e tenerlo in vita (è davvero l'unica cosa che mi viene in mente!!!) 

In questo caso, la frase "Ci deve essere sempre uno Stark a Grande Inverno" potrebbe non essere solo un modo di dire ma potrebbe celare una qualche magia atta a tenere il drago "incatenato" sotto il castello. In tal caso il drago si libererebbe nel momento in cui GI è distrutta da Ramsay e anche se Bran e Rickon sono ancora lì è chiaro che gli Stark non sono più al comando di GI, quindi "quest'incantesimo" potrebbe essersi spezzato. 

 

Lo so... è un mix di scivoloni su bucce di banana e arrampicata acrobatica sugli specchi! :victory:

Link to post
Share on other sites
  • Replies 55
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

@porcelain.ivory.steel non ho letto TWOIAF pertanto non so se l'episodio in F&B sia riportato uguale uguale o se ci siano aggiunte. Ma aggiungo che

Spoiler

Cregan Stark, che accolse Jacaerys a GI, rimase fedelissimo ai neri della regina, anche dopo la morte dello stesso Jace, anche quando la guerra sembrava oramai finita. Perchè The North Remembers, disse lo stesso Cregan Stark. Ma cosa ricorda esattamente il Nord? Perchè questa fedeltà? Alla fine Jacaerys era solo andato a trovarlo, ma cosa ha mosso Cregan da fargli giurare fedaltà a lui piuttosto che ai suoi avversari? Forse un dono di inestimabile valore...

 

Per quanto riguarda la conservazione delle uova:

- quelle di Dany sono addirittura più vecchie

- GI mi pare abbia una sua sorgente termale; lì le uova starebbero benissimo (ma anche nelle cripte, forse...)

Link to post
Share on other sites
6 hours fa, Giantz91 dice:

In realtà non sappiamo se le uova di drago possono resistere per così tanti anni.

 

Le tre uova di Dany vengono dalle Terre delle Ombre, e si sa che sono molto vecchie (nel primo libro Illiryo usa addirittura il termine "eone"). A meno che in quella regione non ci siano draghi ancora vivi, le uova devono avere comunque qualche secolo, visto che l'Ultimo Drago muore circa 150 anni prima dell'inizio della saga.

 

6 hours fa, Giantz91 dice:

Il lord di GI è restio ad allearsi con lui ma nel mentre il drago depone delle uova. Il Targaryen le offre a Stark per sugellare l'accordo.

 

Anche se è vero che far schiudere le uova di drago sembra sia sempre stato difficoltoso anche per i Targ, donare ad un'altra casata la possibilità di avere draghi propri non sarebbe stata proprio una grandissima idea, stiamo parlando del deterrente nucleare di Westeros. In ogni caso, sappiamo che Jace ottiene l'alleanza di Grande Inverno offrendo la mano di una principessa Targaryen ad uno Stark (Patto del Ghiaccio e del Fuoco).

 

6 hours fa, GRRM dice:

Ma cosa ricorda esattamente il Nord? Perchè questa fedeltà?

 

Molto banalmente, il Nord potrebbe ricordare la parola data e l'impegno preso, valori molto cari agli Stark e agli Uomini del Nord.

Link to post
Share on other sites

@GRRM  Sì, e se ricordo bene vengono addirittura usate per scaldare alcune stanze, convogliando l’acqua nei muri. Se vogliamo, a rigore, è un particolare di cui Martin non avrebbe bisogno (mi pare lo precisi addirittura, che Ed non sentirebbe la necessità di questo riscaldamento –apprezzato, invece, da Cat- perché abituato al freddo: come, immagino, tutti gli Stark. Quindi, arrampicandosi un po’ sugli specchi, potremmo pensare che, se zio George ha inserito questo dettaglio non necessario, potrebbe essere perché intendeva farne uso, magari qualche migliaio di pagine dopo: chissà?)
Ma soprattutto...

SPOILER SERIE TV
 

Spoiler

ora il lord di Grande inverno, nonché Re del Nord... è un Targaryen! Chissà: Jon potrebbe anche avere lo stesso potere di Danaerys, di far dischiudere uova pietrificate da secoli.
Anche se... non so. Danaerys è fin dall'ultima puntata della prima stagione associata all'elemento magico: in un certo senso, è, dopo Estranei e compagnia, il personaggio più classicamente fantasy di tutto ASOIAF. E, sarà un caso, ma è anche uno di quelli che molti lettori e spettatori amano di meno: forse perchè è ripetitiva, i capitoli dedicati a lei sono spesso, nel libro e in GOT, i meno avvincenti; ma forse anche perchè la principessa che cavalca un drago sembra uscita da un fantasy di trent'anni fa, se non da una fiaba: non so a voi, ma a me sa di già visto e letto, di puerile, persino. Insomma, in Asoiaf e GOT nel loro complesso ha una sua funzione fondamentale, certo; ma non è certo per lei che li ho letti e guardati. Jon è su tutt'altro livello: Jon è profondamente umano, vulnerabile alla sofferenza fisica (nei libri, almeno) e dell'anima: Jon è un personaggio  vero; e quindi, nonostante gli altissimi natali e l'ancor più alto cammino, probabilmente messianico e leggendario, paradossalmente è in qualche modo tanto vicino a noi, tanto simile a noi. Torna dalla morte, è vero, ma non è lui a risorgere, come un Cristo o un dio: viene richiamato in vita da una seconda persona.
Se nell'ultima stagione che sto aspettando con tanta ansia me lo facessero vedere che risveglia un drago e poi solca maestoso il cielo cavalcando il suddetto che lancia fiamme a destra e a manca, in una via di mezzo tra il fantasy più trito e ritrito e Schreck (che non per niente, essendo una parodia delle favole classiche sui cui clichè ironizza e gioca di capovolgimenti, tra i personaggi comprende pure il feroce dragone: proprio perchè è un clichè dei più triti), per me sarebbe una delusione enorme e la fine del mio character preferito. Spero tanto che Jon non mi diventi improvvisamente un supereroe dai magici poteri, ma rimanga fino all'ultimo "solamente" umano, perchè è proprio per la sua sofferta umanità che amo tanto questo personaggio. Ed è il fatto che debba combattere una guerra in teoria impossibile con i soli poveri, piccoli mezzi umani che lo rende tanto grande.

 

In quanto al fatto che le uova siano ormai pietrificate, lo erano anche quelle di Danaerys (nel libro, quando sono nella pira e si dischiudono, si sente per tre volte un rumore di pietra spezzata): quindi, non dovrebbe essere un problema. Soltanto, serve un Targaryen che possieda gli antichi poteri e, si direbbe dall'episodio di Danaerys, un incendio o qualcosa del genere.

SPOILER GOT 7 E LEAKS SU GOT8

Spoiler

Che, in una fortezza assediata, potrebbe anche verificarsi (le catapulte che si sono intraviste sul set, e che non sappiamo se si trovino ad Approdo o a Winterfell?) Anche se gli Estranei non userebbero certo il fuoco. Cersei sì, sicuramente: ma anche se tradirà Jon, non penso proprio che si spingerà a combatterlo fino a Winterfell, così pericolosamente vicino agli Estranei. E non mi vedo Jon, anche se disperato e con i non-morti che stanno invadendo Grande Inverno, fare appiccare un incendio, perso per perso, per distruggere tutto, i propri uomini compresi, come in un ritorno circolare, seppur con altre motivazioni, al "Burn them all!" di Aerys. Mah?

 

Link to post
Share on other sites

ragazzi ora io entro a gamba tesa e con molta ignoranza nella discussione, quindi sarei molto felice di essere smentito, ma anche se ci fosse un uovo di drago o mille a Winterfell, tra schiusura e crescita quanto tempo passerebbe? cioè, a meno che i white walkers non si fermino a fare pic nic per mesi/anni semplicemente troverebbero dei polli un po troppo cresciuti a fronteggiarli

Link to post
Share on other sites

I Draghi di Dany nascono nel 298 AC e al 300 AC vengono descritti come più grandi di un cavallo, e sono già molto pericolosi; poi bisogna vedere nei libri quanto tempo ci sarà e come avverrà l'invasione degli Estranei, anche se dubito che Martin lascerà passare più di qualche mese...

Link to post
Share on other sites
29 minutes fa, Ser_Rhaegar_Targaryen dice:

anche se ci fosse un uovo di drago o mille a Winterfell, tra schiusura e crescita quanto tempo passerebbe? cioè, a meno che i white walkers non si fermino a fare pic nic per mesi/anni semplicemente troverebbero dei polli un po troppo cresciuti a fronteggiarli

Già! Non ci avevo pensato! :D

Link to post
Share on other sites
Il 28/11/2018 at 13:58, Giantz91 dice:

la frase "Ci deve essere sempre uno Stark a Grande Inverno" potrebbe non essere solo un modo di dire ma potrebbe celare una qualche magia atta a tenere il drago "incatenato" sotto il castello.

Questa frase io ho sempre immaginato che intendesse che ci deve essere sempre uno Stark per governare e mantenere il potere, una cosa comune anche nelle altre casate con ad esempio Willas tyrell

Link to post
Share on other sites

Sinceramente non credo che un quarto drago nella saga possa servire a qualcosa, anzi penso che sarebbe ridondante.

Il 28/11/2018 at 22:55, Stella di Valyria dice:

@GRRM  Sì, e se ricordo bene vengono addirittura usate per scaldare alcune stanze, convogliando l’acqua nei muri. Se vogliamo, a rigore, è un particolare di cui Martin non avrebbe bisogno (mi pare lo precisi addirittura, che Ed non sentirebbe la necessità di questo riscaldamento –apprezzato, invece, da Cat- perché abituato al freddo: come, immagino, tutti gli Stark. Quindi, arrampicandosi un po’ sugli specchi, potremmo pensare che, se zio George ha inserito questo dettaglio non necessario, potrebbe essere perché intendeva farne uso, magari qualche migliaio di pagine dopo: chissà?)
Ma soprattutto...

SPOILER SERIE TV
 

  Mostra contenuto nascosto

ora il lord di Grande inverno, nonché Re del Nord... è un Targaryen! Chissà: Jon potrebbe anche avere lo stesso potere di Danaerys, di far dischiudere uova pietrificate da secoli.
Anche se... non so. Danaerys è fin dall'ultima puntata della prima stagione associata all'elemento magico: in un certo senso, è, dopo Estranei e compagnia, il personaggio più classicamente fantasy di tutto ASOIAF. E, sarà un caso, ma è anche uno di quelli che molti lettori e spettatori amano di meno: forse perchè è ripetitiva, i capitoli dedicati a lei sono spesso, nel libro e in GOT, i meno avvincenti; ma forse anche perchè la principessa che cavalca un drago sembra uscita da un fantasy di trent'anni fa, se non da una fiaba: non so a voi, ma a me sa di già visto e letto, di puerile, persino. Insomma, in Asoiaf e GOT nel loro complesso ha una sua funzione fondamentale, certo; ma non è certo per lei che li ho letti e guardati. Jon è su tutt'altro livello: Jon è profondamente umano, vulnerabile alla sofferenza fisica (nei libri, almeno) e dell'anima: Jon è un personaggio  vero; e quindi, nonostante gli altissimi natali e l'ancor più alto cammino, probabilmente messianico e leggendario, paradossalmente è in qualche modo tanto vicino a noi, tanto simile a noi. Torna dalla morte, è vero, ma non è lui a risorgere, come un Cristo o un dio: viene richiamato in vita da una seconda persona.
Se nell'ultima stagione che sto aspettando con tanta ansia me lo facessero vedere che risveglia un drago e poi solca maestoso il cielo cavalcando il suddetto che lancia fiamme a destra e a manca, in una via di mezzo tra il fantasy più trito e ritrito e Schreck (che non per niente, essendo una parodia delle favole classiche sui cui clichè ironizza e gioca di capovolgimenti, tra i personaggi comprende pure il feroce dragone: proprio perchè è un clichè dei più triti), per me sarebbe una delusione enorme e la fine del mio character preferito. Spero tanto che Jon non mi diventi improvvisamente un supereroe dai magici poteri, ma rimanga fino all'ultimo "solamente" umano, perchè è proprio per la sua sofferta umanità che amo tanto questo personaggio. Ed è il fatto che debba combattere una guerra in teoria impossibile con i soli poveri, piccoli mezzi umani che lo rende tanto grande.

 

In quanto al fatto che le uova siano ormai pietrificate, lo erano anche quelle di Danaerys (nel libro, quando sono nella pira e si dischiudono, si sente per tre volte un rumore di pietra spezzata): quindi, non dovrebbe essere un problema. Soltanto, serve un Targaryen che possieda gli antichi poteri e, si direbbe dall'episodio di Danaerys, un incendio o qualcosa del genere.

SPOILER GOT 7 E LEAKS SU GOT8

  Mostra contenuto nascosto

Che, in una fortezza assediata, potrebbe anche verificarsi (le catapulte che si sono intraviste sul set, e che non sappiamo se si trovino ad Approdo o a Winterfell?) Anche se gli Estranei non userebbero certo il fuoco. Cersei sì, sicuramente: ma anche se tradirà Jon, non penso proprio che si spingerà a combatterlo fino a Winterfell, così pericolosamente vicino agli Estranei. E non mi vedo Jon, anche se disperato e con i non-morti che stanno invadendo Grande Inverno, fare appiccare un incendio, perso per perso, per distruggere tutto, i propri uomini compresi, come in un ritorno circolare, seppur con altre motivazioni, al "Burn them all!" di Aerys. Mah?

 

Spoiler

A me non dispiace l'idea di Jon su un drago e non penso assolutamente che i personaggi piú legati al fantasy o alla magia siano piú deboli. Ma mi rendo conto, purtroppo, che la mia é una posizione minoritaria.

Giusto per informazione (visto che hai fatto riferimento al cristianesimo): Gesú per i cristiani non si é resuscitato da solo, ma é stato resuscitato da Dio.

 

Link to post
Share on other sites
Spoiler

Vero (almeno, penso: anche se qnel Credo, che é la summa ed il sunto di ció in cui il cristiano, almeno quello cattolico, deve credere, mi pare si dica " egli é risuscitato" o qualcosa del genere, non "egli é stato fatto resuscitare"). Ma Cristo é resuscitato dal suo Dio, quello a cui ha dedicato l' intera esistenza; quello per cui ha predicato; che chiamava "padre" e in nome del quale lui stesso ha resuscitato Lazzaro, dimostrando e realizzando la propria fede in un Dio che puó far resuscitare dalla morte. Jon é riportato in vita dalla sacerdotessa di un dio in cui non ha mai creduto e a cui non si é mai appellato: probabilmente per questo il suo ritorno in vita mi appare più subito, più passivo. Jon stesso, prima della Battaglia Dei Bastardi, chiederà di non essere più riportato in vita, tanto non lo desidera, tanto tutto ciò gli é imposto da un fattore che sente distante, indifferente ed estraneo.

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...